Formaggi senza lattosio:quelli adatti agli intolleranti

Formaggi senza lattosio: ecco quelli adatti agli intolleranti

L’intolleranza al lattosio è sempre più diffusa: ne soffre quasi il 30% della popolazione! Questo disturbo non va confuso con l’allergia alla proteina del latte: chi è intollerante al lattosio non produce l’enzima “lattasi”, che serve a digerirlo.

L’intolleranza, a differenza dell’allergia, è legata alla quantità di latte consumato e si presenta in varie forme, dalle più lievi alle più severe: c’è chi trova semplicemente “poco digeribile” il latte, e chi invece quando lo consuma va incontro a sintomi molto più pesanti. In ogni caso, essere intolleranti al lattosio non vuol dire assolutamente rinunciare ai formaggi, anzi!

Esistono tantissimi formaggi senza lattosio: divertiamoci a scoprire come sono preparati e quali sono!

Formaggi senza lattosio: cosa vuol dire?

I formaggi senza lattosio sono detti delattosati: sono prodotti come gli altri formaggi, ma al latte in essi contenuto viene aggiunto l’enzima lattasi, che serve a scindere il lattosio nei due zuccheri che lo compongono (glucosio e galattosio) e renderlo digeribile anche agli intolleranti.

Ricordatevi una cosa importante, che molti non sanno: il lattosio non è presente in tutti i formaggi.
Gli intolleranti al lattosio possono consumare i formaggi a pasta dura ed extradura senza problemi, perchè essi sono sottoposti ad una lunga stagionatura. Durante quest’ultima il lattosio viene trasformato in acido lattico, quindi questi tipi di formaggio contengono quantità di lattosio pari allo zero.

formaggi-senza-lattosio-parmigiano

 

Quali sono i formaggi senza lattosio?

Vediamo ora in pratica i tipi di formaggi senza lattosio che gli intolleranti possono mangiare:

Parmigiano Reggiano DOP

Il Parmigiano Reggiano DOP può essere definito senza lattosio e può essere quindi consumato senza problemi da tutti gli intolleranti, quando sottoposto a lunghe stagionature. Per esempio il Malandrone 1477, “Parmigiano Reggiano Export” che nasce sulle montagne del Frignano, vicino Modena, da latte di vacche frisone nutrite con le erbe spontanee della zona, è sottoposto a lunghissime stagionature: se il normale Parmigiano Reggiano raramente supera la stagionatura di 36 mesi, Malandrone 1477 stagiona il proprio formaggio per oltre 120 mesi. Dopo tutto questo tempo sfidiamo chiunque a trovarvi tracce di lattosio!

Ci sono anche altri formaggi senza lattosio che possono essere consumati con moderazione, sempre se sottoposti a lunga stagionatura:

  • Emmenthal o Groviera
  • Gorgonzola
  • Grana Padano
  • Groviera
  • Pecorino molto stagionato
  • Provola affumicata e dolce

La quantità tollerata dei suddetti formaggi varia da persona a persona, quindi si consiglia di provarne piccole porzioni in modo da valutare il proprio grado di tollerabilità.

Ma non finisce qui: la scomposizione del lattosio è favorita dall’attività di alcuni batteri. I formaggi ricchi di batteri lattici (che hanno la capacità di scomporre il lattosio), possono essere ben tollerati anche se è presente comunque del lattosio. Questo dipende dal nostro grado di intolleranza.
I formaggi che gli intolleranti possono comunque provare a mangiare sono:

  • Asiago
  • Brie
  • Caciocavallo
  • Caciotta
  • Camembert
  • Caprino

  • Crescenza
  • Feta
  • Fior di latte
  • Fontina
  • Quark
  • Taleggio
  • Toma

formaggi-senza-lattosio-supermercato

Formaggi da evitare e varianti senza lattosio

Purtroppo i formaggi freschi a pasta molle, non sottoposti a stagionatura, e ottenuti per coagulazione acida, contengono alte percentuali di lattosio; per questo motivo non possono essere assunti dagli intolleranti:

  • Certosino
  • Fiocchi di latte
  • Formaggi da spalmare
  • Mozzarella
  • Ricotta di vacca o di pecora

Fortunatamente esistono in commercio delle versioni di questi formaggi senza lattosio, ottenute con un procedimento grazie al quale viene aggiunto l’enzima lattasi, ottenuto da un lievito, e che scompone il latte nei 2 zuccheri semplici che lo compongono.
L’unico piccolo inconveniente è che questi ultimi hanno un più alto potere dolcificante, e quindi i formaggi preparati con questo procedimentopossono risultare leggermente piu dolci.

Come vedete, se siete intolleranti al lattosio, non dovrete assolutamente rinunciare ai formaggi, ma basterà solo che, d’ora in poi, stiate attenti a “quali” mangiare!

 

Condividi!

Print Friendly, PDF & Email