bg header
logo_print

Marmellata di bergamotto, una preparazione speciale

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Marmellata di bergamotto
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 20 min
cottura
Cottura: 1 ore 30 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
3.9/5 (49 Recensioni)

La marmellata di bergamotto è speciale poiché speciale è il suo ingrediente principale, il bergamotto. E’ un agrume che nell’aspetto ricorda un po’ il limone e un po’ il cedro, di dimensioni spesso contenute, dal sapore molto acido se consumato crudo (più acido del limone) ma intenso, fresco e gradevole se sottoposto a trattamento. Il bergamotto è un agrume particolare perché, nella sua variante più pura, cresce solo in un’area ristretta dell’Italia, più specificatamente nel versante ionico della provincia di Reggio Calabria (nella fascia compresa tra i comuni di Villa San Giovanni e Gioiosa Ionico). Il bergamotto calabrese è popolare  anche in Europa.

Ricetta marmellata di bergamotto

Preparazione marmellata di bergamotto

Per la preparazione della marmellata di bergamotto iniziate igienizzando vasetti e tappi praticando la sterilizzazione. Dopo averli lavati, rimuovete la buccia dal limone e dal bergamotto usando il pelapatate, avendo cura di eliminare più parte bianca possibile. Pelate ulteriormente i bergamotti, utilizzando sempre il pelapatate. Ponete tutte le scorze in una pentola con acqua fredda e poi accendete il fuoco. Spegnetelo dopo cinque minuti dal raggiungimento dello stato di ebollizione.

Riducete la polpa del bergamotto a pezzettini eliminando tutti i semi. Mettete i pezzi di polpa in una pentola insieme allo zucchero e il succo di limone, versate abbondante acqua e portate a ebollizione ma a fuoco moderato.

Durante il processo, mescolate ogni tanto. Dopo un’ora circa versate il Grand Marnier e fate cuocere per un’altra mezz’ora.Negli ultimi 10 minuti aggiungete le scorze tagliate finemente.

Per verificare la cottura eseguite la prova del piattino: fate scivolare una goccia di marmellata su un piatto, se entro un minuto si rapprende allora la marmellata è pronta. Versate la marmellata nei vasetti, capovolgete per dieci minuti (serve per eliminare l’aria) e fate raffreddare. Conservate i vasetti in un luogo buio ed asciutto.

Ingredienti marmellata di bergamotto

  • 1 kg. di bergamotti
  • succo di 1 limone bio
  • 600 gr. di zucchero di canna
  • 1/2 bicchierino di Grand Marnier. 

Marmellata di bergamotto, un ingrediente molto particolare.In passato sono stati realizzati tentativi di importazione in Medio Oriente e in Giappone, ma i risultati sono scarsi. Le origini del bergamotto si perdono nell’antichità, sebbene sia salito alla ribalta solo nel XV secolo. Alcune correnti di pensiero vedono il bergamotto originario della Spagna (dove comunque oggi fa molta fatica a svilupparsi) ma si registrano ampie probabilità che questo sia un agrume autoctono della Calabria.

Il bergamotto ricorda il limone e il cedro anche in quanto a gusto, ma propone sentori unici, pesantemente aromatici, a tal punto da essere un ingrediente principale di alcune prestigiose essenze. Il bergamotto è anche un alimento salutare, dal momento che il suo succo contiene grandi quantità di vitamina A, C, B e polifenoli. E’ considerato un efficace antisettico, antibatterico ed esercita persino una blanda funzione analgesica. Il bergamotto è inoltre ricco di antiossidanti e contiene sostanze capaci di esercitare una funzione antidepressiva.

Il Bergamotto: L’essenza mediterranea in cucina

Il bergamotto in cucina. Il profumo inebriante del bergamotto evoca immediatamente immagini di coste soleggiate e brezze marine. Questo piccolo agrume, originario dell’Asia ma ora fortemente associato alla regione calabrese in Italia, non è solo un simbolo di un paesaggio mediterraneo, ma rappresenta anche un ingrediente intrigante e versatile in cucina. Ma come si può sfruttare al meglio il potere culinario di questo frutto dorato?

Il bergamotto, un ibrido tra un tipo di limone e l’arancia amara, ha trovato la sua casa nella regione del Mediterraneo, in particolare in Calabria, dove il clima mite e il terreno fertile hanno permesso a questo agrume di prosperare. La sua essenza, estratta dalla buccia del frutto, è diventata un ingrediente fondamentale in molti profumi famosi, ma la sua presenza in cucina è un segreto meno conosciuto.

Il bergamotto ha un sapore particolare: una combinazione di dolce, amaro e acido, con un retrogusto piacevolmente aromatico. Ma è il suo profumo unico, floreale e leggermente speziato, che lo distingue dagli altri agrumi.

  • Olio essenziale : Un paio di gocce di olio essenziale di bergamotto possono trasformare un piatto semplice in un’esperienza gastronomica. Può essere incorporato in salse, condimenti per insalate o dolci per un tocco raffinato.
  • Scorza grattugiata : La scorza del bergamotto, grattugiata finemente, può arricchire dolci come torte, biscotti e gelati, o essere sparsa su piatti salati per un contrasto sorprendente.
  • Succo : Benché meno comune, il succo di bergamotto può essere utilizzato in bevande rinfrescanti, cocktail o in marinatura per carne e pesce.
  • Tè al bergamotto : Forse l’utilizzo più famoso di questo agrume è nel tè Earl Grey, dove il bergamotto dà quella nota distintiva e sofisticata che molti amano.

Come con tutti gli oli essenziali, l’olio di bergamotto va usato con moderazione. Inoltre, la sua esposizione diretta al sole può causare fotossicità, quindi è sempre una buona pratica lavarsi le mani dopo aver maneggiato il frutto o l’olio.

Il bergamotto, con il suo aroma inconfondibile e il suo sapore complesso, ha molto da offrire al mondo della gastronomia. La sua versatilità lo rende adatto a una varietà di piatti, dal dolce al salato. Invito tutti gli appassionati di cucina a sperimentare con questo agrume e a lasciarsi ispirare dalla sua essenza mediterranea.

Perché utilizzare il Grand Marnier

Come usare il bergamotto, Il bergamotto, in genere, dà il meglio di sé quando funge da ingrediente principale, se non unico. Nella ricetta della marmellata di bergamotto, come avrete notato, vengono impiegati contemporaneamente i limoni e il Grand Marnier. Sul ruolo del limone non c’è molto da dire, funge da equilibratore dei sentori forti del celebre agrume reggino. Sul Grand Marnier, però, va spesa qualche parola. Qual è la funzione di un liquore così caratterizzato come il Grand Marnier? In realtà, lo scopo di questa aggiunta consiste nel conferire alla marmellata un tocco più sofisticato, che ricordi quello delle arance. Il celebre liquore, infatti, è realizzato proprio con le scorze d’arancia (appartenenti a più varianti, tra l’altro).

La presenza del Grand Marnier, così come quella dei limoni, incide positivamente sulla marmellata di bergamotto. Piuttosto che coprirne il sapore, lo esalta, mondandolo allo stesso tempo dei sentori più gradevoli. Siamo dunque di fronte a una marmellata che spicca non solo per sapore e delicatezza, ma anche per l’equilibrio e la capacità di valorizzare ciascun ingrediente.

Ricette con il bergamotto ne abbiamo? Certo che si!

3.9/5 (49 Recensioni)
Riproduzione riservata

28 commenti su “Marmellata di bergamotto, una preparazione speciale

  • Ven 9 Ott 2020 | Rosy ha detto:

    Ma x quale motivo mi avete fatto bollire le bucce se poi non esiste il passaggio dove metterle????

    • Ven 9 Ott 2020 | Tiziana Colombo ha detto:

      Rosy è stata una svista nel copiare il testo che scriviamo in word. Mi scuso. Aggiornato il testo

    • Sab 9 Gen 2021 | Mauro Brogi ha detto:

      Mi fa sapere se il bergamotto va passato dopo la bollitura?

      • Dom 10 Gen 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

        Salve io non la passo ma nessuno le impedisce di farlo se lo preferisce

      • Dom 23 Gen 2022 | farom ha detto:

        Dopo la bollitura è già marmellata, magari prima di bollirli.

  • Sab 26 Dic 2020 | gabriella madau ha detto:

    Ma quanto tempo esattamente deve cuocere in tutto? E perché aggiungere acqua?

    • Sab 26 Dic 2020 | Tiziana Colombo ha detto:

      Per preparare la marmellata le servono circa due ore . Per verificare la cottura eseguite la prova del piattino: fate scivolare una goccia di marmellata su un piatto, se entro un minuto si rapprende allora la marmellata è pronta.

    • Gio 8 Dic 2022 | Klara ha detto:

      Quando si mette in pentola lo zucchero e la frutta, il tutto è ancora molto asciutto. L’acqua serve per non far attaccare e/o non caramellare lo zucchero. Poi la frutta cede il suo succo è l’acqua evapora. Si fa in caso di frutti un po’ asciutti che hanno bisogno di tempo x cedere il succo. Così non serve per prugne e serve per albicocche ad esempio….

  • Mar 29 Dic 2020 | michela ha detto:

    In assenza di Grand Marnier, posso utilizzare un altro liquore all’arancio ( arancino ad esempio)?

  • Mer 6 Gen 2021 | Jacopo ha detto:

    Buonasera,
    in assenza del Grand Marnier, è possibile usare il Cointreau? Se si, nelle stesse proporzioni?
    Grazie

  • Mer 19 Ott 2022 | Ciccio o sapegno ha detto:

    Più o meno quanta acqua?

    Grazie

    • Mer 19 Ott 2022 | Tiziana Colombo ha detto:

      Ciccio ne ho utilizzato quanto basta per coprire i bergamotti

  • Mar 22 Nov 2022 | Angelo ha detto:

    In realtà il bergamotto lo si trova anche in Africa, io l’ho visto in Madagascar e cresce benissimo.
    Altra cosa da aggiungere, con quest frutto si fa un risotto strepitoso.
    Io ho un alberello che quest’anno mi ha regalato circa tre kg di frutti, vivo il Liguria di Levante a 150 m. S.L.M.
    Saluti

  • Gio 24 Nov 2022 | Patrizia ha detto:

    Presumo che le scorze di bergamotto dopo esservi raffreddate, andranno aggiunte alla marmellata ancora in in pentola prima d’invasare. Giusto!?

    • Gio 24 Nov 2022 | Tiziana Colombo ha detto:

      Patrizia legga la ricetta fino in fondo e legge che durante il processo, mescolate ogni tanto. Dopo un’ora circa versate il Grand Marnier e fate cuocere per un’altra mezz’ora.Negli ultimi 10 minuti aggiungete le scorze tagliate finemente.

  • Ven 6 Gen 2023 | Giovanna ha detto:

    Bisogna aggiungere solo le bucce e non il bianco, vero?

    • Ven 6 Gen 2023 | Tiziana Colombo ha detto:

      Assolutamente corretto. L’albedo (parte bianca) non si utilizza mai.

  • Ven 6 Gen 2023 | Giovanna ha detto:

    Per un chilo di bergamotti con la buccia, quanto marmellata viene ?
    Per calcolare il numero dei vasetti

    • Ven 6 Gen 2023 | Tiziana Colombo ha detto:

      Dipende dalla dimensioni dei vasetti. Io ne ho utilizzati 6 da 250 gr.

  • Lun 27 Feb 2023 | Klara ha detto:

    Ho del bergamotto calabrese con buccia edibile. La marmellata di arance e/o di limoni faccio a pezzetti la frutta e faccio andare il tutto, con la buccia. Viene benissimo. Perchè il bergamotto bisogna sbucciarlo e aggiungere alla fine?

    • Mar 28 Feb 2023 | Tiziana Colombo ha detto:

      Klara io ho provato con la buccia ma era troppo forte per noi. Senza buccia è piaciuta a tutti. Grazie per averci portato la sua esperienza

  • Mar 29 Ago 2023 | Gina Castorina ha detto:

    Ho letto che la marmellata di bergamotto è sconsigliata a chi soffre di glaucoma,che è una malattia che colpisce il nervo ottico, è ciò mi è dispiaciuto perché soffro di glaucoma ,ma gradisco molto la marmellata di bergamotto.Ho infatti un albero di bergamotto che mi produce parecchi frutt,e quest’anno vorrei provare a fare la marmellata,i.Se sapete il motivo per il quale si sconsiglia l’uso di questa marmellata per chi soffre di glaucoma,vorreste essere così gentili di rendermelo noto ?. Grazie ,abito in Sicilia sulla costa ionica.

    • Mer 30 Ago 2023 | Tiziana Colombo ha detto:

      La nutrizionista mi ha spiegato che ha effetti sulla pressione del sangue e non è non puo’ mangiarlo. Lo puo’ fare in piccolissime dosi

  • Sab 4 Nov 2023 | lucio Pieretto ha detto:

    Cosa ne pensa se io taglio finemente la buccia, e faccio bollire il tutto, perchè desidero la marmellata amara, magari provo mettendoci qualche mandarancio, per il sapore , grazie

    • Lun 6 Nov 2023 | Tiziana Colombo ha detto:

      Lucio tagliare finemente la buccia e far bollire il tutto è un’ottima strategia per esaltare l’amaro del bergamotto nella marmellata. L’aggiunta di mandarancio può bilanciare l’amaro con una dolcezza naturale, creando un sapore complesso e piacevole. Ricordatevi di regolare lo zucchero secondo il vostro gusto e di procedere con attenzione nella cottura. Buona preparazione della tua marmellata amara!

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Fagiolini sott’olio

Fagiolini sott’olio, una conserva semplice ma molto utile

Come utilizzare i fagiolini sott'olio I fagiolini sott’olio sono ottimi consumati da soli, come snack salato e saporito sui generis. Sono perfetti anche accompagnati con un po’ di pane, tuttavia...

Mostarda di clementine

Mostarda di clementine, una conserva dolce e aromatica

I tanti usi della mostarda di clementine La mostarda di clementine è una mostarda fatta in casa a base di frutta, che vanta numerosi usi in cucina. Può essere consumata come spuntino, soprattutto...

Azzeruole sotto spirito

Azzeruole sotto spirito, una conserva diversa dal solito

Quale zucchero utilizzare per le azzeruole sotto spirito? Lo zucchero è un ingrediente importante per le azzeruole sotto spirito, infatti contribuisce a rendere più dolce il frutto, quindi impatta...