Impasto per pasta sfoglia salata, la base di molte ricette

Impasto per pasta sfoglia salata
Commenti: 0 - Stampa

La versatilità e la bontà della pasta sfoglia salata

L’impasto per pasta sfoglia salata è molto utile e imparare a prepararlo è sempre una buona idea. Si tratta di una base molto sfiziosa e versatile, valida per portare in tavola delle ricette molto facili e veloci. Basta usare un po’ di fantasia e creatività per imbandire la tavola con pranzi e cene deliziose, ma anche con piccoli stuzzichini unici!

Ci sono tante preparazioni che potrete prendere in considerazione e che vi permetteranno di conquistare adulti e bambini. Per le feste, questa pasta è un’alleata fantastica, ma anche per tutte le volte che non sappiamo cosa preparare o che vogliamo sperimentare qualcosa di nuovo…

Tante ricette con una semplice base

Questa tipologia di pasta si presta alla preparazione di tante differenti torte salate e rustiche, strudel, sfogliatine e quiche con verdure. Può essere abbinata anche alla carne, al prosciutto e al formaggio, aiutandoci a preparare ottime pizze ripiene. Ovviamente, l’unico limite è dato dal vostro gusto e dalle vostre specifiche preferenze.

Impasto per pasta sfoglia salata

Queste sono infatti solo alcune idee di base per sfruttare al meglio la ricetta dell’impasto per pasta sfoglia salata. Quello che vi propongo oggi è fatto con farina di riso finissima, farina di grano saraceno, amido di mais, acqua, olio extravergine d’oliva e un pizzico di sale marino. Pertanto, è preparato con ingredienti genuini e nutrienti. In particolare, le farine si rivelano leggere e digeribili e, nel contempo, nutrienti e capaci di regalarci tutto quello che ci serve per fare un carico di energia.

Per quanto riguarda la farina di grano saraceno, è utile sapere che quest’ultimo è originario dell’Asia e arrivo in Europa nel medioevo grazie ai Turchi. Attualmente è sempre più diffuso e le ricerche hanno appurato che è un alimento carico di minerali quali potassio, ferro, magnesio, selenio, calcio, manganese, fosforo, zinco e rame, e vitamina A, B1, B2, B3, B5, B6 e J.

Le proprietà degli ingredienti del nostro impasto per pasta sfoglia salata

La farina di grano saraceno non contiene glutine, proprio come quella di riso; vanta un elevato valore proteico; migliora la pressione sanguigna e riduce i livelli di colesterolo; apporta benefici alla pelle; migliora l’umore e promuove la salute dell’apparato gastrointestinale. Secondo una recente ricerca portata a termine in Canada, il grano saraceno contiene il D-chiro-inositolo, ovvero un principio attivo che sembra aiutare nel trattamento del diabete mellito.

La farina di riso contenuta nel nostro impasto per pasta sfoglia salata è altamente digeribile; è ottima nei casi di stitichezza; aiuta a regolare i livelli di zuccheri nel sangue; è molto saziante; aiuta a ridurre i livelli di colesterolo; vanta valide proprietà antiossidanti e promuove la salute del sistema nervoso, del colon e dell’apparato riproduttivo. Tanti buoni motivi per portare in tavola la nostra pasta sfoglia salata, non credete?

Ed ecco la ricetta dell’ Impasto per pasta sfoglia salata

Ingredienti per 4/6 persone

  • 150 gr di farina di riso finissima
  • 50 gr. di farina di grano saraceno
  • 50 gr. di amido di mais
  • 150 ml. di acqua
  • 30 gr. di olio extravergine d’oliva
  • 1 pizzico di sale marino

Preparazione

La preparazione della pasta sfoglia è piuttosto laboriosa e richiede una lavorazione alla quale è necessario dedicare un certo tempo. Cominciate dunque con disporre la farina a fontana sulla spianatoia e versatevi al centro un pizzico di sale, l’olio e tanta acqua quanta ne occorre per ottenere una pasta piuttosto dura.

Impastate e lavorate bene con le mani, sino a ottenere una pasta liscia ed elastica. Prima di incorporare l’olio, lasciate però riposare per una mezzoretta la pasta riunita a palla e quindi, con un mattarello, stendetela sulla spianatoia infarinata, dandole forma di quadrato e spessore di circa un centimetro.

Chiudete i quattro lati e stendete la pasta in un rettangolo di un centimetro di spessore.Piegate il rettangolo di pasta ottenuto in tre parti, girate la pasta piegata, spianatela nuovamente e ripiegatela ancora in tre, lasciandola poi riposare per una decina di minuti. Ripetete quest’ operazione per tre volte, facendo riposare ogni volta la pasta per 10 minuti circa.

Infine stendete una sfoglia di circa mezzo centimetro e usatela nel modo previsto dalla ricetta che vi accingete a eseguire.

5/5 (1 Recensione)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

pesto

Il pesto, come conservarlo al meglio

Le peculiarità del pesto classico Come si conserva il pesto? La risposta è meno scontata di quanto si possa immaginare. Anche perché, al netto della semplicità della ricetta, presenta dei tratti...

Idli

Idli, dall’India un pane diverso dal solito

Le particolarità del pane indiano idli Gli idli sono una specie di tortini di pane originari dell’India. Sono realizzati con il riso e una particolare varietà di lenticchie. L’impasto è molto...

Pasta fillo senza glutine

Pasta fillo senza glutine, una variante davvero ottima

Pasta fillo senza glutine, un variante gluten-free con i fiocchi Oggi vi presento la pasta fillo senza glutine, una ricetta base completamente gluten-free. La pasta fillo è un impasto di origine...

Glassa a specchio

Glassa a specchio per dolci gourmet

Cos'è la glassa a specchio? La glassa a specchio è una copertura per dolci molto particolare, dal grande impatto visivo e squisita. Il suo nome dice tutto, ossia è talmente lucida che ci si può...

Pasta biscotto

Pasta biscotto, base eccellente per dolci e torte.

Qualche precisazione sulla pasta biscotto Prima di approfondire le ricette delle paste biscotto al fonio, al cacao e al riso integrale è bene fare qualche precisazione sulla pasta biscotto in...

pane di castagne farcito

Pane con farina di castagne, una ricca merenda...

Pane con farina di castagne, merenda mediterranea e americana Il pane con farina di castagne e burro di arachidi, lo avrete capito già dal nome, non è un pane come tutti gli altri. A prescindere...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


29-04-2011
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti