Sensibilità al nichel da cibo: perché insidiosa e come riconoscerla

Cos’è la sensibilità al nichel da cibo

La sensibilità al nichel da cibo è una condizione molto diffusa e potenzialmente invalidante. Con sensibilità, in questo caso, si intende lo spettro di disturbi che vanno dalla “semplice” intolleranza alla più grave allergia. Proprio l’allergia si configura come la condizione peggiore, nonché la più rischiosa, vista la portata dei sintomi. A prescindere da ciò, la sensibilità al nichel da cibo è una delle più insidiose in assoluto. I motivi sono tre: in primis, è abbastanza complicata da diagnosticare; secondariamente i sintomi sono abbastanza aspecifici, dunque vengono confusi come segnale di altre patologie, ritardando la diagnosi e di conseguenza la cura. Infine, il nichel si trova in tantissimi alimenti.

Per chi non lo sapesse, il nichel è un metallo. Cosa ci fa il metallo nei cibi? Di norma nulla, nessun alimento contiene di per sé il nichel. La sua presenza, infatti, è frutto dei processi di produzione, coltivazione e conservazione. Niente di illegale, ovviamente. Anche perché la stragrande maggioranza della popolazione non presenta disturbi legati al nichel. La fetta di popolazione che li manifesta, però, trae grande svantaggio dalla diffusione di questa sostanza. Un piccolo appunto: la dicitura reca l’espressione “da cibo” per un motivo semplice: esiste una “seconda” sensibilità al nichel, ovvero quella da contatto. Diversi sono i sintomi, e diverse è la dinamica di esposizione.

%name Sensibilità al nichel da cibo: perché insidiosa e come riconoscerla

I disturbi legati alla sensibilità al nichel da cibo

Il primo passo per combattere la sensibilità al nichel da cibo è conoscere i sintomi. Questi sono purtroppo poco specifici, ovvero possono essere ricondotti a molte altre patologie. Ad ogni modo chi è affetto da tale condizione lamenta spesso asma, emicrania, diarrea, stitichezza, bruciore di stomaco, gonfiore. Più raramente vengono segnalate l’orticaria, la febbre e il mal di testa.

Se pensate di essere sensibili al nichel dovrete necessariamente evitare i cibi che contengono questa sostanza. Il nichel è presente un po’ dappertutto, ma ciononostante è possibile condurre una dieta varia, gustosa e sana. Vi basterà seguire le indicazioni che io stessa ho fornito nella sezione apposita del sito

La diagnosi della sensibilità al nichel da cibo

La diagnosi della sensibilità al nichel è difficile da ottenere. In primo luogo, come già accennato, perché spesso viene scambiata per qualcos’altro, vista la aspecificità dei sintomi. Ecco, dunque, che informarsi diventa praticamente un obbligo. Il consiglio è di cogliere le opportunità di settembre, che è il mese dedicato proprio alla sensibilità al nichel. A fine mese presenteremo il progetto NON TI TOLLERO dedicato all’argomento.

Se già sospettate di soffrire della sensibilità al nichel da cibo, non rimane che sostenere l’apposito test. Purtroppo, il Sistema Sanitario Nazionale non copre questo tipo di prestazione, dunque dovrete necessariamente rivolgervi ai privati. L’ideale sarebbe individuare una clinica che sappia coniugare convenienza e affidabilità. Io ne conosco una che potrebbe fare al caso vostro: Lifebrain.

Tra le altre cose propone una modalità diagnostica innovativa e accessibile: il paziente riceve a casa il kit per il test, segue le istruzioni, dopo qualche giorno un incaricato viene a prelevare la strumentazione. Infine, dopo una settimana, Lifebrain pubblica sul sito (nell’area riservata ovviamente) i risultati del test, liberamente consultabili.

LIFEBRAIN NICHEL TEST SCATOLA o 1024x683 Sensibilità al nichel da cibo: perché insidiosa e come riconoscerla

Nota per l’intolleranza al nichel

Nota per l’intolleranza al nichel

Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione a basso contenuto di Nichel e osservare tutte le regole relative a cosmetici, detersivi, pentole e stoviglie, abbigliamento idoneo etc.

In collaborazione co Lifebrain

Contenuto in collaborazione con Lifebrain
printfriendly pdf button nobg md Sensibilità al nichel da cibo: perché insidiosa e come riconoscerla

Condividi!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *