bg header

Friarielli in conserva, un condimento davvero speciale

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Friarielli in conserva

Friarielli in conserva, un ottimo condimento pronto per l’uso

I friarielli in conserva sono un’idea semplice ma utile per valorizzare uno degli alimenti simbolo della tradizione napoletana e laziale. Il procedimento è alla portata di tutti. I friarielli vanno dapprima scottati in acqua, sale e aceto – soluzione che cuoce e disinfetta allo stesso tempo – e successivamente posti nei barattoli ben sterilizzati, arricchiti con aglio e peperoncino. Infine si copre tutto con l’olio d’oliva. Non essendo sottoposti a pastorizzazione, i friarielli sott’olio durano meno rispetto a molte altre conserve, ma comunque per un periodo di tempo abbastanza lungo. I friarielli in conserva, così come quelli freschi, possono essere impiegati in una miriade di ricette. Possono valorizzare la carne, la pasta e la pizza, inoltre possono fungere da contorno e, perché, consumati così come sono. D’altronde, il loro gusto è gradevole e valorizzato da un leggero tocco di amaro che non guasta.

I friarielli assomigliano alle cime di rapa dal punto di vista organolettico, anche perché in fondo sono quasi la stessa cosa. Per la precisione, i friarielli sono le infiorescenze delle cime di rapa non completamente sviluppate. I friarielli sono strettamente legati alla tradizione pizzaiola napoletana, il riferimento è ovviamente alla pizza salsiccia e friarielli, che propone un abbinamento corposo e allo stesso tempo azzeccato. L’etimologia, inoltre, è palesemente napoletana, non a caso altrove sono chiamati in modo differente: broccoletti nel Lazio, rapini in Toscana, broccoli di rapa in Calabria.

Quale peperoncino usare?

La ricetta dei friarielli in conserva comprende anche tanti altri ingredienti. Essi fungono da supporto e per tanto esercitano una funzione fondamentale per la buona riuscita della conserva. Il riferimento è in particolarmente al peperoncino, ne basta uno per ogni chilo di friarielli.  Vi consiglio di non andare oltre questa dose in quanto vi è il rischio che l’eccessiva piccantezza sbilanci la conserva.

Friarielli in conserva

Per quanto riguarda la tipologia di peperoncini avete ampio margine di discrezione, tuttavia vi consiglio di optare per una varietà media o leggera. D’altronde lo scopo è di aggiungere sapore e un minimo di piccantezza, infatti stiamo parlando di un alimento di contorno. Ad ogni modo, non rinunciate al peperoncino, infatti è anche molto salutare: contiene la capsaicina, una sostanza responsabile della piccantezza in grado di impattare favorevolmente sulla salute dell’apparato cardiovascolare.

L’utilizzo del peperoncino è molto diffuso in tutto il mondo. Piatti tradizionali e non, infatti, vengono insaporiti con questa spezia piccante. Dalla Thailandia all’Italia, dal Messico all’India, infatti, moltissime ricette prevedono l’uso del peperoncino. Enchilada messicana, ‘nduja calabrese o peperonata piccante, sono solo alcune delle pietanze più conosciuta

Ovviamente, il peperoncino può essere utilizzato in tantissimi altri piatti, compresi i dolci, creando contrasti e combinazioni interessanti. Per poter utilizzare al meglio questa spezia, sarà necessario fare molta attenzione alle dosi ma anche alla tipologia di peperoncino utilizzato. Non tutti, infatti, amano i piatti troppo piccanti!

L’importanza della sterilizzazione

I friarielli in conserva, come ho già accennato, non prevedono la pastorizzazione. Dunque, si regge tutto sulle proprietà conservanti dell’olio. In virtù di ciò, dovrete prestare ancora più attenzione alla pulitura e alla sterilizzazione dei barattoli, che devono essere completamente scevri da batteri e microbi. Come si sterilizzano i barattoli? Il procedimento è abbastanza semplice. Ponete uno straccio pulito in una pentola abbastanza alta, adagiateci i barattoli e i tappi. Dopodiché sistemate un altro straccio pulito in modo che funga da barriera tra un barattolo e l’altro (insomma non devono toccarsi).

A questo punto non rimane che riempire la pentola con l’acqua e accendere il fuoco. Dovrebbero bastare tre quarti d’ora dal raggiungimento del bollore. Trascorso questo lasso di tempo, ponete i barattoli a testa in giù affinché si asciughino. Esistono metodi alternativi per la sterilizzazione, come quello al microonde. In questo caso lavate i barattoli con il detersivo per i piatti, successivamente riempiteli per metà di acqua e “riscaldateli” al microonde per un minuto alla potenza massima. Infine, estraete dal forno i barattoli usando delle presine, svuotateli e fateli raffreddare.

Ecco la ricetta dei friarielli in conserva:

Ingredienti per 4 vasi:

  • 1 kg. di friarielli,
  • 1 lt. di acqua naturale,
  • 500 ml. di aceto di vino bianco,
  • 3 spicchi d’aglio,
  • 1 peperoncino fresco,
  • q. b. di olio extravergine di oliva,
  • q. b. di sale.

Preparazione:

Per la preparazione dei friarielli in conserva iniziate a pulire i friarielli. Mondate, lavate ed eliminate le foglie più dure. Sbucciate gli spicchi d’aglio. Lavate il peperoncino e tagliatelo a pezzettini piccoli. Poi prendete una pentola e scaldate una soluzione di acqua fredda, sale e aceto. Scottate i friarielli per pochissimo tempo non appena la soluzione inizia a bollire. Scolate i friarielli e fateli asciugare per bene.

Ora mettete i friarielli in un’insalatiera e arricchiteli con l’aglio, un po’ di olio d’oliva e il peperoncino fresco tagliato a fette sottili (se necessario regolate di sale). Infine sterilizzate i barattoli, i tappi e versate i friarielli ricoprendoli per bene di olio. Chiudete ermeticamente, etichettate e conservate il tutto in un luogo fresco e asciutto. Si conservano per qualche mese e una volta aperto il barattolo consumate nel giro di due o tre giorni.

3.6/5 (7 Recensioni)
Riproduzione riservata
CONDIVIDI SU

4 commenti su “Friarielli in conserva, un condimento davvero speciale

  • Dom 25 Set 2022 | Italia ha detto:

    Salve cosa intende per chiudere i barattoli ermeticamente

    • Lun 26 Set 2022 | Tiziana Colombo ha detto:

      Salve ci sono dei vasi con la guarnizione in gomma e le graffette che facilitano la chiusura ermetica e sicura.

  • Lun 25 Set 2023 | Antonia ha detto:

    Li ho provati a farli ….sono buonissimo

    • Mar 26 Set 2023 | Tiziana Colombo ha detto:

      Grazie Antonia, mi fa davvero molto piacere quando i lettori provano a fare le ricettee e riescono perfettamente!

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Confettura di pesche senza zucchero

Confettura di pesche senza zucchero, buona e fatta...

I tanti usi della confettura di pesche senza zucchero La confettura di pesche senza zucchero può essere utilizzata come qualsiasi altra confettura. Può essere spalmata sulle fette biscottate, sui...

Fagiolini sott’olio

Fagiolini sott’olio, una conserva semplice ma molto utile

Come utilizzare i fagiolini sott'olio I fagiolini sott’olio sono ottimi consumati da soli, come snack salato e saporito sui generis. Sono perfetti anche accompagnati con un po’ di pane, tuttavia...

Mostarda di clementine

Mostarda di clementine, una conserva dolce e aromatica

I tanti usi della mostarda di clementine La mostarda di clementine è una mostarda fatta in casa a base di frutta, che vanta numerosi usi in cucina. Può essere consumata come spuntino, soprattutto...

logo_print