Come fare un Risotto alla crema di parmigiano

Risotto alla crema di parmigiano reggiano

Oggi prepariamo un risotto alla crema di parmigiano che va bene per tutti! Va bene per gli ha problemi di glutine, di lattosio e di nichel…che vuoi di più dalla vita?

Parliamo del riso

Questo cereale, che costituisce uno degli alimenti più diffusi nel mondo, è infatti il protagonista di questo nostro numero. Le sue origini si perdono quasi nella notte dei tempi; già qualche millennio prima della nascita di Cristo, le popolazioni asiatiche avevano, nel riso, il loro alimento principale. E dall’Estremo Oriente, attraverso i Paesi arabi e l’Africa, è arrivato fino in Europa. Nel nostro Paese le prime coltivazioni di riso risalgono al XV secolo; il regno di Napoli, poi il ducato di Milano e infine il Veneto «ospitarono» nei loro territori le prime risaie.

Oggi le coltivazioni più estese sono localizzate nella pianura padana (che, grazie alla sua ricchezza di corsi d’acqua e al clima, è particolarmente adatta a questa coltura) e nel Piemonte, e il riso indubbiamente rappresenta uno dei pilastri della nostra economia agricola.

Un ottimo Risotto alla crema di parmigiano reggiano

Dietologicamente il riso è tra gli alimenti più completi: contiene idrati di carbonio sotto forma di amidi, proteine vegetali e il resto del suo contenuto è suddiviso tra grassi e altri elementi. Un etto di riso fornisce circa 350 calorie e molto fosforo: ecco perché esso viene indicato nelle diete per gli sportivi. Inoltre, essendo poverissimo di grassi, è ugualmente adatto a chi vuol seguire una dieta dimagrante.

Per il suo scarso contenuto di cloruro di sodio, è consigliabile agli ipertesi, ai malati di cuore e a chi soffre di disfunzioni renali.

È importante anche nell’alimentazione dei primissimi mesi di vita: verso i tre-quattro mesi, infatti, si cominciano a dare ai bambini le prime creme di riso.

Risotto alla crema di parmigiano reggiano

A dimostrazione della grande importanza che si dà a questo alimento, specie in Oriente, si racconta che in Giappone, quando un bambino compie i tre mesi, viene organizzata una grande festa tra parenti e amici per assistere alla somministrazione della prima pappa di riso.

Oltre che altamente nutritivo, il riso ha anche elevate proprietà digestive; ciò è dovuto al basso contenuto di cellulosa, alla composizione dell’amido facilmente assimilabile, poiché i suoi «granuli» hanno dimensioni minime (a differenza dell’amido di tutti gli altri cereali, i cui granuli hanno dimensioni molto maggiori), e anche all’ assenza di sostanze irritanti, che restano nei tegumenti asportati durante la lavorazione.

Infatti, il cosiddetto riso «integrale» (che si chiama così perché non è stato completamente privato del suo involucro esterno) è molto meno assimilabile. Grazie alla sua digeribilità, il riso è indicato quindi per le persone con problemi collegati all’apparato digerente.

E allora………..non resta che farsi un buon risotto!

Ed ecco la ricetta del Risotto alla crema di parmigiano reggiano

Ingredienti per 4 persone

per la crema al parmigiano reggiano

  • 1/4 lt di latte intero consentito,
  • 25 gr. di farina di riso,
  • 30 gr. di burro chiarificato,
  • 90 gr. di parmigiano reggiano stagionato 48 mesi

per il risotto

  • 400 gr. di riso Carnaroli Riserva San Massimo
  • 1 lt. di brodo di carne
  • un ciuffo di aneto
  • q.b. sale e pepe rosa in grani

Preparazione

Ponete in una casseruola tre quarti di litro di brodo, portate a ebollizione a fuoco moderato, versatevi il riso, mescolate e lasciate cuocere al dente a pentola scoperta, sempre a fuoco molto moderato.

A cottura ultimata il riso non dovrà essere eccessivamente asciutto; se necessario potrete, durante la cottura, unire ancora qualche cucchiaio di brodo bollente

In un pentolino fate scaldare il latte senza portarlo a bollore. Nel frattempo sciogliete il burro in un altro pentolino e aggiungete la farina: mescolate con una frusta e amalgamate bene.
Versate il latte caldo e continuate a mescolare per evitare la formazione di grumi. Fate addensare, mescolando, a fuoco basso.

Togliete il pentolino dal fuoco e aggiungete il parmigiano reggiano grattugiato. Mescolate velocemente, con il cucchiaio di legno, per far sciogliere il formaggio. Potete regolare la densità della crema facendola restare per meno tempo sul fuoco.

Mantecare il riso con la crema di parmigiano.
Sul fondo dei piatti ben caldi mettete un pò di crema al parmigiano, e versarvi sopra il risotto.
Guarnite con l’aneto e il pepe rosa, decorate a piacere e infine servite ben caldo.

4/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

2 commenti su “Come fare un Risotto alla crema di parmigiano

  • Lun 30 Nov 2015 | Jessica ha detto:

    Ciao ..trovo il tuo sito molto interessante ..visto che purtroppo ho scoperto da poco di essere allergica al nichel..una domanda..la dieta a rotazione va fatta dopo un periodo di astensione totale dal nichel giusto ? E questo periodo quanto dovrebbe durare ? Grazie buona serata

    • Lun 30 Nov 2015 | Tiziana ha detto:

      Buonasera Jessica la dieta a rotazione io ho cominciato a farla subito appena scoperta la mia intolleranza. Il giorno di dieta libera inizialmente è di un giorno alla settimana e sono andata avanti circa due mesi, poi ho inserito un’altro giorno e dopo altri due mesi un’altro giorno ancora. In pratica faccio 4 giorni di dieta e tre di dieta libera. Mercoledi sera , sabato sera e domenica si è liberi.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

abbuffate natalizie

Le abbuffate natalizie, alcuni consigli per porre rimedio

Le abbuffate, un rischio anche per chi soffre di intolleranze alimentari Natale e Capodanno sono tempi di abbuffate. Buona parte della tradizione italiana, infatti, si fonda sul mangiare bene e...

Pate di pernice rossa con polenta

Patè di pernice rossa con polenta, un ottimo...

Patè di pernice rossa su crostini di polenta, un antipasto gourmet Il patè di pernice rossa su crostini di polenta è una pietanza molto particolare. In primis, perché è realizzata con una carne...

Stella di Natale

Stella di Natale, il dolce perfetto per le...

Perché è così speciale il nostro dolce Stella di Natale? La Stella di Natale non è una torta come le altre. Lo potete notare già dalla foto e dalla sua forma particolare con un impatto visivo...

Cappone ripieno al tartufo

Cappone ripieno al tartufo, un secondo da ristorante

Perché il cappone ripieno al tartufo è così speciale? Il cappone ripieno al tartufo non è un secondo piatto come gli altri. Le ragioni per affermarlo sono numerose, in primis perché prevede...

Torta Albero di Natale

Torta Albero di Natale al profumo di menta

Torta Albero di Natale, un dessert al profumo di menta La nostra mente è sempre propensa alle festività ed eccoci a fantasticare su questa torta albero di Natale. Nessun simbolo potrà essere mai...

Spaghetti con bottarga di pesce

Spaghetti con bottarga di pesce spada per un...

Spaghetti con bottarga di pesce spada, ingredienti di qualità per una ricetta semplice Gli spaghetti con bottarga di pesce spada rappresentano un primo piatto semplice degno dei cenoni di Natale...

20-03-2015
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti