Cannelloni con cavolo nero : bontà a non finire!

Cannelloni con cavolo nero
Commenti: 2 - Stampa

Il nuovo protagonista della tavola: un bel piatto di cannelloni con cavolo nero

Quando si avvicinano le feste o le giornate di ritrovo con familiari e amici, abbiamo sempre la tendenza a cercare un piatto nuovo, prelibato e capace di stupire. I cannelloni con cavolo nero rispondono perfettamente a questa descrizione e ci permettono di presentare agli ospiti una pietanza semplice, ma allo stesso tempo prelibata e dall’elevato valore nutrizionale!

Per prepararla, vi proponiamo una serie di alimenti speciali come i cannelloni di riso, la ricotta, il parmigiano reggiano, la besciamella, lo scalogno, il timo, l’olio extravergine di oliva e, naturalmente, il cavolo nero. Si tratta di ingredienti speciali e quest’ultimo è decisamente il protagonista di questo piatto. Non molti lo portano in cucina, ma con questa ricetta potrete assaporare questo ortaggio in tutta la sua bontà. A questo propositi, andiamo a scoprirne le caratteristiche e a capire come portare in tavola questo piatto.

I cannelloni con cavolo nero: tutte le peculiarità dell’ingrediente principale

Come abbiamo detto, non tutti cucinano il cavolo nero con frequenza e altri non l’hanno mai fatto. Se anche voi non l’avete ancora assaggiato, state per scoprire le tante caratteristiche che vi invoglieranno a farlo al più presto. In seguito, ovvero una volta che avrete assaggiato questo piatto, vi innamorerete di tutte le proprietà organolettiche di questo vegetale, e non solo di quelle terapeutiche e nutrizionali.

Quello che dovete sapere sull’ingrediente protagonista dei cannelloni con cavolo nero è che si tratta di un alimento che fa la differenza nella nostra alimentazione. Stiamo parlando infatti di una speciale varietà di cavoli, dalla forma e dal gusto diverso dal solito. Non a caso, conosciuto anche come il “cavolo nero di Toscana”, esso presenta lunghe foglie molto più scure rispetto a quelle delle altre tipologie di cavolo, ma anche rugose e adatte per molte preparazioni.

Cannelloni con cavolo nero

Potrete trovare quest’ortaggio in ogni periodo dell’anno e portare in tavola il suo elevato contenuto di ferro, fosforo, calcio, potassio, magnesio, zinco, rame, fluoro e selenio, nonché di vitamina A, B1, B2, B3, B6, C e K, e di acidi grassi omega-3 e omega-6. Pertanto, è ovvio che il cavolo nero regala al nostro organismo importanti effettivi antiossidanti, antitumorali, idratanti, depurativi e antinvecchiamento. I ricercatori affermano inoltre che è un valido alleato per la salute del cuore, del cervello, delle ossa e degli occhi.

Gli altri ingredienti di questi gustosi cannelloni con cavolo nero

Quelle che abbiamo visto finora sono davvero delle ottime caratteristiche e tante buone ragioni per portare in tavola questo primo piatto. Tuttavia, non dobbiamo sottovalutare neanche le particolarità e la bontà degli altri ingredienti. Infatti, in questa ricetta troviamo tutta la leggerezza dei cannelloni di riso, facilmente digeribili e nutrienti; la bontà della ricotta priva di lattosio; e l’interessante valore nutrizionale del parmigiano reggiano, della besciamella e dell’olio d’oliva, perfettamente accompagnati da scalogno e timo.

In conclusione, possiamo dire con certezza che la ricetta dei cannelloni con cavolo nero è deliziosa sotto ogni punto di vista, è saziante, nonché capace di soddisfare ogni palato e di regalarci una buona dose di energia: tutte caratteristiche da non sottovalutare quando si tratta di cucina e alimentazione. Perciò, non esitate e provate questa gustosa ricetta. Ecco la lista completa degli ingredienti e le specifiche modalità di preparazione.

Ingredienti per 4/6 persone

  • 250 gr cannelloni di riso Le Celizie
  • 500 gr cavolo nero foglie
  • 300 gr ricotta consentita
  • 120 gr parmigiano reggiano 36 mesi grattugiato
  • 400 ml besciamella consentita
  • 1 scalogno
  • 1 cucchiaio timo fresco
  • q.b. olio extravergine oliva

Preparazione

Fate lessare 2/3 minuti i cannelloni e stendeteli su di un canovaccio a intiepidire. Mondate le foglie di cavolo nero, lavatele con cura e lessatele in una pentola con abbondante acqua leggermente salata per circa 25/30 minuti. Scolate e lasciate intiepidire prima di strizzarle per bene e tagliuzzarle grossolanamente. Nel frattempo preparate la besciamella e preriscaldate il forno a 200 gradi.

Affettate sottilmente lo scalogno e fatelo appassire in un tegame basso e capiente per qualche minuto, con un filo d’olio. Insaporite con del timo fresco tritato e lavato. Mescolate il cavolo nero, la ricotta e il parmigiano. Regolate di sale. Ottenete un impasto morbido e con esso farcite i cannelloni. Disponete questi ultimi in una teglia dove avrete messo prima uno strato di besciamella.

Coprite i cannelloni con la besciamella e spolverate con del cavolo nero essiccato o fresco ma tritato finemente. Infornate e cuocete per circa 20 minuti.

5/5 (602 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Malandrone 1477

2 commenti su “Cannelloni con cavolo nero : bontà a non finire!

  • Dom 26 Mar 2017 | Evelina ha detto:

    Idea fantastica!ho sostituito la ricotta senza lattosio(sono allergica alla caseina) con il”formaggio di riso” ,al posto del parmigiano farina di noci.besciamella fatta con latte di riso,amido di riso,pizzico di sale e una grattata di noce moscata.Sopra insieme alla besciamella e al cavolo tritato,ho messo anche semi di papavero.
    Squisiti!

    • Lun 27 Mar 2017 | Tiziana ha detto:

      Evelina grande!!

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


26-03-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti