La birra contiene glutine? Riduzione di birra

riduzione di birra

La birra contiene glutine?.

La birra contiene glutine? Leggi e scopri di più. Oggi prepariamo la riduzione di birra insieme. Chi ama la birra la apprezza non solo quando se la trova davanti in un bicchiere durante una serata con gli amici, ma anche nelle occasioni in cui c’è la possibilità di renderla parte di un piatto speciale.

Per ottenere il massimo da questo punto di vista e per personalizzare primi piatti come i risotti è possibile preparare una bella riduzione di birra chiara e birra scura. Si tratta di una vera delizia che, come vedremo poi, fa bene alla salute e può essere proposta senza problemi anche a chi soffre di celiachia (sono diversi i brand che propongono birre che possono essere bevute anche da chi soffre di cattivo assorbimento del glutine).

Adesso bando alle chiacchiere! È arrivato il momento di scoprire i benefici più particolari e sconosciuti della birra.

La birra? Fa bene al cuore e ai reni!

Se il vino fa buon sangue la birra fa bene al cuore e alle ossa! Due motivi in più per mettersi ai fornelli per preparare una bella riduzione di birra chiara e birra scura! A confermare quanto ho ricordato sopra ci hanno pensato diversi studi internazionali. Più di 100 tra questi sono stati dedicati ai benefici della birra per il funzionamento del cuore.

Una ricerca effettuata in Finlandia, invece, ha confermato i benefici della birra per i reni. Nello specifico si parla di una riduzione del rischio di formazione di calcoli, grazie in particolare alla continua attività dei reni.

Un’alternativa gustosa alla birra tradizionale: la birra senza glutine

Avete mai provato la birra senza glutine? Se amate questa bevanda e soffrite di celiachia, sicuramente è arrivato il momento di farlo e, inoltre, di conoscere al meglio questo drink sicuro per i celiaci. Con queste premesse, per comprendere meglio con cosa abbiamo a che fare, è utile partire dallo stesso glutine che, come sapete, è una proteina presente in cereali come il frumento, la segale, il farro e l’orzo.

Uno di questi cereali, l’orzo, si utilizza nella preparazione della birra. Pertanto, non tutti possono berla, in quanto non è un prodotto gluten-free.

Tuttavia, rinunciare a un buon boccale di birra può rivelarsi difficile! Proprio per questo, alcune aziende hanno proposto un’ottima alternativa, ovvero la birra senza glutine. A questo punto, la domanda che ci poniamo è: se la birra tradizionale si ricava dal malto d’orzo, come viene realizzato il prodotto adatto ai celiaci? Questa bevanda si ottiene con due metodi diversi.

Il primo prevede sostanzialmente dei processi volti a minimizzare le quantità di glutine; e il secondo, invece, consiste nel preparare la birra con cereali e/o altri ingredienti diversi dall’orzo.

La birra con il malto d’orzo per celiaci è ottima

Come anticipato, la prima alternativa alla birra tradizionale prevede comunque l’uso dell’orzo. Tuttavia, grazie alla tecnica di deglutinazione, le quantità di glutine presenti nella bevanda si riducono notevolmente: si trovano ben al di sotto dei 10 milligrammi per ogni litro, ossia una dose ritenuta sicura per i celiaci. L’Associazione Italiana Celiachia si occupa di garantire al consumatore che durante la produzione della birra gluten-free vengano rispettate le migliori prassi di deglutinazione e che il prodotto finale non superi le quantità di glutine consentite.

In ogni caso, anche se dipende molto dalle preferenze personali, il risultato è davvero unico: si può gustare una birra senza glutine dotata dello stesso sapore forte e deciso di una birra tradizionale. Questa proprietà organolettica è data chiaramente dal malto d’orzo che, pur se lavorato e privato della sua proteina principale, non perde le sue note sfumature di sapore. Tuttavia, come accennato in precedenza, abbiamo a disposizione persino la bevanda preparata sostituendo questo cereale.

La birra senza glutine con altri cereali

La seconda alternativa valida per i celiaci (o per chi deve eliminare il glutine dalla propria alimentazione per altri motivi di salute) è la birra preparata con cereali o altri alimenti vegetali naturalmente privi della proteina in questione. Solitamente si usano mais, riso e grano saraceno, ma anche miglio, amaranto e quinoa. Anche con questi ingredienti, il processo di preparazione risulta molto simile a quello della birra tradizionale. Tuttavia, la principale differenza sta nella fermentazione: l’orzo è fondamentale per far fermentare e creare la birra che tanto amiamo.

Ad ogni modo, si possono ottenere risultati similari scegliendo un alimento in grado di garantire comunque una buona fermentazione. Il grano saraceno è perfetto sotto questo punto di vista e consente di produrre una birra senza glutine a dir poco speciale. Chiaramente, il sapore di questa bevanda e di quelle create con altri ingredienti è senz’altro molto diverso da quello dell’orzo protagonista delle birre tradizionali. Tuttavia, grazie alle numerose proposte del settore alimentare, possiamo provarne più varietà, fino a trovare la bevanda ideale.

Riduzione di birra chiara e birra scura per un tocco in più

La riduzione di birra chiara e birra scura può rappresentare un tocco di classe speciale non solo sui primi, ma anche sui secondi di carne. In questo caso i benefici per la salute diventano ancora più importanti! A ricordarci il motivo ci sono diversi studi che hanno portato alla luce come la scelta di marinare la carne con la birra costituisca una soluzione per eliminare le ammine eterocicliche, sostanze che possono essere considerate agenti cancerogeni e che fanno la loro comparsa soprattutto quando si frigge la carne.

Non c’è che dire: i piaceri della birra non si limitano al sapore e all’aroma, ma coinvolgono anche la consapevolezza di fare qualcosa di buono per la propria salute, il che è un ottimo motivo per correre a preparare queste riduzioni.

Ecco la ricetta per la Riduzione di birra

Ingredienti

  • 1 bottiglia di Birra Chiara consentita
  • 1 bottiglia di Birra Scura consentita
  • gr 200 di Glucosio

Preparazione

Per preparare la riduzione di birra come prima cosa versate le due birre in pentole diverse aggiungendo in ognuna 100 gr di glucosio. Se necessario aggiustate di sale e pepe. Lasciate ridurre a fiamma dolce finché non avrà raggiunto la metà del suo volume iniziale o la consistenza desiderata.

5/5 (451 Recensioni)
Riproduzione riservata

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pesto di aglio orsino

Pesto di aglio orsino, un’ottima variante da gustare

Usi e differenze del pesto di aglio orsino Oggi vi propongo il pesto di aglio orsino, un pesto diverso dal solito, sebbene vi siano dei punti in comune per quanto concerne il procedimento. Le...

Kasundi

Kasundi, una salsa indiana speziata al punto giusto

Il kasundi, l’intingolo indiano dalla sensibilità mediterranea Il kasundi è una salsa della cucina indiana. In realtà, con questo termine si indica un insieme di salse. Come ogni ricetta...

Burro al dragoncello

Burro al dragoncello, un’alternativa aromatica

Burro al dragoncello, un condimento per tanti usi Il burro al dragoncello è un’alternativa gradevole al burro classico. Fa parte della categoria dei burri aromatizzati, che apre scenari...

Aceto al dragoncello

Aceto al dragoncello, un sostituto dell’aceto di vino

Le differenze tra l’aceto al dragoncello e l’aceto di vino L’aceto al dragoncello è una gradevole alternativa al classico aceto di vino. E’ una preparazione semplice, che gioca sulla...

Pesto al dragoncello

Pesto al dragoncello, un condimento squisito

Pesto al dragoncello, una gradevole alternativa Il pesto al dragoncello è un’alternativa molto suggestiva rispetto al pesto alla genovese, realizzato con il basilico. Ovviamente gli utilizzi sono...

pesto di melissa

Pesto di melissa, un’alternativa al pesto genovese

Le differenza tra il pesto di melissa e il pesto classico Il pesto di melissa è una gradevole alternativa al pesto classico, quello realizzato con il basilico. La differenza principale, ma certo...

19-07-2016
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti