Spanakopita, una fetta di Grecia in tavola

spanakopita
Commenti: 0 - Stampa

Conoscete la spanakopita? Dovete assolutamente assaggiarla

Della tradizione culinaria greca tutti hanno assaggiato i souvlaki, la moussaka, le pite, ma non tutti conoscono la spanakopita, una torta salata dal sapore strepitoso!

Realizzata con ingredienti semplici della cucina mediterranea. È una ricetta che potete sfruttare in tante occasioni. per un pranzo leggero al volo, come piatto unico di un bel pic-nic all’aperto, come antipasto o per un aperitivo con gli amici.

La spanakopita è di fatto un croccante scrigno di pasta fillo, che avvolge un composto di feta, dal sapore deciso e saporito, stemperata dagli spinaci. Il tutto, aromatizzato all’aneto. Non avete già l’acquolina in bocca?

Spinaci, la pozione magica di Braccio di Ferro e della spanakopita

A Braccio di Ferro bastava aprire un barattolo di spinaci per diventare fortissimo. Quanti di noi, da bambini hanno mangiato questa verdura, convinti di diventare grandi e muscolosi come il famoso personaggio dei fumetti?

In realtà, pur contenendo una grande quantità di ferro, gli spinaci non ne hanno abbastanza da coprire la dose giornaliera.

È però vero che sono anche ricchi di vitamina A e di acido folico, particolarmente consigliato per le donne in dolce attesa, oltre che di nitrato (una sostanza che aumenta la capacità muscolare), e di luteina, essenziale per la salute della retina e quindi anche degli occhi.

Insomma, con una fetta di spanakopita non diventerete come Popeye, ma avrete fatto il pieno di sostanze nutritive preziose per l’organismo.

spanakopita

Un formaggio salato e saporito, tipico della Grecia

L’ingrediente che conferisce carattere alla spanakopita è sicuramente la feta, il formaggio tipico della Grecia.

Prodotta con latte fresco di capra e pecora, è un alimento caratteristico dell’Ellade, dal sapore deciso e salato, molto apprezzato da chi ama gusti forti e sapidi.

La feta si riconosce anche a prima vista, per la sua pasta semidura, poco forata e compatta, di un colore bianco candido e senza crosta esterna.

Le sue caratteristiche, sia fisiche, che nutrizionali sono così particolari, da essere un prodotto DOP (Denominazione di Origine Protetta).

Come tutti i formaggi stagionati è piuttosto calorico, con 250 kcal. per 100 gr. di prodotto. Non dobbiamo dimenticare inoltre che non è adatto agli intolleranti al lattosio, perché la quantità di questo enzima contenuta nel latte di pecora e di capra, ha un contenuto di lattosio paragonabile al latte vaccino.

Ed ecco la ricetta della spanakopita.

Ingredienti per 6-8 persone

  • 1 rotolo di pasta fillo Exquisa
  • 900 gr. di spinaci
  • 1 uovo d’oca
  • una cipolla bianca
  • 300 gr. di feta greca consentita
  • un mazzetto di aneto
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b. sale e pepe

Preparazione

Iniziate subito preriscaldando il forno a 180°C.

Quindi sciacquate accuratamente gli spinaci e scottateli per qualche minuto in acqua salata.

Quando saranno pronti, scolateli e lasciateli raffreddare prima di strizzarli accuratamente. Dovete, eliminare tutta l’acqua in eccesso, per evitare che la spanakopita risulti troppo umida.

Quando vi sembreranno abbastanza asciutti, tritateli grossolanamente. Tritate l’aneto e fate sgocciolare la feta, e poi sbriciolatela.

Preparate un leggero soffritto, sbucciando ed affettando finemente la cipolla, e facendola rosolare per qualche minuto in una padella con un filo d’olio.

Versatevi gli spinaci, l’aneto e le uova, e, aiutandovi con una forchetta, mescolate amalgamando bene il tutto.

Nel frattempo, stendete su una placca da forno 3 fogli di pasta fillo e spennellateli con un po’ d’olio.

Distribuitevi sopra il composto preparato e livellate. Come copertura, adagiatevi sopra altri 3 fogli di fillo e alternando con altro composto, livellate e coprite con gli ultimi 3 fogli.

Con un po’ d’olio spennellate la superficie e praticate delle incisioni prima di infornare per 40-50 minuti.

Buon appetito!

5/5 (48 Recensioni)
CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Exquisa

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Hawaiian Guava Cake

Hawaiian Guava Cake, un dolce dal sapore esotico

Hawaiian Guava Cake, un dolce tra sperimentazione e tradizione L’Hawaiian Guava Cake è l'ideale per stupire i propri invitati con una torta che, pur conservando caratteristiche della pasticceria...

Dalgona Coffee

Dalgona Coffee, un dessert fuori dall’ordinario

Dalgona Coffe, una variante ai ceci Il Dalgona Coffee è una ricetta americana, ma non esattamente legata a particolari tradizioni in quanto diffusa solo di recente. Si tratta di un dessert molto...

Pancho cake

Pancho cake, delizioso dolce dalla Russia gluten free

Il pancho cake, un delizioso dolce della tradizione russa La pancho cake è una ricetta della tradizione russa, in realtà frutto della commistione con la cucina francese. Ciò non deve stupire in...

Breakfast burrito

Breakfast burrito per una colazione all’americana

Il breakfast burrito, un break tra colazione e pranzo completo Il breakfast burrito, proprio come suggerisce il nome, è la variante della celebre pietanza “tex-mex” pensata per la colazione....

Idli

Idli, dall’India un pane diverso dal solito

Le particolarità del pane indiano idli Gli idli sono una specie di tortini di pane originari dell’India. Sono realizzati con il riso e una particolare varietà di lenticchie. L’impasto è molto...

Tacos con arista

Tacos con arista, un secondo messicano-europeo

Tacos con arista, un fast food versione fusion I tacos con arista sono un esempio di preparazione fusion, in quanto mixano elementi della tradizione messicana con elementi della cucina europea. A...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


17-01-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti