Una ricetta originale? Lasagnette di pancetta croccante!

lasagnette di pancetta croccante
Commenti: 0 - Stampa

Lasagnette di pancetta croccante Salumi Pasini con hummus di ceci e glassa di balsamico: un carico di bontà è in arrivo sulle vostre tavole!

Le lasagnette di pancetta croccante con hummus di ceci e glassa di aceto balsamico sono una ricetta gustosa e semplice da preparare, in grado di deliziare il palato di grandi e piccini! Ideale da servire in ogni occasione, dalle cene in famiglia ai picnic all’aria aperta passando per i pranzi con gli amici, questa pietanza dall’animo fantasioso ha tutte le carte in regola per diventare il piatto dell’estate!

Ma il gusto esplosivo della pancetta arrotolata Salumi Pasini mescolato con la delicatezza dell’hummus non è l’unico punto forte di questa ricetta. I ceci sono infatti un ingrediente capace di portare numerosi benefici a tutto l’organismo, dall’apparato digerente a quello cardiocircolatorio. Mentre l’aceto balsamico ha numerose proprietà nutrizionali. La pancetta, oltre ad essere deliziosa, è anche ricca di proteine! Andiamo a scoprirne qualcosa in più!

Siete in cerca di una ricetta originale? Provate le lasagnette di pancetta croccante!

Questa ricetta poco convenzionale si distingue grazie al suo sapore leggero ma al contempo gustoso. I suoi ingredienti hanno un alto valore nutritivo, ovvero una caratteristica che rende il piatto perfetto per deliziare il palato e saziare il corpo nello stesso momento. Questo avviene in particolare grazie all’hummus, un antipasto di origini arabe, a base di ingredienti semplici come i ceci, l’aglio, l’olio d’oliva, il succo di limone e le spezie.

pancetta e ceci

Le lasagnette di pancetta croccante con hummus di ceci e glassa di aceto balsamico possono essere servite come un gustoso snack per calmare la fame tra un pasto e l’altro. Ma anche come un vero e proprio secondo di terra. A questo proposito, è utile sapere che i ceci sono ricchi di fibre e quindi in grado di assicurare non solo un buon senso di sazietà, ma persino di aiutare l’apparato gastrointestinale a mantenere la sua naturale regolarità.

Prima di portare in tavola questa ricetta, è importante considerare che l’hummus è noto inoltre per la notevole quantità di vitamine e minerali che offre, per gli effetti positivi per l’umore e per la sua capacità di mantenerci giovani, grazie al suo interessante contenuto di antiossidanti. Sia questa pietanza che la pancetta sono persino un’ottima fonte di proteine, utili per rafforzare i muscoli e per portare a termine numerosi processi metabolici.

Un piatto completo da assaporare in famiglia!

Insomma, abbiamo davvero a che fare con un piatto completo, saporito e versatile, che può essere servito in ogni occasione e in qualunque momento dell’anno. L’hummus di ceci è infatti ideale da gustare durante le mezze stagioni e in inverno, per fare un pieno di gusto e per prevenire e combattere i malanni stagionali.

In generale, dovreste sapere che le lasagnette di pancetta croccante con hummus di ceci e glassa di balsamico sono molto apprezzate anche dai bambini. Per questo motivo, se siete in cerca di una pietanza che metta d’accordo tutti, l’avete certamente trovata! Prepararla non sarà per niente difficile e gustarla sarà decisamente un piacere!

Un tocco di classe con la glassa all’aceto balsamico

E’ evidente, non stiamo parlando della classica lasagna. Tuttavia, oltre all’assenza di glutine e alla presenza della pancetta, la ricetta regala altri elementi di discontinuità rispetto alla versione originale. Il riferimento è proprio alla glassa all’aceto balsamico. Non si vede spesso una lasagna “glassata”, ma vi assicuro che ha un notevole impatto a livello organolettico e visivo. Anzi, conferisce un vero tocco di classe, essendo un elemento capace di esprimere eleganza e raffinatezza.

Il tutto, senza complicare granché la ricetta. La glassa all’aceto balsamico, infatti, è molto semplice da preparare. Basta scaldare (fino all’ebollizione) una soluzione di aceto, vino e zucchero. A questa si aggiunge la fecola di patate miscelata con l’acqua. In questa fase è necessario mescolare per bene, in modo da evitare la formazione di grumi. Tuttavia, prima dell’amalgama il composto potrebbe addensarsi oltre il necessario, per evitare ciò aggiungete alla bisogna qualche goccia di acqua. Se, invece, il composto rimane troppo liquido, integrate un po’ di fecola.

D’altronde, il ruolo della fecola è esattamente questo, ossia addensare il composto e renderlo in qualche modo omogeneo, tale da facilitare l’applicazione della glassa stessa. Il ruolo dell’aceto balsamico e – in misura minore – del vino è invece principalmente organolettico. Lo scopo è quello di arricchire la ricetta con un sentore marcatamente aromatico, che segna un punto di rottura rispetto alla lasagna classica, ma anche un tentativo di sperimentazione. Le lasagnette di pancetta croccante sono veramente squisite e in grado di farsi apprezzare da tutti i palati, nonostante la loro unicità. Fate comunque attenzione anche a come applicate la glassa, che non dovrebbe essere eccessivamente calda. Lo scopo finale è quello valorizzare la lasagna, senza incidere negativamente sulla sua texture.

Ed ecco la ricetta delle Lasagnette di pancetta croccante

Ingredienti per 4 persone

  • 16 fette pancetta arrotolata Salumi Pasini
  • q.b. ceci hummus
  • q.b. aceto balsamico glassa

Per la glassa di aceto balsamico

  • 150 ml aceto balsamico
  • 75 ml vino rosso
  • 1/2 cucchiaio zucchero canna
  • 1/2 cucchiaio raso fecola patate
  • 25 ml acqua

Per l’Hummus di ceci

  • 200 gr ceci lessati
  • 1 spicchio aglio
  • 1 ciuffo prezzemolo
  • 1 limone
  • 2 cucchiai tahina salsa
  • 1 dl olio extra vergine oliva
  • q.b. sale
  • q.b. pepe

Procedimento

Per la glassa

In una terrina versate l’acqua e la fecola di patate e mescolate accuratamente con una frusta.

In un pentolino portate ad ebollizione l’aceto, il vino e lo zucchero. Da quando bolle, lasciate cuocere per circa 10/15 minuti a fiamma bassa. Aggiungete poco alla volta la fecola miscelata all’acqua, facendo attenzione che non si formino grumi e che non si addensi troppo. Se dovesse capitare, aggiungete qualche goccia di aceto o, al contrario, se viene troppo liquida, aggiungete un cucchiaino di fecola.

Spegnete e lasciate riposare per un’ora circa.

Per l’hummus

Se per la preparazione utilizzate i ceci secchi, ammollateli per almeno 12 ore in acqua e poi lessateli.

Scolate i ceci, riunite in una terrina con prezzemolo, aglio, il succo di ½ limone, la salsa tahina e un pizzico di pepe. Azionate il frullatore e aggiungete l’olio extravergine a filo.

Se necessario, qualche cucchiaio di acqua di cottura dei ceci fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo.

5/5 (454 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Spaghetti al ragu di fagiano e porcini

Spaghetti al ragù di fagiano e porcini, un...

Spaghetti al ragù di fagiano e porcini, un primo rustico e insolito Gli spaghetti al ragù di fagiano e porcini sono un primo piatto tra i più “rustici” che possiate mai assaggiare. La lista...

Tagliatelle al sugo di piccione

Tagliatelle al sugo di piccione, un secondo rustico

Tagliatelle al sugo di piccione, un primo diverso dal solito La tagliatelle al sugo di piccione sono un primo dal sapore forte, ma adatto a tutti i palati. Il piatto esula un po’ dalla tradizione...

Pasta di lenticchie con formaggio vegano

Pasta di lenticchie con Ceciotta, un primo unico

Pasta di lenticchie con Ceciotta, una delicata combinazione di sapori La pasta di lenticchie con Ceciotta e funghi è una buona idea per un primo fuori dall’ordinario, sia per gli alimenti in...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Zuppa con finferli e patate

Zuppa di finferli e patate, abbinamento interessante

Zuppa di finferli e patate, un primo genuino e leggero. La zuppa di finferli e patate è un primo squisito, che riconcilia con quanto di più genuino possa offrire la natura. In effetti è un...

Girelle di pane carasau con prosciutto

Girelle di pane carasau con prosciutto, antipasto unico

Girelle di pane carasau, un antipasto che sa di Sardegna Le girelle di pane carasau con prosciutto e scamorza sono in grado di stupire gli ospiti. Infatti, non si limitano a proporre un impatto...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


03-06-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti