Noce moscata, la spezia che arricchisce piatti

Noce moscata
Commenti: 0 - Stampa

Noce moscata: la spezia dai mille usi in cucina

Come già sapete, sono un’amante delle spezie. Per questo, oggi, voglio parlarvi di una  spezia molto conosciuta: la noce moscata. Proviene da una pianta chiamata “Myristica fragrans”, originaria delle isole Molucche in Indonesia, ma coltivata in diverse parti del mondo come i Caraibi o l’India. Non vi fate ingannare dalle piccole dimensioni della noce moscata. La pianta che lo produce è alta solitamente fra i 15 e i 20 metri di altezza e i frutti di questo albero conservano al loro interno questo prezioso seme, utile a insaporire le nostre pietanze.

Nei secoli scorsi, questa spezia era simbolo di ricchezza, tanto da essere stata il pretesto di alcune battaglie in più, a quei tempi, si credeva che fosse una sostanza afrodisiaca. Già sappiamo che in cucina va usata in piccole quantità per dare sapore, anche perché in quantità elevate può scatenare allucinazioni e causare un avvelenamento, tanto da essere stata utilizzata come stupefacente in passato.

Gli usi in cucina

L’utilizzo della noce moscata è piuttosto comune in Italia, tanto che viene usata anche nei piatti più tradizionali come i tortellini o la besciamella. Non dimenticate, inoltre, che questa spezia non insaporisce solamente le pietanze salate ma anche quelle dolci, come le torte, ma anche alcune bevande come il vin brulé. In più, può essere usata per creare ottimi mix di spezie che ci aiutano a condire in maniera originale i nostri piatti.

Noce moscata

Nelle ricette di Nonna Paperina, ho inserito spesso la noce moscata nella lista degli ingredienti per aromatizzare le pietanze. Qualche esempio? Ho aggiunto un pizzico di noce moscate in piatti come le ciambelline alle mandorle e carote, la macedonia d’uva aromatica o nella ricetta dello stinco di maiale alla birra, patate schiacciate e misticanza. Se usate spesso questa spezia saprete come il suo utilizzo, seppur in minime quantità, aiuta alla buona riuscita di un piatto!

Non solo sapore…le proprietà della noce moscata

Anche se gli antichi pensavano che la noce moscata fosse una sorta di rimedio miracoloso, permettendo di curare diverse malattie e di scatenare l’erotismo, al giorno d’oggi, anche se queste proprietà prodigiose sono state un po’ ridimensionate, questa spezia è pur sempre un ottimo alleato per la nostra salute.

Contiene diverse vitamine come la A, quelle del gruppo B e la C, sali minerali, come il manganese, il rame e il potassio, ma anche flavonoidi. Quali effetti hanno sulla nostra salute tutte queste sostanze?

Se, in primis, la noce moscata ha proprietà antiossidanti, sembra che potrebbe aiutare anche a proteggere il cervello dall’Alzheimer o da altre malattie del sistema nervoso. Può essere un buon aiuto anche in caso di mal di denti e per rendere la pelle più luminosa. In ogni caso, come ho già detto, bisogna far attenzione a non consumare una dose troppo alta di noce moscata o potrebbe causare un’intossicazione.

filetti di branzino al pomodoro su crema di patate

I filetti di branzino al pomodoro su crema di patate: un piatto perfetto!

Se vi piacerebbe stupire i vostri ospiti con un secondo di pesce accompagnato ad altri ingredienti molto gustosi, potrete sbizzarrirvi con questo piatto e di sicuro riscuoterete un grandissimo successo. I filetti di branzino al pomodoro su crema di patate si presentano infatti come una pietanza molto ricca e gustosa, da consumare sulle nostre tavole in ogni tipo di situazione. Tanti alimenti diversi riescono ad amalgamarsi alla perfezione, conquistando adulti e bambini.

Insomma, ci sono tanti motivi per assaporare questo piatto e se poi consideriamo il suo valore nutrizionale… le ragioni aumentano! Ecco perché prima di andare a cucinare i filetti di branzino al pomodoro su crema di patate è giusto scoprire che cosa utilizziamo e conoscere le principali caratteristiche di ogni ingrediente…

Branzino e patate: che coppia perfetta!

Il branzino è un pesce molto amato e usato in cucina. È ricco di sali minerali (come calcio e fosforo) e di vitamine (in particolare la A e la D), e ha pochissimi grassi. È facile da digerire, leggero e propone una buona dose di acidi grassi essenziali, buoni per il cuore e per l’apparato cardiovascolare in tutta la sua interezza.  Tra gli altri alimenti utili per la preparazione della ricetta dei filetti di branzino al pomodoro su crema di patate troviamo appunto queste ultime. Cariche di amidi, danno molta sazietà e, allo stesso tempo, si digeriscono molto bene.

Si presentano come una valida fonte di fosforo e potassio, propongono pochissimo sodio e ottimi livelli di vitamina C. E che dire dell’altro importante ingrediente di un buon piatto di filetti di branzino al pomodoro su crema di patate? Usato spesso nelle cucine e ideale per tantissime ricette, il pomodoro è un alimento composto prevalentemente da acqua, che propone elevati livelli di vitamine, antiossidanti e sali minerali come il potassio. Anch’esso contiene vitamina C ed è povero di calorie.

È arrivato il momento di preparare i filetti di branzino al pomodoro

Adesso passiamo ai fatti! Si tratta di una ricetta molto semplice da preparare, che può soddisfare grandi e piccini, offrendo, come abbiamo visto, vitamine e tanti altri elementi fondamentali al nostro organismo. Quello dei filetti di branzino al pomodoro su crema di patate è un piatto gustoso, capace di soddisfare il nostro palato, versatile, perfetto in estate e goloso in inverno.

Per portare in tavola una ricetta carica di gusto, non dimenticate di scegliere con cura gli ingredienti, dal primo fino all’ultimo. Il pesce fresco avrà l’occhio vivido, la pelle brillante e le carni sode. Pertanto, non sarà difficile scegliere quello giusto. Per quanto riguarda pomodori e patate, prediligete la qualità. In questo modo, il vostro piatto di filetti di branzino sarà perfetto sotto ogni punto di vista!

Ingredienti per 4 persone

  • 8 filetti piccoli di branzino (oppure 4 tagliati a metà),
  • 8 cucchiai di dadini di pomodoro,
  • 2 cucchiai rasi di capperi sott’olio ben scolati,
  • 4 patate,
  • 1/2 bicchiere di latte consentito,
  • una bella grattugiata di noce moscata,
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
  • q.b. sale

Preparazione

Fate lessare le patate, schiacciatele con un pizzico di sale, una presa di pepe e una di noce moscata e ammorbiditele con il latte.Fate cuocere i filetti di branzino in un tegame caldo con metà olio: bastano pochi minuti per lato.Serviteli su un letto di crema di patate appena preparata e ricoprendoli con i dadini di pomodoro conditi con un filo d’olio.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

carne di coniglio

La carne di coniglio, un’alternativa a pollo e...

Un approfondimento sulla carne di coniglio La carne di coniglio fa da sempre parte della tradizione culinaria italiana. Se ben trattata, è un' ottima carne squisita, morbida e adatta alle...

camomilla essicata e al naturale

Camomilla essiccata e al naturale, proprietà e usi

Le principali caratteristiche della camomilla Oggi vi voglio parlare della camomilla essiccata e al naturale, una delle piante officinali più apprezzate e conosciute, nonché un alleato preziosa di...

santolina

La santolina, una pianta aromatica dai mille usi

La santolina dal punto di vista botanico La santolina, o crespolina che dir si voglia, è una pianta arbustiva molto diffusa nei paesi che si affacciano sul mediterraneo. Si presenta con un fusto...

Datteri Mazafati

I datteri, uno dei frutti più buoni e...

Un po' di storia sul dattero Oggi parliamo dei datteri, uno dei frutti più particolari in assoluto. Sono particolari dal momento che fanno riferimento alla cultura araba e mediorientale, e per...

Formaggi vegetali,

Formaggi vegetali, non solo per i vegani

Cosa sono i formaggi vegetali? Per alcuni non dovrebbero essere nemmeno chiamati formaggi, per altri sono invece un’alternativa addirittura preferibile ai formaggi tradizionali. I formaggi...

sambuco

Sambuco, tante ricette facili con questa pianta

I principali utilizzi del sambuco Il sambuco è una pianta tra le  più conosciute e utilizzate non solo dall’industria alcolica, che ne ricava un famoso liquore, ma anche in erboristeria, nella...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


18-05-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti