Pasta con broccoli e ricotta, un primo leggero

Pasta con broccoli e ricotta
Commenti: 0 - Stampa

Pasta con broccoli e ricotta salata, un piatto con ingredienti leggeri

La pasta con broccoli e ricotta salata è la classica pasta veloce, che si realizza in pochi minuti (meno di venti se ci si mette di impegno). Allo stesso tempo, però, è anche una pasta molto buona, nutriente e dal gradevole impatto visivo. Insomma, considerando anche l’impegno minimo che richiede, è una ricetta che va provata assolutamente; anche perché gli ingredienti sono assolutamente reperibili. Ovviamente potete utilizzare qualsiasi tipo di spaghetti, siano essi di taglio spesso o di taglio fine. Io però consiglio i primi. Nella lista degli ingredienti non ho fatto riferimento ad alimenti gluten free, ma ovviamente nessuno vi vieta di utilizzare spaghetti privi di glutine (vanno bene tutte le farine).

Il punto di forza della pasta broccoli e ricotta salata sta soprattutto nel condimento, che è leggero e gustoso. Protagonista assoluto è il broccolo, una verdura diffusa sulle tavole degli italiane, ma le cui qualità vengono date spesso per scontate. Un tocco di gradevolezza e sapore in più vengono conferiti anche dai pinoli e dall’uvetta, che in buona sostanza rappresentano un po’ il fondo cottura (ci sarebbe anche l’aglio, ma serve per insaporire e va tolto quasi subito).

Gli insospettabili pregi dei broccoli

I broccoli, utilizzati nel nostro primo a base di pasta, sono dei veri toccasana per l’organismo. In primis, sono una fonte inestimabile di vitamine. Contengono, infatti, grandi quantità di vitamina A, C, E e K, nonché altre del gruppo B. Ottimo è anche l’apporto di sali minerali, con esplicito riferimento al ferro, al potassio, al calcio, al selenio e al magnesio. Alcuni studi rivelano che i broccoli aiutano a prevenire il cancro, il merito sarebbe delle elevate concentrazioni di sulforafano, una sostanza che funge un po’ da spazzino per l’organismo. I broccoli, poi, sono anche ricchi di carotenoidi, che tra le altre cose contribuiscono a prevenire alcuni disturbi della vista, come quelli causati dall’età.

Pasta con broccoli e ricotta

Ottimo è l’apporto di fibre, le quali giovano all’apparato digerente e agevolano la digestione. Essendo una verdura, i broccoli presentano un apporto calorico modesto, anzi è una delle verdure più ipocaloriche in assoluto (39 kcal per 100 grammi). Il broccolo è anche una verdura gustosa e dal sapore inconfondibile. E’ inoltre versatile in quanto si presta alle preparazioni più svariate, per questa ricetta ho optato per un primo passaggio in acqua bollente (dalla durata di 20 minuti). In questo modo il broccolo si cuoce in maniera uniforme e regolare per poi renderlo croccante con il successivo passaggio in padella.

Il broccolo è strettamente imparentato con il cavolfiore, con i cavolini di Bruxelles e con i broccoli ramosi. La sua coltivazione nella forma attuale è stata iniziata in Italia: gli Etruschi o i Romani l’avevano ottenuto dal cavolo, come poi in seguito il cavolfiore è stato ottenuto dal broccolo per selezione genetica. Il broccolo produce un’unica infiorescenza globosa, compatta, simile a quella del cavolfiore ma generalmente colorata, in verde oppure violetto. Si raccoglie specialmente nel periodo che va da ottobre a maggio.

Scegliete piante con fiori compatti, ben chiusi e con gambi sodi, di colore verde chiaro. Evitate quelle con fiori aperti, gialli, che indicano un’eccessiva maturazione. Per la conservazione avvolgetelo in sacchetti di plastica e conservatelo in frigorifero. Consumatelo entro 3-5 giorni.

Il tocco della ricotta salata e le sue calorie

Nella pasta con broccoli spicca la ricotta salata che non è un vero e proprio formaggio, ma piuttosto un derivato del latte che si ottiene dal latte di vacca, bufala, capra o – più raramente – di pecora. La sua pasta è semidura, a differenza della ricotta normale, a tal punto che può essere grattugiata. Anzi, è proprio questa la sua finalità principale. E’ tipica delle regioni del centro e sud Italia, e in particolare della Sicilia dove rappresenta un ingrediente fondamentale nella Pasta alla Norma. Attorno alla ricotta salata gravitano alcuni pregiudizi, come quello secondo cui farebbe ingrassare. A dire il vero, il suo apporto calorico non desta particolari preoccupazioni, dal momento che si attesta sui 280 kcal ogni 100 grammi (meno del parmigiano reggiano per intenderci).

Vero è che la quantità di grassi non è trascurabile. Sempre in un etto di prodotto, si contano 23 grammi di lipidi, di cui 15 sono saturi. L’apporto proteico è ottimo, ed è pari a 18 grammi. La quantità di sale, invece, è considerevole (rappresenta circa il 3%) ma non risulta un problema. Lo scopo della ricotta salata è di rendere più sapidi gli ingredienti, infatti solitamente la si consuma grattugiata, piuttosto che intera. Alcune ricotte salate vengono addizionate con panna, io consiglio però di utilizzare quella originale, che tra l’altro è meno calorica e vanta un sapore più deciso.

La ricotta salata stagionata di  latte di capra ha basse quantità di colesterolo, perché il latte con cui è prodotta ha poco grasso ed è altamente digeribile. Più in generale, la ricotta di capra è considerata un alimento particolarmente digeribile e tollerato caratterizzato da un valore nutrizionale elevato. Per questo è consigliata sia ai bambini che a chi convive con disturbi gastrici; inoltre è considerata un buon alimento per chi pratica sport. Caratteristiche che la rendono duttile in cucina, per ricette gustose e all’insegna della leggerezza. Il suo colore bianco candido la fa risplendere nei taglieri di formaggi misti che vorrete offrire ai vostri commensali. È un ottimo ingrediente base per numerosi dolci e paste fresche della cucina mediterranea.

Ecco la ricetta della pasta con broccoli e ricotta salata:

Ingredienti per 4 persone:

  • 280 gr. di spaghetti consentiti;
  • 650 gr. di broccoli;
  • 1 spicchio d’aglio;
  • 1 peperoncino;
  • 2 cucchiai di pinoli;
  • 2 cucchiai di uvetta morbida;
  • 70 gr. di ricotta salata stagionata di capra;
  • 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva;
  • q. b. di sale.

Preparazione:

Per la preparazione della pasta con broccoli iniziate lavando questi ultimi e dividendoli in piccoli mazzi, poi bolliteli per circa 20 minuti e scolateli conservando un po’ di liquido di cottura. In una padella riscaldate l’olio d’oliva ed aggiungete l’aglio e il peperoncino, facendoli colorare leggermente. Poi rimuovete l’aglio e aggiungete l’uvetta e i pinoli mescolando un po’, infine versate i broccoli lessati continuando a mescolare per dare sapore.

Ora versate un mestolo di acqua di cottura dei broccoli e fate evaporare leggermente. Cuocete gli spaghetti in abbondante acqua salata e scolateli quando sono ancora al dente, poi versateli in padella assieme ai broccoli. Mescolate per bene e servite decorando con la ricotta salata grattugiata. Buon appetito!

5/5 (48 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Fregola con le vongole

Fregola con le vongole, un primo tra mare...

Fregola con le vongole, un piatto dal sapore rustico La fregola con le vongole è un primo dal sapore particolare, che valorizza le vongole proponendo una soluzione alternativa. In questo caso non...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un delicato mix di ingredienti I maccheroncini con scampi e fiori di zucca sono un primo fuori dall’ordinario. In primo luogo perché sono conditi con...

Calamarata con merluzzo e datterini

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo estivo

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo leggero La calamarata con merluzzo, carciofi e datterini, lascia intendere un piatto a base di calamari, o magari un secondo di pesce. Invece si tratta...

Spaghetti con sarde e bottarga

Spaghetti con sarde e bottarga, un primo che...

Spaghetti con sarde e bottarga, colore e gusto per un ottimo primo di pesce Gli spaghetti con sarde e bottarga sono un piatto che incarna il rapporto tra la cucina italiana e il mare. D’altronde,...

Fettuccine Alfredo

Fettuccine Alfredo, una celebre ricetta italoamericana

La singolare storia delle fettuccine Alfredo Le fettuccine Alfredo sono una delle ricette più famose al mondo. Benché un po’ dappertutto siano considerate “italiane”, in realtà fanno parte...

Riso rosso con zucchine e menta

Riso rosso con zucchine e menta, un primo...

Riso rosso con zucchine e mente, altro che risotto Il riso rosso con zucchine e menta è una suggestiva alternativa al risotto. Anche perché rispetto a quest’ultimo porta spunti differenti. E’...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


10-01-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti