Salsicce e cavoli, un pieno di virtù salutari

Salsicce e cavoli
Stampa

Che adoro le salsicce è un dato di fatto!!! Oggi salsicce e cavoli per tutta la mia tribù che le ha spazzolate in un attimo e se non mi sbrigavo a sedermi a tavola mi sa che trovavo la pentola vuota….

Praticamente tutte le varietà di cavolo condividono il sapore spiccato e le potenti virtù salutari, alcune delle quali sono note fin dall’antichità.

Catone, per esempio, suggeriva i cavoli come rimedio per molte malattie e come stimolante, e anche le proprietà antiscorbutiche di alcune crucifere sono conosciute dai tempi in cui i grandi velieri navigavano alla scoperta di nuovi continenti.

Salsicce e cavoli per il mio pranzo di oggi

Le crucifere alimentari sono un’ottima fonte di minerali – potassio, magnesio, zolfo, calcio – e di vitamine – A, C e K. In particolare il cavolo è ricco di indoli – contenenti zolfo, come si avverte dall’odore che emanano in cottura – i quali aiutano a prevenire alcuni tumori, soprattutto quelli allo stomaco, al colon, alla prostata e alla vescica.

La vitamina C invece, concentrata soprattutto nelle foglie più verdi e più scure, aiuta l’organismo a prevenire le malattie da raffreddamento e interviene nella biosintesi del collagene. Inoltre il cavolo è ricco di fibre che influiscono sull’intestino regolandolo e migliorandone la funzionalità.

L’apporto calorico è modesto: 25 kcal per 100 gr, pochi grassi e niente colesterolo.

Più precisamente il cavolo:

  • migliora la digestione, il metabolismo e la circolazione;
  • favorisce la produzione cellulare, accelerando quindi il processo di cicatrizzazione delle ferite;
  • combatte le infiammazioni che colpiscono le vie respiratorie;
  • è utile contro gastriti e ulcere gastroduodenali, colite, acne, dermatosi.

Tutti i tipi di cavolo possono essere consumati crudi, purché se ne scelgano le parti più tenere e croccanti. In estate solitamente tutta la pianta è tenera; in inverno si dovranno scartare le foglie più esterne e le costole centrali e usarle per preparazioni cotte.

E che cottura usiamo?

Nella cottura è preferibile stufare o brasare, anziché bollire. Se si desidera comunque bollire il cavolo conviene usare la minore quantità possibile di acqua e ridurre al minimo il tempo di cottura: i cavoli di qualunque tipo devono essere appena teneri, ma ancora croccanti. Si possono anche cuocere a vapore le singole foglie allargate di cavolo o di verza e usarle poi per preparare degli involtini.

Un accorgimento importante: quando cuocete i cavoli, non usate mai pentole di alluminio; avverrebbe una reazione chimica che toglie colore ai vegetali, ne altera il sapore e quindi molto probabilmente anche il valore nutrizionale (il colore infatti è un indicatore della presenza di micronutrienti preziosi).

Ed ecco la ricetta di Salsicce e cavoli

Ingredienti per 4 persone

  • 400 gr salsicce
  • 1 cavolo medio
  • q.b. olio extravergine d’oliva
  • 2 foglie d’alloro
  • q.b. sale

Preparazione

Pulite e lavate il cavolo, scartando le foglie più dure. Scottatelo per dieci minuti in acqua bollente leggermente salata; scolatelo, lasciatelo raffreddare, quindi staccate le foglie. Fate sciogliere in un largo tegame dell’olio  e fatevi insaporire le foglie di cavolo per quindici minuti circa.

In un tegame a parte mettete intanto dell’olio e l’alloro; bucate le salsicce con la punta di una forchetta, mettetele nel recipiente e fatele rosolare uniformemente per venti minuti a fuoco moderato. Appena le foglie di cavolo saranno cotte al punto giusto disponetele sul piatto di portata precedentemente riscaldato, posatevi sopra le salsicce e servite immediatamente.

Volendo un piatto meno grasso potrete far cuocere le salsicce con vino bianco secco, dopo averle punzecchiate.

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


18-11-2011
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti