Lasagna di riso con sedano rapa e trota salmonata

Lasagna di riso con Sedano Rapa
Stampa

Una gustosa ed intrigante variante: la lasagna di riso

La Lasagna di riso con Sedano Rapa è un piatto particolare. Un’interessante variante del più classico piatto bolognese.

Quella che proponiamo oggi, per quattro persone, non prevede carne né pomodoro. Parleremo di tre ingredienti distinti che si amalgamano bene. Creando un’esplosione di sapori, nonostante a prima vista possano sembrare elementi molto diversi tra loro. Stiamo parlando della Lasagna di Riso con Sedano Rapa, Trota Salmonata e Patate Viola.

Ciascuno di queste sostanze si lega bene con l’altra, rendendo il piatto facilmente digeribile, ma allo stesso tempo conservando un gusto delicato e molto particolare. Il sedano rapa permetterà alla farina di riso di addensarsi al punto giusto e smorzerà il gusto intenso della trota salmonata, insieme alle patate viola che ne esalteranno al tempo stesso il sapore.

Lasagna di Riso con Sedano Rapa: un connubio vincente

La Lasagna di Riso ha bisogno del sedano rapa perché – come dicevamo – da un lato, si aggiunge e addensa la farina di riso, dall’altro esalta il sapore degli altri due ingredienti, grazie alla suo aroma intenso. Il sedano rapa è un alimento versatile che può essere usato in diverse circostanze.

Contiene 23 Kcal per 100 g di prodotto ed è costituito da una considerevole quantità di acqua (circa 88%), che lo rende perfetto per idratare durante i pasti. La radice del sedano rapa contiene carboidrati, proteine, grassi, molte fibre e una buona quantità di vitamine antiossidanti e sali minerali, quali ferro, potassio e manganese.

il sedano rapa

Ha proprietà rimineralizzanti ed è ricco di selenio, calcio, ferro, fosforo, iodio, magnesio, manganese, potassio, rame, sodio. Contiene, inoltre vitamina A, vitamine del complesso B e vitamina C. Avendo azione tonificante e digestiva sull’organismo, il sedano rapa è indicato nelle persone in periodo di convalescenza post-traumatico.

Le patate viola smorzano il gusto intenso nella Lasagna di Riso

La Lasagna di Riso si sposa bene anche con le patate viola. Il profumo delle Vitelotte (questo il nome più corretto da usare) ricorda la castagna e attenua l’intenso gusto del sedano rapa e quello acceso della trota salmonata.

Le patate viola sono ricche di antiossidanti e sono un buon alleato contro i radicali liberi. Favoriscono la vista, data la presenza delle antocianine, pigmenti vegetali che aiutano a mantenere gli occhi sani e giovani. Inoltre, da recenti studi sembra che le Vitelotte aiutino a diminuire la pressione del sangue, impedire l’accumulo di colesterolo e allontanare il pericolo di contrarre malattie cardiache. Non contendendo glutine, sono anche un alimento indicato anche per i celiaci.

Trota salmonata o salmone? Nella Lasagna di riso stanno bene entrambi

La Lasagna di Riso che presentiamo oggi, infine, necessita della Trota Salmonata. Diciamo subito che utilizziamo questo alimento perché è facile da reperire, ma chi volesse, potrebbe ricorrere al Salmone vero e proprio.

Dal punto di vista nutrizionale cambierebbe poco: il pesce nordico contiene più proteine, ma la trota salmonata è senza dubbio un pesce meno grasso e di conseguenza meno calorico. Inoltre, questo tipo di trota è allevata qui in Italia ed è considerato un prodotto a Km 0. Si tratta quindi di una scelta non solo culinaria, ma anche ambientale ed economica.

Ingredienti per 4/6 persone

  • 500 gr sfoglia di pasta di riso Le Celizie
  • 1,2 kg besciamella al sedano rapa
  • 300 gr sedano rapa
  • q.b. erba cipollina
  • 2 filetti trota salmonata
  • 2 patate viola bollite
  • 100 gr Parmigiano Reggiano stagionato 36 mesi

Per la besciamella di sedano rapa

  • 1 sedano rapa da 1,2 kg
  • 3 kg sale grosso
  • 40 gr timo
  • 30 gr rosmarino
  • 100 gr farina riso
  • 100 gr burro chiarificato
  • q.b. sale

Procedimento

Per la besciamella

Riponete in una casseruola il sedano rapa mettendolo sotto sale con il timo e il rosmarino. Mettete in forno per 90 minuti a 170°. Sfornate e pelate il sedano con l’aiuto di un coltello. Ottenete 800 g di polpa di sedano e mettete nel frullatore aggiungendo 200 g di acqua. F

rullate, filtrate e versate il composto in una pentola. Portate a bollore e aggiustate di sale. In un’altra pentola preparate un roux facendo sciogliere il burro e aggiungendo, in un solo colpo, la farina di riso.

Cuocete il composto a fiamma minima per 5 minuti. Versate il roux nella pentola con la crema di sedano rapa e lavorate con una frusta. Cuocete per 3/4 minuti frustando di tanto in tanto, stando attenti a non far attaccare la besciamella al fondo della casseruola.

Per la farcitura

Tagliate la trota salmonata a fettine. Pelate il sedano rapa e tagliatelo a dadini. Sbollentateli qualche minuto prima di rosolarli con l’erba cipollina e la trota salmonata.

In un’altra pentola fate bollire le patate viola sbucciate per poi sbriciolarle con l’aiuto di uno schiacciapatate. In una pentola portate ad ebollizione abbondante acqua salata in cui sbollenterete, per qualche minuto, le sfoglie di pasta di riso.

Calcolate giusto il tempo per farle ammorbidire. Scolatele con l’aiuto di una schiumarola e raffreddatele, per qualche istante, in una terrina con acqua e ghiaccio. Asciugatele con l’aiuto di carta assorbente.

Per le lasagne

In una teglia, che precedentemente avremo spennellato con burro chiarificato, adagiate le sfoglie di pasta fino a formare un primo strato compatto. Versateci sopra la besciamella di sedano rapa, i dadini di sedano rapa, la trota salmonata, le patate sbriciolate e il Parmigiano.

Proseguite fino ad esaurimento degli ingredienti, terminando cospargendo la lasagna con la besciamella, una spolverata di Parmigiano Reggiano e le briciole di patate viola. Preriscaldate il forno a 170° e, quando sarà in temperatura, infornate e cuocete la lasagna per circa 30 minuti.

Una volta sfornata, lasciatela riposare per qualche minuto fino a quando la lasagna si compatterà un po’. A questo punto, tagliatela e servitela ben calda.

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


05-02-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo aka Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Riso rosso con zucchine e menta

Riso rosso con zucchine e menta, un primo...

Riso rosso con zucchine e mente, altro che risotto Il riso rosso con zucchine e menta è una suggestiva alternativa al risotto. Anche perché rispetto a quest’ultimo porta spunti differenti. E’...

Vellutata di lattuga con gamberi

Vellutata di lattuga con gamberi, un primo leggero

Vellutata di lattuga con gamberi, un piatto elegante e leggero La vellutata di lattuga con gamberi e spuma di mozzarella è un primo che coniuga eleganza, gusto e leggerezza. Propone abbinamenti...

culurgiones con salsa di bottarga

Culurgiones con salsa di bottarga, primo sardo

Culurgiones con salsa di bottarga, un primo che parla della Sardegna I culurgiones con salsa di bottarga sono un primo che si ispira alla tradizione sarda. Una tradizione che vanta alcune...

Lasagna con erbe spontanee

Lasagna con erbe spontanee, un piatto colorato e...

Le peculiarità della lasagna con erbe spontanee La lasagna con erbe spontanee è un primo piatto dai contorni davvero particolari. In primis, è 100% vegano. Un dettaglio non da poco, se si...

Spaghetti con aglio nero e ricotta

Spaghetti con aglio nero e ricotta, un primo...

Spaghetti con aglio nero e ricotta, colori intensi e sapori veraci Gli spaghetti con aglio nero e ricotta sono un primo piatto che coniuga sapori rustici con un impatto visivo da cucina gourmet....

Vellutata di carote e barbabietola

Vellutata di carote e barbabietola, un primo delizioso

Vellutata di carote e barbabietola con Skyr, un primo davvero squisito La vellutata di carote e barbabietola con Skyr è un primo piatto di semplice preparazione, che propone sapori diversi dal...

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti