logo_print

Spanakopita, una fetta di Grecia in tavola

spanakopita
Stampa

Conoscete la spanakopita? Dovete assolutamente assaggiarla

Della tradizione culinaria greca tutti hanno assaggiato i souvlaki, la moussaka, le pite, ma non tutti conoscono la spanakopita, una torta salata dal sapore strepitoso!

Realizzata con ingredienti semplici della cucina mediterranea. È una ricetta che potete sfruttare in tante occasioni. per un pranzo leggero al volo, come piatto unico di un bel pic-nic all’aperto, come antipasto o per un aperitivo con gli amici.

La spanakopita è di fatto un croccante scrigno di pasta fillo, che avvolge un composto di feta, dal sapore deciso e saporito, stemperata dagli spinaci. Il tutto, aromatizzato all’aneto. Non avete già l’acquolina in bocca?

Spinaci, la pozione magica di Braccio di Ferro e della spanakopita

A Braccio di Ferro bastava aprire un barattolo di spinaci per diventare fortissimo. Quanti di noi, da bambini hanno mangiato questa verdura, convinti di diventare grandi e muscolosi come il famoso personaggio dei fumetti?

In realtà, pur contenendo una grande quantità di ferro, gli spinaci non ne hanno abbastanza da coprire la dose giornaliera.

È però vero che sono anche ricchi di vitamina A e di acido folico, particolarmente consigliato per le donne in dolce attesa, oltre che di nitrato (una sostanza che aumenta la capacità muscolare), e di luteina, essenziale per la salute della retina e quindi anche degli occhi.

Insomma, con una fetta di spanakopita non diventerete come Popeye, ma avrete fatto il pieno di sostanze nutritive preziose per l’organismo.

spanakopita

Un formaggio salato e saporito, tipico della Grecia

L’ingrediente che conferisce carattere alla spanakopita è sicuramente la feta, il formaggio tipico della Grecia.

Prodotta con latte fresco di capra e pecora, è un alimento caratteristico dell’Ellade, dal sapore deciso e salato, molto apprezzato da chi ama gusti forti e sapidi.

La feta si riconosce anche a prima vista, per la sua pasta semidura, poco forata e compatta, di un colore bianco candido e senza crosta esterna.

Le sue caratteristiche, sia fisiche, che nutrizionali sono così particolari, da essere un prodotto DOP (Denominazione di Origine Protetta).

Come tutti i formaggi stagionati è piuttosto calorico, con 250 kcal. per 100 gr. di prodotto. Non dobbiamo dimenticare inoltre che non è adatto agli intolleranti al lattosio, perché la quantità di questo enzima contenuta nel latte di pecora e di capra, ha un contenuto di lattosio paragonabile al latte vaccino.

Ed ecco la ricetta della spanakopita.

Ingredienti per 6-8 persone

  • 1 rotolo di pasta fillo Exquisa
  • 900 gr. di spinaci
  • 1 uovo d’oca
  • una cipolla bianca
  • 300 gr. di feta greca consentita
  • un mazzetto di aneto
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b. sale e pepe

Preparazione

Iniziate subito preriscaldando il forno a 180°C.

Quindi sciacquate accuratamente gli spinaci e scottateli per qualche minuto in acqua salata.

Quando saranno pronti, scolateli e lasciateli raffreddare prima di strizzarli accuratamente. Dovete, eliminare tutta l’acqua in eccesso, per evitare che la spanakopita risulti troppo umida.

Quando vi sembreranno abbastanza asciutti, tritateli grossolanamente. Tritate l’aneto e fate sgocciolare la feta, e poi sbriciolatela.

Preparate un leggero soffritto, sbucciando ed affettando finemente la cipolla, e facendola rosolare per qualche minuto in una padella con un filo d’olio.

Versatevi gli spinaci, l’aneto e le uova, e, aiutandovi con una forchetta, mescolate amalgamando bene il tutto.

Nel frattempo, stendete su una placca da forno 3 fogli di pasta fillo e spennellateli con un po’ d’olio.

Distribuitevi sopra il composto preparato e livellate. Come copertura, adagiatevi sopra altri 3 fogli di fillo e alternando con altro composto, livellate e coprite con gli ultimi 3 fogli.

Con un po’ d’olio spennellate la superficie e praticate delle incisioni prima di infornare per 40-50 minuti.

Buon appetito!

Contenuto in collaborazione con Exquisa

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti