Pizza con salsiccia e cime di rapa, davvero ottima

Pizza con salsiccia e cime di rapa
Commenti: 0 - Stampa

Pizza con salsiccia e cime di rapa, una combinazione azzeccata

La pizza con salsiccia e cime di rapa è un una pizza diversa dalle altre. Il motivo è semplice, è preparata con due ingredienti eccezionali sotto il profilo organolettico, che si sposano alla perfezione l’uno con l’altro, ossia la salsiccia e le cime di rapa. Manca la classica salsa di pomodoro, mentre è presente la mozzarella. La ricetta, dunque, fa parte della categoria pizze bianche. Per quanto concerne l’impasto, vi consiglio di tagliare la testa al toro e di optare per una base già pronta. Non una qualunque, bensì la base per pizza soffice Mulino Bertotti di Exquisa.

E’ talmente buona da non far rimpiangere il miglior impasto fatto in casa. Anzi, non sfigura nemmeno di fronte a quello delle pizzerie e dei ristoranti. Inoltre, l’uso di una base pronta, quando è così ben fatta, facilità il lavoro in cucina, rendendo ricette come queste davvero semplici e alla portata di tutti. La base per pizza soffice Mulino Bertotti di Exquisa dimostra la capacità di questa azienda di offrire soluzioni rapide, ma non per questo meno genuine o gustose. Questo prodotto, infatti, è privo di grassi idrogenati e conservati. Inoltre, l’apporto calorico è più contenuto di quanto si possa pensare.

Tutta la bontà delle cime di rapa

Le cime di rapa, utilizzate nella nostra pizza con salsiccia, sono una verdura molto diffusa e consumata in specifiche zone d’Italia. Per esempio in Puglia sono protagoniste di numerose ricette. Tuttavia, sono apprezzate un po’ ovunque, in virtù della loro versatilità e del loro gusto corposo, in grado di valorizzare gli altri ingredienti (soprattutto se di origine animale). Non è un caso, dunque, che sia stato scelto come abbinamento proprio la salsiccia. Insieme, formano una commistione davvero squisita, capace di farsi apprezzare da tutti i palati. Per quanto concerne il procedimento, le cime di rapa vanno cotte a parte, ossia vanno prima lessate e poi spadellate. In ogni caso, la cottura non richiede molto tempo.

Pizza con salsiccia e cime di rapa

Le cime di rapa meritano apprezzamento anche in virtù delle loro proprietà nutrizionali. Si caratterizzano, da buona verdura, per la straordinaria quantità di vitamine e sali minerali. Nello specifico, le cime di rapa apportano tantissima vitamina C, potassio e magnesio. L’apporto calorico è molto basso, pari a 32 kcal per 100 grammi. I grassi sono quasi del tutto assenti, mentre le fibre rappresentano il 2-3% della loro struttura. Vista la grande quantità di acqua che contengono, possono essere considerate degli alimenti diuretici. Nonostante la loro natura vegetale, contengono alcuni acidi grassi omega tre, sostanze che fanno bene al cuore, alla vista e al sistema nervoso centrale.

Come scegliere bene le cime di rapa?

Come la maggior parte degli alimenti vegetali, le cime di rapa danno il meglio di sé quando sono fresche. Ovviamente nessuno vi vieta di acquistare il prodotto surgelato, ma sappiate che vi perdereste gran parte del gusto e della fragranza del prodotto. Certo, nel caso in cui optate per il prodotto fresco, dovete prestare un po’ di attenzione nella scelta. Come riconoscere le perfette cime di rapa? Il consiglio è di guardare in primo luogo al colore e alle caratteristiche del fusto. Questo deve essere caratterizzato da un bel verde brillante e da una consistenza piuttosto soda. Le foglie, invece, devono essere verde scuro (ma non troppo), mentre le infiorescenze completamente chiuse.

In caso contrario, vi trovereste di fronte a cime di rapa troppo tardive, dal sapore magari buono, ma diverso rispetto al prodotto standard. Come e per quanto si conservano le cime di rapa? Il consiglio è di utilizzarle subito, infatti cambiano velocemente, soprattutto nelle infiorescenze. Di norma è bene non far passare più di un giorno prima del consumo. Per quanto riguarda la pulizia, invece, le operazioni sono più semplici di quanto si possa immaginare. L’acquisto comprende tutta la pianta, dunque anche il fusto, che ovviamente non va mangiato. Limitatevi, comunque, a staccare le cime e i fiori. Successivamente staccate le foglie una ad una. Il lavaggio dovrebbe avvenire in acqua tiepida, senza aggiunta di bicarbonato per non alterare il sapore.

La salsiccia fa male?

La nostra pizza con cime di rapa contiene la salsiccia, un alimento considerato spesso dannoso per la presenza di sostanze tipiche degli insaccati e, soprattutto, per la quantità di grassi che apporta. Inutile girarci attorno, le salsicce sono grasse. In media, 100 grammi di salsiccia contengono circa 15-20 grammi di grassi. Tuttavia, è sufficiente non esagerare con le porzioni per ridurre al minimo l’impatto sulla linea. Nel caso della pizza con salsiccia e cime di rapa, per esempio, bastano 300 grammi, una quantità moderata se si considera che un etto di salsiccia apporta circa 330 kcal.

Ad ogni modo, le salsicce sono anche un’ottima fonte di proteine. Esse, infatti, rappresentano il 18% della loro struttura, più o meno come la carne fresca (forse un po’ meno). In occasione di questa ricetta, la salsiccia va cotta a parte in modo classico. Va poi spellata, sbriciolata e rosolata con un po’ d’olio, per poi essere utilizzata come condimento per la pizza. La cottura, infine, terminerà direttamente in forno.

Ecco la ricetta della pizza con salsiccia e cime di rapa:

Ingredienti:

  • 1 rotolo di base per pizza soffice Mulino Bertotti di Exquisa,
  • 300 gr. di salsiccia,
  • 500 gr. di cime di rapa,
  • 200 gr. di mozzarella consentita,
  • 1 spicchio d’aglio,
  • 6 cucchiai di olio extravergine di oliva,
  • peperoncino a piacere,
  • q. b. di sale.

Preparazione:

Per la preparazione della pizza con salsiccia e cime di rapa iniziate lavando le cime di rapa, poi tagliatele e lessatele in acqua poco salata. Infine, scolatele per bene. Ora fate scaldare due cucchiai di olio extravergine d’oliva in una padella antiaderente e aggiungete l’aglio e il peperoncino. Poi scolate per bene la mozzarella e tagliatela a pezzi. Intanto spadellate le cime di rapa in una padella con l’olio e l’aglio per 10-15 minuti a fuoco molto lento. Quando le cime di rapa sono pronte, togliete l’aglio.

Passate poi alla salsiccia, spellatela e riducetela in briciole. Intanto scaldate in un’altra padella antiaderente due cucchiai di olio d’oliva e rosolateci la salsiccia a fuoco medio-alto per 4 minuti. La salsiccia è pronta quando avrà cambiato colore e avrà assunto una tonalità dorata. Infine, stendete il rotolo di base per pizza e adagiatelo in una teglia. Adagiate la mozzarella, la salsiccia sminuzzata, le cime di rapa e condite con due cucchiai di olio d’oliva. Cuocete in forno per circa 20 minuti a 220 gradi. Servite e buon appetito.

5/5 (469 Recensioni)
CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Exquisa

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Verdure miste arrostite

Verdure miste agli agrumi, un pieno di oligoelementi

Verdure miste agli agrumi, un’idea semplice, gustosa e salutare Le verdure miste agli agrumi con aceto di mele e agrumi sono un piatto molto colorato, gustoso e facile da preparare. E’ concepito...

Wraps con barbabietole e formaggio

Wraps con barbabietole e formaggio, un piatto insolito

Wraps con barbabietole e formaggio per valorizzare le tortillas. Le wraps con barbabietole e formaggio sono un’idea molto interessante per un finger food corposo, ricco di sapore e nemmeno troppo...

Tortillas wrap con spinaci e tacchino

Tortillas wrap con spinaci e tacchino, un’ottima variante

Tortillas wrap, una variante leggera Le tortillas wrap con spinaci e tacchino sono una variante davvero particolare della celebre pietanza messicana. In primis, sono “wrap”, ovvero avvolte su se...

Quesadillas con pollo

Quesadillas con pollo per valorizzare le celebri tortillas

Quesadillas con pollo, un finger food da leccarsi i baffi Le quesadillas con pollo sono uno splendido esempio di finger food messicano. Ne sono anche l’esponente più semplice, visto che rispetto...

Crostata tricolore con fiocchi di latte

Crostata tricolore con fiocchi di latte, davvero ottima

Crostata tricolore con fiocchi di latte, ricetta che stuzzica il palato La crostata tricolore con fiocchi di latte è una quiche dal sapore suggestivo, che coniuga una leggerezza spiccata con un...

Friselle con peperoni e formaggio

Friselle con peperoni e formaggio, un pasto sfizioso

Friselle con peperoni e formaggio di capra, ingredienti genuini Le friselle con peperoni e formaggio di capra sono un piatto unico o d'accompagnamento come secondo piatto davvero semplice e...


Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


25-02-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti