Farfalle con pesto di cavolfiore, un piatto semplice

Farfalle con pesto di cavolfiore
Commenti: 0 - Stampa

Farfalle con pesto di cavolfiore, una ricetta semplice e gustosa

Le farfalle con pesto di cavolfiore sono un primo che appartiene alla tradizione italiana, per quanto di natura strettamente popolare. Si tratta di una pietanza molto semplice da preparare, che si fregia della presenza di uno degli ortaggi più buoni, nutrienti e allo stesso tempo sottovalutati: il cavolfiore. Molto spesso, questo alimento viene messo in secondo piano a causa di uno sgradevole effetto collaterale, ossia il cattivo odore che sprigiona in fase di cottura. Va detto, però, che l’odore sparisce una volta terminata la cottura, dunque non si ripercuote sul gusto. Se ben cucinato, e gestito con accortezza, il cavolfiore è un alimento che si fa apprezzare da tutti i palati.

Nel caso specifico, va realizzato una specie di pesto al cavolfiore. Il procedimento, in realtà, è piuttosto diverso da quello del classico pesto. In primis perché manca il basilico, secondariamente perché il cavolfiore va frullato dopo essere stato leggermente sbollentato e soffritto insieme alla cipolla e altre verdure. Inoltre, il pesto di cavolfiore, per garantire un maggiore corpo alla pietanza, deve essere unito alla panna e frullato per bene. Per il resto, c’è veramente poco da dire, infatti non rimane altro che condire la pasta con questo speciale pesto e arricchire il tutto con un po’ di maggiorana prima di servire.

Il ruolo della maggiorana

La maggiorana, utilizzata nelle farfalle con pesto di cavolfiore, è un’erba aromatica molto diffusa, per quanto non utilizzata frequentemente in cucina. Dal punto di vista organolettico ricorda il prezzemolo, per quanto alcuni rilevino un qualche sentore di origano. In ogni caso, il suo sapore è indubbiamente più delicato. Nella ricetta delle farfalle con pesto di cavolfiore interviene in una fase molto avanzata, appena prima del servizio. Molto banalmente, le sue foglioline vengono utilizzate per guarnire il piatto. La maggiorana si fa apprezzare non solo per il suo contributo in termini organolettici, ma anche per le sue proprietà nutrizionali. Anche in questo caso, stiamo parlando di proprietà nutrizionali così importanti da sfociare nello pseudo-terapeutico.

Farfalle con pesto di cavolfiore

Per esempio, la maggiorana è un efficacissimo antidolorifico e antinfiammatorio, soprattutto in caso di dolori cronici. Inoltre, la maggiorana esercita proprietà digestive, antierpetiche e antispasmodiche. E’ anche un blando sedativo in quanto genera un effetto calmante per l’apparato digerente, molto utile in caso di cattiva digestione. Essendo anche un antisettico, può incidere favorevolmente in caso di raffreddori e bronchiti. Per quanto riguarda gli elementi nutritivi veri e propri, la maggiorana contiene grandi dosi di vitamina C e di tannino, una sostanza che agisce a protezione dell’apparato cardiovascolare ed esercita una funzione antiossidante.

Perché abbiamo utilizzato il cavolfiore?

Come ho già accennato, il cavolfiore, utilizzato nelle nostre farfalle con pesto di cavolfiore, è un alimento prezioso. In primis si presta alle diete dimagranti, persino a quelle estremamente ipocaloriche. Infatti, l’apporto di calorie del cavolfiore è molto basso e quasi inesistente. Inoltre, è particolarmente indicato ai diabetici in quanto contiene sostanze che tendono ad abbassare la glicemia. Per quanto concerne i nutrienti veri e propri, il cavolfiore può vantare una quantità eccezionale di vitamine e sali minerali. Infatti, contiene tantissima vitamina C, ma anche potassio e magnesio.

Caso più unico che raro tra le verdure che non fungono da spezia, il cavolfiore esercita anche una funzione antinfiammatoria, per quanto non paragonabile a quella dello zenzero. Sicuramente, siete già al corrente che il cavolfiore emana un cattivo odore in fase di cottura. Il problema esiste, ma è anche facilmente aggirabile, infatti prima di cuocere il cavolfiore basta immergerlo per un certo periodo di tempo in una soluzione di acqua e aceto. I cavolfiori sono anche tra gli alimenti più versatili in assoluto, protagonisti di tantissime ricette che lo vedono non già come contorno, ma come ingrediente principale.

Ecco la ricetta delle farfalle con pesto di cavolfiore:

Ingredienti per 4 persone:

  • 320 gr. di farfalle consentite,
  • 500 gr. di cavolfiore,
  • 1 porro,
  • 1 cipolla,
  • 3 cucchiai di panna consentita,
  • 1 gambo di sedano,
  • 120 gr. di parmigiano reggiano stagionato 36 mesi,
  • qualche foglia di maggiorana,
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
  • q. b. di sale e pepe.

Preparazione:

Per la preparazione delle farfalle con pesto di cavolfiore iniziate sbucciando il cavolfiore, poi lavatelo e bollitelo in acqua leggermente salata. Infine, scolatelo e mettete da parte l’acqua di cottura. Ora sbucciate e fate a fette la cipolla e il porro. Poi lavate il sedano e tagliatelo a pezzi. Nel frattempo mettete a bollire la pasta in acqua leggermente salata.

Ora rosolate la cipolla, il sedano e il porro in un po’ di olio extravergine d’oliva. Versate in padella anche il cavolfiore rosolandolo leggermente, poi prendete un frullatore ad immersione e frullate il tutto. Aggiungete la panna, 60 grammi di parmigiano e l’acqua di cottura del cavolfiore, infine frullate il tutto fino a quando non avrete ottenuto una crema abbastanza densa. Dopo averla scolata, condite la pasta con la crema al cavolfiore, poi aggiungete un po’ di parmigiano, qualche foglia di maggiorana e servite. Buon appetito!

5/5 (433 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

cock a leekie

Cock a leekie, la zuppa di pollo della...

Cock a leekie, un pasto completo e squisito Il cock a leekie è un piatto tipico della cucina scozzese. Si tratta di una cucina che è capace di regalare degli spunti interessanti, diversi da quelli...

Vellutata di finocchi e gamberi

Vellutata di finocchi e gamberi, una crema insolita

Vellutata di finocchi e gamberi, un abbinamento davvero unico La vellutata di finocchi e gamberi è un primo piatto tra il raffinato e il rustico. Si caratterizza non solo per una texture...

fagottini ripieni con carne di gallina

Insoliti fagottini ripieni con carne di gallina e...

Fagottini ripieni, un primo antispreco. I fagottini ripieni con carne di gallina e Grana Padano sono un primo piatto molto particolare. A prima vista, e anche al primo assaggio, appaiono come una...

Zuppa messicana con tortillas

Zuppa messicana con tortillas, una meraviglia piccante

Zuppa messicana con tortillas, un piatto Tex-Mex La zuppa messicana con tortillas è una zuppa molto diversa da quelle della tradizione mediterranea. In primis sono diversi gli ingredienti, infatti...

Gnocchetti tricolore con stracchino

Sfiziosi Gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante

Gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante, una meravigliosa sinfonia di sapori Gli gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante sono un primo piatto molto particolare. In primis perché...

Maccheroncini di Campofilone al ragu

Maccheroncini di Campofilone al ragù, un primo gustoso

Maccheroncini di Campofilone al ragù, quando la semplicità incontra il gusto I maccheroncini di Campofilone al ragù sono un classico della cucina marchigiana e, per la precisione, del comune di...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


19-01-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti