Colazione iperproteica, una alternativa al cappuccino

Colazione iperproteica
Commenti: 0 - Stampa

Cosa si intende per colazione iperproteica?

Avete mai sentito parlare di colazione iperproteica? Se non conoscete il significato, sappiate che è esattamente ciò che suggerisce il nome, ossia una colazione che abbonda di proteine. E’ una colazione all’apparenza sui generis, almeno stando alla colazione tradizionale basata su cornetto e cappuccino, o comunque su carboidrati e zuccheri. Ma perché optare per un primo pasto ricco di proteine?

In primis va specificato che, a prescindere dal tipo di colazione, essa deve essere equilibrata, ovvero deve comprendere tutti i nutrienti. Deve essere abbondante, ma non grassa, anche perché è il primo pasto dopo il digiuno notturno, che anticipa attività impegnative che richiedono energia, siano esse mentali o fisiche. Da questo punto di vista occorre ammettere che la colazione anglosassone vanta una marcia in più rispetto alla nostra.

I vantaggi di una colazione iperproteica

Una colazione iperproteica, ossia leggermente sbilanciata a favore delle proteine, può risolvere alcuni problemi e innescare dinamiche positive. Per esempio, chi soffre di diabete dovrebbe optare per un primo pasto piuttosto proteico, a tutto svantaggio degli zuccheri e dei carboidrati. Nella stragrande maggioranza dei casi, infatti, i cibi che contengono poche proteine si distinguono anche per un basso indice glicemico. Per lo stesso motivo, una maggiore assunzione di proteine durante il pasto inizialeMuesli ai semi di canapa girasole lino e nocciole della giornata può essere di aiuto a chi sta sostenendo una dieta dimagrante, specie se ha un metabolismo lento.

I cibi proteici saziano o, per meglio dire, non determinano un rapido aumento della fame a poche ore dalla loro assunzione, come capita invece quando si consumano biscotti, pane, cornetti e brioche, specie se realizzati con la farina bianca molto raffinata. Le proteine, poi, giocano un ruolo importante a prescindere dal momento della giornata in cui vengono assunte. Infatti, oltre a garantire alcuni processi biochimici di base, aumentano il fabbisogno energetico, ovvero il metabolismo di base. Insomma, il corpo brucia più calorie per sintetizzare le proteine di quanto non faccia per sintetizzare gli zuccheri (semplici o complessi, poco importa).

Gli alimenti dolci per una colazione diversa dal solito

Quali alimenti prediligere se si vuole optare per una colazione iperproteica? Ebbene, vi è solo l’imbarazzo della scelta, senza dover cedere alle tentazioni salate, e quindi ad una colazione anglosassone (che è troppo lontana dalle nostre abitudini). Per quanto concerne i cereali, un’idea è integrare nella colazione i fiocchi di avena in quanto contengono carboidrati, ma anche molte proteine. Stesso discorso per le fibre, che rappresentano un toccasana per l’apparato digerente. Tra l’altro è possibile trovare alcune varianti davvero squisite, come il muesli. Una delle massime espressione dei fiocchi d’avena è il porridge. Si tratta di una famosa ricetta di origine anglosassone, che prevede la bollitura dei fiocchi di avena nel latte o nell’acqua.

frutta secca

In genere viene accompagnato da alimenti dolci, spesso di consistenza densa, quali il miele e lo sciroppo d’acero. Esistono anche delle squisite varietà salate, come quelle che vengono accompagnate dagli insaccati. Un altro interessante cereale, ottenuto dai semi di una pianta sudamericana, è la quinoa. Stiamo parlando di un vero e proprio superfood, che apporta ottime quantità di proteine, carboidrati, vitamine e sali minerali. A tal proposito le ricette che vi fanno riferimento sono numerose, sia dolci che salate. E che dire della frutta? Alcuni frutti esotici contengono anche proteine, come gli avocado. Tuttavia, potreste optare anche per la frutta secca, che è meno calorica di quanto possiate pensare. In ogni caso è salutare in quanto contiene buone dosi di acidi oleici e di vitamina E.

Una colazione con alimenti salati e di origine animale

Se si parla di colazione iperproteica è impossibile non citare gli alimenti di origine animale. Tra l’altro, ce ne sono anche di dolci. Il primo pensiero va al latte e ai suoi derivati, yogurt in testa. A tal proposito è bene preferire gli yogurt magri e bianchi, se possibile di tipo colato (o yogurt greco), che sono meno zuccherati e contengono molte proteine. Tutti gli yogurt, tra l’altro, contengono i fermenti lattici, che regolarizzano il transito intestinale. Un altro derivato del latte, “neutro” dal punto di vista del sapore, è dato dai fiocchi di latte, che in quanto a proprietà si pongono a metà strada tra il latte e lo yogurt.

Se, invece, avete intenzione di puntare sul salato, è opportuno virare verso una colazione di tipo anglosassone. In questo caso gli affettati rappresentano una buona scelta, purché siano magri. Il riferimento è al prosciutto cotto (ripulito dal grasso) e alla bresaola. Una buona idea è iniziare la giornata con il pesce, per quanto possa sembrare un’iniziativa ardita ad alcuni. A tal proposito va ricordato che i pesci sono tra le fonti proteiche più salutari in assoluto, in quanto contengono poche calorie e sono ricchi di fosforo e di omega tre (almeno nella maggior parte dei casi).

Un esempio di colazione iperproteica

Da poco anche io mi sono avvicinata alla colazione iperproteica. In realtà la mia scelta è il frutto di un percorso ben preciso, che ha come protagonista il progetto IUNIC Metabolic Body Program di SynLab. Si tratta di un percorso volto ad offrire un piano alimentare personalizzato, grazie all’ausilio di validi professionisti del settore. L’elaborazione della propria dieta avviene in base alle abitudini alimentari e alle evidenze cliniche, suggerite dal nutrizionista, nonché di tipo genetico.

Alla fine del percorso di IUNIC Metabolic Body Program viene somministrato un piano alimentare personalizzato, in base alle proprie caratteristiche genetiche. I risultati mettono in evidenza, tra le altre cose, anche una difficoltà nel metabolismo dei grassi piuttosto che dei glucidi. Ebbene, grazie a IUNIC Metabolic Body Program ho scoperto di avere un metabolismo lento, che “soffre” del consumo di zuccheri. Da qui la necessità di puntare principalmente sulle proteine. A tal proposito, mi aspettavo un piano dietetico poco soddisfacente dal punto di vista alimentare…

Devo dire, però, che non è affatto male e lo trovo abbastanza equilibrato anche dal punto di vista del gusto. Per esempio, a colazione, oltre alla classica tazzina di caffè, posso consumare addirittura due vasetti di yogurt. In alternativa posso bere 250 grammi di latte scremato, che non è affatto poco. Questa è la mia colazione del lunedì, mercoledì, venerdì e domenica. Martedì, giovedì e sabato, invece, mi è concesso addirittura del pane, possibilmente integrale in quanto contiene più fibre e proteine, oltre ad abbondanti e varie porzioni di frutta.

Succo di mirtilli, una gioia per il palato e per l’organismo

Il succo di mirtilli è molto semplice da preparare, tuttavia quella che vi presento oggi è una ricetta po’ più complicata. Si tratta infatti di un succo di mirtilli a lunga conservazione, che va incontro a un processo di pastorizzazione tale da abbattere la carica batterica. In questa fase si crea il sottovuoto, mantenendo la bevanda in perfetto stato anche dopo mesi. Ovviamente una volta aperta va consumata entro pochi giorni. Buona parte del procedimento è simile a quello delle conserve. Nello specifico si ricava il succo dei mirtilli, poi si procede con una prima cottura e filtratura. Infine si arricchisce con zucchero e limone, si cuoce una seconda volta. A questo punto il succo va versato all’interno di bottigliette di piccole dimensioni, che vengono sottoposte ad alte temperature e per un lungo periodo di tempo.

succo di mirtilli

In questa fase è essenziale che le bottigliette non entrino in contatto tra di loro, dunque vanno distanziate con un canovaccio. Il succo di mirtilli così ricavato ha un sapore più intenso e più puro rispetto alla semplice “spremuta” di mirtilli. Inoltre, conserva intatte le proprietà benefiche del frutto. Il mirtillo è ricco di vitamine, il riferimento è alla vitamina C, che esercita un impatto positivo sul sistema immunitario, ma anche alla vitamina A, che fa bene alla vista. Stesso discorso per i sali minerali, in particolar modo per il calcio e per il potassio. Il colore dei mirtilli è dato dalle antocianine, delle sostanze antiossidanti capaci di ridurre lo stress ossidativo e contrastare i radicali liberi. Grazie alla presenza di altre sostanze antiossidanti, come la pectina, i mirtilli svolgono anche una funzione protettiva nei confronti dei capillari.

Quanto zucchero utilizzare per il succo di mirtilli?

Lo zucchero è presente in dosi sostenute in questo succo di mirtilli. D’altronde, la polpa concentrata di mirtilli potrebbe non avere un sapore gradevolissimo. Tuttavia, le quantità di zucchero non sono sufficienti a trasformare il succo in uno sciroppo. A tal proposito quale zucchero è più indicato per il succo di mirtilli?

Il consiglio è di utilizzare lo zucchero bianco semolato. Questa tipologia interferisce poco sul piano organolettico e si scioglie più facilmente. Certo, se apprezzate il sentore di caramello (forse fuori luogo in questa ricetta) potete optare per lo zucchero bruno di canna. A incidere, nella fattispecie, è la presenza della melassa, che è uno scarto di produzione capace di aggiungere più corposità in ambito organolettico.

Le proprietà nutrizionali del limone

Anche il limone è un alimento importante in questo succo di mirtilli. Nello specifico esercita due funzioni: regola il sapore in virtù della sua marcata acidità e contribuisce all’abbattimento della carica batterica (fondamentale per allungare il tempo di conservazione). Ovviamente non esagerate con le dosi in quanto il succo di limone potrebbe rivelarsi controproducente. Di base, basta un solo limone per 1.5-2 litri di bevanda.

La presenza del succo di limone è giustificata anche dalle sue proprietà nutrizionali, che sono numerose e ben note. In primis apporta vitamine e sali minerali, come la vitamina C (fortemente associata agli agrumi), il potassio, il calcio e persino il fosforo.

Ecco la ricetta del succo di mirtilli:

Ingredienti per 2 bottiglie:

  • 1/2 kg. di mirtilli,
  • 250 gr. di zucchero semolato,
  • 1 lt. di acqua,
  • succo di un limone.

Preparazione:

Per la preparazione del succo di mirtilli iniziate lavando questi ultimi sotto l’acqua corrente, poi trasferiteli in una grande pentola. Unite l’acqua e cuocete a fiamma bassa per 2 ore, applicando il coperchio. In questa fase dovete controllare che non manchi l’acqua, visto che tende facilmente ad evaporare. Se necessario, integratene un bicchiere (circa 200 ml). Quando i mirtilli sono “cotti”, frullate il tutto con il minipimer. Filtrate il frullato così ottenuto attraverso un colino a maglie strette, fino ad avere un succo abbastanza liquido.

Versate quest’ultimo in una pentola, riscaldate fino ad ebollizione e cuocete a fiamma bassa, mescolando in continuazione. A questo punto unite il succo di limone, lo zucchero e fate bollire per altri 10 minuti. Versate il succo dentro bottigliette di vetro, precedentemente sterilizzate e chiudete con i tappi senza stringete troppo. Procedete ora con la pastorizzazione. Ponete le bottigliette in una pentola abbastanza alta e distanziatele con degli stracci in modo che non si tocchino durante la cottura.

Versate l’acqua tiepida in modo da coprire tutto e portate ad ebollizione. Cuocete per 30 minuti dal primo bollore, badando che le bottiglie siano sempre coperte di acqua. Trascorso questo lasso di tempo, fate raffreddare le bottiglie e controllate il centro della capsula del tappo, se è abbassato allora la pastorizzazione è andata a buon fine. Potete conservare il succo di mirtilli in un luogo fresco per circa tre mesi. Appena aperte, le bottiglie vanno messe in frigorifero e consumate in 3-4 giorni.

5/5 (533 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

chef de partie

Le 4 figure più remunerative nella ristorazione

La specializzazione oggi è tutto nella professione; vale anche nella ristorazione. Un settore che sembra rimanere esente dalla crisi, ma che deve comunque saper interpretare i bisogni di una...

uova a colazione

Uova a colazione, un’abitudine gustosa e nutriente

Perché le uova a colazione? Mangiare uova a colazione, già questa espressione rievoca contesti che ben poco hanno a che vedere con la tradizione italiana, invece hanno a che fare con quella...

Torta Raffaello

Le migliori ricette senza glutine, ottimi piatti glutenfree

Un approfondimento sulla cucina gluten-free Le ricette senza glutine sono un mondo tutto da scoprire, adatte a chi ha ricevuto una diagnosi di celiachia da poco, e deve modificare in modo permanente...

Veggie burger

Veggie burger: idee e consigli per ottimi panini...

Veggie burger: idee e consigli per preparare degli ottimi panini vegani gourmet Negli ultimi anni i Veggie burger sono di grande tendenza, non solo tra vegetariani e vegani che per scelta non...

fiordaliso

Il fiordaliso, una pianta da utilizzare in cucina

Le principali caratteristiche del fiordaliso Oggi voglio parlarvi di una pianta speciale, che regala alcuni tra i fiori più belli da vedere, ossia il fiordaliso. Il nome, così elegante e soave,...

Datteri Mazafati

I datteri, uno dei frutti più buoni e...

Un po' di storia sul dattero Oggi parliamo dei datteri, uno dei frutti più particolari in assoluto. Sono particolari dal momento che fanno riferimento alla cultura araba e mediorientale, e per...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


12-04-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti