Formaggi senza lattosio:quelli adatti agli intolleranti

Formaggi senza lattosio: ecco quelli adatti agli intolleranti

L’intolleranza al lattosio è sempre più diffusa: ne soffre quasi il 30% della popolazione! Questo disturbo non va confuso con l’allergia alla proteina del latte: chi è intollerante al lattosio non produce l’enzima “lattasi”, che serve a digerirlo.

L’intolleranza, a differenza dell’allergia, è legata alla quantità di latte consumato e si presenta in varie forme, dalle più lievi alle più severe: c’è chi trova semplicemente “poco digeribile” il latte, e chi invece quando lo consuma va incontro a sintomi molto più pesanti. In ogni caso, essere intolleranti al lattosio non vuol dire assolutamente rinunciare ai formaggi, anzi!

Esistono tantissimi formaggi senza lattosio: divertiamoci a scoprire come sono preparati e quali sono!

Formaggi senza lattosio: cosa vuol dire?

I formaggi senza lattosio sono detti delattosati: sono prodotti come gli altri formaggi, ma al latte in essi contenuto viene aggiunto l’enzima lattasi, che serve a scindere il lattosio nei due zuccheri che lo compongono (glucosio e galattosio) e renderlo digeribile anche agli intolleranti.

Ricordatevi una cosa importante, che molti non sanno: il lattosio non è presente in tutti i formaggi.
Gli intolleranti al lattosio possono consumare i formaggi a pasta dura ed extradura senza problemi, perchè essi sono sottoposti ad una lunga stagionatura. Durante quest’ultima il lattosio viene trasformato in acido lattico, quindi questi tipi di formaggio contengono quantità di lattosio pari allo zero.

formaggi-senza-lattosio-parmigiano

 

Quali sono i formaggi senza lattosio?

Vediamo ora in pratica i tipi di formaggi senza lattosio che gli intolleranti possono mangiare:

Parmigiano Reggiano DOP

Il Parmigiano Reggiano DOP può essere definito senza lattosio e può essere quindi consumato senza problemi da tutti gli intolleranti, quando sottoposto a lunghe stagionature. Per esempio il Malandrone 1477, “Parmigiano Reggiano Export” che nasce sulle montagne del Frignano, vicino Modena, da latte di vacche frisone nutrite con le erbe spontanee della zona, è sottoposto a lunghissime stagionature: se il normale Parmigiano Reggiano raramente supera la stagionatura di 36 mesi, Malandrone 1477 stagiona il proprio formaggio per oltre 120 mesi. Dopo tutto questo tempo sfidiamo chiunque a trovarvi tracce di lattosio!

Ci sono anche altri formaggi senza lattosio che possono essere consumati con moderazione, sempre se sottoposti a lunga stagionatura:

  • Emmenthal o Groviera
  • Gorgonzola
  • Grana Padano
  • Groviera
  • Pecorino molto stagionato
  • Provola affumicata e dolce

La quantità tollerata dei suddetti formaggi varia da persona a persona, quindi si consiglia di provarne piccole porzioni in modo da valutare il proprio grado di tollerabilità.

Ma non finisce qui: la scomposizione del lattosio è favorita dall’attività di alcuni batteri. I formaggi ricchi di batteri lattici (che hanno la capacità di scomporre il lattosio), possono essere ben tollerati anche se è presente comunque del lattosio. Questo dipende dal nostro grado di intolleranza.
I formaggi che gli intolleranti possono comunque provare a mangiare sono:

  • Asiago
  • Brie
  • Caciocavallo
  • Caciotta
  • Camembert
  • Caprino

  • Crescenza
  • Feta
  • Fior di latte
  • Fontina
  • Quark
  • Taleggio
  • Toma

formaggi-senza-lattosio-supermercato

Formaggi da evitare e varianti senza lattosio

Purtroppo i formaggi freschi a pasta molle, non sottoposti a stagionatura, e ottenuti per coagulazione acida, contengono alte percentuali di lattosio; per questo motivo non possono essere assunti dagli intolleranti:

  • Certosino
  • Fiocchi di latte
  • Formaggi da spalmare
  • Mozzarella
  • Ricotta di vacca o di pecora

Fortunatamente esistono in commercio delle versioni di questi formaggi senza lattosio, ottenute con un procedimento grazie al quale viene aggiunto l’enzima lattasi, ottenuto da un lievito, e che scompone il latte nei 2 zuccheri semplici che lo compongono.
L’unico piccolo inconveniente è che questi ultimi hanno un più alto potere dolcificante, e quindi i formaggi preparati con questo procedimentopossono risultare leggermente piu dolci.

Come vedete, se siete intolleranti al lattosio, non dovrete assolutamente rinunciare ai formaggi, ma basterà solo che, d’ora in poi, stiate attenti a “quali” mangiare!

 

Condividi!

25 commenti a “Formaggi senza lattosio:quelli adatti agli intolleranti

  1. Antò

    Ma perché ci ostinate a dire che la ricotta contiene lattosio? È falso!!!
    La ricotta è prodotta con il siero del latte e non col latte intero e non contiene lattosio!
    Quindi si può tranquillamente consumare ricotta vaccina a patto che non abbia l’aggiunta di latte o panna!
    E invece una cosa che nessuno dice mai è che il latte di capra non contiene lattosio, quindi si può tranquillamente consumare il latte di capra e i formaggi di capra che non contengono aggiunte di latte vaccino

    1. Tiziana Autore articolo

      Salve, la ringrazio per il suo intervento. Ne ho discusso piu volte con gli esperti e non la pensano cosi. Se lei ha fonti scientifiche dimostrabili su quanto scrive saro’ lieta di schierarmi con la sua linea di pensiero. Grazie

    2. Fulvia

      dopo un periodo di dieta sbagliatissima a base di yogurt, ricotta, latte e fiocchi di latte mi sono ritrovata con una forte intolleranza al lattosio. ho eliminato quindi tutti questi alimenti (anche il prosciutto cotto…) per qualche mese e dopo ho riprovato a mangiare la ricotta, della quale vado letteralmente pazza. VELENO!!!! :( se è vero che come dice lei la ricotta non contiene lattosio, cosa potrebbe avermi fatto male?
      grazie per la risposta

  2. Marika

    Buongiorno,
    Ma formaggi come la scamorza e il tomino possiamo mangiarli?
    E in generale fontina, taleggio ecc si possono consumare sempre o solo se specificata la stagionatura?
    Grazie anticipatamente

    1. Tiziana Autore articolo

      Marika buongiorno, se una persona ha problemi di intolleranza al lattosio puo’ mangiare formaggi stagionati come pecorino, provolone, parmigiano reggiano e grana padano perché, grazie al processo di stagionatura cui vengono sottoposti, hanno un minor contenuto di lattosio. Al contrario, non sono tollerati i formaggi freschi quali mozzarella, fiocchi di latte, certosino che sono molto ricchi in lattosio.Generalmente le persone intolleranti al lattosio non hanno problemi a consumare lo yogurt, meglio se al naturale, dato che al suo interno sono presenti batteri che parzialmente digeriscono il lattosio.

  3. Monica

    Buona sera , da pochi giorni ho scoperto che mia figlia è intollerante al lattosio. Mi hanno dato la lista dei formaggi che può mangiare ma mi chiedevo se devono riportare comunque l’ etichetta che dichiara l’ assenza al lattosio ?
    Grazie
    Monica

    1. Tiziana Autore articolo

      Leggere le etichette aiuta ad evitarlo. Ci sono alimenti ai quali viene scritto se vi sono contaminazioni o puo’ essere dubbio. Ci sono alimenti dove è naturale che non ci sia e non viene scritto in etichetta come ad esempio il parmigiano reggiano stagionato.Sul burro al contrario dove non contiene il lattosio o ne contiene in minima parte consentita viene scritto

    1. Tiziana Autore articolo

      Più un formaggio è fresco e più lattosio contiene. Il mio prof dice addio quindi a mozzarella, ricotta, stracchino e a tutti i latticini a pasta morbida. Ci sono molti ottimi sostituti ‘lattosio free’. Il colore, il gusto e la consistenza sono gli stessi, quello che cambia è la digeribilità.

      Prendo un paragrafo dal sito Aili “I formaggi freschi a pasta molle, invece, si ottengono per coagulazione acida e presentano percentuali di lattosio più elevate. In genere non sono tollerati i formaggi freschi, quali:

      Mozzarella
      Fiocchi di latte
      Certosino
      Formaggi da spalmare
      Ricotta di vacca o di pecora”

    2. giuseppe

      I formaggi freschi a
      pasta molle, invece, si ottengono per coagulazione acida e presentano percentuali di lattosio più elevate. In genere non sono tollerati i formaggi freschi, quali:

      Mozzarella
      Fiocchi di latte
      Certosino
      Formaggi da spalmare
      Ricotta di vacca o di pecora

  4. Maria Grazia iozzo

    Buonasera,
    Io ho scoperto tra le varie intolleranze di esserlo al lattosio , proteine del latte e siero di latte….in pratica nulla come formaggi yogurt ecc…..sa dirmi se ci sono formaggi che non contengono questi ingredienti? Grazie mille
    M.Grazia

  5. Giovanna Fenini- Marazza

    Buongiorno, scrivo da Locarno ( Svizzera). Siccome sono golosa della mozzarella, compro quella senza lattosio. Che ne pensa? Grazie! Giovanna

  6. Francesca

    Quando si scopre attraverso il breath test che si è intolleranti , non si consiglia un periodo di disintossicazione ? Il quale prevede totale assenza di latticini, anche stagionati o delattosati. Insomma ,nemmeno minime quantità di lattosio. Anche perché ,minima quantità oggi, minima domani di arriva comunque ad accumulare questo zucchero.

    1. Tiziana Colombo Autore articolo

      Solitamente viene consigliato di eseguire un periodo di disintossicazione per permettere al proprio organismo di “ripulirsi” e riequilibrare la propria flora batterica intestinale, in modo da tornare alle condizioni ottimali. In questo periodo viene consigliato di seguire una dieta priva di tutti gli alimenti contenenti lattosio ed evitando anche tutti i prodotti delattosati.

  7. Paola

    Buongiorno
    Vorrei sapere se la quantita di lattosio contenuta nei farmaci che prendo da tanti anni, ( eutirox e preterax) possono contribuire ad accentuare i problemi intestinali di cui soffro! (gonfiori, flatulenza e coliche addominali).
    Grazie

    1. Tiziana Colombo Autore articolo

      Eutirox Levotiroxina Sodica Merck Serono Spa e Preterax Perindopril Arginina+indapamide e Contiene anche amido di mais.
      Servier Italia Spa contengono lattosio ma sulle schede tecniche non è scritta la quantità.

  8. Erica

    Buongiorno,
    ho scoperto di essere intollerante circa due anni fa, all’inizio era una leggera intolleranza (non potevo semplicemente mangiare cibi ad alto contenuto di lattosio), mentre ora sono del tutto intollerante, infatti io lo yogurt non lo posso mangiare, qualsiasi cosa che contenga un minimo di lattosio non lo tollero, mi chiedevo, se c’è un tempo minimo di stagionatura dei formaggi per renderli digeribili a noi intolleranti? Per esempio il gorgonzola riesco a mangiarlo, lo sbrinz, il grana, il parmigiano riesco a mangiarli.

    Grazie in anticipo della risposta :)

    1. Tiziana Colombo Autore articolo

      Buongiorno, dovrebbe riuscire a mangiare oltre al gorgonzola e il parmigiano reggiano anche tutti i formaggi a pasta dura e extradura.
      Solitamente sono ben tollerati anche Emmentaler, Edam, Fontina. Gruviera, Pecorino molto stagionato, Provola affumicata e dolce. Puo’ fare un esperimento con piccole quantità. I formaggi freschi purtroppo se ha problemi di intolleranza al lattosio li deve dimenticare. Sul mercato ci sono ottimi sostituti senza lattosio che sono davvero molto buoni e con cui puo’ fare delle ottime ricette.

  9. alberto

    salve. sono totalmente intollerante al latte vaccino, chiedo se mozzarella o altri formaggi senza lattosio posso mangiarli ed eventualmente latte senza lattosio, grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *