Torta salata al cavolo rosso e gorgonzola, gluten free

Torta salata al cavolo rosso
Commenti: 0 - Stampa

Un’elaborata scelta di ingredienti per la torta salata al cavolo rosso

La torta salata al cavolo rosso è una delle più squisite torte salate che possiate mai mangiare. Quando si parla di torta salata, a fare la differenza è sì la pasta, ma anche e soprattutto la scelta degli ingredienti che andranno a formare la farcitura. Ebbene, qui la scelta sembra seguire criteri diversi da quelli classici. L’obiettivo è infatti duplice: determinare la massima resa visiva e premiare il gusto. D’altronde lo potete evincere dalla foto, questa torta salata è un vero tripudio di colori. Il processo di preparazione, poi, non è affatto laborioso, ma semplice ed alla portata di tutti, anche di chi non ha mai preparato una torta salata prima d’ora.

Uno dei protagonisti della torta salata con gorgonzola è il cavolo rosso. Si chiama così perché è veramente rosso, o almeno tende al violetto. La ragione di questa particolarità risiede nella presenza delle antocianine, potenti antiossidanti presenti anche (e soprattutto) nelle melanzane. ll cavolo rosso spicca anche per l’apporto di vitamine, in particolare delle vitamine A, C, E, K. Si contano anche tante vitamine del gruppo B. Che sapore ha il cavolo rosso? In realtà assomiglia molto a quello del cavolo cappuccio, rispetto a questo, però, è un po’ meno dolciastro.

Il gorgonzola è un formaggio grasso dalle buone proprietà nutrizionali

Ad alcuni disgusta anche solo l’idea di consumare un formaggio “con la muffa”. Altri invece ne vanno pazzi e lo apprezzano semplicemente per il suo notevole gusto. Premesso ciò, il gorgonzola è un formaggio che fa male? Quando ci si pone questa domanda, il riferimento non deve essere alla muffa, che in questo caso è completamente innocua e anzi aggiunge gusto al prodotto, quanto all’apporto calorico e alla presenza di grassi, nonché di altre sostanze come il sodio (che genera spesso un aumento della pressione).

Torta salata al cavolo rosso

In realtà, se temete per il colesterolo, non è il formaggio peggiore da questo punto di vista: 100 grammi di prodotto, infatti, contengono 70 mg di colesterolo, a fronte dei 109 del parmigiano. E’ vero però che è un formaggio particolarmente grasso, infatti è formato per il 27% di lipidi. In quanto a calorie si posiziona nella media dei formaggi molli, con 324 kcal per 100 grammi.

Il Gorgonzola e’ l’unico formaggio a pasta molle del tutto privo di lattosio.Questi riconoscimenti tutelano severamente le metodologie di produzione di questo formaggio, garantendone la qualità. Il gorgonzola, assieme al parmigiano, è il formaggio italiano più noto e consumato all’estero; attualmente se ne producono 430.000 quintali, di cui 120.000 per l’esportazione.

E’ un formaggio ricco di minerali, vitamine e proteine nobili e nonostante tutto ha una percentuale di grassi che non è particolarmente elevata se lo paragoniamo ad altri formaggi.

Può essere consumato fresco ma puo’ diventare un ingrediente per molti piatti: dagli stuzzichini agli antipasti, dai primi ai secondi e persino ai dessert. Spesso viene usato come base per salse e creme aggiungendo in cottura burro e/o panna da cucina.

Le speciali farine della torta salata al cavolo rosso e gorgonzola

Una delle caratteristiche principali della torta salata al cavolo rosso e gorgonzola è la presenza di farine speciali, che molti definirebbero “esotiche”. Sono la farina di quinoa e tapioca, a cui si aggiunge quella di riso, che è sì poco utilizzata, ma comunque per nulla esotica. Ad accomunare queste tre farine è la totale mancanza di glutine. Non una caratteristica da poco, dal momento che rende questo piatto compatibile con i celiaci e gli intolleranti al glutine.

La farina di riso, a dire il vero, è un po’ più debole dal punto di vista nutrizionale rispetto alle altre due, ma comunque si difende bene, soprattutto in termini di sali minerali e vitamine. Le farine di quinoa e tapioca, oltre ad eccellere in questo campo, spiccano anche per l’apporto di proteine, che è davvero straordinario. Non a caso vengono definite dei superfood. Oltre a offrire molto in termini di elementi nutritivi, queste tre farine incidono sul gusto: sono caratterizzate da tre profili gustativi ben distinti, che però si compensano valorizzandosi l’un l’altro.

Ecco la ricetta della torta salata al cavolo rosso e gorgonzola:

Ingredienti per 4/6 persone:

Per la pasta frolla:

  • 150 gr. di farina di riso;
  • 50 gr. di farina di quinoa;
  • 50 gr. di farina di tapioca;
  • 40 gr. di farina di sorgo;
  • 50 gr. di Parmigiano Reggiano 36 mesi grattugiato;
  • 2 uova;
  • 140 gr. di burro chiarificato;
  • q. b. di sale;
  • ¼ di cucchiaino di bicarbonato.

Per la farcitura:

  • 300 gr. di cavolo rosso;
  • 150 gr. di gorgonzola dolce Igor;
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva;
  • q. b. di sale.

Preparazione:

Per prima cosa occupatevi della pasta frolla. In una ciotola versate tutte le farine, il parmigiano grattugiato, il bicarbonato e il sale. Infine unite anche il burro (che deve essere freddo). Mescolate e amalgamate con le mani fino a quando non si formeranno delle grosse briciole, solo a questo punto aggiungete anche le uova e ricominciate ad impastare fino ad ottenere una pasta liscia e uniforme. A preparazione terminata, avvolgete la frolla nella pellicola trasparente e conservatela in frigorifero per una mezz’oretta.

Nel frattempo occupatevi della farcitura: lavate e tagliate a striscioline il cavolo rosso. Fatelo cuocere in una padella a fuoco lento e insaporitelo con un po’ di olio e sale. Quando il cavolo è ancora al dente, spegnete la fiamma e aggiungete ⅔ di gorgonzola fatto a piccoli pezzettini, poi mescolate affinché si sciolga per bene. Riprendete l’impasto dal frigorifero, mettetelo nello stampo modellando i bordi e adagiate il ripieno. Cuocete in forno per 20-25 minuti a 180 gradi, poi distribuite sulla superficie il formaggio avanzato e fate cuocere per altri 5 minuti.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Focaccia con pastinaca

Focaccia con pastinaca, una variante aromatica

Focaccia con pastinaca, una ricetta con una base perfetta La focaccia con pastinaca è una variante gradevole alle solite focacce. E’ realizzata infatti con ingredienti particolari, a partire...

Torta salata con scarola

Torta salata con scarola, uno snack gustoso

Torta salata con scarola capperi e acciughe, una ricetta nichel free La torta salata con scarola, capperi e acciughe è un’idea particolare per una merenda salata gustosa e anti intolleranze. La...

Tacos con speck e funghi

Tacos con speck e funghi, un fast food...

Tacos con speck e funghi, non solo tradizione messicana I tacos con speck e funghi rappresentano l’unione tra la tradizione messicana e quella italiana. I tacos sono una preparazione simbolo della...

Coulibiac di salmone

Coulibiac di salmone, una meraviglia della cucina russa

Coulibiac di salmone, una torta salata di origine russa Il coulibiac di salmone è un'istituzione in Russia e nei paesi limitrofi. Infatti è uno dei piatti tipici più antichi. Si narra che sia...

samosa

I samosa, un gradevole esempio di rosticceria indiana

I samosa, la cucina indiana che non ti aspetti I samosa sono degli antipasti tipici della cucina indiana, assimilabili ai nostri pezzi di rosticceria. Sono esponenti di un volto poco conosciuto...

Focaccia con filetto di maiale tonnato

Focaccia con filetto di maiale tonnato per intenditori

Focaccia con filetto di maiale tonnato, una sofisticata combinazione di sapori La focaccia con filetto di maiale tonnato, pomodorini gialli e puntarelle può essere considerata, a secondo degli usi,...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


24-11-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti