Peperonata piccante : le verdure prendono gusto!

Peperonata piccante
Commenti: 0 - Stampa

Oggi presentiamo la Peperonata piccante . La peperonata è un trionfo di colore tutto made in italy. Mangiate frutta e verdura! Si tratta del monito più diffuso e generalizzato al quale si è sottoposti, ogni giorno ed in ogni dove, specie negli ultimi tempi, quando si tocca il tasto salute.

Negli studi medici, nelle trasmissioni televisive, nelle case delle nostre nonne e più in generale sin da piccoli, non si fa altro che parlare di frutta e verdura come principali alleate del nostro benessere.

Non basta consumare una mela al giorno, a dispetto del vecchio proverbio assai noto e, probabilmente, poco gradito ai signori medici. Occorre molto di più.

E se una, per quanto ricca, insalata non fa proprio al caso vostro, una peperonata piccante potrebbe cambiare le carte… in tavola. Eh già, perché se molti, a ragione, sono reticenti a consumare verdura, in quanto desiderosi di dare ai morsi della fame ed al gusto una risposta più esaustiva, allora questa ricetta può rappresentare una generosa risposta alle proprie esigenze.

E se vogliamo spezzare una lancia in favore di questo piatto, che dire della presenza aggiuntiva di  ingredienti quali il peperoncino piccante e le cipolle rosse? Una semplice insalata non è in grado di eguagliare tanta ricchezza di ingredienti.

Peperoni e cipolla: abbinamento perfetto per questa Peperonata piccante

Gialli rossi, verdi: la peperonata piccante non si fa mancare proprio nulla. Tripudio di colore e di sapore, questo piatto non è … solo questo.

Vitamina C in  elevate quantità, antiossidanti, il peperone è diffuso nei campi e negli orti di tutto il mondo, e  non a caso visto che la pianta del peperone è molto resistente, facilmente adattabile, mentre il suo frutto risulta estremamente versatile, in quanto può essere cucinato avvalendosi di molte tecniche.

Peperonata piccante

L’abbinamento peperoni e cipolla, poi, si rivela magico: non sono pochi coloro che rinunciano alla preparazione di questo piatto in assenza di cipolla nelle loro dispense.

Vuoi per il gusto, vuoi per le caratteristiche nutritive da sempre riconosciute alle cipolle, esse sono destinate ad accompagnare fedelmente questo piatto in maniera irrinunciabile.

Un piatto targato made in Italy

Ammettiamolo, quando si sente parlare di peperonata piccante sovviene alla mente una derivazione smaccatamente latino-americana. Il Messico è ritenuta terra madre di queste tipologie di piatti.

E’ d’uopo fare dunque una precisazione: la peperonata piccante è un piatto tutto made in Italy, anzi, con la precisione, è targato Italia del sud.

E’ vero, questo piatto possiede molte varianti locali, ma sono sempre nel sud, in particolare in Sicilia, ad avere ideato un piatto così strepitoso che, con il tempo, ha  avuto sempre più numerose declinazioni costellate qua e la in tutta Italia e non solo.

Ed ecco la ricetta dei Peperonata piccante

Ingredienti per 4 persone

  • 4 peperoni rossi, gialli e verdi
  • 300 gr cipolle rosse
  • 600 gr pomodori maturi
  • uno spicchio d’aglio
  • 1 cucchiaino timo tritato
  • q.b. peperoncino tritato o a pezzettini
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b. sale e pepe

Preparazione

Dividete a metà i peperoni, eliminate i semi e i filini bianchi e tagliateli a tocchetti.

Sbucciate le cipolle e tagliatele a fettine sottili. Scottate i pomodori in acqua bollente per poter togliere facilmente la pellicina.  Tagliateli a metà, privateli dei semi e poi riduceteli a dadini.

In una larga padella antiaderente fate stufare le cipolle  fino  a quando saranno diventate trasparenti e, se serve, aggiungete un po’ di acqua calda. Lasciate cuocere per circa 15 minuti.

A questo punto aggiungete un filo d’olio, lo spicchio d’aglio, i tocchetti di peperoni e cuocete per  altri 15 minuti. Aggiungete i pomodori , salate, pepate e aggiungete il peperoncino tagliato a pezzettini piccolo, il timo tritato e  mescolate.

Proseguite la cottura per circa mezz’ora.  Il piatto, che si può consumare sia caldo che freddo, può essere ora servito

4/5 (469 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata di zucchine crude

Insalata di zucchine crude, un’idea singolare e squisita

Insalata di zucchine crude, un contorno sfizioso La ricetta dell’insalata di zucchine crude è una ricetta sui generis, anche perché è realizzata con le zucchine “al naturale”, non...

Caprese con melanzane e zucchine

Caprese con melanzane e zucchine, un contorno gourmet

Caprese con melanzane e zucchine, una variante gustosa La caprese con melanzane e zucchine è una variante sfiziosa della classica caprese, che è un contorno tra i più conosciuti ed apprezzati....

Nidi di agretti con le uova

Nidi di agretti con le uova, un contorno...

Nidi di agretti con le uova, una ricetta semplice e sostanziosa I nidi di agretti con le uova sono un contorno delizioso, semplice e nutriente. Gli ingredienti si contano sulle dite di una mano, ma...

verdure ripiene

Verdure ripiene, una risorsa per qualsiasi tipo di...

Perché utilizzare le verdure ripiene? Oggi vi voglio parlare delle verdure ripiene, una classe di ricette che merita considerazione. Alcune cucine locali, principalmente mediterranee, presentano...

Teglia con patate e zucchine

Teglia con patate e zucchine, un contorno corposo

Teglia con patate, zucchine e cipolle al forno La teglia con patate, zucchine e cipolle è un’idea semplice, ma geniale, per un contorno all’insegna del colore e del gusto. E’ un piatto...

Agretti alla moda asiatica

Agretti alla moda asiatica, un contorno aromatico

Agretti alla moda asiatica, facili da preparare e squisiti Gli agretti alla moda asiatica sono un contorno molto gradevole e allo stesso tempo leggero e saporito. I condimenti proposti dalla ricetta...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


14-09-2015
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti