Intolleranza al pesce, sintomi e cura

Intolleranza al pesce
Commenti: 4 - Stampa

L’intolleranza al pesce è un disturbo abbastanza raro che si manifesta in modo molto differente, i sintomi, così come i fattori scatenanti, possono avere, infatti, caratteristiche assai diverse in base al soggetto coinvolto.  Alcuni si sentono male dopo aver mangiato una specie di pesce, per altri, invece, il medesimo pesce non provoca nessun disagio.

Lo stesso vale per il tipo di sintomo e per la sua intensità, non tutti stanno male nello stesso modo; alcune persone con intolleranza al pesce sono in grado di consumarne piccole quantità senza avvertire malori, mentre altri non tollerano neanche piccole dosi.

Alcuni sintomi, quelli più diffusi, d’intolleranza al pesce includono gonfiore, gas in eccesso, crampi e mal di stomaco e altri problemi gastro-intestinali come nausea, bruciore di stomaco, vomito, mal di testa, diarrea e molti altri sintomi. I malesseri si avvertono anche parecchie ore dopo il consumo dell’alimento nocivo e, in alcuni casi possono essere ritardati fino a un giorno o più.

Intolleranza al pesce: attenzione ai prodotti con i derivati

Attenzione però, sto parlando d’intolleranza al pesce e non di allergia al pesce, due disturbi che, come più volte ripetuto, sono molto diversi.

Se è stata diagnosticata un’allergia al pesce, una condizione più diffusa dell’intolleranza e per molti aspetti più seria, i sintomi appaiono poco dopo il consumo di pesce, piuttosto che dopo parecchie ore, come avviene con l’intolleranza al pesce. Inoltre, i sintomi dell’allergia al pesce sono molto più gravi, e può essere anche molto pericolosa perché, per fortuna difficilmente, c’è la possibilità di shock anafilattico e quindi di morte. L’intolleranza al pesce, invece, non mette in pericolo di vita; tuttavia, come per le altre intolleranze alimentari, rende la vita difficile.

Evitare il pesce per non stare male è facile, ciò nonostante una persona con un’intolleranza al pesce dovrebbe sempre stare all’erta controllando le etichette degli alimenti; alcuni cibi, infatti, (anche quelli più impensabili), possono contenere parti di pesce tra gli ingredienti, come l’olio di pesce che è molto utilizzato nell’industria alimentare.

errori da non fare con l’orata

Intolleranza al pesce : come possiamo sostituirlo?

Pesce e frutti di mare sono fonti di omega-3, contengono tantissima vitamina D e proteine. Per questo se si elimina il pesce (per obbligo o per scelta) dalla propria dieta è necessario sostituirlo sapientemente in modo da non privarsi di importanti nutrienti.

Alcuni esempi? Le noci, sono delle buone fonti di omega 3, così come, anche se in quantità inferiore, le nocciole e le mandorle; anche le verdure a foglia verde come gli spinaci o la lattuga, oltre a essere ricche di importanti Sali minerali e vitamine, possiedono discrete dosi di omega 3.

Ma se volete andare sul sicuro, sapendo di integrare correttamente la dose giornaliera consigliata di omega 3, mangiate i semi di lino o l’olio di semi di lino, ne basteranno rispettivamente un cucchiaino oppure 30 grammi.

Ma anche l’olio di semi di canapa è una delle poche fonti vegetali di acido alfa linolenico ed è conosciuto per il suo ottimale equilibrio tra omega-3 e omega-6.

Un’idea potrebbe essere questa ricetta!

Vellutata di spinaci con bulgur e zucchine

Vellutata di spinaci con bulgur e zucchine marinate su crema di zucca: un piatto delizioso e sano!

Oggi voglio presentarvi la vellutata di spinaci con bulgur e zucchine marinate su crema di zucca. Quest’ultima è la regina dell’autunno: ne rispecchia i colori che ricordano le foglie cadute, il suo sapore dolciastro riporta alla mente il profumo della terra bagnata dalla pioggia e, se cucinata a dovere, scalda il cuore e ci protegge dai primi freddi ai quali ancora non siamo abituati.

Unendo la zucca ad altri ingredienti sani e gustosi, si possono creare una moltitudine di ricette, utili per beneficiare di tutte quelle proprietà benefiche che questo ortaggio può regalare, proprio come accade nel caso della vellutata di spinaci con bulgur e zucchine marinate su crema di zucca. Questa ricetta vegetariana e senza lattosio vi darà tante soddisfazioni e potrà promuovere a fondo il benessere del vostro organismo… A questo proposito, scopriamo anche qualche altro dettaglio!

Alla scoperta del bulgur…

Il bulgur, conosciuto anche come “grano spezzato”, non è altro che un mix di frumento e germogli di frumento cotti a vapore, essiccati e poi macinati. Propone tutte le proprietà nutritive del grano, ma è più leggero e digeribile. È considerato un cereale integrale, perché non viene trattato prima della cottura e contiene, nelle granaglie di cui è composto, anche la parte esterna del chicco, ricchissima di fibre, che potranno essere portate in tavola con la vellutata di spinaci con bulgur e zucchine marinate su crema di zucca.

Come ben sapete, le fibre sono fondamentali per tenere l’intestino pulito dalle scorie e dalle tossine, e per regolarne le funzioni, oltre ad avere un ottimo potere saziante e, quindi, essere persino amiche della linea e della sana alimentazione. Pranzare o cenare con un’ottima vellutata di spinaci con bulgur e zucchine marinate su crema di zucca equivale inoltre a fare un “trattamento intensivo” naturale contro l’invecchiamento…

Il potere antiossidante (e non solo) della vellutata di spinaci con bulgur e zucchine marinate su crema di zucca

Questa pietanza è davvero ricca di antiossidanti e, pertanto, favorisce la salute del nostro corpo, aiuta nella prevenzione di molte malattie, contrasta i danni dei radicali liberi e ci consente di rallentare il naturale invecchiamento cellulare. In particolare, dovreste sapere che la zucca è una vera miniera di beta-carotene e vitamina C, un complesso dal potente potere antiossidante che rende la vellutata di spinaci con bulgur e zucchine marinate su crema di zucca ancor più salutare e benefica.

Non possiamo di certo dimenticarci degli spinaci! Sono una valida fonte di ferro e acido folico e, pur se non tutti lo sanno, fanno anch’essi parte degli ortaggi più ricchi di vitamina C, utile inoltre per sfoggiare una pelle dall’aspetto sano e splendente! Persino le zucchine contengono minerali utili a contrastare l’invecchiamento (come il potassio ed il magnesio)… Insomma, questa vellutata di spinaci con bulgur e zucchine marinate su crema di zucca è davvero incredibile!

La vellutata di spinaci con bulgur e zucchine marinate su crema di zucca è un pasto bilanciato, praticamente privo di grassi e piacevole, in quanto caldo e confortante. La fonte di carboidrati fornita dal bulgur si amalgama perfettamente con la porzione di verdure giornaliere raccomandate e rappresenta una cena leggera e sana.

Ingredienti per 4 persone

  • 400 gr. di spinacini freschi
  • 160 gr. di bulgur
  • 120 gr. di zucca
  • 2 zucchine piccole
  • q.b. brodo vegetale
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b. sale e pepe macinato al momento

Preparazione

Cuocete gli spinacini nel brodo per pochi minuti. Frullate, salate e pepate e aggiungete 1 cucchiaio d’olio.

A parte, cuocete in acqua salata il bulgur per circa 10 minuti. Lasciate riposare e sgranate con una forchetta.

Pelate la zucca e tagliate la polpa a dadini. Rosolatela con un filo d’olio e un mestolo di brodo. Lasciate asciugare e unite il bulgur. Spadellate per qualche minuto.

Tagliate le zucchine a julienne e marinate per qualche minuto con olio e sale.

Sul fondo di un piatto, versate la crema di spinaci, posizionate il coppa pasta e versate il composto di bulgur e zucca. Decorate con la julienne di zucchine.

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

4 commenti su “Intolleranza al pesce, sintomi e cura

  • Dom 24 Giu 2018 | martina ha detto:

    Buona sera ,da un 5 mesi mi sono resa conto di essere diventata intollerante al pesce maggiormente molluschi e crostacei …una disperazione visto che l’adorooo ma arrivo a vomitare persino sangue . Mi chiedo è possibile che tutto ciò accada cosi improvvisamente
    potrò tornare a mangiarlo o se magari cè qualche cura ….. tra le altre cose tutto questo mi ha portato ad avere spesso nauseaa durante la giornata .
    Cosa posso fareeee !! :-(

    • Lun 25 Giu 2018 | Tiziana Colombo ha detto:

      Buongiorno, capita che da un giorno all’altro si abbiano reazioni a un determinato cibo. Puo’ capitare con l’assunzione troppo frequente e l’organismo ne è saturo. Le conviene rispettare un periodo di dieta di molluschi e crostacei per poi reintrodurli gradatamente. Sicuramente potrà tornare a mangiare molluschi e crostacei ma con moderazione. Per la nausea le consiglio di farsi visitare da un medico.

  • Gio 6 Mag 2021 | Maria Angela ha detto:

    Mi piace mangiare pesce,però dopo averlo mangiato,a distanza di poche ore,sto malissimo,mi viene come la sensazione di indigestione,tipo anauasea,prurito,e dolori di testa,leggeri, non capisco ,perché,da quando ero bambina ho avuto sempre,questa prob.non capisco perché,che cosa può essere,allergia,o intolleranza,,anche se mangio pochissimo,in specialmente,pese,tipo spada,salmone,pese graso neanche non riesco ad
    assagiarlo solo vederlo ,mi dà fa, senso di vomitò,raramente riesco mangiare ,3,4,sardine,o un pezitino di sgombro,invece branzino,e pese più magro,riesco a mangiare,in quantità piccola,però so sicura che dopo un po’ di ore ,mi fa stare male,così ave o rinunciato a mangiare pese,da un po’ ti tempo,cosa mi consigliate,?Credete che si tratta di allergia o di intolleranza a pese? Grazie infinite per la risposta.

    • Gio 6 Mag 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Maria Angela credo che da quanto scrive sia un’intolleranza a tutti gli effetti. i sintomi dell’allergia al pesce sono molto più gravi, e può essere anche molto pericolosa perché, per fortuna difficilmente, c’è la possibilità di shock anafilattico. L’intolleranza al pesce, invece, non mette in pericolo di vita; tuttavia, come per le altre intolleranze alimentari, rende la vita difficile.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

intolleranza al sorbitolo

Intolleranza al sorbitolo, un problema trascurato

Cos’è l’intolleranza al sorbitolo? Oggi parliamo di intolleranza al sorbitolo (o glucitolo), un disturbo che coinvolge molte persone e che, spesso, è in grado di compromettere il tenore di...

Intolleranza al riso

Intolleranza al riso, un disturbo molto raro ma...

Le cause dell’intolleranza al riso L’intolleranza al riso esiste, sebbene non sia tra le più diffuse. D’altronde, quando si parla di intolleranza alimentare, il pensiero corre a ben altre...

Intolleranza alle solanacee

Intolleranza alle solanacee, come combatterla al meglio

Cosa sono le solanacee? Per comprendere i rischi e i meccanismi che stanno dietro all’intolleranza alle solanacee è necessario capire cosa si intenda per solanacee. Il termine è, infatti,...

Intolleranza al frumento

Intolleranza al frumento, cosa c’è da sapere

Intolleranza al frumento e allergia L’intolleranza al frumento non è certamente tra le intolleranze più conosciute, infatti non figura tra quelle salite alla ribalta di recente. Eppure, al pari...

Sensibilita all alcol

Sensibilità all’alcol: una condizione da non sottovalutare

Cos’è la sensibilità all’alcol La sensibilità all’alcol è una condizione più diffusa di quanto si possa pensare. Anche perché molti la fraintendono, derubricando i disturbi a una...

Biancheria intima

Biancheria intima : allergici ed intolleranti attenzione

Gli errori da evitare per il benessere delle parti intime con la biancheria intima La biancheria intima spesso è un acquisto così banale che spesso la scelta si basa sulla bellezza del capo più...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


09-07-2016
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti