Riso alla creola con gamberi rossi marinati… una delizia!

riso alla creola con gamberi rossi marinati
Commenti: 0 - Stampa

Un elegante e salutare mix di sapori?

Avreste mai pensato di trovarvi a preparare un buon riso alla creola con gamberi rossi marinati all’aneto e agrumi? Oggi succederà e non ve ne pentirete. Vi guiderò passo dopo passo e il successo sarà inaspettato!

Infatti, servire a tavola un piatto della cucina creola vuol dire presentare una ricetta che miscela le tante culture che si sono incontrate in Louisiana, negli Stati Uniti, quando francesi, spagnoli, portoghesi, italiani, nativi americani e africani erano a New Orleans e influenzavano tutti assieme ogni aspetto della vita della città.

Cucinare il riso alla creola con gamberi rossi marinati all’aneto e agrumi significa inoltre evitare che il chicco perda tutti i suoi nutrienti, impegnandosi a farlo restare integro e corposo. È il piatto perfetto per mantenersi leggeri ma con gusto, scegliendo sapori freschi e dai toni etnici che stupiranno tutti… Il pezzo forte di questa ricetta sarà la marinatura dei gamberi rossi. La sua riuscita permetterà di dare più gusto al piatto e anche di rendere più morbidi, saporiti e digeribili i gamberi stessi.

Aneto e agrumi per la marinatura

L’aneto si rivelerà un ingrediente importante per il nostro riso alla creola con gamberi rossi marinati. Ha un buon sapore e, oltre a possedere un fresco aroma, è un ottimo alleato della digestione.

Da sempre, si presenta come l’ideale per guarnire e dare aroma a piatti di pesce e insalate: fin dal primo assaggio, vi renderete conto di aver fatto la scelta giusta! Gli agrumi, dal canto loro, sono l’altro pezzo forte della marinatura. Il loro succo ricco di vitamina C è un antiossidante naturale molto potente.

riso alla creola con gamberi rossi marinati

Tutto questo ci fa già pensare al riso alla creola con gamberi rossi marinati all’aneto e agrumi come a un piatto perfetto per chi ama prendersi cura di sé, mangiando sano e con gusto. Tuttavia, non è finita qui. Infatti, dobbiamo considerare che gli agrumi aiutano inoltre a preservare i recettori e le cellule dell’organismo, e a fornire a quest’ultimo un mix di energia, vitalità e forza (anche da un punto di vista del sistema immunitario). E cosa possiamo dire dei gamberi e del riso?

Riso alla creola con gamberi rossi marinati all’aneto e agrumi: un piatto incredibile!

I gamberi rossi sono ricchi di acidi grassi essenziali omega 3. Perciò, possiamo definirli degli alleati preziosi per il sistema cardiaco. Propongono anche una buona quantità di proteine, vitamine e minerali, che garantiscono ottimi effetti benefici al nostro corpo.

Le forti componenti anti-aging del riso – ricco di carboidrati ma di facile digestione – aiutano a mantenere giovane la mente così come l’organismo. Il riso alla creola con gamberi rossi offre persino un notevole apporto di ferro che, insieme alla vitamina C, propone un ulteriore effetto antiossidante e rinvigorente, in particolare rafforzando le nostre difese immunitarie.

Insomma, questo piatto è delizioso, genuino e perfetto per essere servito nelle grandi occasioni o quando si vuole fare buona impressione presentando un primo speciale… Il riso alla creola con gamberi rossi marinati all’aneto e agrumi si rivela una pietanza equilibrata, ricca sia di storia che di nutrienti, oltre che un pasto dal sapore unico.

Ed ecco la ricetta del riso alla creola con gamberi rossi marinati all’aneto

Ingredienti per 4 persone

  • 320 gr. di riso carnaroli
  • 12 gamberi rossi di Mazara
  • 1 vaschetta di germogli di crescione
  • 1 foglia di alloro
  • 1 spicchio d’aglio
  • 4 foglie di salvia
  • 1 lime,  1 arancia e 1 pompelmo
  • 1 rametto di rosmarino
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • 30 gr. di burro chiarificato
  • q.b. sale e pepe
  • zucchero di canna q.b.

Preparazione

Almeno un’ora prima di iniziare con la preparazione, marinate i gamberi con gli agrumi, il sale e lo zucchero di canna. Poi, scolateli e asciugateli.

In una casseruola con acqua bollente salata, cuocete il riso per la metà del tempo di cottura. Scolatelo e sistematelo in una teglia con le erbe aromatiche e un mestolino di acqua di cottura.

Coprite con la carta da forno, sigillate e finite la cottura per il tempo rimanente in forno a 170°.

Aggiungete il burro a crudo, richiudete e attendete per altri 5 minuti.

Dopo aver sistemato il riso nel piatto, con uno stampo a piacere, ponete i gamberi al fianco, con qualche goccia di olio extravergine d’oliva, e guarnite con i germogli di crescione.

5/5 (475 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Zuppa messicana con tortillas

Zuppa messicana con tortillas, una meraviglia piccante

Zuppa messicana con tortillas, un piatto Tex-Mex La zuppa messicana con tortillas è una zuppa molto diversa da quelle della tradizione mediterranea. In primis sono diversi gli ingredienti, infatti...

Coulibiac di salmone

Coulibiac di salmone, una meraviglia della cucina russa

Coulibiac di salmone, una torta salata di origine russa Il coulibiac di salmone è un'istituzione in Russia e nei paesi limitrofi. Infatti è uno dei piatti tipici più antichi. Si narra che sia...

overnight oatmeal

Overnight oatmeal, una colazione molto particolare

Overnight oatmeal, un’idea per una colazione diversa L’overnight oatmeal è una preparazione della tradizione anglosassone, che sta riscuotendo un certo successo pure dalle nostre parti. Anche...

Hawaiian Guava Cake

Hawaiian Guava Cake, un dolce dal sapore esotico

Hawaiian Guava Cake, un dolce tra sperimentazione e tradizione L’Hawaiian Guava Cake è l'ideale per stupire i propri invitati con una torta che, pur conservando caratteristiche della pasticceria...

Dalgona Coffee

Dalgona Coffee, un dessert fuori dall’ordinario

Dalgona Coffe, una variante ai ceci Il Dalgona Coffee è una ricetta americana, ma non esattamente legata a particolari tradizioni in quanto diffusa solo di recente. Si tratta di un dessert molto...

Pancho cake

Pancho cake, delizioso dolce dalla Russia gluten free

Il pancho cake, un delizioso dolce della tradizione russa La pancho cake è una ricetta della tradizione russa, in realtà frutto della commistione con la cucina francese. Ciò non deve stupire in...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


25-01-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti