logo_print

Torta salata di verdure a spirale, torta d’effetto

Torta salata di verdure a spirale
Stampa

Cosa ha di particolare la torta salata di verdure a spirale?

La  torta salata di verdure a spirale è una rivisitazione molto interessante delle normali torte salate con verdure. Il motivo è abbastanza intuitivo e lo suggerisce il nome e anche la foto: la copertura di verdure ripercorre un motivo a spirale, valorizzato da un piccolo caleidoscopio di colori, frutto di una scelta degli ingredienti basata sul gusto e sull’impatto estetico. Proprio per l’abbondanza di colori e la resa visiva “particolare” la consiglio come merenda salata durante le feste per i bambini. E’ una pietanza che sazia, dai sapori semplici e genuini, ma anche bella e creativa.

Questa torta salata, però, ha anche un’altra particolarità, infatti nella lista degli ingredienti figura il daikon, un ortaggio che molti di voi non hanno mai assaggiato, ma che visivamente ricorda una “specie di carota bianca” che si scorge di sovente nei manga giapponesi. Si tratta di un ortaggio molto consumato in Giappone e in Cina, ingrediente di molte preparazioni a base di verdure e di carne. E’ anche un ortaggio salutare, che non si limita ad apportare vitamine e sali minerali (vitamina C, potassio, fibre etc.) ma esercita una funzione fondamentale e abbastanza rara tra le specie vegetali, è infatti un formidabile brucia-grassi in grado di incidere sul metabolismo. Per il resto spicca per le proprietà depurative, disintossicanti e diuretiche.

Il formaggio cremoso Exquisa, un valore aggiunto in questa torta salata di verdure

Questa torta salata di verdure ha un valore aggiunto, ossia il formaggio cremoso. Non si tratta però di un formaggio cremoso qualunque, bensì di quello targato Exquisa. Un prodotto di elevata qualità, realizzato con il miglior latte e dotato di una texture uniforme e una percentuale di grassi più bassa della media. Il suo tratto distintivo, però, è la totale assenza di lattosio. Una qualità, questa, raggiunta per mezzo di un metodo naturale, ossia l’applicazione dell’enzima lattasi che scinde il lattosio nei più digeribili glucosio e galattosio. E’ un procedimento naturale in quanto ricalca la reazione innescata dall’organismo di chi, invece, il lattosio può digerirlo.

Torta salata di verdure a spirale

 

La rimozione del lattosio non incide minimamente sul gusto, e infatti il formaggio cremoso Exquisa senza lattosio è buono come gli analoghi che contengono tale sostanza, anzi addirittura più buono. In questa ricetta viene spalmato sulla pasta brisée prima di integrare le verdure (da porre a spirale).

I benefici del peperone e le sue funzioni antiossidanti

Uno dei punti di forza della torta salata di verdure a spirale risiede proprio nella scelta degli ingredienti, una scelta equilibrata per impatto visivo, gusto e valore nutrizionale. Non solo daikon, quindi, ma anche carote, melanzane e peperoni. Proprio ai peperoni vorrei dedicare qualche parola. Pur essendo apprezzati per il loro sapore, sono spesso oggetto di pregiudizi che riguardano una loro fantomatica scarsa digeribilità e una difficoltà di assorbimento. In realtà non sono i peperoni a essere pesanti, bensì i metodi di cottura cui vengono spesso sottoposti (ad esempio la frittura). Inoltre, i peperoni appaiono pesanti in quanto molti non li sbucciano prima della cottura.

I peperoni possono offrire molto dal punto di vista nutrizionale. Il riferimento è in particolare alla vitamina A e C. La prima agisce con antiossidante, in quanto aiuta a combattere i radicali liberi e quindi a prevenire il cancro, la seconda esercita una funzione di supporto al sistema immunitario. Importante è anche il contributo del potassio, un eccellente ricostituente, e del fosforo. Il tutto valorizzato da un apporto calorico minimo, pari a 22 kcal per 100 grammi. I peperoni, in questa ricetta, vanno gestiti come le altre verdure, ossia mondati, ridotti a listarelle e posti sulla torta secondo un motivo a spirale.

Ecco la ricetta della torta salata di verdure a spirale:

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 confezione di brisée consentita,
  • una confezione di formaggio cremoso Exquisa,
  • 1 peperone rosso,
  • 1 melanzana lunga,
  • 2 carote,
  • 1 daikon,
  • 2 zucchine,
  • 1 cucchiaio di olio extra vergine di oliva,
  • un pizzico di sale.

Preparazione:

Per la preparazione della torta salata di verdure iniziate lavando tutte le verdure e sbucciandole, poi pelate le carote.

Tagliate gli ortaggi in modo uniforme, ovvero a fette sottili e per lungo. Per farlo potete utilizzare un pelapatate o una mandolina.

Ora stendete la pasta brisée in una teglia e distribuite il formaggio cremoso Exquisa. Poi inserite le verdure partendo dal centro e formando dei piccoli cerchi concentrici.

Alternate le striscioline di verdure con quelle di ortaggi e proseguite verso l’esterno, come per ricreare un motivo a spirale.

Infine intingete un pennello da cucina in una soluzione di olio extravergine d’oliva e sale (poco) e spennellate la superficie di verdure.

Cuocete al forno (preriscaldato a 180 gradi) per mezz’ora. Fate raffreddare e servite la torta quando è tiepida (potete consumarla anche calda).

La torta salata potete conservarla in frigo per un paio di giorni, in questo caso è bene scaldarla prima di servirla. Buon appetito!

Contenuto in collaborazione con Exquisa

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


30-06-2020
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti