bg header
logo_print

Pancake proteici con banana per una colazione sana

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Pancake senza farina con banana
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette a basso contenuto di nichel
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
3.9/5 (15 Recensioni)

Pancake proteici con banana e cocco, un dolce dietetico

Il pancake proteici con banana e cocco è l’ideale per una merenda o una colazione a bassissimo contenuto di carboidrati. Come suggerisce il nome, si caratterizza per la totale assenza di farina. L’impasto è realizzato facendo ampio uso di ingredienti capaci di addensarsi e di legarsi tra di loro. Sicché i pancake risultano gradevoli anche a livello di texture.

Per inciso, l’impasto è frutto dell’unione tra banane, le immancabili uova, i mirtilli e il cocco rapè. Ovviamente le uova vanno utilizzate intere in modo da sfruttare le proprietà dell’albume, e le banane vanno schiacciate a dovere. Il consiglio è di utilizzare banane molto mature, che meglio delle altre si trasformano in purea. Proprio la presenza delle banane nell’impasto rende questi pancake non solo squisiti, ma anche salutari.

Le banane, nonostante il senso comune, possono dire molto sotto il profilo nutrizionale. Il riferimento è alla presenza del potassio, che è davvero abbondante. Il potassio interviene in molte dinamiche dell’organismo, e in particolare sulle performance della pressione sanguigna.

Contengono una buona dose di vitamina C e di vitamine del gruppo B. Stesso discorso per alcuni sali minerali come il calcio (utile alle ossa) e il ferro. I grassi sono quasi assenti, così come il colesterolo. L’apporto calorico, allorché basso in termini assoluti, è superiore a quello di molti frutti: siamo sulle 90 kcal per 100 grammi.

Ricetta pancake proteici

Preparazione pancake proteici

Per la preparazione del pancake senza farina con banana e cocco iniziate sbucciando e schiacciando le banane con una forchetta, poi trasferitele in una ciotola di grandezza media. Aggiungete la farina di cocco, le uova, la cannella, mescolate e unite gran parte dei mirtilli (conservatene un po’ per la fase di guarnizione). Versate in una padella antiaderente di 25 cm l’olio di cocco, riscaldatelo a fiamma media, poi versateci dentro due o tre cucchiai di composto, che corrispondono a due o tre pancake.

Cuocete i pancake per tre minuti ciascuno (due per un lato e uno per l’altro). Servite i pancake disponendoli uno sull’altro, poi guarniteli con i mirtilli e una bella sventagliata di cocco rapè. Non dimenticate lo sciroppo d’acero, il condimento per eccellenza dei pancake proteici. Oltre alla frutta fresca, potete aggiungere anche una manciata di frutta secca tritata e due cucchiai di yogurt greco.

Potete servire i pancake con una spolverata di zucchero a velo oppure cacao amaro. Un’ottima idea può essere una ganache al cioccolato fondente. Personalizzateli come più vi piacciono e fatemi sapere come ve li preparate!

Ingredienti pancake proteici

  • 3 banane mature
  • 6 uova
  • leggermente sbattute
  • 2 cucchiaini di olio di cocco per friggere
  • 2 cucchiai di sciroppo d’acero
  • 50 gr. di cocco rapè
  • 150 gr. di mirtilli
  • mezzo cucchiaino di cannella in polvere.

Cos’è il cocco rapè?

Se l’impasto del pancake proteici con banane e cocco è stabile il merito è anche del cocco, o meglio del cocco rapè. Con questo termine si intende il risultato di un trattamento specifico della polpa del cocco. Questa viene prima disidratata e poi grattugiata. Il risultato è simile a una farina, almeno dal punto di vista estetico, ma allo stesso tempo diversa.

Infatti il cocco rapè è molto ricco di fibre, più di qualsiasi altra farina “rustica”. Per inciso, le fibre rappresentano un toccasana per l’apparato digerente e consentono di risolvere i piccoli problemi di stipsi. Il cocco rapè si caratterizza anche per l’abbondanza di vitamine e sali minerali. Il riferimento è alla vitamina C e al potassio. Non mancano i grassi, che però sono benefici, soprattutto per il sistema vascolare.

In virtù di ciò, il cocco rapè si caratterizza per un apporto calorico non trascurabile, pari a 660 kcal per 100 grammi. Va detto, però, che non richiede dosi eccessive. In questo caso, infatti, basta mezzo etto per ottenere ben 10 pancakes.

In occasione di questa ricetta il cocco rapè non va trattato, ma mescolato agli altri ingredienti dell’impasto, ovvero alle banane schiacciate, ai mirtilli e alle uova intere.

Pancake senza farina con banana

Tutta la bontà dello sciroppo d’acero

I pancake proteici con banana e cocco, per quanto particolari, rimangono comunque dei pancake. Dunque non può mancare lo sciroppo d’acero. Lo sciroppo d’acero è una sostanza dolce e molto aromatica, che viene ampiamente utilizzata come condimento.

Si ricava dalla linfa dell’acero, che si raccoglie a inizio primavera e viene sottoposta a bollitura. Lo sciroppo d’acero si caratterizza non solo per il suo sapore gradevole e per la sua azione dolcificante, ma anche per le proprietà nutrizionali. Contiene molti sali minerali e un valore non trascurabile di vitamine.

E’ anche un discreto depurativo per la presenza dell’acqua e di altre specifiche sostanze. Una curiosità riguarda il rapporto tra lo sciroppo d’acero e i grassi.

In genere viene considerato come un condimento calorico, quindi associabile a un approccio alimentare non molto salutare. In realtà, pur non essendo privo di grassi, aiuta l’organismo a bruciarli. Dunque, può sembrare strano, ma è comunque un alleato per chi è a dieta.

La cannella, una spezia perfetta

I pancake proteici con banana e cocco sono dei dolci semplici che fanno leva su pochi ingredienti. Questi pancake sono senza glutine e senza lattosio, sicché possono essere consumati da chi soffre di intolleranze alimentari. Per la preparazione dei pancake vengono utilizzate poche spezie e condimenti.

Nello specifico viene usata la sola cannella. Si tratta di una spezia preziosa, utilizzata soprattutto in pasticceria o nella cucina “salata”, che dona ai piatti un gradevole sentore agrodolce. La cannella ha due importanti proprietà: è speziante e dolcifica. La cannella ha un sapore specifico, e con quello arricchisce le preparazioni. E’ anche un dolcificante, non allo stesso livello dello zucchero e del miele, ma poco ci manca.

Come tutte le spezie che si rispettino, anche la cannella presenta delle eccellenti proprietà nutrizionali molto vicine al curativo. Il riferimento è al potere infiammatorio, simile a quello del potentissimo zenzero, e alla sue funzioni antiossidanti. Il consumo moderato di cannella, quindi, aiuta a prevenire il cancro.

Vi lascio anche una ricetta interessante. I pancakes proteici con albumi e fiocchi di latte sono una variante dei classici pancakee sono preparati con farina di avena senza glutine. Possono essere consumati in qualsiasi momento della giornata, ma danno il meglio di sé a colazione, visto il loro apporto proteico fuori dal comune. Sono adatti anche a un regime alimentare per chi pratica sport grazie alla presenza solo degli albumi.

Ricette con banane ne abbiamo? Certo che si!

3.9/5 (15 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Barfi di anacardi

Barfi di anacardi, una variante del celebre dolce...

Barfi di anacardi, una delizia da gustare I barfi di anacardi sono più buoni dei barfi classici, in quanto sono più ricchi di sapore. Gli anacardi sono infatti tra la frutta a guscio più...

Rose Soan Papdi

Ricetta Rose Soan Papdi: un dolce indiano colorato...

Rose Soan Papdi: una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari Tra i tanti pregi della ricetta del Rose Soan Papdi spicca la piena compatibilità con chi soffre di celiachia e con gli...

Chebakia

Chebakia, dal Marocco un delizioso dolce alle mandorle

Quale miele utilizzare? Una volta modellati, i chebakia vanno fritti in olio di semi, ma la ricetta non si conclude con la cottura. Arrivati a questo punto, infatti, si prepara un composto di miele...