Camembert al forno, una ricetta per la festa del papà

Camembert al forno
Commenti: 0 - Stampa

Camembert al forno con verdure, come valorizzare questo formaggio

Il camembert al forno con verdure e crostini è una ricetta veloce, che offre la massima resa al minimo sforzo. Infatti, il procedimento è quasi banale e alla portata di tutti. Si tratta di “cuocere” il formaggio, o per meglio dire riscaldarlo, condirlo con del buon miele di acacia e accompagnarlo con delle verdure sbollentate e degli ottimi crostini di pane. La ricetta si regge quasi esclusivamente sul camembert, una scelta più che nobile se si considerano le caratteristiche di questo formaggio. Il camembert è di origine francese ed è classificato come formaggio a pasta molle, con una crosta fiorita e a brevissima stagionatura. Si presenta, infatti, come cremoso, a tal punto da poter essere spalmato. Anche per questo motivo, è sovente impiegato nella realizzazione di salse e condimenti, o comunque all’interno di ricette salate.

Esistono svariate tipologie di camembert. Quella più pregiata è il camembert di Normandia, che ha acquisito il marchio DOP quasi trent’anni fa. Molto buono è anche il camembert Fermier, che è il più stagionato di tutti e quindi più sapido. Molto particolare è il camembert al sidro, che spicca per sentori dolci davvero gradevoli. Consiglio di preparare questa pietanza per la festa del papà, è il miglior modo per allietare una giornata importante, dedicata alla celebrazione del rapporto con il proprio genitore. Anche perché si tratta di una ricetta a suo modo “particolare” e sui generis, da preparare per le grandi occasioni. Tra l’altro, è pronta veramente in pochissimi minuti, tempo di sbollentare le verdure e cuocere brevemente il formaggio al forno.

Le peculiarità del miele di acacia

L’abbinamento formaggio-miele, utilizzato nel nostro camembert al forno, non è certo una novità. Tuttavia, in genere si prediligono formaggi molto stagionati, come il nostro Parmigiano Reggiano. Dunque, la presenza in contemporanea del camembert, che ha una pasta decisamente molle e cremosa, e il miele può essere considerata una novità, o comunque una scelta che punta alla sperimentazione. Il sapore delicato ma allo stesso tempo corposo del camembert risulta valorizzato dalla tenue dolcezza del miele di acacia. Anche in termini di texture l’abbinamento si rivela più che valido.

Camembert al forno

Ovviamente, occorre prediligere solo ed esclusivamente il miele di acacia, in quanto qualsiasi altra variante potrebbe stonare. Il miele di acacia si caratterizza, infatti, per un sapore molto delicato, a tratti neutro, ma in grado di supportare gli altri ingredienti. E’ un miele forse sottovalutato, almeno rispetto al millefiori, tuttavia merita maggiore risalto, e non solo come ingrediente da impasto, come viene ancora oggi considerato.

Quale burro utilizzare per il nostro camembert?

La lista degli ingredienti del camembert al forno comprende il burro. Nello specifico, va utilizzato per cuocere, o per meglio dire “ripassare” le verdure già sbollentate. Anzi, proprio la presenza del burro contribuisce a renderle più saporite e un po’ più croccanti. Operazione tutto sommato semplice, a patto di scegliere il burro giusto. Per l’occasione io consiglio di rinunciare al burro standard e di protendere per il burro chiarificato.

La sua particolarità consiste nella totale assenza della caseina, che da un lato determina una maggiore presenza di grassi, ma dall’altro esclude la presenza del lattosio. Il burro chiarificato, sempre grazie all’assenza della caseina, resiste meglio alle alte temperatura, da qui la sua importanza in cucina. Non è un caso che al di fuori dell’Italia, e in particolare in Francia, rappresenti l’ingrediente standard per soffriggere e cuocere.

Camembert o Brie?

Il Camembert senza lattosio ancora non sono riuscita a trovarlo di nessuna marco. Essendo un formaggio a pasta molle e crosta fiorita gli intolleranti al lattosio possono sostituirlo tranquillamente con il Brie o con il Cremosissimo Bergader Benessere (senza lattosio) . L’unica differenza è che le formaggelle di Brie sono un po’ più piccole percui dovrete fare delle monoporzioni e servirle direttamente appena sfornate.Il risultato sarà pressochè identico.

Ci sono molte aziende che producono il Brie senza lattosio percui non sarà difficile reperirlo. Il Brie si presta per molte preparazioni. Si puo’ gustare anche in purezza o utilizzare per farcire dei panini. Puo’ essere anche spalmato su delle tartine con un cucchiaio di miele e delle noci tritate. E’ un formaggio che si scioglie molto bene e questo lo rende ideale anche nella preparazione di salse e zuppe. Viene molto utilizzato negli aperitivi tagliato a cubetti e impanato con pangrattato, tuorlo d’uovo e poi fritto.

Il Camembert e il Brie sono sicuramente i due formaggi francesi più conosciuti al mondo. Nella casa di un francese sul tagliere di formaggi non mancheranno mai. E voi come gustate questi deliziosi formaggi? Se avete qualche idea o consiglio lo accetto molto volentieri. Aspetto le vostre idee!

Ecco la ricetta del camembert al forno con verdure e crostini:

Ingredienti per 4 persone:

  • 250 gr. di Camembert o Cremosissimo Bergader Benessere (senza lattosio),
  • 200 gr. di verdure miste (zucchine, carota, zucca e cavolfiore),
  • 60 gr. di burro chiarificato,
  • 30 gr. di miele di acacia,
  • q. b. di sale.

Preparazione:

Per la preparazione del camembert al forno iniziate pulendo le verdure e tagliandole per bene. Nello specifico, fate la zucca a dadini, le zucchine e le carote a fette sottili e i cavolfiori a rosette. Poi sbollentate le verdure in pentole diverse con acqua leggermente salata. Infine, scolatele e passatele in padella con il burro, aggiustando con un po’ di sale.

Adagiate il camembert nello stampo apposito e cuocetelo al forno per 2 minuti a 200 gradi. Guarnite il camembert con il miele di acacia e servite accompagnandolo con le verdure sbollentate e con qualche crostino di pane.

5/5 (497 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

festa del papa

Festa del papà con un menu perfetto

Una ricorrenza da celebrare in allegria La Festa del Papà è una ricorrenza carica di significati, è l’occasione per dichiarare l’affetto che si prova per il proprio padre, ma anche per...

Crostata con cioccolato e crema di formaggio

Crostata con cioccolato e crema di formaggio, una...

Crostata con cioccolato e crema di formaggio al caffè, un dolce originale La crostata con cioccolato e crema di formaggio al caffè è un dolce squisito, dal gradevole impatto visivo e in grado di...

torta al cacao con pralinato di arachidi

Festa del papà: Torta al cacao con pralinato...

Un dolce pensiero per il migliore dei papà Quest’anno abbiamo deciso di festeggiare con una torta al cacao con pralinato di arachidi il giorno di S. Giuseppe, che ogni 19 Marzo in Italia...

Quadrotti fondenti

Quadrotti fondenti ciocco-caffè per la Festa del Papà

Cosa sono i quadrotti fondenti ciocco-caffè? I quadrotti fondenti ciocco-caffè sono un dolce delizioso, adatto alle occasioni in cui l’allegria e la convivialità la dovrebbero fare da padrone....

Torta al caffe di cicoria

Festa del papà con la Torta al caffè...

Una torta per un papà davvero speciale! Cari papà sta arrivando il vostro giorno e per il 19 Marzo vi vogliamo dedicare una deliziosa Torta al caffè. E' una proposta alternativa alle solite...

Mini madeleine centro America

Mini madeleine centro America per la Festa del...

Una madeleine diversa dalle altre La mini madeleine centro America è una variante molto particolare della madeleine francese, dolce tipico d'oltralpe, attestato già nel XVII secolo e dunque capace...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


13-03-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti