bg header
logo_print

Virgin Banana Colada, una versione analcolica e fruttata

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Virgin Banana Colada
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette a basso contenuto di nichel
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (3 Recensioni)

Virgin Banana Colada, un cocktail per le migliori occasioni

Il Virgin Banana Colada è un’ottima alternativa al più famoso Pina Colada, soprattutto per chi non vuole o non può bere alcolici. Questo cocktail è realizzato senza il rum, al suo posto troviamo altri ingredienti come il succo di limone, la polpa di cocco e il lime. Un’altra differenza rispetto all’originale consiste nella presenza delle banane, che sostituiscono l’ananas.

Il sapore è diverso rispetto all’originale e un po’ più dolce, ma comunque in grado di incarnare lo spirito “esotico e tropicale” della vera Pina Colada. Ad ogni modo prende ispirazione dalla Virgin Colada, una versione della Pina Colada senza banane.

La ricetta, come capita spesso quando si tratta di cocktail, è molto semplice. Basta frullare tutti gli ingredienti e versare la bevanda nei bicchieri di portata. Poi si decora il tutto con foglie di amaranto e “foglie di ostriche”. Il Virgin Banana Colada può essere servito in qualsiasi bicchiere, a differenza del Pina Colada che deve essere servito nell’hurricane lungo.

Ricetta virgin banana colada

Preparazione virgin banana colada

Per preparare il Virgin Banana Colada seguite questi semplici passaggi.

  • Inserite le banane in un mixer e frullate per bene.
  • Poi aggiungete il succo di limone, la polpa del cocco e frullate ancora fino ad ottenere un composto liquido e dalla consistenza liscia.
  • In seguito aggiungete il latte di cocco e i cubetti di ghiaccio, infine frullate ancora.
  • Versate la bevanda nel bicchiere di portata, guarnendo in superficie con i fiori di amaranto, le foglie di ostriche e la polpa del lime.

Ingredienti virgin banana colada

  • 200 ml. di latte di cocco
  • succo di mezzo limone
  • 2 finger lime
  • 2 banane mature
  • q. b. di fiori di amaranto
  • 2 foglie di ostrica
  • 3 cubetti di ghiaccio.

Quali banane scegliere per il Virgin Banana Colada?

Vale la pena parlare delle banane, che rappresentano la vera novità del cocktail Virgin Banana Colada. Nella ricetta originale, infatti, al loro posto troviamo l’ananas. Tanto per cominciare è necessario scegliere con cura le banane. La varietà di banana può essere simile a quella che si trova in abbondanza dalle nostre parti, che ha un gusto molto dolce. Tuttavia, devono essere banane molto mature in modo da produrre una purea omogenea e rilasciare più facilmente i loro aromi.

La banana aggiunge un tocco di sapore e di dolcezza al Virgin Colada in quanto interagisce al meglio con il cocco, forse più di quanto non faccia l’ananas della ricetta originaria. La banana, inoltre, fa anche bene alla salute. Oltre al classico bagaglio di vitamina C, tipico di quasi tutti i frutti, apporta anche molto potassio.

L’incidenza di questa sostanza è così importante da elevare la banana a “frutto degli sportivi”, soprattutto in fase di recupero dopo un allenamento faticoso. Per quanto concerne l’apporto calorico, invece, siamo su livelli elevati, pari a 90 kcal per 100 grammi.

Tutta la bontà del latte di cocco

Un altro ingrediente fondamentale del Virgin Banana Colada è il latte di cocco. Il latte di cocco è un po’ l’anima di questo cocktail molto semplice, ossia l’ingrediente che lo qualifica come bevanda esotica e tropicale. Incide parecchio sul gusto con i suoi sentori corposi e zuccherini, d’altronde il latte di cocco è uno dei sostituti preferiti del latte vaccino, inoltre è molto amato sia dai vegani che dagli intolleranti al lattosio.

Il latte di cocco vanta un buon profilo nutrizionale. Non troviamo la vitamina D, bensì la vitamina C, il potassio e il magnesio. Va detto, però, che il latte di cocco è molto calorico, infatti raggiunge facilmente le 200 kcal per 100 ml.

L’apporto calorico è comunque determinato da un’abbondanza di grassi benefici omega tre, che impattano in modo positivo sul cuore e sulla circolazione del sangue. Per quanto concerne il Virgin Banana Colada, il latte di cocco va inserito per ultimo nel frullatore insieme agli altri ingredienti.

Come decorare il Virgin Banana Colada

Il Virgin Banana Colada è pensato per sostituire degnamente l’originale Pina Colada. Dà il meglio di sé durante feste, aperitivi ed eventi speciali. In virtù di ciò va curata anche la presentazione.

Per quanto concerne il bicchiere, pur potendone utilizzare uno qualsiasi, dovreste optare per il classico hurricane che rende onore alla tradizionale “pastosità” dei cocktail Colada. Inoltre, fate attenzione alla guarnizione, che deve essere composta da fiori di amaranto, lime e dalle foglie di ostrica. Me vediamo nel dettaglio questi ingredienti decorativi.

I fiori di amaranto impattano da punto di vista estetico in virtù del loro colore rosso scuro, che contrasta al meglio con il giallo-beige della bevanda. Di base non trasmettono note particolari, sebbene alla lontana possono ricordare la lavanda. In ogni caso non hanno niente a che vedere con la farina di amaranto, che è comunque un derivato della medesima pianta.

Le proprietà del lime e delle foglie di ostrica

Continuiamo la descrizione dettagliata sugli elementi di guarnizione del nostro cocktail Virgin Banana Colada, descrivendo le proprietà del succo di lime e delle foglie di ostrica.

Il lime non necessita di presentazione, visto che è uno degli alimenti più ricorrenti nella preparazione dei cocktail. Il suo colore giallo-verde e il suo sapore acidulo, contrastano e allo stesso tempo bilanciano al meglio la delicatezza degli altri ingredienti.

Il lime, checché ne dica l’immaginario collettivo, non è un limone “piccolo e acerbo”. Le sue dimensioni minute e il suo verde acceso possono trarre in inganno, ma il lime appartiene a una specie a sé stante. Questa specie è ovviamente imparentata con il limone, proprio per questo ha un ottimo apporto di vitamina C, sali minerali, acido citrico e antiossidanti.

Infine troviamo le foglie di ostrica. Il nome originario della pianta è Mertensia Maritima. Cresce nelle coste del nord Atlantico e si fa apprezzare proprio per le foglie molto grandi, tenere e colorate con un verde cupo. Sono anche commestibili e regalano sentori salati, che ricordano i frutti di mare.

Ricette di mocktail ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (3 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

bevanda al tamarindo

Una bevanda al tamarindo per rinfrescarsi con gusto

Come dolcificare la bevanda al tamarindo La bevanda al tamarindo è buona così com’è, soprattutto per chi ama i sapori intensi, aromatici e vagamente astringenti. Tuttavia, potete anche...

Frappe al gianduia

Frappè al gianduia, una versione che sa di...

Come fare un frappè perfetto? Ecco qualche trucchetto Preparare il frappè al gianduia è semplicissimo, basta versare tutti gli ingredienti nel frullatore e frullare fino a quando non si ottiene...

Sciroppo di tamarindo

Sciroppo di tamarindo, una preparazione dal gusto unico

Tutta la bontà del tamarindo e le sue proprietà nutrizionali Lo sciroppo di tamarindo ci da modo di approfondire l’argomento su un frutto particolare che si differenzia dagli altri sotto tutti i...