bg header
logo_print

Insalata di rinforzo senza lattosio – tradizione campana rivisitata

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Insalata di rinforzo
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana, Natale
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 6 persone
Stampa
Array
5/5 (2 Recensioni)

Insalata di rinforzo, un classico del Natale napoletano

L’insalata di rinforzo è un piatto tipico della tradizione natalizia napoletana, che si prepara soprattutto durante il cenone della vigilia di Natale. Il nome è tutto un programma, e in qualche modo richiama l’abbondanza delle tavolate natalizie. Lo scopo della ricetta è infatti “rinforzare” lo stomaco tra una portata e l’altra, soprattutto quando  arrivano in tavola gli abbondantissimi secondi della tradizione natalizia campana. D’altronde è un contorno ricco con una lunga lista di ingredienti, infatti propone molti ortaggi, tra cui alcuni sott’aceto, e persino un elemento di pesce. Si usa per accompagnare piatti a base di carne e a base di pesce.

Come tutte le ricette tradizionali, anche quella dell’insalata di rinforzo presenta molte varianti. Insomma, quasi ogni famiglia ha la sua. Tuttavia, due ingredienti ricorrono sempre e comunque: i cavolfiori, che fungono da base per l’insalata, e i classici peperoni tondi della cucina napoletana, rigorosamente sott’aceto. Se non riuscite a reperirli, non temete, vanno bene anche i peperoni standard. L’importante è che siano rossi, come vuole la tradizione.

Ricetta insalata di rinforzo

Preparazione insalata di rinforzo

Per preparare l’insalata di rinforzo dovrete iniziare dal cavolfiore. Pulitelo, rimuovete le foglie e staccate le cimette. Poi fate bollire tanta acqua in una pentola, salatela leggermente con del sale grosso e lessate le cimette per 15 minuti. Intanto occupatevi degli altri ingredienti. Scolate i cetrioli, le olive e i peperoni, poi lavateli sotto l’acqua corrente e tagliateli.

I peperoni fateli a listarelle, le olive tagliatele in due, mentre i cetrioli affettateli a rondelle. Ora scolate le cimette di cavolfiore e mettetele in una insalatiera per farle raffreddare. A questo punto unite i peperoni, i cetrioli, le olive e i capperi. Per ultime unite le acciughe sott’olio. Condite con un po’ di sale, tanto pepe, aceto e qualche giro di olio extravergine di oliva. Servite la vostra insalata rinforzata e buon appetito.

Ingredienti insalata di rinforzo

  • 700 gr. di cavolfiore
  • 150 gr. di peperoni sott’aceto
  • 50 gr. di capperi sott’aceto
  • 8 cetrioli sott’aceto
  • 15 acciughe
  • 50 gr. di olive verdi denocciolate
  • 50 gr. di olive nere denocciolate
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • 1 cucchiaio di aceto di vino
  • 1 pizzico di sale e di pepe.

La cucina italiana è intrisa di tradizioni regionali che si tramandano di generazione in generazione, e la Campania in particolare brilla per i suoi piatti colmi di colore e sapore. L’Insalata di rinforzo è uno di questi tesori culinari, tradizionalmente servita durante le festività natalizie. È una sinfonia di cavolfiori sott’aceto, peperoni, olive e acciughe che danzano insieme in una vivace insalata che riflette lo spirito festoso.

Ma cosa accade quando la tradizione incontra le necessità moderne, come l’esigenza di evitare il lattosio? La risposta è una rivisitazione attenta che mantiene l’integrità del piatto pur adattandolo ai nuovi regimi alimentari.  Questo adattamento non solo rende l’Insalata di rinforzo accessibile a coloro che seguono una dieta priva di lattosio, ma apre anche la porta a nuove interpretazioni di un classico, dimostrando che la cucina tradizionale può evolversi mantenendo intatte le sue radici.

Le proprietà nutritive dei cavolfiori

Per quanto concerne i cavolfiori, la loro presenza è fondamentale nell’insalata di rinforzo alla napoletana per dare un certo equilibrio al contorno. Il loro sapore è riconoscibile, ma tutto sommato tenue. Sono anche abbastanza leggeri, con i loro 20 kcal per 100 grammi e la totale assenza di grassi. I cavolfiori sono ricchi di vitamina C, che fa bene al sistema immunitario. Contengono anche alcune sostanze che aiutano a guarire più in fretta dalle affezioni stagionali e regolano il funzionamento della tiroide. Infine, sono ricchi di sali minerali, come il calcio e il potassio.

Esistono svariate tipologie di cavolfiore, che si differenziano principalmente per il colore. Tuttavia, vi consiglio di utilizzare i classici cavolfiori bianchi, più per una questione di “armonia cromatica” che di gusto. Per inciso, i cavolfiori vanno lessati in abbondante acqua e uniti agli altri ingredienti. Inoltre, devono essere tagliati in modo preciso, affinché possano interagire efficacemente con gli altri ortaggi. In particolare vanno eliminate le foglie e staccate le cimette una ad una.

Un’insalata ricca di sott’aceti

La lista degli ingredienti dell’insalata di rinforzo napoletana prosegue con molti ortaggi e verdure sott’aceto. Per esempio, troviamo i già citati peperoni rossi della tradizione napoletana, che spiccano per la forma “tozza” e per il sapore leggermente dolciastro. I peperoni, benché sott’aceto, conservano tutte le loro proprietà nutritive. A tal proposito va sfatato un mito: non è vero che siano pesanti. Tale convincimento deriva dalla tendenza a friggerli e a conservarne la buccia, che in effetti è un po’ indigesta. Per il resto, si apprezza l’abbondante apporto di vitamina C e di potassio, nonché una certa quantità di fibre. La lista degli ingredienti comprende anche i cetrioli sott’aceto, che aggiungono un tocco di gradevole acidità, che richiama agli agrumi. I cetrioli sono poco calorici e fanno bene alla salute, soprattutto perché ricchi di acqua e di fibre, quindi stimolano la diuresi e la digestione.

Insalata di rinforzo

Infine, troviamo le olive, che in realtà sono dei frutti, per quanto niente affatto dolci. Vanno utilizzate sia le olive nere che quelle verdi. Le prime hanno un sapore più aromatico, le seconde hanno un sapore più corposo. Dal punto di vista nutrizionale si equivalgono in quanto, a fronte di un apporto calorico non eccessivo, regalano una certa quantità di acidi benefici. Infine, troviamo un apporto quanto mai vario di vitamine e sali minerali. Il riferimento è in particolare alla vitamina E, che funge da antiossidante e aiuta a prevenire il cancro.

L’acciuga, un ingrediente che fa la differenza

L’insalata di rinforzo è un contorno molto corposo, ricco di ingredienti e abbastanza calorico. D’altronde è presente anche un alimento di origine animale, ossia le acciughe (o alici), note in alcune zone d’Italia, come la Calabria e la Sicilia. Le acciughe si fanno apprezzare per l’apporto proteico, che non ha nulla da invidiare ai pesci più blasonati. Apportano una certa quantità di grassi, che fanno bene alla nostra salute, come gli acidi grassi omega 3. Ciononostante, l’apporto calorico non è così eccessivo: appena 100 kcal per 100 grammi. Ovviamente, tale cifra è riferita solo al prodotto fresco. Le acciughe sott’olio, per esempio, raggiungono tranquillamente le 200 kcal.

Discorso diverso per le acciughe sotto sale, che impongono una certa attenzione in fase di risciacquo per non ingerire troppo sodio. In ogni caso, le acciughe sono ricche anche di sali minerali. Troviamo il calcio, che fa bene alle ossa e ai denti; il ferro, che regola l’ossigenazione del sangue; il selenio, che preserva la funzione della tiroide e rinforza le difese dell’organismo. Per quanto riguarda le vitamine, troviamo tutte quelle tipiche degli alimenti di origine animale, dunque afferenti al gruppo B.

Ricette di insalate ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Crostini di foie gras

Crostini di foie gras, l’antipasto elegante per Capodanno

Perché è meglio usare la baguette? Quale pane utilizzare per i crostini di foie gras? Stiamo parlando di una specialità francese, dunque la baguette è d’obbligo, tra l’altro la baguette si...

Punch natalizio al cocco

Punch natalizio al cocco, la bevanda per le...

Cosa sapere sul latte di cocco Buona parte del sapore di questo punch alcolico natalizio è dato proprio dal latte di cocco. Le sue note morbide e dolci emergono in modo preponderante, ma sono...

Nocchiata

Nocchiata, il dolce natalizio della cucina romana

Quale frutta secca usare per la nocchiata? La ricetta della nocchiata, benché molto antica, è declinata in diverse varianti. L’elemento di differenziazione più importante è proprio la frutta...