Finocchi ripieni di ricotta e speck, connubio eccellente

Finocchi ripieni di ricotta e speck
Commenti: 0 - Stampa

Finocchi ripieni di ricotta e speck: una combinazione vincente

I finocchi ripieni di ricotta e speck sono un secondo piatto o, in alternativa, un contorno o un antipasto, da leccarsi i baffi. Con pochi ingredienti principali e altri per il condimento avrete a disposizione un piatto eccellente che accosta tre prodotti molto utilizzati nella cucina italiana: la ricotta, i finocchi e lo speck. L’accostamento dei sapori dolci e salati vi permetterà di gustare questo piatto fino all’ultimo boccone!

Come sempre, ho adattato questa ricetta anche per gli intolleranti al glutine e gli intolleranti al lattosio. In questo caso, infatti, utilizzeremo la ricotta delattosata e il parmigiano reggiano, un formaggio stagionato per 36 mesi e quindi privo di lattosio. Ancora una volta, i prodotti senza lattosio ci vengono in aiuto e ci permettono di preparare ricette deliziose e di evitare di fare troppe rinunce. Scopriamo insieme gli ingredienti dei finocchi ripieni di ricotta e speck.

Finocchi, gli alleati della digestione

La base del piatto sono i finocchi che verranno utilizzati come cestini che conterranno gli altri ingredienti principali. Dopo aver lessato questo ortaggio, verrà tagliato a metà e, la parte interna verrà mescolato al resto del ripieno. I finocchi sono utilizzati nella zona del Mediterraneo fin dall’antichità, anche se probabilmente sono originari dell’Asia. Da allora, questo ortaggio viene utilizzato in molte ricette, cotto e crudo. Mangiarlo in insalata, inoltre, è un vero piacere visto che lascia quel delizioso sapore dolce in bocca.

Non è solamente il sapore a rendere unici i finocchi. Sono ricchi, infatti, di fibre, sali minerali e vitamine e contengono pochissimi grassi. Hanno proprietà antiossidanti e sono molto utilizzati anche per le loro proprietà diuretiche. Per questo, per sgonfiare la pancia dopo i pasti, può essere utile fare un infuso con i semi di finocchio. Inserire i finocchi all’interno della propria dieta, magari come spuntino spezza fame, insomma, vuol dire avere ottimo alleato per il nostro benessere.

Finocchi ripieni di ricotta e speck

Il ripieno a base di ricotta e speck

La combinazione perfetta della ricetta dei finocchi ripieni di ricotta e speck si basa proprio sul contrasto fra il dolce e il salato degli ingredienti. Per la farcitura, infatti, utilizzeremo la ricotta nella versione delattosata. Si tratta di un latticinio, ricavato dal siero del latte, originario del sud Italia. La ricotta viene utilizzata sia nelle ricette dolci che in quelle salate, per ottenere una pietanza più morbido e dolce. È il caso, ad esempio, degli gnocchi di  ricotta e piselli o delle tartellette con ricotta, mandorle e miele.

Il tocco salato al piatto viene dato dall’utilizzo dello speck. Si tratta di un salume tipico dell’Alto Adige, ricavato dalla coscia del maiale. Tuttavia, la caratteristica che rende inconfondibile lo speck è la sua affumicatura. Per questo, viene utilizzato sia nei primi che nei secondi piatti, a cubetti o a fette. Nella nostra ricetta, ad esempio sarà fondamentale per creare un contrasto netto con il sapore dolce dei finocchi e della ricotta.

Ed ecco la ricetta dei Finocchi ripieni di ricotta e speck

Ingredienti per 4 persone

  • 2 finocchi grandi
  • 150 gr. di ricotta delattosata
  • 3 fette di speck di 0,50 cm
  • 50 gr. parmigiano reggiano 36 mesi grattugiato
  • 2 uova
  • q.b. sale e pepe

per il condimento:

  • 500 gr di pomodorini datterini gialli
  • 1 spicchio d’aglio
  • 4 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • q.b. sale e pepe appena macinato
  • qualche foglia di basilico per decorare

Preparazione

Pulite il finocchio: eliminate barbina e dividetelo in 2 e lavate accuratamente sotto acqua corrente.

Cuocete in acqua bollente, leggermente salata, per 10 minuti. Scolate e lasciate raffreddare.

Intanto preparate il ripieno. In una ciotola sbattete l’uovo con un pizzico di sale e pepe. Aggiungete la ricotta e il parmigiano grattugiato e, con una frusta, mescolate per benino fino ad ottenere una crema omogenea. Incorporate lo speck, precedentemente tagliato a striscioline.

Riprendete il finocchio lessato, svuotatelo con un cucchiaio, tagliate a pezzetti la parte interna e mischiatela al composto di ricotta e speck.

Riempite i finocchi con il ripieno e sistemateli in una teglia foderata con carta forno. Irrorate con un filo d’olio e cuocete in forno già caldo a 200° per 40 minuti.

Scaldate un filo d’olio con lo spicchio d’aglio , aggiungete i pomodorini, sale e pepe e non appena si sono insaporiti, togliete l’aglio e frullate tutto con il frullatore ad immersione per ottenere la crema. Tenetene da parte qualcuno per la decorazione.

5/5 (48 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Verdure miste arrostite

Verdure miste agli agrumi, un pieno di oligoelementi

Verdure miste agli agrumi, un’idea semplice, gustosa e salutare Le verdure miste agli agrumi con aceto di mele e agrumi sono un piatto molto colorato, gustoso e facile da preparare. E’ concepito...

Insalata di zucchine crude

Insalata di zucchine crude, un’idea singolare e squisita

Insalata di zucchine crude, un contorno sfizioso La ricetta dell’insalata di zucchine crude è una ricetta sui generis, anche perché è realizzata con le zucchine “al naturale”, non...

Caprese con melanzane e zucchine

Caprese con melanzane e zucchine, un contorno gourmet

Caprese con melanzane e zucchine, una variante gustosa La caprese con melanzane e zucchine è una variante sfiziosa della classica caprese, che è un contorno tra i più conosciuti ed apprezzati....

Nidi di agretti con le uova

Nidi di agretti con le uova, un contorno...

Nidi di agretti con le uova, una ricetta semplice e sostanziosa I nidi di agretti con le uova sono un contorno delizioso, semplice e nutriente. Gli ingredienti si contano sulle dite di una mano, ma...

verdure ripiene

Verdure ripiene, una risorsa per qualsiasi tipo di...

Perché utilizzare le verdure ripiene? Oggi vi voglio parlare delle verdure ripiene, una classe di ricette che merita considerazione. Alcune cucine locali, principalmente mediterranee, presentano...

Teglia con patate e zucchine

Teglia con patate e zucchine, un contorno corposo

Teglia con patate, zucchine e cipolle al forno La teglia con patate, zucchine e cipolle è un’idea semplice, ma geniale, per un contorno all’insegna del colore e del gusto. E’ un piatto...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


09-11-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti