Formaggi senza lattosio : quelli adatti agli intolleranti

formaggi senza lattosio

Formaggi senza lattosio: ecco quelli adatti agli intolleranti

Oggi parliamo di formaggi senza lattosio e scopriamo insieme quali vanno meglio per chi ha questo problema. L’intolleranza al lattosio è sempre più diffusa: ne soffre quasi il 30% della popolazione! Questo disturbo non va confuso con l’allergia alla proteina del latte: chi è intollerante al lattosio non produce l’enzima “lattasi”, che serve a digerirlo.

L’intolleranza, a differenza dell’allergia, è legata alla quantità di latte consumato e si presenta in varie forme, dalle più lievi alle più severe: c’è chi trova semplicemente “poco digeribile” il latte, e chi invece quando lo consuma va incontro a sintomi molto più pesanti. In ogni caso, essere intolleranti al lattosio non vuol dire assolutamente rinunciare ai formaggi, anzi!

Formaggi senza lattosio: cosa vuol dire?

I formaggi senza lattosio sono detti delattosati: sono prodotti come gli altri formaggi, ma al latte in essi contenuto viene aggiunto l’enzima lattasi, che serve a scindere il lattosio nei due zuccheri che lo compongono (glucosio e galattosio) e renderlo digeribile anche agli intolleranti.

Ricordatevi una cosa importante, che molti non sanno: il lattosio non è presente in tutti i formaggi.
Gli intolleranti al lattosio possono consumare i formaggi a pasta dura ed extradura senza problemi, perchè essi sono sottoposti ad una lunga stagionatura. Durante quest’ultima il lattosio viene trasformato in acido lattico, quindi questi tipi di formaggio contengono quantità di lattosio pari allo zero.

Parmigiano Reggiano

Esistono tantissimi formaggi senza lattosio: divertiamoci a scoprire come sono preparati e quali sono!

Parmigiano Reggiano DOP

Il Parmigiano Reggiano DOP può essere definito senza lattosio e può essere quindi consumato senza problemi da tutti gli intolleranti, quando sottoposto a lunghe stagionature.

Per esempio il Malandrone 1477, “Parmigiano Reggiano Export” che nasce sulle montagne del Frignano, vicino Modena, da latte di vacche frisone nutrite con le erbe spontanee della zona, è sottoposto a lunghissime stagionature: se il normale Parmigiano Reggiano raramente supera la stagionatura di 36 mesi, Malandrone 1477 stagiona il proprio formaggio per oltre 120 mesi.

 

Dopo tutto questo tempo sfidiamo chiunque a trovarvi tracce di lattosio! Ci sono anche altri formaggi che possono essere consumati con moderazione, sempre se sottoposti a lunga stagionatura:

  • Emmenthal o Groviera
  • Gorgonzola
  • Grana Padano
  • Groviera
  • Pecorino molto stagionato
  • Provola affumicata e dolce

La quantità tollerata dei suddetti formaggi varia da persona a persona, quindi si consiglia di provarne piccole porzioni in modo da valutare il proprio grado di tollerabilità.

Ma non finisce qui: la scomposizione del lattosio è favorita dall’attività di alcuni batteri. I formaggi ricchi di batteri lattici (che hanno la capacità di scomporre il lattosio), possono essere ben tollerati anche se è presente comunque del lattosio. Questo dipende dal nostro grado di intolleranza.

I formaggi che gli intolleranti possono comunque provare a mangiare con estrema cautela sono:

  • Asiago
  • Brie
  • Caciocavallo
  • Caciotta
  • Camembert
  • Caprino
  • Feta
  • Fior di latte
  • Fontina
  • Quark
  • Taleggio
  • Toma

Formaggi da evitare e varianti senza lattosio

Purtroppo i formaggi freschi a pasta molle, non sottoposti a stagionatura, e ottenuti per coagulazione acida, contengono alte percentuali di lattosio; per questo motivo non possono essere assunti dagli intolleranti:

  • Certosino
  • Fiocchi di latte
  • Formaggi da spalmare
  • Mozzarella
  • Ricotta di vacca o di pecora

Fortunatamente esistono in commercio delle versioni di questi formaggi, ottenute con un procedimento grazie al quale viene aggiunto l’enzima lattasi, ottenuto da un lievito, e che scompone il latte nei 2 zuccheri semplici che lo compongono.

L’unico piccolo inconveniente è che questi ultimi hanno un più alto potere dolcificante, e quindi i formaggi preparati con questo procedimento possono risultare leggermente piu dolci.

Come vedete, se siete intolleranti al lattosio, non dovrete assolutamente rinunciare ai formaggi, ma basterà solo che, d’ora in poi, stiate attenti a “quali” mangiare!

Print Friendly, PDF & Email

0 commenti su “Formaggi senza lattosio : quelli adatti agli intolleranti

  • Lun 28 Nov 2016 | Antò ha detto:

    Ma perché ci ostinate a dire che la ricotta contiene lattosio? È falso!!!
    La ricotta è prodotta con il siero del latte e non col latte intero e non contiene lattosio!
    Quindi si può tranquillamente consumare ricotta vaccina a patto che non abbia l’aggiunta di latte o panna!
    E invece una cosa che nessuno dice mai è che il latte di capra non contiene lattosio, quindi si può tranquillamente consumare il latte di capra e i formaggi di capra che non contengono aggiunte di latte vaccino

    • Lun 28 Nov 2016 | Tiziana ha detto:

      Salve, la ringrazio per il suo intervento. Ne ho discusso piu volte con gli esperti e non la pensano cosi. Se lei ha fonti scientifiche dimostrabili su quanto scrive saro’ lieta di schierarmi con la sua linea di pensiero. Grazie

    • Mer 6 Set 2017 | Fulvia ha detto:

      dopo un periodo di dieta sbagliatissima a base di yogurt, ricotta, latte e fiocchi di latte mi sono ritrovata con una forte intolleranza al lattosio. ho eliminato quindi tutti questi alimenti (anche il prosciutto cotto…) per qualche mese e dopo ho riprovato a mangiare la ricotta, della quale vado letteralmente pazza. VELENO!!!! :( se è vero che come dice lei la ricotta non contiene lattosio, cosa potrebbe avermi fatto male?
      grazie per la risposta

      • Mer 6 Set 2017 | Tiziana Colombo ha detto:

        Fulvia dipende da molti fattori. L’intolleranza al lattosio non è da accumulo e non passa. Il prosciutto cotto esiste anche senza lattosio sul mercato. Ha fatto il breath test??

    • Gio 8 Ago 2019 | Katia ha detto:

      Lei potra’ dire che la ricotta è senza lattosio , ma se la mangio sto male e mi gonfio come un pallone !

      • Ven 9 Ago 2019 | Tiziana Colombo ha detto:

        La ricotta contiene lattosio. Esistono sul mercato delle ricotte delattosate che molte persone tollerano.

      • Sab 19 Ott 2019 | lucrezia Stangoni ha detto:

        Anche io!!

        • Dom 20 Ott 2019 | Tiziana Colombo ha detto:

          Benvenuta nel club

    • Mer 19 Feb 2020 | Aldo ha detto:

      Caro Antò, è vero – come lei dice – che la ricotta viene prodotta con il siero e non con il latte intero, ma il siero CONTIENE lattosio.
      Infatti “Il siero di latte […] contiene lattosio (50-75% della frazione secca)”.
      Inoltre ” La ricotta ha un sapore dolce, dovuto al lattosio presente nel siero in misura variabile dal 2 al 4 per cento, in funzione del latte utilizzato.”

  • Lun 5 Dic 2016 | Alba ha detto:

    Mi hanno detto che il formaggio TRENTA è senza lattosio, mi potete dare conferma?

    • Mar 6 Dic 2016 | Tiziana ha detto:

      Salve Alba non conosco questa marca ma cerchero di documentarmi.

      • Mar 6 Dic 2016 | Alba ha detto:

        Grazie, tornerò a leggerti sperando di saperne di più

  • Sab 4 Feb 2017 | Marika ha detto:

    Buongiorno,
    Ma formaggi come la scamorza e il tomino possiamo mangiarli?
    E in generale fontina, taleggio ecc si possono consumare sempre o solo se specificata la stagionatura?
    Grazie anticipatamente

    • Sab 4 Feb 2017 | Tiziana ha detto:

      Marika buongiorno, se una persona ha problemi di intolleranza al lattosio puo’ mangiare formaggi stagionati come pecorino, provolone, parmigiano reggiano e grana padano perché, grazie al processo di stagionatura cui vengono sottoposti, hanno un minor contenuto di lattosio. Al contrario, non sono tollerati i formaggi freschi quali mozzarella, fiocchi di latte, certosino che sono molto ricchi in lattosio.Generalmente le persone intolleranti al lattosio non hanno problemi a consumare lo yogurt, meglio se al naturale, dato che al suo interno sono presenti batteri che parzialmente digeriscono il lattosio.

  • Mer 15 Mar 2017 | Monica ha detto:

    Buona sera , da pochi giorni ho scoperto che mia figlia è intollerante al lattosio. Mi hanno dato la lista dei formaggi che può mangiare ma mi chiedevo se devono riportare comunque l’ etichetta che dichiara l’ assenza al lattosio ?
    Grazie
    Monica

    • Gio 16 Mar 2017 | Tiziana ha detto:

      Leggere le etichette aiuta ad evitarlo. Ci sono alimenti ai quali viene scritto se vi sono contaminazioni o puo’ essere dubbio. Ci sono alimenti dove è naturale che non ci sia e non viene scritto in etichetta come ad esempio il parmigiano reggiano stagionato.Sul burro al contrario dove non contiene il lattosio o ne contiene in minima parte consentita viene scritto

  • Gio 16 Mar 2017 | martina ha detto:

    la ricotta è tollerata come riferisce anche il sito dell’AILI

    • Gio 16 Mar 2017 | Tiziana ha detto:

      Più un formaggio è fresco e più lattosio contiene. Il mio prof dice addio quindi a mozzarella, ricotta, stracchino e a tutti i latticini a pasta morbida. Ci sono molti ottimi sostituti ‘lattosio free’. Il colore, il gusto e la consistenza sono gli stessi, quello che cambia è la digeribilità.

      Prendo un paragrafo dal sito Aili “I formaggi freschi a pasta molle, invece, si ottengono per coagulazione acida e presentano percentuali di lattosio più elevate. In genere non sono tollerati i formaggi freschi, quali:

      Mozzarella
      Fiocchi di latte
      Certosino
      Formaggi da spalmare
      Ricotta di vacca o di pecora”

    • Gio 4 Mag 2017 | giuseppe ha detto:

      I formaggi freschi a
      pasta molle, invece, si ottengono per coagulazione acida e presentano percentuali di lattosio più elevate. In genere non sono tollerati i formaggi freschi, quali:

      Mozzarella
      Fiocchi di latte
      Certosino
      Formaggi da spalmare
      Ricotta di vacca o di pecora

    • Lun 23 Apr 2018 | FRANCA NARDI ha detto:

      Dal sito ssociazione AILI :
      I formaggi freschi a pasta molle, invece, si ottengono per coagulazione acida e presentano percentuali di lattosio elevate. Tra questi non sono tollerati i seguenti:

      Mozzarella
      Fiocchi di latte
      Certosino
      Formaggi da spalmare
      Ricotta di vacca o di pecora –> QUINDI CERTAMENTE NON TOLLERATA . Dove compare che la ricotta è tollerata sul sito ALII ? Esistono comnque validissime alternative prive di
      lattosio
      assolutamente gustose

      • Lun 23 Apr 2018 | Tiziana Colombo ha detto:

        Io sul sito AILI non trovo conferma alle parole di Martina

  • Dom 14 Mag 2017 | Maria Grazia iozzo ha detto:

    Buonasera,
    Io ho scoperto tra le varie intolleranze di esserlo al lattosio , proteine del latte e siero di latte….in pratica nulla come formaggi yogurt ecc…..sa dirmi se ci sono formaggi che non contengono questi ingredienti? Grazie mille
    M.Grazia

  • Mar 6 Giu 2017 | Giovanna Fenini- Marazza ha detto:

    Buongiorno, scrivo da Locarno ( Svizzera). Siccome sono golosa della mozzarella, compro quella senza lattosio. Che ne pensa? Grazie! Giovanna

    • Mar 6 Giu 2017 | Tiziana Colombo ha detto:

      Giovanna penso che faccia benissimo a non rinunciare alla Mozzarella e prendere quella senza lattosio!

  • Ven 28 Lug 2017 | Francesca ha detto:

    Quando si scopre attraverso il breath test che si è intolleranti , non si consiglia un periodo di disintossicazione ? Il quale prevede totale assenza di latticini, anche stagionati o delattosati. Insomma ,nemmeno minime quantità di lattosio. Anche perché ,minima quantità oggi, minima domani di arriva comunque ad accumulare questo zucchero.

    • Ven 28 Lug 2017 | Tiziana Colombo ha detto:

      Solitamente viene consigliato di eseguire un periodo di disintossicazione per permettere al proprio organismo di “ripulirsi” e riequilibrare la propria flora batterica intestinale, in modo da tornare alle condizioni ottimali. In questo periodo viene consigliato di seguire una dieta priva di tutti gli alimenti contenenti lattosio ed evitando anche tutti i prodotti delattosati.

  • Mer 30 Ago 2017 | Paola ha detto:

    Buongiorno
    Vorrei sapere se la quantita di lattosio contenuta nei farmaci che prendo da tanti anni, ( eutirox e preterax) possono contribuire ad accentuare i problemi intestinali di cui soffro! (gonfiori, flatulenza e coliche addominali).
    Grazie

    • Mer 30 Ago 2017 | Tiziana Colombo ha detto:

      Eutirox Levotiroxina Sodica Merck Serono Spa e Preterax Perindopril Arginina+indapamide e Contiene anche amido di mais.
      Servier Italia Spa contengono lattosio ma sulle schede tecniche non è scritta la quantità.

  • Gio 26 Ott 2017 | Erica ha detto:

    Buongiorno,
    ho scoperto di essere intollerante circa due anni fa, all’inizio era una leggera intolleranza (non potevo semplicemente mangiare cibi ad alto contenuto di lattosio), mentre ora sono del tutto intollerante, infatti io lo yogurt non lo posso mangiare, qualsiasi cosa che contenga un minimo di lattosio non lo tollero, mi chiedevo, se c’è un tempo minimo di stagionatura dei formaggi per renderli digeribili a noi intolleranti? Per esempio il gorgonzola riesco a mangiarlo, lo sbrinz, il grana, il parmigiano riesco a mangiarli.

    Grazie in anticipo della risposta :)

    • Gio 26 Ott 2017 | Tiziana Colombo ha detto:

      Buongiorno, dovrebbe riuscire a mangiare oltre al gorgonzola e il parmigiano reggiano anche tutti i formaggi a pasta dura e extradura.
      Solitamente sono ben tollerati anche Emmentaler, Edam, Fontina. Gruviera, Pecorino molto stagionato, Provola affumicata e dolce. Puo’ fare un esperimento con piccole quantità. I formaggi freschi purtroppo se ha problemi di intolleranza al lattosio li deve dimenticare. Sul mercato ci sono ottimi sostituti senza lattosio che sono davvero molto buoni e con cui puo’ fare delle ottime ricette.

  • Lun 20 Nov 2017 | alberto ha detto:

    salve. sono totalmente intollerante al latte vaccino, chiedo se mozzarella o altri formaggi senza lattosio posso mangiarli ed eventualmente latte senza lattosio, grazie

    • Gio 30 Gen 2020 | Maria Cerasuolo ha detto:

      Buonasera
      Mi hanno detto che la mozzarella di bufala non contiene lattosio, vorrei sapere qualcosa in merito.
      Grazie .

      • Ven 31 Gen 2020 | Tiziana Colombo ha detto:

        Buongiorno ci sono delle marche che garantiscono la mozzarella di bufala senza lattosio, ma non è sempre cosi! Si accerti sempre che sia scritto sulla confezione.La mozzarella di bufala campana è un formaggio fresco e contiene lattosio. Non è il formaggio che contiene più lattosio e, anzi, ne contiene meno di quel che si pensa: tra 0,05 g e 0,3 grammi di lattosio per 100 grammi di prodotto.

  • Gio 18 Gen 2018 | Angie ha detto:

    Buongiorno, da sempre soffrivo di fortissimi e mostruosi mal di testa per giorni e giorni accompagnati anche da conati di vomito che continuavano per un giorno intero (da morire) ero uno zombie nessun farmaco mi faceva effetto li rigettavo poco dopo l’ingestione sempre accompagnati da farmaci anti vomito nulla faceva effetto, ho scoperto che era il formaggio a scatenarmi l’emicranea allora ho eliminato tutto e tutti i prodotti con formaggi ora va molto meglio, ogni tanto mi azzardo con i prodotti senza lattosio ma l’ultima volta che ho mangiato la mozzarella la mattina dopo avevo un bel mal di testa .
    Devo dire che la ricotta invece sto provando a rimangiarla a piccole dosi la tollero abbastanza bene .

    • Gio 18 Gen 2018 | Tiziana Colombo ha detto:

      Grazie per averci raccontato la sua esperienza di cui facciamo tesoro. A presto

  • Ven 6 Apr 2018 | Cinzia ha detto:

    Buon giorno io non ho mai potuto mangiare latte e tutti i derivati, da sempre, ho 56 anni, l’unico che mangiavo era il parmigiano stagionato 30 mesi, ora da un paio di anni da quando ci sono in commercio formaggi senza lattosio ho iniziato a mangiarli e devo dire che non mi danno alcun problema e sono veramente buoni. Alcune volte li mangia anche mio marito che non ha problemi e dice che sono buoni come gli altri. Ora mi sbizzarisco anche a fare dolci cosa che prima non potevo farli

    • Sab 7 Apr 2018 | Tiziana Colombo ha detto:

      Salve Cinzia meno male che sino aziende che hanno studiato questi prodotti. Sono buoni e non ci fanno stare male.

  • Lun 9 Apr 2018 | Luca ha detto:

    Buongiorno, il breath test ha attestato la mia intolleranza al lattosio che mi provoca gas e diarrea. Prima di ciò mi aiutavo con compresse di enzima lattase che però ultimamente sembrano non produrre effetti positivi. La mia intolleranza è molto variabile: a quanto pare parmigiano reggiano, formaggi caprino-pecorini stagionati e alcuni “senza lattosio” sono ben tollerati, altri come la mozzarella e il latte senza lattosio invece sono da evitare e il mio amato gorgonzola poi è come veleno.
    Il latte di soja è un ottimo surrogato, purtroppo i formaggi e la mozzarella di soja sono pessimi come gusto e consistenza.
    La mia domanda è quali siano i dosaggi massimi di enzima lattase che si possono assumere. Finora non mi sono spinto oltre le due compresse per volta (9000 unità cad.).

    • Lun 9 Apr 2018 | Tiziana Colombo ha detto:

      Luca la ringrazio di averci scritto ma non posso rispondere alla sua domanda. Ci sono molte variabili percui le consiglio di rivolgersi a un nutrizionista che potrà aiutarla nel suo percorso alimentare.

  • Gio 30 Ago 2018 | Enzo ha detto:

    Buongiorno, Vorrei sapere se i fermenti lattici hanno qualche controindicazione per chi è intollerante al lattosio grazie

    • Gio 30 Ago 2018 | Tiziana Colombo ha detto:

      Buongiorno, chi è intollerante al lattosio può assumere i fermenti lattici che, anzi, possono contribuire a una migliore digestione del lattosio.

      La convinzione che i fermenti lattici introdotti con gli integratori siano prodotti a partire dal latte è molto diffusa. In realtà la produzione di questi fermenti lattici non prevede l’ utilizzo di latte in nessuna fase della loro preparazione che avviene invece grazie a colture cellulari selezionate in cui i microrganismi (es. Lactobacilli, Bifidobacterium, Saccaromyces ) si riproducono per poi venire estratti e allestiti in formulazioni idonee ad essere assunte per via orale. Di conseguenza chi è intollerante al lattosio non avrà alcun problema ad assumere fermenti lattici.

  • Mer 26 Set 2018 | Roberta ha detto:

    Buongiorno,
    nei Culurgiones (pasta fresca tipica della sardegna, ripiena di menta patate e formaggio) negli ingredienti riporta la dicitura “formaggio vaccino e pecorino”, ma non specifica la percentuale? Dovrei evitare se sono intollerante al lattosio? o potrei mangiarli ma prendendo le pastiglie di lattasi?
    La ringrazio
    Roberta

    • Mer 26 Set 2018 | Tiziana Colombo ha detto:

      Buongiorno Roberta, La dicitura “formaggio vaccino fresco” è già una chiara indicazione, sufficiente a dissuadere un intollerante dal consumo. In merito all’assunzione della lattasi, mi dispiace ma non mi posso prendere la responsabilità di consigliarla, visto che la tolleranza è molto soggettiva.

  • Sab 20 Ott 2018 | Daniele Lo Presti ha detto:

    Buongiorno Tiziana,
    Grazie al Breathe Test ho scoperto di essere intollerante al lattosio.
    Volevo chiederle: i prodotti contenenti “proteine del latte” mi potrebbero far star male?
    Grazie,
    Daniele.

    • Sab 20 Ott 2018 | Tiziana Colombo ha detto:

      Buongiorno Daniele, L’allergia alle proteine del latte, essendo un’allergia alimentare, è causata da una risposta anomala da parte del sistema immunitario all’ingestione delle proteine del latte, sia caseine che proteine del siero. La gamma di sintomi è molto varia, ad esempio tra i più comuni ritroviamo orticaria, diarrea, stipsi ed anche asma. Più rara è invece la reazione sistemica che colpisce più organi e che può portare anche ad anafilassi. [1,6]

      L’intolleranza allo zucchero lattosio, invece, è causata da un deficit parziale o totale dell’enzima lattasi che porta a malassorbimento di lattosio con conseguente sintomatologia tra cui ricordiamo dolori addominali, diarrea e gonfiore addominale.

      Quindi un individuo latto-intollerante può consumare alimenti che contengono proteine del latte, purché questi non contengano anche lattosio o residui di esso. Viceversa, un individuo allergico alle proteine del latte, pur non essendo intollerante al lattosio, non può consumare alimenti contenenti lattosio poiché anche livelli minimi di contaminazione da parte delle proteine del latte potrebbero causare non pochi problemi.

      Tratto da AILI

  • Ven 16 Nov 2018 | emanuela ha detto:

    Buongiorno TIziana,
    leggo che i formaggio MOLTO stagioni possono essere ben digeriti dagli intolleranti al lattosio: ma cosi si intende esattamente per Molto stagionati?
    Grazie

    Emanuela

    • Ven 16 Nov 2018 | Tiziana Colombo ha detto:

      Buongiorno, solitamente si intende dai 30 mesi in su

  • Dom 3 Feb 2019 | Susanna Mantovani ha detto:

    Buonasera Tiziana,
    Mi ritrovo ad essere intollerante al lattosio conseguentemente ad un paio di interventi chirurgici al colon e conseguente terapia chemioterapia che ho terminato un mese fa. Consumo senza problemi formaggi senza lattosio, ma latte e derivati si trovano ormai in tanti prodotti alimentari già pronti, quindi l’attenzione va rivolta anche ad essi. Pensa possa essere una situazione transitoria, ora tutto deve essere rigenerato, o dovrò rassegnarmi?
    Grazie per una risposta.
    Susanna

    • Lun 4 Feb 2019 | Tiziana Colombo ha detto:

      Salve Susanna, purtroppo queste terapie risolvono molti problemi ma possono creare degli effetti collaterali. Le terapie oncologiche così come la radioterapia, possono portare a pesanti ripercussioni sulle mucose intestinali, alterando il delicato equilibrio tra la produzione di enzimi digestivi e flora intestinale: un binomio alla base del benessere di tutti noi, a qualsiasi età e ad ogni condizione. Una sua alterazione può causare malnutrimento, allergie, intolleranze alimentari e disfunzioni gastro-enteriche.

      A livello gastrico, nausea e vomito, così come iperacidità gastrica sono presenti in circa il 60% dei malati oncologici, sottoposti a chemioterapia. Altri sintomi sono a livello addominale, con gonfiore, dolori e crampi fino alla diarrea. Sintomi che possono protrarsi per qualche settimana, anche dopo la fine della terapia. Ma può anche insorgere la stipsi dovuto al chemioterapico o a terapia di supporto (ansiolitici, antiacidi, antidiarroici, antiemetici, ecc.).

      Si faccia seguire da un buon nutrizionista che sicuramente le darà una mano a risolvere o migliorare la situazione. Il prof. Matteo Goss di Torino è un esperto di questo tema. A disposizione.

  • Ven 15 Feb 2019 | Aurora Borelli ha detto:

    Attenzioni alle mozzarelle, sulla descrizione senza lattosio, alcune hanno lo 0,1 % che nel mio caso mi crea problemi, mentre altre hanno lo 0,01% di lattosio e queste effettivamente non mi creano nessun problema.

    • Ven 15 Feb 2019 | Tiziana Colombo ha detto:

      Dovremmo imparare a leggere bene le etichette. Questa è la nota scritta su ogni articolo o pagina che viene aperta

      Nota per gli intolleranti al lattosio
      Dalla nota ministeriale: E’ stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml

  • Ven 15 Feb 2019 | Aurora Borelli ha detto:

    Attenzioni alle mozzarelle, sulla descrizione senza lattosio, alcune hanno lo 0,1 % che nel mio caso mi crea problemi, mentre altre hanno lo 0,01% di lattosio e queste effettivamente non mi creano nessun problema.
    Approfitto per chiedere una domanda sul cioccolato, non trovò un buon cioccolato senza lattosio.
    Se qualcuno me lo può indicare.

    • Ven 15 Feb 2019 | Tiziana Colombo ha detto:

      Salve io ne mangio pochissimo per la mia intolleranza al nichel ma le posso consigliare di visitare il sito del Modicano

      oppure Leone nella sezione Fabbrica del Cioccolato

  • Mer 21 Ago 2019 | Angi ha detto:

    Anche Camoscio d’oro è naturalmente senza lattosio !!!

    • Mer 21 Ago 2019 | Tiziana Colombo ha detto:

      La ringrazio. Hanno in listino una linea con 4 prodotti senza lattosio.

  • Gio 25 Giu 2020 | Sonia ha detto:

    Salve, io ho mia figlia di 6 anni, intollerante al lattosio, ma nn ho ancora chiaro quali formaggi e quali latticini può assumere con certezza, tranne quelli specifici senza lattosio, potreste aiutarmi?
    Ma poi l’ intolleranza nn andrà mai via?

    • Ven 26 Giu 2020 | Tiziana Colombo ha detto:

      Buongiorno l’intolleranza al lattosio non andrà mai via! Se non vuole problemi dovrà sempre assumere i cibi dichiarati senza lattosio.  Ci sono anche altri formaggi che possono essere consumati con moderazione, sempre se sottoposti a lunga stagionatura:

      Emmenthal o Groviera
      Gorgonzola
      Grana Padano o Parmigiano Reggiano
      Groviera
      Pecorino molto stagionato
      Provola affumicata e dolce

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti