Tante ricette di torte salate: tradizione ma non solo…

torte salate
Commenti: 0 - Stampa

Tante torte salate per tutti i gusti da prendere in considerazione

Le torte salate sono buone, versatili, personalizzabili, energetiche e perfette per soddisfare il nostro palato e per deliziare l’organismo con importanti nutrienti. Ci sono quelle più classiche e le più originali, quelle più semplici e le più elaborate, ma c’è comunque una cosa comune a tutte: la bontà! Per portare in tavola un pasto delizioso, dobbiamo però scegliere gli ingredienti giusti, considerando anche le nostre eventuali intolleranze e quelle dei nostri ospiti e familiari!

Ma non preoccupatevi: così come ci sono tante ricette a disposizione, ci sono anche tanti alimenti da utilizzare per la preparazione delle torte salate, come ad esempio le farine senza glutine, i migliori latticini anche senza lattosio o i formaggi vegetali, le verdure di stagione e gli affettati. Ma andiamo a parlarne in maniera più approfondita e a conoscere qualche interessante ricetta da provare al più presto!

Le più semplici, le più leggere e le più versatili

Come ben sapete, per questo tipo di preparazioni, solitamente si usa pasta sfoglia, la briseè oppure la pasta a choux, che naturalmente possono essere comprate già fatte o preparate con le nostre mani e, in ogni caso, essere persino prive di glutine. Una volta scelta la base ideale per le vostre torte salate, potrete sbizzarrirvi e lasciare spazio alla creatività e alle vostre preferenze in fatto di ingredienti. Potrete posizionare la pasta in teglia e riempirla con il vostro mix di alimenti.

In seguito, potrete chiuderla, lasciarla aperta o rifinirla come una crostata, decorarla o lasciare che mostri un aspetto molto semplice. Dopodiché, potrete infornare e aspettare che la torta sia pronta per assaporare la vostra creazione. Forse vi mancano le idee? Non ha importanza!

Tra le migliori torte salate che ho preparato trovate:

Torta salata 9 vasetti: facile e buona! E rieccoci a preparare una torta salata, questa volta con un trucchetto utile per non sbagliare le proporzioni ed ottenere il giusto equilibrio tra sapori e consistenza. Una specialità che i nostri nipoti ci richiedono costantemente, anche a merenda! Non c’è da stupirsi, infondo, pur non essendo un classico spuntino dolce, la torta salata ha tutte le caratteristiche utili per conquistare la golosità. Un paio di fettine di questa ciambella saranno apprezzabili come antipasto, spuntino a metà pomeriggio oppure ancora dopo cena, se resta ancora un po’ d’appetito.

La torta salata al cavolo rosso è una delle più squisite torte salate che possiate mai mangiare. Quando si parla di torta salata, a fare la differenza è sì la pasta, ma anche e soprattutto la scelta degli ingredienti che andranno a formare la farcitura. Ebbene, qui la scelta sembra seguire criteri diversi da quelli classici. L’obiettivo è infatti duplice: determinare la massima resa visiva e premiare il gusto. D’altronde lo potete evincere dalla foto, questa torta salata è un vero tripudio di colori. Il processo di preparazione, poi, non è affatto laborioso, ma semplice ed alla portata di tutti, anche di chi non ha mai preparato una torta salata prima d’ora.

La torta salata con uova di quaglia, ricotta di capra e zucchine è una ricetta diversa dal solito. Il perché è intuibile dal nome, infatti presenta ingredienti non comuni e in grado di formare abbinamenti particolari e sfiziosi. Il riferimento è soprattutto alle uova di quaglia. Il loro sapore è più delicato rispetto alle uova di gallina, inoltre sono più piccole di dimensioni e, quindi, più versatili. Le proprietà nutrizionali sono simili a quelle delle uova di gallina, ma la quantità di nutrienti è maggiore.

La torta salata con finocchi e melanzane è una ricetta semplice da preparare, che si posiziona nella categoria delle torte salate all’italiana. Spesso basta una semplice pasta sfoglia, degli ingredienti ben scelti e il gioco è fatto. Ebbene, è il caso di questa torta salata con finocchi e melanzane, una prelibatezza semplice da preparare, che rende il massimo con il minimo sforzo. E’ anche abbastanza leggera, infatti se escludiamo il formaggio è quasi priva di grassi. Allo stesso modo è anche una pietanza “accessibile”, nel senso che può essere consumata dagli intolleranti al lattosio e al nichel. Il formaggio cremoso che consiglio per la ricetta, infatti, non contiene questa sostanza. Per quanto riguarda il glutine, è sufficiente optare per una della tante paste sfoglia gluten-free in commercio.

Possiamo anche trovarne un pochino più elaborate!

Sicuramente, quelle che abbiamo appena visto sono ricette fantastiche: pietanze che conquistano tutti e che vantano la presenza di ingredienti genuini e ricchi di nutrienti. Tuttavia, ci sono delle volte in cui la voglia di stupire e stupirsi è tanta, e quindi possiamo provare a portare in tavola delle torte salate più elaborate. In questo caso, non posso fare altro che proporvi le più sostanziose: la torta di patate e nasello,  con cavolfiore e prosciutto e la torta rustica con olive e acciughe.

La  torta salata di verdure a spirale è una rivisitazione molto interessante delle normali torte salate con verdure. Il motivo è abbastanza intuitivo e lo suggerisce il nome e anche la foto: la copertura di verdure ripercorre un motivo a spirale, valorizzato da un piccolo caleidoscopio di colori, frutto di una scelta degli ingredienti basata sul gusto e sull’impatto estetico. Proprio per l’abbondanza di colori e la resa visiva “particolare” la consiglio come merenda salata durante le feste per i bambini. E’ una pietanza che sazia, dai sapori semplici e genuini, ma anche bella e creativa.

Non la solita cena, ma una sfiziosità. La torta salata con i rotolini di peperone in una parola è una leccornia, una di quelle cose dal sapore travolgente che non mangi spesso ma che vorresti sempre sulla tua tavola! Un pezzetto di questa torta salata sarà un secondo davvero speciale. Non tutti sono amanti delle alici sottolio ma sicuramente a tutti piaceranno in questa veste rivisitata che arricchisce il trito per i rotolini composti da falde di peperone.

Della tradizione culinaria greca tutti hanno assaggiato i souvlaki, la moussaka, le pite, ma non tutti conoscono la spanakopita, una torta salata dal sapore strepitoso! Realizzata con ingredienti semplici della cucina mediterranea. È una ricetta che potete sfruttare in tante occasioni. per un pranzo leggero al volo, come piatto unico di un bel pic-nic all’aperto, come antipasto o per un aperitivo con gli amici. La spanakopita è di fatto un croccante scrigno di pasta fillo, che avvolge un composto di feta, dal sapore deciso e saporito, stemperata dagli spinaci. Il tutto, aromatizzato all’aneto. Non avete già l’acquolina in bocca?

Che dire di più? Mi raccomando: scegliete ingredienti freschi, di qualità e, per quanto possibile, biologici. Per il resto… Buon divertimento con la preparazione e buon appetito!

torta salata con piselli e asparagiTorta salata con piselli e asparagi, una ricca merenda

La torta salata con piselli e asparagi è probabilmente una delle torte salate più salutari che possiate mangiare. Infatti gli ingredienti sono stati selezionati proprio con il doppio intento di garantire una torta salata deliziosa, ma anche di fornire tutti i nutrienti necessari per mantenere in buona salute l’organismo. Il riferimento è ovviamente alle verdure, ma non solo.

Tra gli ingredienti principali spiccano gli asparagi. Sono degli ortaggi che fanno parte della tradizione italiana da sempre e vengono impiegati per realizzare contorni e risotti. In questo caso valorizzano la torta salata sotto ogni punto di vista: gusto, colore e proprietà nutrizionali. Degli asparagi si apprezzano le proprietà diuretiche, come l’abbondanza di sali minerali. Essi contengono infatti calcio e fosforo in grandi quantità. Niente affatto trascurabile, invece, è l’apporto di vitamina C. Infine, l’apporto calorico è davvero molto basso: appena 29 kcal per 100 grammi.

Farine speciali per la nostra torta salata

Il tratto distintivo della torta salata con piselli e asparagi è però la presenza di farine particolari. Queste sono più nutrienti della classica farina di grano, contengono un basso indice glicemico e soprattutto sono prive di glutine. Dettaglio non da poco se si considera che i disturbi dell’assorbimento del glutine coinvolgono un numero elevato di persone. Ad ogni modo stiamo parlando del “trio” farina di grano saraceno, farina di riso e farina di tapioca.

La farina di grano saraceno è considerata un superfood, dal momento che contiene sia proteine che carboidrati (nonché vitamine e sali minerali). La farina di riso si fa invece apprezzare per il ridotto apporti di grassi e il sapore delicato. La tapioca, infine, si ottiene dalla radice di manioca e si caratterizza per una marcata digeribilità e per l’azione antinfiammatoria (è un toccasana in caso di colite).

I benefici nutrizionali dei piselli e le loro proprietà

I piselli rappresentano un importante ingrediente della torta salata, insieme agli asparagi. Anche in questo caso si tratta di una presenza preziosa, dettata da questioni di gusto e valore nutrizionale. I piselli contengono, quasi in egual misura, proteine e carboidrati, nonché una grande quantità di vitamine e sali minerali. Si pone, quindi, come un alimento incredibilmente equilibrato.

Nello specifico i piselli apportano potassio, calcio, fosforo, ferro, vitamina A, vitamina C e vitamina K. Contengono anche alcune sostanze antiossidanti, tra cui spiccano la luteina e la zeaxantina; stesso discorso per il betacarotene e i folati. Infine, hanno un apporto calorico davvero minimo, pari a 80 kcal per 100 grammi. In questa ricetta vanno semplicemente passati in padella con un po’ d’aglio e olio, pronti per essere impiegati nella farcitura di questa interessante torta salata.

Ecco la ricetta della torta salata con piselli e asparagi:

Ingredienti per 4/6 persone:

Per la base:

  • 200 gr. di farina di grano saraceno,
  • 100 gr. di farina di riso,
  • 1 cucchiaino di farina di tapioca + 1 tuorlo d’uovo,
  • q. b. di sale,
  • 80 ml. di olio di semi,
  • 120 gr. di zucchero di canna.

Per la farcia:

  • 250 gr. di asparagi,
  • 150 gr. di pisellini freschi,
  • 2 cipollotti rossi,
  • 2 uova,
  • 100 gr. di scamorza consentita,
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
  • qualche fogliolina di basilico,
  • q. b. di sale,
  • q. b. di pepe.

Preparazione:

Per la preparazione della torta salata inserite in una ciotola le farine che avete a disposizione (farina di grano saraceno e farina di riso), il tuorlo d’uovo, lo zucchero, un po’ di sale, un cucchiaino di farina di tapioca e l’olio di semi.

Mescolate brevemente con la forchetta, poi iniziate a lavorare il composto a mano, fino ad ottenere un impasto dalla texture sbriciolosa.Se notate che è troppo secco integrate con due cucchiai di acqua fredda.Lavorate ancora l’impasto fino ad ottenere una palla, copritela bene con la pellicola da cucina e fatela riposare in frigo per 30 minuti.

Tolto l’impasto dal frigo ponetelo sul piano di lavoro, impastatelo ancora un po’ e stendetelo a mo’ di sfoglia, formando un disco ampio del diametro di una torta.Ponete questo disco su una teglia coperta con della carta da forno.Ora occupatevi della farcitura, sbucciate gli asparagi e cuoceteli mettendoli in un cestello bucherellato, inserito in una pentola con un po’ di acqua leggermente salata.

Mettete il coperchio e cucinate per 15 minuti, o almeno fino a quando gli asparagi non saranno morbidi.Quando sono pronti, tagliate gli asparagi a pezzi.Ora versate in una pentola un po’ di olio extravergine di oliva e uno spicchio di aglio. Riscaldate il tutto e inserite anche i pisellini.

Poi mescolate e integrate con acqua calda (basta mezzo bicchiere) e un pizzico di sale, infine mettete il coperchio e fate cuocere per 15 minuti. Con questi ingredienti, farcite la torta salata.Semplicemente distribuite sulla superficie gli asparagi, i pisellini e la scamorza tagliata a pezzi.Poi aggiungete un composto formato da uovo sbattuto, cipollotti tagliati in modo sottile e due foglie di basilico.Infine completate con un pizzico di pepe e un pizzico di sale.Cuocete la torta salata per mezz’ora a 180 gradi, poi fate raffreddare e servite.

 

 

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

intolleranza al sorbitolo

Intolleranza al sorbitolo, un problema trascurato

Cos’è l’intolleranza al sorbitolo? Oggi parliamo di intolleranza al sorbitolo (o glucitolo), un disturbo che coinvolge molte persone e che, spesso, è in grado di compromettere il tenore di...

Migliori piatti stranieri

I migliori piatti stranieri più apprezzati al mondo

Perché un focus sui piatti stranieri? I migliori piatti stranieri fanno parte delle abitudini alimentari degli italiani. E’ una verità scontata, ma che dimostra come la cucina italiana non sia...

I migliori piatti italiani

I migliori piatti italiani, apprezzati in tutto il...

Alla riscoperta della cucina italiana Quali sono i migliori piatti italiani più famosi e apprezzati in patria e all’estero? Sembra una domanda superflua, se posta da un italiano. Eppure può...

colazione per i bambini

La colazione per i bambini che rientrano a...

Il rientro a scuola dalle vacanze, un momento stressante Il rientro a scuola dopo le vacanze estive prevede una sana colazione adeguata per i bambini, soprattutto dopo un periodo di vacanze molto...

verbena

La verbena, una pianta officinale dalle mille proprietà

Le principali caratteristiche della verbena La verbena è una pianta perenne appartenente alla categoria delle verbenacee, che si trova spesso allo stato selvatico ed ha dimensioni contenute (in...

carne di coniglio

La carne di coniglio, un’alternativa a pollo e...

Un approfondimento sulla carne di coniglio La carne di coniglio fa da sempre parte della tradizione culinaria italiana. Se ben trattata, è un' ottima carne squisita, morbida e adatta alle...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


26-05-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti