Cena tra amici e menù messicano con burritos di pollo

burritos di pollo
Commenti: 0 - Stampa

Serata messicana tra amici con menù messicano con burritos di pollo! Un burrito di pollo, tacos, guacamole e buona birra. nelle calde ed afose serate estive certe volte sembra davvero di trovarci vicino al deserto! Così ci siamo detti, perché non ricreare l’atmosfera dei Paesi più caldi anche dal punto di vista culinario? Eccoci dunque in Messico con i burritos di pollo tradizionali ed i loro molteplici possibili condimenti. In Messico, si sa, non si va tanto per il sottile con spezie e salse piccanti, per cui preparatevi ai sapori forti ed intensi! Se volete organizzare una cena diversa dal solito da condividere con i vostri amici, con questi burritos farete un successone!

Leggero ripieno di carne di pollo, verdure ed una sottile sfoglia di tortillas di farina di mais ad abbracciare il tutto. In questa variante, i burritos non saranno nemmeno troppo calorici e potranno essere gustati ed apprezzati davvero da tutti. Volendoci tenere più vicini alla tradizione, i burritos richiedono delle sfoglie di tortillas. Tuttavia, se non ne avete a disposizione o se lo preferite, potrete sostituire le tortillas con delle piadine, dei panini croccanti, delle crepes o delle pite. Il risultato sarà comunque caratterizzato dal decisivo ripieno, quindi comunque godibile.

Menù messicano con tortillas croccanti e guacamole

Volendoci concedere una serata “Messico e Nuvole”, non possiamo far mancare alla tavolata un’altra pietanza tipica del menù messicano da abbinare ai burritos di pollo. Parliamo ovviamente della salsa di guacamole, composta dall’avocado e particolarmente nutriente. Potremmo considerare questa salsa come un’efficace alternativa al ketchup ed alla maionese.

burritos

Intingere dei nachos croccanti in questa salsa sarà uno stuzzicante aperitivo, in attesa della portata centrale a base di deliziosi burritos di pollo e peperoni . I nachos, come le tortillas, sono preparati con la farina di mais ma generalmente in formato triangolare e maggiormente croccanti, pronti da intingere in questa deliziosa salsa.

Che vuol dire Tex-Mex?

La parola Tex-Mex, utilizzata anche per definire una particolare salsa messicana fusion, deriva dai termini “texano” e “messicano”. Questa definizione viene utilizzata per rappresentare una cultura di confine e di fusione tra la tradizione statunitense e quella messicana. Dal punto di vista culinario, il tex-mex è espressione dei Tejanos, abitanti del Texas e figli di un’antica discendenza spagnola e messicana.

Nel particolare, questo tipo di cucina è diffusa a sud degli Stati Uniti, nei paesi confinanti con il Messico. Utah, Colorado, New Mexico e Texas sono gli epicentri principali di questa cultura culinaria per noi tanto attrattiva e peculiare. Lo stile tex-mex piace molto in tutto il mondo, tanto che potrete trovare ed apprezzare ristoranti e pub a tema con menù specifici.

Pronti a portare in tavola un piatto tipico messicano da street food colorato e saporito con il formaggio fuso che cola? Io dico di si! E’ una ricetta semplice. Possono essere farciti con un chili di carne anzichè solo pollo e potete aggiungere anche i fagioli rossi .

Ed ecco la ricetta dei burritos di pollo:

Ingredienti per 8 burritos:

  • 8 tortillas di mais Nagual
  • 2 petti di pollo
  • 200 gr. di Bayernland  Cheddar a fette
  • 1/2 verza
  • 1/2 peperone rosso
  • 2 carote
  • 1 cipolla rossa
  • 2 cucchiai di succo di lime
  • 6 pomodorini
  • 6 cucchiai di salsa tex-mex
  • 1 birra chiara consentita
  • q. b. di sale
  • q. b. di peperoncino

Preparazione:

In una padella ponete in cottura il petto di pollo tagliato a pezzi con il succo di lime ,  un pizzico di sale ed un giro d’olio. Lasciate cuocere il pollo con una fiamma media, versate un bicchierino di birra ed un cucchiaino di salsa tex-mex. Il pollo deve cuocere per circa 15 minuti ma restare sugoso, quindi a necessità, versate dell’acqua, saltandolo ripetutamente. Una volta che il pollo avrà completato la sua cottura, mettetelo in un piatto e sfilacciatelo con due forchette, seguendo il verso delle fibre. In una padella diversa dalla precedente, mettete in cottura la verza con le carote, la cipolla ed il peperone, tutti tagliati alla julienne.

Procedete con una cottura a fiamma media e versate un bicchierino di birra e salsa tex-mex con una presa di sale. Versate un filo d’olio e procedete con la cottura per 20 minuti, mescolando per evitare che si attacchino le verdure. Prendete il formaggio e grattugiatelo. Per condire le tortillas, mettete al centro il formaggio, poi le verdure, qualche fetta di pomodoro ed infine il pollo. Messi tutti gli ingredienti chiudete il burritos (magari aiutandovi con della carta stagnola). Il calore, dopo qualche minuto sigillerà a dovere i lembi inferiori. Passate dunque i burritos in forno per 10 minuti a 180°, oppure scaldateli in padella o su di una piastra.

4/5 (1 Recensione)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

kebab

Il kebab, una versione casalinga

Come preparare il kebab in casa La ricetta di oggi può essere considerata come una specie di panino kebab fatto in casa a base di carne. Molti storceranno il naso di fronte a questa espressione,...

Tacos con speck e funghi

Tacos con speck e funghi, un fast food...

Tacos con speck e funghi, non solo tradizione messicana I tacos con speck e funghi rappresentano l’unione tra la tradizione messicana e quella italiana. I tacos sono una preparazione simbolo della...

samosa

I samosa, un gradevole esempio di rosticceria indiana

I samosa, la cucina indiana che non ti aspetti I samosa sono degli antipasti tipici della cucina indiana, assimilabili ai nostri pezzi di rosticceria. Sono esponenti di un volto poco conosciuto...

Falafel con lupini

Falafel con lupini, un delizioso spuntino vegetariano

Falafel con lupini, a metà strada tra la cucina araba e mediterranea I falafel con lupini sono uno spuntino vegetariano, molto leggero e nutrienti. Si tratta, di base, di polpettine realizzate con...

Panino con lampredotto

Panino con lampredotto, uno snack di altri tempi

Panino con lampredotto, un fast-food in versione popolare Il panino con lampredotto è un magnifico esemplare di street food (cibo di strada). E' un cibo “rustico”, con secoli di storia alle...

Tacos vegetariani

Tacos vegetariani, variante per chi non ama la...

Tacos vegetariani, una lista di ingredienti perfetta Il concetto stesso di tacos vegetariani potrebbe far storcere il naso a molti, soprattutto agli amanti della cucina messicana. D’altronde, i...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


18-09-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti