Colazione con Skyr e cherimoya, un dessert esotico

Colazione con Skyr e cherimoya
Commenti: 0 - Stampa

Colazione con Skyr e cherimoya, un’insolita combinazione di sapori

La colazione con Skyr e cherimoya è un modo diverso di iniziare la giornata, con un dessert molto gradevole, semplice da preparare e versatile. Questo dessert può essere consumato sia a colazione che a merenda. Infatti, possiede tutte le caratteristiche per impreziosire questi momenti e renderli davvero speciali, regalando un tocco di dolcezza e nutrimento. Anche perché gli ingredienti non sono solo squisiti, ma anche genuini e in grado di giovare all’organismo. Di base, stiamo parlando di un dessert con frutta e yogurt, benché quest’ultimo sia un po’ fuori dagli schemi. Il riferimento è allo Skyr, uno yogurt che viene realizzato quasi come un formaggio, fulcro della tradizione lattiero-casearia islandese.

Il procedimento per realizzare il dessert è davvero semplice, addirittura banale. Si tratta, infatti, di riunire in una ciotola gli ingredienti debitamente lavati, sbucciati e affettati, poi occorre aggiungere lo Skyr e guarnire il tutto con le noci. A questo dolce non manca davvero nulla in quanto frutto di una scelta di ingredienti davvero azzeccata. Per quanto riguarda le proprietà nutrizionali troviamo una spiccata abbondanza di vitamine, sali minerali, fibre e persino proteine. Insomma, consiglio di dare una chances a questa interessante ricetta.

Lo Skyr, un latticino speciale

Tra i protagonisti di questa colazione con cherimoya spicca lo Skyr. Come ho già accennato, si tratta di uno yogurt che appartiene alla tradizione scandinava, e in particolare a quella islandese. Dal punto di vista puramente tecnico è un formaggio, in quanto è realizzato con il caglio di vitello. Il gusto, però, è molto simile a quello dello yogurt greco. Tuttavia, rispetto a quest’ultimo, è più neutro, quindi può essere impiegato tanto per le ricette dolci quanto per quelle salate. Sotto il profilo nutrizionale lo Skyr è molto interessante, in quanto a fronte di un apporto calorico inferiore alla media, apporta molte proteine, sali minerali e vitamine. La presenza di grassi, poi, è davvero minima.

Colazione con Skyr e cherimoya

Per questa ricetta consiglio lo Skyr di Exquisa, una delle prime aziende che ha importato questo prezioso prodotto in Italia, rivisitandolo in un’ottica di consumo tendenzialmente mediterraneo. Exquisa, mettendo a disposizione lo Skyr, dimostra ancora una volta la volontà di offrire sempre prodotti diversi, in una prospettiva che coniuga il mangiar bene e il mangiar sano. Di base lo Skyr contiene lattosio, ma non preoccupatevi in quanto l’offerta di Exquisa è ricca di prodotti lactose-free, che possono degnamente sostituirlo.

Cos’è la cherimoya e quali sono le sue caratteristiche

cherimoyaLa colazione o merenda con Skyr e cherimoya è soprattutto un dessert a base di frutta. La lista degli ingredienti contiene i classici lamponi, fragole e banane, ma anche un frutto “strano”, che sicuramente pochi di voi conoscono. Il riferimento è al cherimoya, un frutto “andino”, ma coltivato anche in alcune zone del Mediterraneo, come la fascia collinare delle province di Reggio Calabria, Catania e Messina (oltre che in Spagna e in Grecia). Il cherimoya è conosciuta anche come cirimoia o anona.

E’ un frutto particolare, anche perché è quanto di più vicino ci sia, nel mondo vegetale, al concetto di dessert. La polpa è morbidissima, e se consumata al corretto stadio di maturazione “cede” al tatto. E’ soprattutto dolce e richiama al sapore delle creme. In virtù della sua consistenza, si sposa alla perfezione con lo Skyr e con gli altri ingredienti. La cherimoya è un frutto nutriente, ma anche abbastanza calorico per via di un contenuto di grassi (buoni) superiore alla media. Il cherimoya è allo stesso tempo ricco di vitamine e sali minerali. Per esempio, spicca per l’apporto di potassio, fosforo, vitamina C e vitamina E. Un etto di cherimoya, equivalente più o meno a un frutto, apporta tra le 70 e le 90 kcal.

La frutta secco fa bene alla salute!

Comprovato, sempre secondo studi e ricerche, anche l’effetto benefico su coloro che soffrono di diabete: gli alimenti di cui stiamo parlando, in particolare mandorle, anacardi e pinoli, sono ricchi tra le altre cose di magnesio e potassio, utili nel prevenire la malattia.

Mentre contro lo stress, un periodo di depressione o di sindrome premestruale, possono essere rilevanti gli apporti di magnesio e di vitamina B garantiti da pistacchi e anacardi.

Capitolo stitichezza: anche in questo caso può risultare utile della frutta secca per incrementare l’apporto di fibre, attraverso noci, pistacchi o mandorle di macadamia.

Per rinvigorire la pelle si può contare anche sul contributo di nocciole e mandorle, in grado di porre un’azione di contrasto ai radicali liberi e di ridurre le infiammazioni. Poi ci sarebbe anche da rivedere la leggenda che la frutta secca farebbe ingrassare: autorevoli studi hanno dimostrato che consumare con giudizio noci, nocciole e mandorle diminuisce il rischio obesità.

E non possono mancare i frutti di bosco

Con l’espressione “frutti di bosco” si indicano tantissime specie di frutti, che crescono principalmente allo stato selvatico e trovano il loro habitat ideale nei terreni acidi del sottobosco, leggermente arieggiati e soleggiati. Individuare delle caratteristiche comuni a tutti i frutti di bosco non è poi così semplice, anche perché sono davvero tanti.

Tuttavia, un leitmotiv è certamente l’elevata concentrazione di acido ellagico, una sostanza antiossidante molto potente. Molto diffusa è la presenza delle antocianine, altre sostanze antiossidanti che, oltre ad agire in funzione anticancro, sono responsabile del colore rosso e violaceo che la maggior parte dei frutti di bosco vanta. In genere, poi, le concentrazioni di vitamine e sali minerali sono piuttosto buone. Il contenuto calorico, infine, è sempre abbastanza modesto.

Ecco la ricetta della colazione con Skyr e cherimoya:

Ingredienti per 4 persone:

  • 2 cherimoya,
  • 400 gr. di Exquisa Skyr,
  • 12 fragole,
  • 2 banane,
  • 8 noci.

Preparazione:

Per la preparazione della colazione con Skyr iniziate sbucciando i cherimoya e privandoli dei semi, poi fate a pezzetti la polpa. Ora trasferite questi ultimi in una ciotola e aggiungete lo Skyr, le banane affettate e le fragole fatte a pezzi. Mescolate per bene il tutto e distribuite il composto ottenuto in quattro ciotole da servizio. Infine, guarnite con noci sminuzzate e servite.

5/5 (406 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Exquisa

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Charlotte con crema di castagne

Charlotte con crema di castagne, una deliziosa scoperta

Charlotte con crema di castagne, sapori d’autunno Oggi vi presento la charlotte di castagne (o meglio con crema di castagne), una torta davvero speciale e in grado di conquistare occhi e palato....

budino sbagliato

Il budino sbagliato di Carlo Cracco per stupire...

Il budino sbagliato, quando la creatività incontra la tradizione Il budino sbagliato è una ricetta di Carlo Cracco, il famoso chef stellato ha deciso di interpretare liberamente la ricetta del...

Victoria sponge cake

Victoria sponge cake, un’idea per la Festa dei...

Victoria sponge cake, una delizia della pasticceria anglosassone La Victoria Sponge Cake, come suggerisce il nome, è una specialità della pasticceria inglese. E' conosciuta anche come Victoria...

Torta fredda con Skyr e frutti di bosco

Torta fredda con Skyr e frutti di bosco,...

Torta fredda con Skyr, una variante sui generis della cheesecake La torta fredda con Skyr e frutti di bosco può essere considerata come l’evoluzione della cheesecake. Il procedimento è simile,...

Parrozzo

Il parrozzo, uno golosissimo dolce abruzzese

Il parrozzo, un dolce al cioccolato fuori dall’ordinario. Il parrozzo, detto anche pane rozzo, è un dolce tipico della cucina abruzzese che vanta una lunga tradizione. E’ stato inventato agli...

Torta al pandan

Torta al pandan, un magnifico dessert colorato

Torta al pandan, un’idea per una merenda fuori dal comune La torta al pandan, o pandan cake, è un dolce che rende molto sul piano estetico. Lo potete notare dalla foto, infatti si distingue per...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


15-02-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti