Castagne

castagne

Le interessanti proprietà delle castagne

Le castagne sono gli alimenti autunnali più famosi. Come tutti sanno, sono i frutti del castagno e fanno parte a pieno titolo della tradizione gastronomica italiana (e non solo).  Le castagne sono alimenti dal grande valore nutrizionale, infatti, in quanto frutta secca, sono ricchissimi di acidi grassi omega-3, sostanze che fanno bene al cuore, alla vista e alle funzionalità cognitive.

Anche in virtù di ciò sono abbastanza grasse e quindi caloriche. E’ comunque sufficiente non esagerare per godere senza rischi di tutti i loro pregi. Le castagne, inoltre, sono anche una miniera di sali minerali, come dimostrano le elevate concentrazioni di potassio, fosforo, calcio e magnesio.  Non deludono nemmeno in quanto a vitamine, in quanto contengono discrete dosi di vitamina B9, B12 C e D. Come testimonia il patrimonio gastronomico italiano, le castagne sono anche piuttosto versatili e possono essere impiegate per una grande varietà di ricette, oltre che per il consumo a crudo.

Le principali differenze tra le diverse varietà :

In genere si fa riferimento alla castagna come ad un frutto tutto sommato uniforme, ossia sempre uguale a se stesso. Questa convinzione, però, appartiene sono all’immaginario collettivo e non corrisponde alla realtà. Infatti, esistono numerose varietà di castagne che vi espongo brevemente qui di seguito.

  • I frutti sono di piccole dimensioni, la polpa è chiara ed ha un gusto dolce, croccante e dal sapore delicato. Questa varietà è l’ideale per accompagnare i secondi o realizzare elaborate farciture.
  • Del Monte Amiata. I frutti sono di grandi dimensioni, la polpa è mediamente scura e il sapore è dolce. La struttura è abbastanza coriacea, infatti questo tipo di castagne vengono utilizzate soprattutto per realizzare delle deliziose polente.
  • Della Val di Suga. I frutti sono di notevole dimensione, dalla tonalità rossiccia e dalla polpa estremamente dolce. Sono l’ideale per la preparazione dei marron glacé o per la realizzazione dei famosi marroni sotto grappa.
  • Castel del Rio. La grandezza è media e il sapore discretamente dolce; la polpa è a metà strada tra il croccante e il farinoso. I suoi frutti sono molto versatili, sebbene vengano utilizzati principalmente per il condimento di primi piatti.
  • Monfenera. E’ una varietà molto particolare in quanto il frutto è a forma di cuore e dal colore castano chiaro, quasi tendente al giallo. La polpa è dolce e allo stesso tempo croccante. Può essere consumata benissimo a crudo o fungere da ingredienti per primi piatti a base proteica.

Alcune ricette con le castagne

Come ho specificato ad inizio articolo, le castagne sono apprezzate anche e soprattutto per la loro versatilità. In questa sezione trovate alcune ricette che testimoniano questa caratteristica. Per esempio, troverete una deliziosa crema di castagne e chiodini, una vera sinfonia di sapori “autunnali”.

Le castagne possono essere impiegate anche e soprattutto per realizzare preparazioni dolciarie. Alcune di queste sono fuori dall’ordinario e non appartengono alla tradizione. Il riferimento è in particolar modo al gelato di castagne, un gelato dal sapore decisamente più corposo della media. Discorso simile per la crema di castagne alla vaniglia, che funge da dessert adatto a tutti i palati e davvero “sorprendente”.


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti