Cavolfiore

cavolfiore

Il cavolfiore, pur essendo considerato un ingrediente povero, è tra gli alimenti più apprezzati e ricorrenti della cucina italiana. Si caratterizza per la tipica infiorescenza, che forma quella che viene comunemente chiamata “testa” o “palla”, composta da grandi peduncoli floreali ammassati uno contro l’altro. Il cavolfiore è una specie molto versatile, ossia si adatta a quasi tutti i tipi di terreno, e può essere raccolto da ottobre a maggio. Tutte le varietà di cavolfiore si distinguono proprio per lo stato di maturazione e il periodo di raccolta.

Questo ortaggio è anche un alimento molto nutriente, infatti contiene tantissima vitamina C e potassio. E’ inoltre ricco di antiossidanti e sostanze antinfiammatorie, in buona sostanza fa bene all’apparato cardiovascolare e alla tiroide. Infine ha un apporto calorico davvero basso, pari a 40 kcal per 100 grammi.

Le più conosciute varietà di cavolfiore

Esistono numerose varietà di cavolfiore, le quali si distinguono principalmente per il periodo in cui vengono raccolte. Dunque presentano gradi di maturazione differenti. Ecco un’esaustiva panoramica delle varietà di cavolfiore.

  • Autunnale. Si caratterizza per una infiorescenza piuttosto croccante e per un sapore corposo; è il classico cavolfiore da insalata.
  • Invernale. Come croccantezza e sapore è simile a quello autunnale, per quanto risulti al palato un po’ più dolce e morbido.
  • Primaverile. Questa varietà si caratterizza per un sapore nettamente più dolce delle altre e una morbidezza spiccata. Viene impiegata principalmente come condimento per i primi piatti.

Come possiamo utilizzarlo in cucina?

Il cavolfiore ha una caratteristica in realtà sgradevole, infatti quando viene cotto tende a puzzare. Questa particolarità è dovuta ad alcune particolari sostanze che ricoprono la superficie, ma che non hanno nessun impatto né in termini di gusto né tantomeno in termini di valore nutrizionale. A prescindere da ciò il cavolfiore spicca per una certa versatilità, come dimostrano le tante ricette che lo vedono come protagonista. Qui sotto ne presento alcune.

Una parte delle ricette a base di cavolfiore fanno parte delle tradizioni regionali italiane, soprattutto quelle del nord Italia. In particolare mi riferisco alle ricette che vedono il cavolfiore come condimento dei famosi canederli. Altre ricette sono invece più ambiziose e propongono abbinamenti particolari, mi riferisco in particolare alle ricette “fusion” che associano il cavolfiore a ingredienti tipici di altre culture culinarie come il wasabi e la tempura.


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti