Pasta fillo senza glutine, una variante davvero ottima

Pasta fillo
Stampa

Pasta fillo senza glutine, un variante gluten-free con i fiocchi

Oggi vi presento la pasta fillo senza glutine, una variante completamente gluten-free. La pasta fillo è un impasto di origine greco-turca, diffusasi in Occidente solo di recente, fino a compromettere la supremazia delle più famose pasta sfoglia e pasta brisée. In realtà ha molto in comune con queste ultime perché possono essere considerata una derivazione. Si narra, infatti, che la pasta fillo sia stata preparata per la prima volta nel lontano XV secolo, a Istanbul, nel palazzo reale dell’imperatore ottomano. Da lì si è diffusa quasi subito in Grecia e poi nel resto dei Balcani.

La pasta fillo è simile alla sfoglia e alla brisée, è vero, ma vanta una caratteristica speciale, ossia è sottilissima. Infatti, gli strati che la compongono sono stesi così a lungo da sembrare trasparenti. Da cruda è anche tendenzialmente più secca, dunque è bene coprirla adeguatamente, in modo da non disidratarla del tutto. Un’altra particolarità risiede nel sapore, che è incredibilmente neutro. Ciò permette di utilizzarla tanto per i dolci quanto per le preparazioni salate. La preparazione a base di pasta più famosa è comunque la baklava, un dolce greco-turco dal ripieno molto corposo, realizzato principalmente con frutta secca.

Preparazione pasta fillo

Attenzione alla composizione dell’impasto

La caratteristica principale di questa pasta fillo senza glutine, risiede proprio nelle farine usate per l’impasto. Le farine, in realtà, fanno riferimento al preparato per pasta, pane e pizza Bel Paese Mix La Veronese. Da oltre ottant’anni La Veronese si impegna per rendere accessibili le preparazioni più classiche anche agli intolleranti al glutine e ai celiaci, senza per questo perdere di vista la tradizione e i valori della genuinità. Nello specifico di questo prodotto, le farine impiegate sono quella di mais e di riso.

La prima si caratterizza per una concentrazione straordinaria di vitamine e sali minerali. Il riferimento in particolare è al calcio e alla vitamina D, quest’ultima in grado di rafforzare il sistema immunitario come poche altre (da questo punto di vista è più efficace anche della vitamina C). La farina di riso, invece, si distingue per il sapore neutro e per le buone capacità panificatorie. E’ povera di grassi, ma in compenso abbonda di sali minerali. Grazie al mix Bel Paese La Veronese, la pasta fillo senza glutine è buona esattamente come la variante originale. Il sapore è leggermente diverso, ovviamente, ma incontra comunque il gusto di tutti, celiaci e non.

Perché abbiamo usato la maizena?

La lista degli ingredienti della pasta fillo senza glutine contiene anche la maizena. Si tratta, però, semplicemente dell’amido di mais. Il suo ruolo è fondamentale per la riuscita della pasta fillo senza glutine. Infatti, funge da addensante, una funzione necessaria dal momento che, per loro stessa natura, la farina di riso e la farina di mais peccano un po’ da questo punto di vista. La maizena, o amido di mais che dir si voglia, si caratterizza per l’estrema leggerezza e per la facilità d’uso (si scioglie molto facilmente). Rispetto al suo diretto rivale, ovvero la fecola di patate, è più neutra e quindi evita di coprire gli altri sapori.

La maizena è frutto di un procedimento molto particolare, che in parte ricorda quello della farina. Il punto di partenza è rappresentato dai chicchi di mais. Questi vengono privati dello strato esterno, ovvero la crusca. Viene poi il turno del germe, a cui viene riservato lo stesso trattamento. Il chicco viene poi macinato, in modo da ottenere una polverina molto fine, ma allo stesso tempo leggermente umida.

Ecco la ricetta della pasta fillo senza glutine:

Ingredienti:

  • 180 gr. di preparato per pane, pizza e pasta senza glutine La Veronese,
  • 100 ml. di acqua naturale a temperatura ambiente,
  • q. b. di maizena o amido di mais,
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva,
  • q. b. di olio semi,
  • 1 pizzico di sale.

Preparazione:

Per la preparazione della pasta fillo senza glutine iniziate mettendo in una ciotola il preparato La Veronese, un po’ di sale, l’olio extravergine d’oliva e l’acqua (un po’ per volta). Mescolate accuratamente fino ad ottenere un impasto abbastanza compatto. Poi trasferite quest’impasto sul piano di lavoro e lavoratelo per bene fino a formare una palla. Avvolgete la palla in una pellicola alimentare e fatela riposare per 60 minuti.

Trascorso questo lasso di tempo, staccate un quarto dell’impasto, lasciando la parte restante nella pellicola.Distribuite uniformemente la maizena e stendete l’impasto con un mattarello fino a farlo diventare sottilissimo. A questo punto, ritagliate un rettangolo e date una pennellata di olio di semi.

Ripetete il procedimento con il resto dell’impasto, staccando ogni volta una porzione di dimensioni simili. Posizionate i vari strati di pasta uno sull’altro, mettendo tra di essi un foglio di carta da forno. Infine, applicate nuovamente il mattarello per diminuire ulteriormente lo spessore. A questo punto non rimane che arrotolare la sfoglia così ottenuta. Riponetela in frigo e tiratela fuori due ore prima di utilizzarla.

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


12-02-2021
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti