Gli spaghetti al pesto di cime di rapa , ricetta semplice

spaghetti al pesto di cime di rapa
Commenti: 0 - Stampa

Spaghetti al pesto di cime di rapa: variante di un grande classico!

Ci vorrebbe un libro intero –  e forse anche di più – per elencare le cose che amo della cucina! Tra queste c’è senza dubbio la possibilità di rivisitare grandi classici, come per esempio il pesto. Oggi voglio aiutarvi a capire fino a che punto si può arrivar con la fantasia e la creatività presentandovi la ricetta degli spaghetti al pesto di cime di rapa. Sani, gustosi e semplici da preparare, sono perfetti per i celiaci e gli intolleranti al lattosio.

E’ un piatto che ho imparato ad apprezzare dopo il mio tour in Salento. Prima storcevo un po’ il naso davanti a questo piatto. Ma dopo averlo assaggiato per non fare figuracce con la padrona di casa, devo dire che mi sono ricreduta e ora lo faccio spesso.

Alla scoperta delle proprietà delle cime di rapa

Per capire fin da subito le caratteristiche di questa variante del pesto, entriamo nel vivo delle proprietà delle cime di rapa. Tra i benefici di questa verdura, è possibile ricordare la ricchezza di sali minerali. Le cime di rapa sono ricche di ferro, fosforo e calcio. Da ricordare, inoltre, è l’apporto di vitamina C e vitamina A. Queste sostanze sono caratterizzate da una forte carica antiossidante. Non a caso sono considerati tra i migliori elisir anti tumorali che la natura ci mette a disposizione! I benefici delle cime di rapa non finiscono certo qui! Come non citare, infatti, le loro proprietà depurative?

Le cime di rapa, inoltre, sono consigliate in caso di carenze di energia. Un trucco per assimilare al massimo il ferro che contengono? Condirle con il limone! Chiaramente le alternative per gustarle sono numerose e comprendono anche il pesto!

spaghetti al pesto di cime di rapa

Valori nutrizionali e calorie delle cime di rapa

Non c’è storia: questi spaghetti al pesto di cime di rapa sono un vero toccasana. L’ingrediente principale del condimento, infatti, si contraddistingue per un bassissimo apporto calorico. Le cime di rapa, infatti, apportano 32 calorie ogni 100 grammi.

Sono ricche di proteine, ma anche di fibre. Questo è molto importante. Le fibre, infatti, favoriscono la regolarità intestinale. Questi principi nutritivi, inoltre, rallentano l’assorbimento degli zuccheri nel sangue.

Ciò è una vera manna per quanto riguarda la prevenzione dei picchi glicemici, tra i principali responsabili delle abbuffate fuori pasto. Ora basta chiacchiere però!

Le cime di rapa sono coltivate da millenni, dunque non stupisce la presenza di numerose varietà. Tra l’altro, sono relativamente facili da coltivare, viste le ottime caratteristiche della pianta (piuttosto resistente e adattativa). Al di là del discorso sulle varietà, la qualità e persino il gusto delle cime di rapa sono influenzati dal territorio di coltivazione e dal clima. Per questo motivo si fa spesso riferimento alla provenienza geografica del prodotto, assegnando anche un nome diverso: friarielli per le cime di rapa campane e broccoletti per le cime di rapa pugliesi. Per quanto riguarda le varietà nel senso stretto del termine, esse si declinano in base alla precocità, che incide in maniera radicale su gusto, colore, forma e dimensioni. Ecco una panoramica delle principali varietà di cime di rapa.

  • Quarantine o molto precoci. Sono raccolte entro 40 giorni alla semina.
  • Sessantine o precoci. Sono raccolte due mesi dopo la semina.
  • Novantine o semi-tardive. La raccolta avviene tre mesi dopo la semina.
  • Centoventine o tardive. Sono raccolte quattro mesi dopo la semina.
  • Marzilitiche o molto tardive. La raccolta avviene dopo 140 giorni, in genere verso marzo.
  • Aprilitiche o molto tardive. In questo caso, la raccolta si verifica ben 150 giorni dopo la semina, quindi ad aprile.

Bisogna mettersi all’opera in cucina! Oggi, come già detto, lo si fa con un primo piatto molto semplice ma pieno di gusto, un vero omaggio alle meraviglie della cucina italiana, ai suoi colori e ai suoi straordinari profumi!

Ed ecco la ricetta degli Spaghetti al pesto di cime di rapa

Ingredienti per 4 persone:

  • 320 gr. di spaghetti di riso integrale
  • 500 gr. di cime di rapa pulite e mondate;
  • 1 spicchio d’aglio;
  • 1 peperoncino tritato ( a piacere) ;
  • 80 gr. di parmigiano reggiano stagionato 36 mesi
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b. sale e pepe

Preparazione

Lavate le cime di rapa, tagliatele e sbollentatele in abbondante acqua leggermente salata. Scolatele appena saranno cotte. In una padella antiaderente fate scaldare 2 cucchiai di olio con l’aglio e il peperoncino.

Aggiungete quindi le cime di rapa e lasciate insaporire per circa 10-15 minuti su fiamma bassa. Quando saranno ben insaporite, frullatene circa la meta’ nel mixer aggiungendo olio a filo fino a ottenere una salsa omogenea e brillante che metterete da parte.

Cuocete gli spaghetti e scolatele al dente conservando un po’ dell’acqua di cottura. Mettete la pasta in una terrina, spolverizzatela con il parmigiano grattugiato, amalgamando con un po’ di acqua di cottura.

Unite 2 cucchiai di pesto di cime di rapa per persona, le cime di rape non frullate, mescolate bene e servite. Conservate il pesto avanzato in un vasetto a chiusura ermetica da riporre in frigo.

Si mantiene per 3-4 giorni se coperto bene con olio

5/5 (542 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pasta di lenticchie con formaggio vegano

Pasta di lenticchie con Ceciotta, un primo unico

Pasta di lenticchie con Ceciotta, una delicata combinazione di sapori La pasta di lenticchie con Ceciotta e funghi è una buona idea per un primo fuori dall’ordinario, sia per gli alimenti in...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Zuppa con finferli e patate

Zuppa di finferli e patate, abbinamento interessante

Zuppa di finferli e patate, un primo genuino e leggero. La zuppa di finferli e patate è un primo squisito, che riconcilia con quanto di più genuino possa offrire la natura. In effetti è un...

Girelle di pane carasau con prosciutto

Girelle di pane carasau con prosciutto, antipasto unico

Girelle di pane carasau, un antipasto che sa di Sardegna Le girelle di pane carasau con prosciutto e scamorza sono in grado di stupire gli ospiti. Infatti, non si limitano a proporre un impatto...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...

Risotto al pino mugo

Risotto al pino mugo, un primo dal sapore...

Risotto al pino mugo, non un semplice risotto Il risotto al pino mugo è un risotto diverso dal solito. I motivi sono diversi e non si limitano a una lista di ingredienti “particolare”. Per...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


17-05-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti