Banane

banane rosseLe caratteristiche della banana

Oggi parliamo della banana, uno dei frutti più amati in assoluto, apprezzato per il suo gusto ma anche per la versatilità che dimostra in cucina. La banana, infatti, può essere utilizzata per realizzare molti dolci e preparazioni dagli abbinamenti particolari. Di questo aspetto parlerò in uno dei paragrafi successivi. In questo vorrei soffermarmi sulle sue caratteristiche botaniche e organolettiche.

La banana è una falsa bacca della pianta erbacea nota come “Musa”. Essa viene scambiata spesso per un albero, anche perché presenta un fusto (in realtà uno pseudo-fusto) che può raggiungere anche i 6 metri di altezza. La pianta della banana sviluppa i suoi frutti in genere nei mesi primaverili ed estivi, sebbene queste tempistiche siano suscettibili delle tante varietà.

A prescindere da ciò, la banana è un frutto prezioso in quanto a costo di un apporto calorico non è eccessivo, pari a 65 kcal per 100 grammi, garantisce molti nutrienti. Il riferimento è in primo luogo al potassio, che è presente in dosi davvero massicce. Si segnalano anche elevate concentrazioni di fosforo e di calcio.

Le tante varietà di banana

Nell’immaginario collettivo italiano esiste una sola varietà di banana, quella che tutti noi siamo abituati a consumare regolarmente. In realtà quella è solo una delle tantissime varietà di banane, che sono diffuse più all’estero che in Italia. Di seguito vi elenco alcune delle varietà più importanti.

  • Cavendish. La banana comune, quella a buccia gialla che non ha bisogno di presentazioni.
  • Gros Michel. E’ simile alla banana Cavendish, pur avendo un sapore leggermente più dolce.
  • Grand Nain. Spesso confusa con la Cavendish, si caratterizza per una polpa leggermente più soda.
  • Lacatan. Varietà dalla polpa molto molle e dal sapore spiccatamente dolce. E’ molto consumata e viene spesso sottoposta a cottura.
  • Lady’s Finger. Varietà dai frutti molto piccoli e dal sapore molto dolce, è consumata principalmente in Australia.
  • Roja. La forma del frutto è piuttosto tozza, inoltre sia la buccia che la polpa tendono al rosso scuro.

Tanti modi sfiziosi per consumarle

Come specificato a inizio articolo, questi frutti sono protagonisti di alcune sfiziose ricette,  soprattutto in campo dolciario. Possono essere utilizzate come un semplice frutto, quindi contribuire alla creazione di interessanti ripieni, oppure possono fungere da guarnizione, come nel caso della crostata del 4 luglio. Inoltre possono essere abbinate ad alcuni ingredienti solo all’apparenza incompatibili, come il cioccolato. Un esempio di questo interessante binomio è dato dal sushi, un’interessante ricetta fusion che vi invito a sperimentare. Ovviamente le banane possono essere utilizzate per realizzare macedonie e insalate, come dimostra la smoothie bowl.

Print Friendly, PDF & Email

CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti