Intolleranza al lattosio: ecco cosa non mangiare!

Se stai cercando di capire quale dieta seguire, sai già che l’intolleranza al lattosio è l’incapacità dell’organismo di digerire il lattosio, uno zucchero naturale che si trova nei latticini e nel latte. Non si tratta di un male che mette in pericolo la vita, ma di certo di un malessere che può causare sintomi davvero spiacevoli come diarrea, nausea, gonfiore e flatulenza. Fastidi che si possono superare seguendo una dieta povera di lattosio.

Naturalmente, gli alimenti più conosciuti che contengono lattosio sono i latticini e i prodotti caseari come latte, gelato e formaggio. Il lattosio è però presente come ingrediente in altri prodotti, anche i più inaspettati… e non solo tra gli alimenti.

Il primo passo da fare è dunque capire cosa non mangiare se si soffre di intolleranza al lattosio.

 

Intolleranza al lattosio: ecco cosa non mangiare!

Latte

Il latte è ovviamente un problema per chi convive con l’intolleranza al lattosio, anche se molte persone che ne soffrono riescono a berne una piccola quantità senza che si manifestino i sintomi. In questo senso, il consiglio è di assumerlo durante il pasto, per rendere più facile la digestione, e cominciare con una piccola quantità e aumentarla gradualmente. Si può optare per latte senza lattosio, reperibile in gran parte dei supermercati, che non è altro che latte con il supplemento dell’enzima lattasi, che manca a chi soffre di intolleranza al lattosio e che è necessario all’organismo per metabolizzare il lattosio. L’alternativa è bere il latte e assumere integratori dell’enzima lattasi per ridurre i sintomi.

Formaggi

I formaggi contengono lattosio, anche se i suoi livelli variano a seconda dei diversi tipi di formaggi. Formaggi a pasta morbida come la caciotta hanno livelli più elevati. Alcuni formaggi a pasta dura, come il Swiss o il cheddar, contengono meno lattosio e possono anche non creare intolleranza se assunti con moderazione. Il parmigiano reggiano è garantito senza alcuna traccia di lattosio dai 36 mesi in su.

Cereali

Già è antipatico rinunciare al latte di mucca a colazione, ma possibile che anche i cereali facciano male? Si, è possibile. Verificate sempre gli ingredienti, perché potrebbero contenere la specifica di un sinomino di lattosio come caseina o siero. E attenzione ai cereali processati!

Mortadella, salame, wurstel

Ebbene si, i processi di produzione e conservazione della mortadella, salame, wurstel possono essere fatti medianti l’utilizzo di elementi contenenti lattosio. Esistono sul mercato prodotti senza lattosio

Pane

A meno che non abbiamo specificato “senza lattosio”, gran parte dei prodotti a base da forno di pane contengono lattosio.

Margarina

Il burro senza lattosio si trova già nei supermercati, ma fate attenzione se optate per la margarina.

Medicinali

Il lattosio è presente anche nel 20% dei medicinali e il 6% dei medicinali senza prescrizione. Anche alcuni medicinali possono contenere lattosio: pillole anticoncezionali e vitamine, medicinali antiacido e anti-gas, per esempio.

E ancora… Intolleranza al lattosio: ecco cosa non mangiare!

Ci sono tanti alimenti che nascondono il lattosio come ingrediente come zuppe e creme, patatine in busta, caramelle, snack, succhi di frutta. Attenzione anche alla specifica “senza prodotti caseari”, perché potrebbero comunque contenere proteine del latte e lattosio. Contengono lattosio anche cibi che contengono siero di latte, caglio, derivati ​​del latte e latte in polvere.

Se vuoi approfondire ancora il mondo dell’intolleranza al lattosio e scoprire i sintomi, i test e piccoli segreti per viverla al meglio, ecco l’approfondimento giusto per te! –> http://bit.ly/Tutto_Su_Intolleranza_Lattosio

Condividi!

9 commenti a “Intolleranza al lattosio: ecco cosa non mangiare!

    1. Tiziana Autore articolo

      Il consiglio è di evitare anche alimenti con proteine del latte, perchè molte volte non è specificato se proteine del latte e/o proteine del siero del latte. Le quantità dovrebbero essere minime, ma la quantità tollerata è molto soggettiva.

      Le proteine del latte, in particolare le caseine, posso a loro volta non essere “gradite” dal nostro corpo, si parla allora di ALLERGIA ALLE PROTEINE DEL LATTE.

      L’intolleranza al lattosio e l’allergia alle proteine del latte sono due situazioni distinte e sono assolutamente indipendenti, in alcuni casi possono coesistere, in altri si ha l’espressione di una o dell’altra o nessuna di queste.

  1. Donatella

    Salve volevo sapere se chi soffre di intolleranza al lattosio ha gonfiore addominale , cefalea non continua e senso di pesantezza a fine pasto! Io faccio colazione con latte a basso contenuto di lattosio…

    1. Tiziana Autore articolo

      Buongiorno Donatella se ha problemi a fine pasto il problema è da ricercare nel consumo di alcuni alimenti, come i latticini o i prodotti a base di farina di grano (pane, pasta e biscotti) che possono favorire il gonfiore addominale nelle persone che soffrono di intolleranza al lattosio oppure al glutine.
      Una tensione dolorosa a livello dell’addome può verificarsi anche nella disbiosi intestinale, condizione nella quale la flora intestinale si arricchisce eccessivamente di microrganismi patogeni. Ciò può essere conseguenza di infezioni, assunzione di antibiotici ed altri farmaci, disordini alimentari e condizioni di stress.

  2. Gianfranco

    ho fatto il test per la determinazione di intolleranze alimentari IgG4
    U/ml
    latte di pecora 43 +3 (positivo)
    latte di capra 38 +3
    latte vaccino 52 +4 (alto positivo)
    mandorla, arachide, noce, nocciola 23 +3
    questo si ritrova come intollerante al lattosio?
    la cosa che mi ha fatto fare questo test e la stanchezza costante. oltre al rinunciare agli alimenti contenenti lattosio e semi secchi, cosa devo fare per riprendermi, ripristinarmi da questa stanchezza costante?

    1. Tiziana Colombo Autore articolo

      Salve Gianfranco, le consiglio di portare questi esami da un buon nutrizionista che le consiglierà la dieta più idonea per stare bene. Sicuramente deve assumere bevande vegetali compatibili con la frutta secca. Latte di riso, latte di miglio etc. Leggendo ha problemi anche con la frutta secca si trova in moltissimi prodotti. Mi tenga informata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *