bg header
logo_print

Pizza con bottarga e pinoli, una pizza sfiziosa e aromatica

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Pizza con bottarga e pinoli
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (1 Recensione)

Pizza con bottarga e pinoli, una pizza davvero speciale

La pizza con bottarga e pinoli è una pizza gourmet, realizzata con ingredienti che raramente si vedono sulle tavole degli italiani. Eppure è una pizza equilibrata, che bilancia aroma e sapidità. Inoltre, è anche deliziosa e facile da preparare. Si tratta di farcire la pizza con un abbondante soffritto di cipolle, mozzarella e pinoli. A fine cottura si distribuisce la bottaarga e si serve ben calda.

Vi consiglio di preparare la pizza con bottarga e pinoli nelle occasioni speciali, quando volete deliziare i vostri commensali con un pasto fuori dal comune, che faccia uso di ingredienti gourmet. D’altronde stiamo parlando di una pizza capace di innescare una vera e propria esperienza gastronomica, un viaggio verso sapori poco conosciuti ma apprezzabili da tutti i palati.

Ricetta pizza con bottarga

Preparazione pizza con bottarga

Per preparare la pizza con bottarga e pinoli seguite questi semplici passaggi.

  • Pelate le cipolle, lavatele e affettatele finemente. Poi fatele imbiondire per pochi minuti con dell’olio, aggiungete mezzo bicchiere di acqua, salate, pepate e cuocete per 15 minuti.
  • Fate la mozzarella a cubetti, scolatela e fatela asciugare su della carta da cucina.
  • Ricavate due panetti dalla pasta e stendeteli sul fondo di due teglie coperte con carta da forno.
  • Condite le basi con la cipolla, la mozzarella e i pinoli. Poi aggiungete due cucchiai di olio e fate cuocere nel forno già caldo a 250 gradi per 20 minuti circa.
  • Distribuite sulle pizze con la bottarga in polvere e servite ben calde

Ingredienti pizza con bottarga

  • 500 gr. di pasta per pizza o pasta per pane
  • 10 gr. di bottarga
  • 100 gr. di pinoli
  • 400 gr. di cipolle bianche
  • 1 mozzarella consentita
  • 6 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • q. b. di sale e di pepe.

Cos’è la bottarga?

Vale la pena parlare della bottarga, che rappresenta certamente la novità più interessante di questa pizza. La bottarga non sono altro che uova di pesce essiccate, in genere si opta per la bottarga di muggine e di tonno. Le uova della bottarga di muggine sono più pregiate, in quanto propongono un sapore sapido, molto delicato e decisamente “ittico”. Le uova di tonno, invece, si trovano con più facilità e a un prezzo inferiore. Il loro sapore è più corposo e meno delicato.

La bottarga si utilizza così com’è, ossia senza cotture o condimenti. In genere viene grattugiata sulla pasta o su altre preparazioni, un po’ come si farebbe con il Parmigiano Reggiano. La bottarga, inoltre, vanta un eccellente profilo nutrizionale. E’ ricca di acidi grassi omega tre, che fanno bene al cuore, alla circolazione e abbassano il colesterolo cattivo. Contiene anche molte proteine e sali minerali. Infine è anche molto calorica, infatti supera le 300 kcal per 100 grammi. Tuttavia, basta utilizzare dosi minime per insaporire i piatti; in questo caso è sufficiente un etto per tutte e due le pizze.

Tutto l’aroma dei pinoli nella pizza con bottarga

Anche i pinoli giocano un ruolo fondamentale nella pizza con bottarga. Il loro aroma forte ma poco pungente interagisce al meglio con la sapidità della bottarga e completa il sapore di latte della mozzarella. I pinoli, a differenza della bottarga, vanno inseriti prima della cottura. In questo modo vanno incontro a una tostatura che li rende più gradevoli al palato, aggiungendo l’elemento croccante alla ricetta.

I pinoli si fanno apprezzare anche per l’abbondanza e la varietà di micronutrienti. Sono ricchi di vitamina E, che fa bene al sistema immunitario e svolge un’efficace azione antiossidante. Inoltre, contengono fosforo e magnesio, due minerali che fanno bene alle attività cognitive e al metabolismo energetico. Contengono anche acidi grassi benefici, che giovano al sistema cardiovascolare sebbene facciano aumentare l’apporto calorico: un etto di pinoli sfiora le 700 kcal.

Pizza con bottarga e pinoli

Come rendere la pizza a prova di intolleranze alimentari

Di base la pizza con bottarga e pinoli si comporta come le altre pizze, dunque è off limits per i celiaci e per gli intolleranti al lattosio. L’impasto è infatti realizzato con la farina 00, che rende molto ma è piena di glutine. Inoltre il condimento vede l’impiego della mozzarella, che è ricca di lattosio. Per fortuna, però, la soluzione è a portata di mano.

E’ sufficiente sostituire la farina con altre farine alternative gluten-free. Molto apprezzate in questo senso sono la farina di riso e di mais, che replicano al meglio il sapore della farina doppio zero e la sua resa in termini di impasto. Si può pensare anche a qualche farina più particolare e rara, come quella di grano saraceno e di teff.

Allo stesso modo è possibile sostituire la mozzarella con una versione delattosata. La mozzarella delattosata è praticamente indistinguibile dalla mozzarella normale, se si esclude una nota leggermente più dolce. La sua lieve dolcezza è dovuta al processo di delattosamento, che scompone il lattosio in due zuccheri semplici e più facili da avvertire.

Niente da fare invece per gli allergici e i sensibili al nichel: cipolle e pinoli sono ricchi di questo allergene e non si segnalano produttori in grado di realizzare varianti sicure da questo punto di vista.

FAQ sulla pizza con bottarga e pinoli

Quali sono i vari tipi di pizza?

I tipi di pizza più famosi sono la margherita napoletana (che ha i crostoni alti e un interno morbido), la romana (che è croccante e ha i bordi alti) e la pugliese, che è molto alta e soffice, simile ad una focaccia.

Qual è la temperatura ideale per cuocere la pizza?

Se utilizzate il forno elettrico è bene impostare la temperatura massima, pari a 240 o 250 gradi. Se si usa il forno a legna la temperatura può superare anche i 500 gradi.

Quanto deve lievitare la pizza per essere digeribile?

Se si una farina debole e il lievito di birra fresco, la pizza è digeribile già dopo due ore di lievitazione. Tuttavia, le farine più forti possono richiedere anche dieci ore di lievitazione.

Quanta acqua ci vuole per 1 kg di farina per la pizza?

In media sono necessari 800 ml. di acqua tiepida per 1 kg di farina. Tuttavia, se siete bravi a impastare, potete arrivare anche ad un litro intero di acqua. In questo caso la pizza con bottarga risulterà molto morbida.

Ricette di pizze ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pizza ciambella con prosciutto

Pizza ciambella con prosciutto: una ricetta che stupisce

Il prosciutto cotto, un insaccato che va oltre i pregiudizi La pizza ciambella con prosciutto è un piatto molto diffuso, dunque la presenza del famoso affettato in questa ricetta non stupisce....

Tacos con patate viola

Tacos con patate viola, una variante del piatto...

Cosa sapere sulle patate viola Il vero elemento di novità di questi tacos sono le patate viola. A differenza di quanto si possa immaginare, il colore è al cento per cento naturale e deriva...

Pasta sfoglia con pomodoro e mozzarella

Pasta sfoglia con pomodoro e mozzarella: buona e...

Un accompagnamento speciale per la sfoglia pomodoro e mozzarella Vale proprio la pena parlare della salsa, che è una delle componenti di maggior rilievo della ricetta. Si tratta di una salsa fuori...