logo_print

Confettura di fiori di tarassaco, un mix davvero delicato

Confettura di fiori di tarassaco
Stampa

Confettura di fiori di tarassaco, una confettura diversa ed originale

La confettura di fiori di tarassaco è una confettura molto particolare, diversa da quelle cui sicuramente siete abituati. In primis perché è realizzata con un ingrediente che, per quanto faccia parte della tradizione botanica italiana, è poco consumato. Secondariamente perché di questa pianta si utilizzano i fiori. Ovviamente questa scelta impone un certo allungamento del procedimento, che prevede appunto una fase preliminare per “preparare” i fiori alla cottura. Nello specifico, vanno puliti con cura e fatti asciugare completamente. Inoltre, è necessario tagliare via la parte verde di ciascun fiore, che non è commestibile. Per questa confettura sono necessari 200 fiori di tarassaco. Possono sembrare tanti, ma vi assicuro che vi divertirete a raccoglierli. I fuori sono molto colorati e belli da vedere, dunque una passeggiata in un prato o un terreno pieno di tarassachi non può che fa bene al corpo e allo spirito.

Tornando alla confettura, va menzionato il gusto, che è molto delicato, ma anche i risvolti nutrizionali. Nonostante le fasi siano leggermente diverse, e più numerose rispetto alle confetture “normali” (quelle con le ciliegie ad esempio), i fiori di tarassaco conservano intatte tutte le loro proprietà. Proprietà che sono essenzialmente depurative e disintossicanti, soprattutto per la cistifellea e il fegato. I fiori di tarassaco, come l’intera pianta del resto, sono un blando lassativo e diuretico. Questo significa che stimolano i processi metabolici senza causare fastidi. I fiori di tarassaco vengono utilizzati principalmente per preparare infusi, ma nulla vieta di impiegarli come ingredienti, se opportunamente trattati. D’altronde, è proprio questo il caso, la confettura di fiori di tarassaco è un prodotto genuino, gustoso e che fa bene alla salute.

Quale zucchero utilizzare per questa confettura?

Per quanto riguarda lo zucchero, chi prepara una confettura e non solo la confettura di fiori di tarassaco, è spesso colto da un dubbio. Quale zucchero è opportuno utilizzare? Chi lo considera come elemento di contorno, per dare consistenza e dolcezza al composto, risolve il dubbio velocemente mettendone uno qualsiasi. Chi, invece, lo considera come un ingrediente vero e proprio, opta per una scelta più oculata ed equilibrata.

Confettura di fiori di tarassaco

Ebbene, di norma sarebbe utile impiegare uno zucchero neutro, in modo da fare emergere su tutti il gusto dell’ingrediente principale. Tuttavia, chi vuole conferire alla preparazione un sapore più corposo che ricorda il caramello, inserisce lo zucchero di canna, che si caratterizza per i residui di melassa. In questo caso, proprio perché i fiori di tarassaco hanno un sapore molto delicato, consiglio uno zucchero “leggero”, come quello bianco. A riguardo, comunque, avete un certo margine di discrezione.

Arancia e limone, due ingredienti necessari per una confettura

La lista degli ingredienti della nostra confettura di fiori di tarassaco si fregia anche del limone e dell’arancia. Sulla presenza del limone c’è poco da dire essendo una presenza quasi fissa in molte confetture, in quanto contribuisce equilibrio al sapore dei frutti eccessivamente zuccherini. Una confettura senza succo di limone, infatti, sarebbe eccessivamente dolce, dunque un tocco di acidità è consigliato. Basta un po’ di succo di limone, senza esagerare.

In questa ricetta, però, più che il succo, viene utilizzata la polpa, cotta insieme ai fiori. Stesso discorso per l’arancia, che oltre al suo contributo in termini di equilibrio sui sentori eccessivamente dolci, aggiunge anche un po’ di gusto. Anche in questo caso, però, è bene non esagerare. D’altronde, stiamo parlando di una confettura di fiori di tarassaco, non di arancia o limone.

Ecco la ricetta della confettura di fiori di tarassaco:

Ingredienti per due vasetti:

  • 1 lt. di acqua;
  • 200 fiori di tarassaco;
  • 1 arancia biologica;
  • 1 limone biologico;
  • 700 gr. di zucchero.

Preparazione:

Per la preparazione della confettura di fiori di tarassaco iniziate raccogliendo i fiori di tarassaco quando sono sbocciati da un po’ di tempo, lavateli e tagliate via la parte verde. Poneteli su uno scolapasta e fateli asciugare. Poi adagiateli su un canovaccio pulito e fateli riposare un po’, in modo che si asciughino completamente. Ora lavate l’arancia e il limone senza sbucciarli, poi tagliateli e pezzetti. Mettete i fiori ben asciugati in una pentola, poi aggiungete anche gli agrumi e l’acqua.

Accendete il fuoco lento e fate sobbollire per circa 60 minuti, controllando che i fiori siano sempre immersi nell’acqua. Filtrate il composto in un colino a maglie strette in modo da ottenere il succo della cottura. Ora trasferire il succo in una pentola, aggiungete lo zucchero e cuocete a fuoco lento per circa 45 minuti. Trascorso questo lasso di tempo, fate la prova del piattino, su un piatto freddo versate un po’ di composto e inclinatelo, se il composto fa fatica a scivolare allora è pronto. Versate la confettura in vasetti di medie dimensioni, fate raffreddare ed infine sigillate. Aspettate un giorno intero prima di consumare la vostra confettura.


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e agli intolleranti al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml


22-06-2020
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti