Consigli per organizzare un picnic indimenticabile

picnic indimenticabile
Commenti: 0 - Stampa

Picnic, un’occasione per sorprendere e stare a contatto con la natura

Stare a contatto con la natura è benefico, soprattutto per chi è sempre in città. Non sempre è possibile approfittare delle vacanze per stare all’aria aperta, per questo, esiste un’opzione molto più economica e rapida: il picnic. Basta una giornata libera per abbandonare tutti gli impegni e per scappare in campagna, in montagna o al mare.

Non c’è bisogno di una grande organizzazione per fare un picnic in giornata. Basta scegliere un luogo tranquillo e decidere cosa portare da mangiare. Ovviamente, sarà indispensabile portare tutta l’attrezzatura necessaria, ad esempio tovaglie, piatti di plastica o tovaglioli e dei sacchetti per la spazzatura. La fantasia per preparare panini, paste, frittate o dolci non ci manca, giusto? Siete pronti? Zaino in spalla e seguite i miei consigli!

Cosa portare in un picnic? Ecco cosa non dovreste mai dimenticare.

Per evitare che il picnic si trasformi in una corsa a ostacoli, dovete far attenzione all’attrezzatura necessaria da portare con voi. Innanzitutto, sapete se ci sono tavoli nel luogo in cui andrete? Per sicurezza, portate una tovaglia e avrete l’opportunità di sedervi comodamente su un prato, senza sporcarvi. Portate anche posate, bicchieri, piatti, possibilmente biodegradabili o riutilizzabili. Non dimenticate assolutamente di portarvi una o più buste per l’immondizia in modo tale da rispettare l’ambiente.

Per quanto riguarda il cibo, è preferibile usare almeno una borsa frigo e thermos per mantenere gli alimenti e i liquidi in condizioni ottimali. Valutate attentamente, infatti, le condizioni climatiche del luogo del picnic. Se andate in spiaggia in estate, la possibilità che gli alimenti possano deteriorarsi è molto alta. In più, le portate del vostro picnic devono essere facili da trasportare ma anche da mangiare, per ciò mi raccomando scegliete il tutto con un occhio di riguardo.

Quali cibi sono ideali da portare ad un picnic al mare, in montagna o in campagna?

Nei prossimi paragrafi, vi consiglierò alcune pietanze da preparare per un picnic in montagna, al mare o in campagna, ma anche quali sono i migliori dessert da elaborare per questa occasione. Non è tutto. Vi parlerò anche delle migliori opzioni per i bambini o per i vegetariani. Qualche esempio? Biscotti con i mirtilli disidratati, arancini di riso o cous cous con ceci.

Cosa aspettate? Iniziate ad elaborare i piatti, aprite la vostra cesta per picnic e cominciate a inserire tutte le attrezzature e i piatti. Vi aspetta una giornata in famiglia o con gli amici che vi permetterà di stare all’aria aperta e di fare un pasto diverso dal solito. Viva il picnic!

picnic all’aperto

Un picnic in campagna per sentirsi più contatto con la natura

Campagna: il luogo ideale per un picnic all’aperto. Non appena il sole inizia a riscaldare un po’, torna la voglia di stare all’aperto. Non c’è bisogno di fare un lungo viaggio, basta una gita fuori porta per ritornare in contatto con la natura. Per questo, molte persone, con l’arrivo della primavera, amano fare lunghe passeggiate in campagna. Quale occasione migliore per organizzare un picnic?

L’occasione più utilizzata per mangiare in campagna è senza dubbio la Pasquetta, eppure non serve aspettare questa festività. Un picnic è un’ottima scusa per stare all’aria aperta e passare una giornata rilassante con la famiglia o con gli amici. Basta solamente un po’ di organizzazione.

Finger food: l’opzione migliore per un picnic all’aperto

Una regola fondamentale di ogni picnic che si rispetti è che le pietanze siano facili da mangiare, preferibilmente senza l’uso di posate.

Per questo, via libera a panini e, in generale, ai cosiddetti “finger food”, ossia piccole porzioni di cibo da assaporare solamente usando le mani. Un’ottima opzione, ad esempio, sono le crocchette di patate o gli arancini di riso.

In presenza di persone con intolleranza al glutine o al lattosio, sarà opportuno controllare accuratamente la lista degli ingredienti. Per questo, scegliete pietanze semplici preparate con ingredienti gluten free o senza lattosio.

Potete elaborare una base per una torta salata, con una farina senza glutine, e farcirla con gli ingredienti che preferite, meglio se si tratta di verdure e di ortaggi di stagione.

Un’idea puo’ essere la torta salata con porri e patate. Infatti, è una pietanza versatile, nutriente e buona sia calda che fredda. Grazie alle patate, ovvero i tuberi più amati al mondo, è in grado di soddisfare e conquistare anche i bambini. Inoltre, si presenta come un mix di ingredienti carichi di nutrienti e capaci di donare energia, effetti benefici al corpo e, nel contempo, deliziare il palato.

Appena il clima lo permette molte famiglie tendono a organizzare gite fuori porta con amici e parenti, la torta salata con porri e patate è la soluzione ideale e, proprio per questo, ho deciso di proporvela, dandovi modo di preparare il vostro menu con largo anticipo.

Non sapete cosa preparare per il picnic? Volete cambiare qualcosa nel menu e stupire i vostri ospiti e familiari? La torta salata di carciofi e patate è la risposta che stavate cercando. Si tratta di un piatto rustico, molto saporito e dal tipico profumo invernale. I carciofi si presenteranno come il cuore pulsante per questa ottima ricetta e l’abbinamento con le patate creerà il giusto equilibrio di gusto e farà apprezzare la pietanza anche dai più piccoli.

Questa ricetta è molto versatile, e potrete servirla come piatto unico, ma anche come antipasto, sia calda che fredda, o leggermente riscaldata il giorno dopo. I carciofi hanno un sapore robusto e un buon calice di vino bianco secco ne farà risaltare ogni caratteristica organolettica… Questa torta salata, senza glutine e senza lattosio, sarà perfetta per il vostro picnic!

Le frittate: la tradizione culinaria da consumare all’aria aperta

Quante volte, da piccoli, in gita, i nostri genitori ci hanno preparato un panino con la frittata? La frittata è un piatto tipo italiano (con molte varianti internazionali) che è facile e veloce da preparare e comoda da mangiare anche senza posate. In più, le uova sono l’ingrediente principale per cui il ripieno può essere scelto a piacimento, permettendo una vasta scelta anche a chi soffre di intolleranze e allergie alimentari.

Usate i vostri ingredienti preferiti, dalle cipolle alle mele, dai funghi alla pancetta. Se volete mantenere la linea, potete decidere di evitare la frittura e di cucinare la frittata direttamente nel forno.

Ricordate, in sostanza, che non è affatto necessario preparare pietanze gourmet. I piatti semplici e genuini sono la migliore compagnia per vivere in maniera spensierata il vostro picnic.

Per altre idee su come organizzare un picnic vi invito a consultare gli articoli correlati di questa sezione dedicata a chi ama mangiare all’aria aperta!

Picnic al mare

La spiaggia, il luogo ideale per un picnic tra sole e mare.

Picnic al mare: cosa mettere nella borsa frigo?. D’estate, tantissime famiglie italiane e gruppi di amici decidono di restare in spiaggia a ora di pranzo e di portarsi il cibo direttamente da casa. È una tradizione a cui difficilmente si  può rinunciare: al riparo dal sole, sotto l’ombrellone, ecco uscire come per magia dall’immancabile borsa frigo ogni tipo di specialità italiana.

Se si è attrezzati s dovere il “picnic” in spiaggia può diventare un vero e proprio piacere, per i grandi e per i più piccoli. Ma la domanda è, quali piatti portare al mare? Ecco qualche consiglio per voi.

Un picnic a base di vegetali: per stare leggeri

Se è vero che alcuni italiani tendono a fare un pasto abbondantissimo in spiaggia, con tanto di parmigiana o lasagna, è anche vero che è sempre meglio non esagerare con il cibo se si passa l’intera giornata al mare. Esistono, infatti, tantissime alternative più leggere e altrettanto gustose.

Chi è del sud, soprattutto pugliese, ad esempio, non può fare a meno di un bel pezzo di focaccia con il pomodoro, comodo e rapido da mangiare. Questa specialità può essere preparata con tante farine diverse, per evitare i pericoli dell’intolleranza al glutine.

Via libera anche a tutti i tipi di frittate preparate con gli ortaggi e le verdure che offre la bella stagione, dalle zucchine ai peperoni alle bietole. Se preferite pietanze più internazionali, perché non preparare un ottimo cuscus a base di verdure? Ricordate, inoltre, che questa specialità viene preparate anche in alcune zone della Sicilia e della Sardegna.

L’insalata di riso, il piatto più versatile per l’estate

Per molti di voi, l’estate in spiaggia fa rima con insalata di riso. Si tratta di uno dei piatti più consumati durante la bella stagione perché è facile da preparare e si mangia freddo, evitando di soffrire ancora di più il caldo. Per questo, è un’ottima pietanza da portare in riva al mare. Ricordate, inoltre, che il riso è un alimento che non crea problemi agli intolleranti al glutine.

Un altro vantaggio dell’insalata di riso è la possibilità di utilizzare gli ingredienti che più vi piacciono. Provate a inserire formaggi freschi come la feta delattosata, frutta come l’arancia, ortaggi sott’olio, legumi o crostacei.

In un solo piatto troverete tutti i nutrienti di cui avrete bisogno e potrete preparare l’insalata di riso tutte le volte che vorrete e sempre con ingredienti diversi.

Un picnic in alta quota: quali alimenti portare nella cesta?

Picnic : cosa mangiare in una gita in montagna. Mangiare all’aria aperta è sempre un piacere quando fuori ci sono delle buone temperature. Uno dei posti migliori dove ammirare il panorama circostante e fare un buon pasto è senza dubbio la montagna. L’Italia offre tantissimi posti in alto in cui organizzare un ottimo picnic, ovviamente sempre facendo attenzione a rispettare l’ambiente.

Basta un po’ di organizzazione, di materiale e di utensili, come borsa frigo e posate, per pianificare un picnic perfetto. Ovviamente, bisognerà pensare anche al menù. Esiste una vasta gamma di piatti di street food italiano e internazionale da poter mangiare comodamente seduti su un prato. Ecco qualche idea per il vostro picnic in montagna.

I panini: un must dei picnic

Quando si pensa a un picnic o, in generale, a una gita fuori porta, vengono subito in mente i panini. Da buoni italiani, sappiamo che si tratta di una pietanza che può essere adattata a qualsiasi necessità e gusto, da quelli più semplici a quelli gourmet. Ovviamente, in presenza di persone allergiche o intolleranti al glutine o al lattosio sarà necessario fare attenzione agli ingredienti scelti.

Per questo, via libera al pane senza glutine, magari preparato in casa con farine gluten free. Per gli intolleranti al lattosio, meglio evitare i formaggi freschi e utilizzare, invece, formaggi stagionati, come il grana padano, che non crea problemi. Fate attenzione ai salumi che spesso possono contenere sia glutine che lattosio. Per evitare pericoli, infatti, meglio leggere attentamente le etichette degli ingredienti per poter dare libero sfogo alla fantasia senza paura. Che ne dite, ad esempio, di utilizzare l’avocado al posto dei formaggi cremosi?

Una macedonia colorata al posto del dessert

La montagna è un’ottimo luogo in cui trovare i deliziosi frutti del bosco come lamponi o mirtilli. Divertitevi a raccogliere questi frutti per la strada e inseriteli nel menù del picnic. Per terminare il pranzo in bellezza, infatti, il miglior dolce è una macedonia. La frutta, infatti, oltre a presentare meno rischi rispetto ai dessert tradizionali che possono contenere lattosio o glutine, offre la giusta energia per continuare la gita in montagna.

In questo modo, darete una mano alla vostra dieta e arricchirete il vostro picnic con tantissime vitamine. Come sempre, vi consiglio di scegliere frutta di stagione, per una macedonia più deliziosa e più rispettosa dell’ambiente. Se siete a dieta o non amate troppo lo zucchero, vi consiglio di utilizzare un po’ di succo d’arancia per la vostra insalata di frutta: il risultato è molto simile a quello della macedonia di sempre!

Panino con bresaola e formaggio cremoso

Panino con bresaola e formaggio cremoso: ottimo per una scampagnata

Il Panino con bresaola e formaggio cremoso è meno calorico di quanto possiate pensare. La bresaola, infatti, è uno degli insaccati meno grassi in assoluto. Anzi, il contenuto di grassi è sostanzialmente trascurabile. Nel complesso, 100 grammi di bresaola apportano 155 kcal. Se si considera che per questa ricetta ne bastano solo 40 grammi…

Per il resto, l’unico alimento veramente calorico, se si esclude l’olio extravergine di oliva (presente solo con un misero cucchiaino), è il pane. Uno sforzo più che sopportabile, per garantirsi un pasto veloce, gustoso e ben bilanciato. E’ presente anche il formaggio, ovviamente, ma in una variante che si caratterizza per la quantità limitata di grassi. Ne parleremo più approfonditamente nel prossimo paragrafo.

Il Formaggio Cremoso Senza Lattosio Exquisa

Il segreto del panino con bresaola con formaggio e cremini è in verità proprio il formaggio. Si tratta infatti del Formaggio Cremoso Senza Lattosio Exquisa. Esso si caratterizza per il già citato contenuto calorico, che è piuttosto limitato, ma anche per il gusto eccellente e per la spalmabilità. La sua caratteristica principale, però, è la possibilità di essere consumato anche da chi soffre di intolleranza al lattosio, proprio come lascia presupporre il nome.

Sia chiaro, il lattosio non viene estratto attraverso procedimenti artificiosi, che coinvolgono strane sostanze chimica. Anzi, l’approccio di Exquisa è completamente naturale, e finalizzato a conservare le qualità organolettiche del prodotto. E vi diremo di più, questo formaggio cremoso delattosato è addirittura più buono degli analoghi con lattosio! Ovviamente, tutto ciò rappresenta un valore aggiunto per tutte le ricette, e in particolare per questa variante del panino con la bresaola.

I funghi cremini crudi

Il cremino è una variante del più famoso champignon, o prataiolo, come viene chiamato comunemente in Italia. Si riconosce per il particolare assetto cromatico: il cappello è marrone, mentre il gambo va dal bianco al rosato. E’ riconoscibile anche per il profumo, che ricorda molto il muschio. Il cremino, come tutti i funghi di tipo prataiolo, può essere reperito tutto l’anno.

Una particolarità dei cremini è che, in alcuni casi, possono essere consumati crudi. Ciò risulta vero soprattutto per i funghi giovani, ancora parzialmente chiusi. In genere, quando vengono consumati crudi è possibile godere di sentori nettamente più aromatici, che invece rischiano di disperdersi con la cottura. E’ anche questo uno dei motivi per cui il panino con bresaola con formaggio e cremini è così buono!

Ecco la ricetta del Panino con bresaola e formaggio cremoso

Ingredienti per 1 persona:

  • ½ pane baguette o pane consentito
  • 40 gr. di Formaggio cremoso Senza Lattosio Exquisa
  • 40 gr. di Bresaola Slinzega
  • ¼ di limone bio
  • 30 gr. di funghi cremini crudi
  • 1 cucchiaino di olio extravergine d’oliva

Preparazione:

Dopo averlo lavato, tagliate il limone a fette sottili. Pulite i funghi con un panno inumidito e con uno spazzolino rimuovete i residui di terra. Poi, come avete fatto con il limone, tagliateli a fettine sottili. Affettate la bresaola. Infine, componete il panino.

Sulla metà inferiore della baguette spalmate il formaggio e poi aggiungete, in quest’ordine, la bresaola, il limone e i funghi. Insaporite con un filo d’olio, chiudete il panino con l’altra metà della baguette e servite.

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Exquisa

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

03-07-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

uova a colazione

Uova a colazione, un’abitudine gustosa e nutriente

Perché le uova a colazione? Mangiare uova a colazione, già questa espressione rievoca contesti che ben poco hanno a che vedere con la tradizione italiana, invece hanno a che fare con quella...

Torta Raffaello

Le migliori ricette senza glutine, ottimi piatti glutenfree

Un approfondimento sulla cucina gluten-free Le ricette senza glutine sono un mondo tutto da scoprire, adatte a chi ha ricevuto una diagnosi di celiachia da poco, e deve modificare in modo permanente...

Veggie burger

Veggie burger: idee e consigli per ottimi panini...

Veggie burger: idee e consigli per preparare degli ottimi panini vegani gourmet Negli ultimi anni i Veggie burger sono di grande tendenza, non solo tra vegetariani e vegani che per scelta non...

fiordaliso

Il fiordaliso, una pianta da utilizzare in cucina

Le principali caratteristiche del fiordaliso Oggi voglio parlarvi di una pianta speciale, che regala alcuni tra i fiori più belli da vedere, ossia il fiordaliso. Il nome, così elegante e soave,...

Datteri Mazafati

I datteri, uno dei frutti più buoni e...

Un po' di storia sul dattero Oggi parliamo dei datteri, uno dei frutti più particolari in assoluto. Sono particolari dal momento che fanno riferimento alla cultura araba e mediorientale, e per...

energy drink

Un energy drink con aloe vera per la...

FAB, non il classico energy drink Il FAB è un energy drink molto particolare, infatti, la lista degli ingredienti che lo compone è stata pensata per offrire un concreto aiuto in caso di stanchezza...

Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti