Torta salata con zucchine e speck, una vera delizia

Torta salata con zucchine e speck
Commenti: 0 - Stampa

Scelta oculata di ingredienti per la torta salata con zucchine e speck

La torta salata con zucchine, speck e ricotta è solo all’apparenza una normale, per quanto gustosa, torta rustica all’italiana. Mentre nelle altre preparazioni non si sta molto a pensare agli abbinamenti, e ci si approccia allo scopo di favorire un sapore corposo e ricco, questa ricetta è stata preceduta da una riflessione sugli ingredienti. La lista degli ingredienti ha due caratteristiche: in primis è abbastanza lunga, dal momento che contiene una spezia, un latticino, un ortaggio e un elemento di carne.

Secondariamente è frutto di un ragionamento sugli abbinamenti, infatti gli ingredienti, pur essendo apparentemente agli antipodi, si sposano a vicenda in un modo che sorprende già al primo assaggio. La corposità e la dolcezza della ricotta valorizza i sentori altrettanto dolci della zucchina, mentre lo speck equilibra tutto, aggiungendo sapidità e corpo alla pietanza. Infine troviamo l’erba cipollina, che nella sua semplicità aggiunge un aroma interessante.

Forse alcuni storceranno il naso visto che questa ricetta contiene la ricotta. Questo latticino, infatti, viene considerato troppo grasso e meno salutare rispetto agli altri latticini. Ebbene, che sia grasso può anche essere vero, ma questo è un tratto che caratterizza tutti i prodotti del latte in generale. Con le dovute differenze, determinate dalla provenienza, la ricotta vaccina contiene circa l’8% di grassi, mentre quella caprina può raggiungere anche il 25%.

Le zucchine, ortaggi perfetti per numerose ricette

Le zucchine, utilizzate nella nostra torta salata, sono una presenza costante nella tradizione gastronomica italiana. Sono, infatti, protagoniste di numerose ricette che prevedono i metodi di cottura più disparati, in questo caso è sufficiente un accurato passaggio in padella. Va detto che le zucchine, in virtù della quantità di acqua in esse contenute, possono richiedere un tempo di cottura più o meno lungo. A prescindere da ciò, le zucchine sono buone e adatte a ogni palato, specialmente se abbinate con elementi sapidi e corposi come lo speck.

Torta salata con zucchine e speck

Il vero pregio delle zucchine, però, risiede nella versatilità. Vanno bene su tutto, anche per realizzare questo ripieno misto con verdure, carne e latticini. Tra le caratteristiche più importanti delle zucchine troviamo la presenza di antiossidanti, in primis i carotenoidi e a seguire la lutina. Stesso discorso per i sali minerali, e in particolare per il potassio, sostanza che regola la pressione sanguigna. Un’altra caratteristica importante delle zucchine è la quantità di fibre da cui sono composte; le fibre, come molti sanno, stimolano i processi digestivi e aiutano a risolvere fastidiosi episodi di stipsi. I grassi, invece, sono completamente assenti, e non potrebbe essere altrimenti dal momento che l’apporto calorico è comunque basso.

Lo speck, un salume ricco di potassio, zinco e ferro

Quando si dice speck, viene subito in mente l’Alto Adige, la montagna, il tagliere del contadino accompagnato da pane di segale e cetrioli. In effetti, lo speck è il saporito salume tipico dell’Alto Adige, della provincia autonoma di Bolzano, dove è protetto dal marchio di origine IGP (Indicazione Geografica Protetta) ma speck se ne producono anche in Trentino e in Friuli Venezia Giulia.

E un prosciutto crudo leggermente affumicato, aromatizzato con varie erbe e ginepro, ricavato da cosce di suino disossate e rifilate, salate a secco, e affumicate a freddo in corretti locali per almeno 20 o 24 settimane, secondo il peso.

Uno speck di buona qualità non deve avere la parte grassa prevalente su quella magra, la cotenna non deve essere prevalente e, al tatto, non deve essere troppo cedevole, segno di una cattiva o breve stagionatura. Al taglio la fetta si presenta di colore rosso e bianco rosato, con il leggero profumo affumicato caratteristico.

Lo speck è uno degli insaccati più apprezzati e gustosi. In quanto insaccato, però, è “vittima” di alcuni pregiudizi secondo cui, in qualche modo, farebbe male. E’ vero, il contenuto di sale è significativo, d’altronde fa parte del processo di realizzazione, ma è sufficiente non abusarne per evitare qualsiasi danno, pur potenziale, alla salute.

Un altro chiarimento riguarda i grassi. Non c’è dubbio che la quantità di grassi sia rilevante (in media, il 20%), tuttavia sono per la stragrande maggioranza grassi insaturi, quindi “buoni”. Soprattutto, è ottimo l’apporto di proteine. Si parla di ben 29 grammi ogni 100 grammi di prodotto. Insomma, lo speck è un’ottima fonte di energia. E poi, ma questo lo sapete già, è buonissimo!

Fino a qualche decennio fa lo speck era esclusivamente un prodotto regionale, e per la precisione del Trentino Alto Adige. Oggi, invece, è grandemente diffuso, fin quasi a soppiantare il prosciutto e il salame. Rispetto agli altri salumi si presenta con un’affumicatura che non agisce solo a livello di sentori, ma incide sul gusto nella sua interezza, ecco perché lo abbiamo scelto per la nostra torta salata con zucchine. Tutto ciò lo rende diverso dal prosciutto crudo, al quale comunque assomiglia e con cui condivide parte del processo di produzione. Anche le calorie sono le stesse, si parla di circa 300 calorie per 100 grammi.

A differenza di molti altri salumi, poi, lo speck è davvero ricco di oligoelementi, tale da poter essere paragonato (da questo punto di vista) agli alimenti di origine vegetale. Nello specifico contiene potassio, ferro e zinco. Contiene anche sodio, un elemento tipico di tutti i salumi, specie di quelli lungamente stagionati. Nella ricetta della nostra torta salata con zucchine e ricotta, lo speck viene semplicemente tagliato a listarelle, per poi essere integrato nell’impasto in modo da creare un ripieno gustoso ed equilibrato dal punto di vista nutrizionale.

Ecco la ricetta della torta salata con zucchine, speck e ricotta:

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 rotolo di pasta sfoglia rotonda consentita;
  • 250 gr. di ricotta consentita;
  • 150 gr. di speck;
  • 400 gr. di zucchine;
  • 3 uova;
  • 4 fili di erba cipollina
  • 5 cucchiai di olio extravergine d’oliva;
  • un pizzico di sale e pepe.

Preparazione:

Per la preparazione della torta salata iniziate sbucciando le zucchine, poi lavatele, asciugatele per bene e fatele a rondelle molto sottili. Poi fate scaldare un filo d’olio extravergine d’oliva in una padella e rosolate le zucchine, che poi lascerete raffreddare. Ora prendete una ciotola e versate le uova, la ricotta che avete a disposizione, un po’ di sale e un po’ di pepe. Mescolate ed amalgamate per bene, poi aggiungete anche l’erba cipollina tritata molto finemente, lo speck fatto a pezzi e le zucchine rosolate. A questo punto date un’altra rapida mescolata.

Poi coprite una teglia di 26 cm di diametro con della carta da forno, stendeteci la pasta sfoglia e versate il composto che avete preparato. Ripiegate i bordi della pasta sfoglia sulla farcitura e fate cuocere la torta per circa 30 minuti ad una temperatura di 180 gradi. Verificate la cottura e se necessario prolugate altri 10 minuti. Terminata la cottura, la torta è pronta per essere gustata!

5/5 (364 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Coulibiac di salmone

Coulibiac di salmone, una meraviglia della cucina russa

Coulibiac di salmone, una torta salata di origine russa Il coulibiac di salmone è un'istituzione in Russia e nei paesi limitrofi. Infatti è uno dei piatti tipici più antichi. Si narra che sia...

samosa

I samosa, un gradevole esempio di rosticceria indiana

I samosa, la cucina indiana che non ti aspetti I samosa sono degli antipasti tipici della cucina indiana, assimilabili ai nostri pezzi di rosticceria. Sono esponenti di un volto poco conosciuto...

Focaccia con filetto di maiale tonnato

Focaccia con filetto di maiale tonnato per intenditori

Focaccia con filetto di maiale tonnato, una sofisticata combinazione di sapori La focaccia con filetto di maiale tonnato, pomodorini gialli e puntarelle può essere considerata, a secondo degli usi,...

Tacos vegetariani

Tacos vegetariani, variante per chi non ama la...

Tacos vegetariani, una lista di ingredienti perfetta Il concetto stesso di tacos vegetariani potrebbe far storcere il naso a molti, soprattutto agli amanti della cucina messicana. D’altronde, i...

Millefoglie di tortillas con pollo

Millefoglie di tortillas con pollo e peperoni, una...

Millefoglie di tortillas con pollo e peperoni, un’idea geniale e gustosa La millefoglie di tortillas è un modo alternativo per valorizzare le celebri tortillas messicane. D’altronde, lo si...

Quesadillas con pico de gallo

Quesadillas con pico de gallo, un delizioso street...

Quesadillas con pico de gallo, uno spuntino proteico e gustoso Le quesadillas con pico de gallo sono un tipo di tortilla che rispetta fedelmente la cultura gastronomica messicana, una cultura che...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


14-10-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti