bg header

Cavolo nero con guanciale, un contorno strong

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

cavolo nero con guanciale

Un contorno ricco di sapore e proprietà nutritive

Questo cavolo nero con guanciale e melagrana è un contorno ricco di sapore che ci piace preparare di tanto in tanto, soprattutto quando sappiamo di avere a cena degli amanti dei sapori decisi. Questo cavolo nero, deliziosamente saltato in padella con l’aggiunta di guanciale e melagrana, si abbina alla perfezione con carne e pesce.

Una forchettata dopo l’altra, questo cavolo nero mostra tutto il suo sapore, tanto che non sentiamo a volte la necessità di accompagnarlo con niente e ce lo godiamo così, in autonomia, come se fosse una portata di verdure. Al tempo stesso, mangiare questo cavolo nero ci consente di approfittare delle sue proprietà, soprattutto utili nelle stagioni fredde. Questo ortaggio, infatti, è utilissimo come antinfiammatorio, antiossidante ed antitumorale.

Cavolo nero: un concentrato di vitamina C

Un antico e radicato cliché ci induce a consumare arance alla ricerca di vitamina C, ebbene un piatto come questo cavolo nero con guanciale e melagrana è altrettanto dotato di questa vitamina, ma non ce lo aspetteremmo! Il cavolo nero è un vero concentrato di vitamina C tanto da poter utilizzare questo piatto come rimedio per i malanni di stagione:  influenze e raffreddori.

Un pasto dunque fondamentale nella cura e nella prevenzione delle più comuni patologie stagionali cui ogni anno ci troviamo a lottare quando arriva il freddo.

cavolo nero con guanciale e melagrana

Considerate dunque la preparazione di questa pietanza come un vaccino, solo più gustoso e senza effetti collaterali! Cogliamo l’occasione per segnalarvi una curiosità sul cavolo nero.

Nella medicina tradizionale, le foglie di questo ortaggio venivano utilizzate per curare eventuali distorsioni, infiammazioni osteoarticolari o tumefazioni. Il come è presto detto, le foglie pulite di cavolo nero possono essere semplicemente appoggiate sulla parte dolorante e trattenute con un bendaggio. Sembrerà strano, ma a necessità, potrete verificarne la tangibile efficacia.

Le origini toscane del cavolo nero

Ci piace sempre sottolineare le origini e l’ispirazione dei nostri piatti cosa che, per questo cavolo nero con guanciale ci porta dritti in Toscana. La tradizione di questa regione vuole proprio che il cavolo sia raccolto nelle foglie più scure, dopo la prima gelata invernale, momento in cui il loro sapore è particolarmente vivace.

Per la nostra ricetta basta una ripassata in padella ed il contorno è servito! Una meraviglia tradizionale e versatile che nella nostra cucina abbiamo arricchito col contributo del guanciale e della melagrana, per un risultato ancor più rotondo e gustoso. 

Vi lascio anche una ricetta alternativa con questo ortaggio. La zuppa di cavolo nero e baccalà è un primo piatto dal sapore molto complesso e dal valore nutrizionale elevatissimo. Dunque, può essere considerato quasi un pasto completo per le fredde giornate invernali. D’altronde la lista comprende ingredienti capaci di apportare vitamine, sali minerali, carboidrati e soprattutto proteine. E’ infatti una delle poche zuppe che contiene sia un elemento di pesce che un elemento di carne, ovvero il baccalà e il guanciale.

Ricetta cavolo nero con guanciale e melagrana:

Ingredienti per 4/6 persone:

  • 600 gr. di cavolo nero
  • 70 gr. di guanciale
  • mezza melagrana
  • ½ dl di vino bianco
  • q. b. di sale

Preparazione:

Per preparare il cavolo nero con guanciale e melagrana occorre sfogliare il cavolo e lavarlo con abbondante acqua corrente fresca, fino a rimuovere ogni possibile traccia di sporco.

Prendete il pezzo di guanciale e tagliatelo a fettine di circa mezzo centimetro.

Tagliate poi le foglie di cavolo nero a pezzetti. Scaldate una padella a fuoco lento e rosolate il guanciale, senza aggiungere altri grassi.

Quando il guanciale comincia a rilasciare il proprio liquido, aggiungete il cavolo nero e sfumate con il vino bianco, aspettando che evapori.

Ora sgranate una melagrana ed aggiungetela al resto in padella con un pizzico di sale.

Lasciate cuocere per ulteriori 20 minuti e servite il tutto ancora caldo. Buon appetito!

2.7/5 (3 Recensioni)
Riproduzione riservata
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata di pane zichi

Insalata di pane zichi, una tipica ricetta sarda...

Cosa sapere sullo zichi Il protagonista di questa insalata è ovviamente il pane zichi, anche noto come “su zichi” (dove per “su” si intende l’articolo “il/lo”). Lo zichi è un...

Carciofi alla giudia

Carciofi alla giudia, un piatto della tradizione romana

Origini e curiosità dei carciofi alla giudia I carciofi alla giudia sono uno dei piatti più famosi e prelibati della cucina romana. La loro origine risale al XVI secolo, quando la comunità...

Insalata di quinoa natalizia

Insalata di quinoa natalizia, un’idea esotica per il...

Melograno e quinoa, un abbinamento che non ti aspetti Lo avrete già capito, i protagonisti di questa ricetta sono il melograno e la quinoa. Due ingredienti che raramente si trovano insieme, eppure...

logo_print