Omega 3: gli acidi grassi indispensabili per i nostri occhi

Omega
Commenti: 0 - Stampa

I benefici di questi acidi grassi

Quante volte abbiamo sentito parlare dell’importanza dell’assunzione di alimenti che contengono Omega-3? Sono essenziali nella nostra dieta visto che il nostro corpo non è in grado direttamente di sintetizzarli. Questi acidi grassi hanno una funzione indispensabile, dunque, per il nostro organismo, fra cui quella di proteggere il nostro sistema cardiovascolare.

I benefici degli omega-3 non finiscono qui. Secondo diversi studi, infatti, sarebbero utili per ridurre il rischio di soffrire di diverse patologie legate alla vista, ad esempio la degenerazione maculare o la cecità. Questi acidi grassi essenziali, dunque, hanno un ruolo fondamentale per la salute degli occhi di grandi e bambini.

Gli Omega-3 e la salute degli occhi

Grazie all’assunzione periodica di cibi che contengono gli Omega-3 potremo avere diversi benefici per i nostri occhi. Innanzitutto, questi acidi grassi sono parte della struttura delle cellule della retina e ne permettono il loro costante sviluppo. Nei neonati, ad esempio, il latte materno, che contiene Omega-3, permette il giusto potenziamento della capacità visiva.

orata

Questi acidi grassi, inoltre, hanno un’azione vasodilatatrice, migliorando l’elasticità dei capillari presenti negli occhi. Gli Omega-3 sono anche indispensabili durante la terza età in quanto riducono la possibilità di soffrire di patologie visive dovute all’invecchiamento, come la sindrome dell’occhio secco.

I cibi che contengono maggiori quantità di Omega-3 sono senza dubbio alcuni tipi di pesce, come il salmone, il merluzzo e le sardine. Possiamo trovare questi acidi grassi anche in prodotti di origine vegetale come le alghe, olio e semi di lino, noci, legumi, in particolar modo la soia, spinaci e diversi tipi di verdure a foglia verde.

Connessione tra alimentazione e vista.

Quali sono i cibi che ci aiutano a proteggere la vista?. I nostri cinque sensi sono indispensabili in ogni momento del giorno. La vista, in particolar modo, è fondamentale per svolgere la maggior parte delle nostre attività quotidiane. Per questo, è necessario salvaguardare i nostri occhi, per cercare di evitare in tutti i modi di soffrire di alcuni disturbi oculari. L’alimentazione è una dei fattori che ci aiuta a proteggere la nostra vista.

Quali sono gli alimenti che ci possono aiutare a ridurre i rischi per i nostri occhi? Una dieta equilibrata e varia ci permette di mantenere un ottimo benessere psico-fisico, compreso quello degli occhi, per evitare di soffrire di diverse patologie come la cataratta. Diversi studi scientifici, infatti, hanno dimostrato che ciò che mangiamo può influire sulla nostra vista.

Le sostanze che riducono l’invecchiamento degli occhi

Fra le sostanze che possono aiutare a rallentare il processo di invecchiamento degli occhi troviamo le vitamine e diversi sali minerali come lo zinco ma anche gli acidi grassi omega 3. Quali sono gli alimenti che contengono queste sostanze che proteggono la vista? Ecco alcune delle principali secondo le loro proprietà nutrizionali.

La luteina è uno degli antiossidanti che permette di salvaguardare la salute dei nostri occhi ed è presente in alimenti come l’avocado, tutte le verdure a foglia scura e in alcuni ortaggi come gli spinaci e i broccoli. I frutti di bosco come i mirtilli, inoltre, oltre a contenere luteina sono ricchi di zinco ma anche di vitamine del gruppo A e C, indispensabili per proteggere i nostri occhi.

Vitamina C, omega 3 e beta-carotene

La vitamina C aiuta a combattere i radicali liberi. Per questo, gli agrumi come le arance o i limoni, ricchi di questa sostanza, sono molti utili per combattere l’invecchiamento oculare. Non dimenticate, inoltre, anche peperoni gialli e arancioni contengono vitamina C. Il beta-carotene, inoltre, contenuto in diversi vegetali di color arancione, come le carote o la zucca, aiuta mantenere una buona visione notturna.

Anche gli acidi grassi omega-3, sono indispensabili per ridurre le infiammazioni e il rischio di soffrire di diverse patologie, comprese quelle oculari, come la degenerazione maculare. Questa sostanza è contenuta nel pesce, nelle uova ma anche in alcuni tipi di frutta secca, come le mandorle che apportano anche vitamina E, presente anche nella soia, che è un ottimo antiossidante.

retina

L’importanza della retina

La retina è uno dei componenti fondamentali dell’occhio. Questa membrana, infatti, ricopre una grande parte interna dell’occhio e permette di trasmettere gli impulsi nervosi verso il cervello, attraverso il nervo ottico. Si tratta, dunque, di un organo che dev’essere protetto o si potrebbe soffrire di diverse patologie fra cui il distacco della retina.

Per poter evitare che la retina si deteriori, è necessario prendersi cura dei propri occhi attraverso abitudini sane. Oltre ai fattori non direttamente controllabili, come la genetica, possiamo migliorare la salute della retina attraverso la nostra alimentazione. Pur non potendo risolvere direttamente le patologie, i cibi che consumiamo possono aiutare a ridurre i rischi.

Le sostanze che proteggono la retina

Fra le vitamine che permettono di proteggere gli occhi e in particolar modo la retina troviamo la A, la C e la E, presenti nelle uova, nel pesce, negli ortaggi o nella frutta secca. Fra i sali minerali, invece, sono indispensabili gli alimenti che contengono zinco, presente, ad esempio, nei molluschi, nei legumi, nei cereali, e selenio, contenuto in alimenti come uova, pesce, formaggi e frutta secca.

Gli acidi grassi Omega-3 sono indispensabili, invece, per prevenire diverse patologie come la degenerazione maculare. Questa sostanza è contenuta soprattutto in cibi come il salmone, le sardine, la soia o l’olio e i semi di lino. Da non dimenticare, infine, due carotenoidi: la luteina e la zeaxantina. Fra gli alimenti ricchi di queste sostanze troviamo soprattutto verdure e ortaggi di colore giallo o arancione.

Alimenti da evitare per il benessere della retina

Se alimenti come il pesce, la frutta e la verdura sono fondamentali per proteggere la retina, esistono altri cibi che devono essere, se non evitati, consumati con cautela. Solitamente sono sostanze che, consumate in eccesso, non creano danni solamente alla vista, ma in generale al nostro benessere fisico. Grassi animali, sale, zucchero e bevande zuccherate, infatti, sono fra gli alimenti sconsigliati per la salute della retina.

Miopia

Alimentazione e miopia

Miopia: gli alimenti che fanno bene alla vista. La miopia è un difetto visivo che, in Italia, colpirebbe almeno il 25% delle persone. Chi ne soffre ha difficoltà a vedere oggetti lontani. Questo difetto si può correggere attraverso l’uso degli occhiali o delle lenti a contatto. Inoltre, a livello medico, attraverso l’utilizzo del laser o dell’impianto delle lenti correttive, è possibile correggere efficacemente la miopia.

L’alimentazione può essere un fattore importante per ridurre il rischio di aumento della miopia o che questa possa trasformarsi in patologie più gravi. Ovviamente, ciò non vuol dire che alcuni alimenti possano diminuire o addirittura far sparire questo difetto visivo. Tuttavia, fare attenzione all’assunzione di determinati tipi di nutrienti può aiutarci a mitigare i rischi per la vista.

Vitamine e omega 3

Chi soffre di miopia, soprattutto nella fase grave, ha più probabilità di rischiare il distacco della retina o di soffrire di determinate patologie visive come il glaucoma. Vediamo quali alimenti possono aiutarci a seguire una dieta equilibrata e sana e a ridurre alcuni dei fattori che possono compromettere la salute dei nostri occhi.

La vitamina A è senza dubbio una delle sostanze che può aiutarci a rallentare l’invecchiamento oculare. Tuttavia, ci sono altri alimenti che sono altrettanto benefici per chi soffre di miopia. Consumati in quantità moderati, semi e frutta secca, ad esempio le noci, sono un’ottima fonte sia di vitamina E che di omega 3. Un altro alimento che contiene acidi grassi, inoltre, è il salmone ma anche altri tipi di pesce come le sardine.

frutta e verdura

Frutta e verdura

Frutta e verdura sono indispensabili in qualsiasi dieta e devono occupare uno spazio privilegiato nell’alimentazione di chiunque. Alcuni ortaggi, in particolar modo, possono aiutare a rallentare l’invecchiamento della vista. I broccoli o i cavoletti di Bruxelles, ad esempio, contengono sia vitamina C che antiossidanti. Non dimenticate anche gli spinaci che sono ricchi di luteina, un carotenoide ricco di proprietà antiossidanti.

Per quanto riguarda frutta, invece, oltre a quella che contiene vitamina A, ad esempio i mirtilli, possiamo inserire nella nostra dieta un frutto sempre più utilizzato anche in Italia: l’avocado.

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Clinica Baviera

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Migliori piatti stranieri

I migliori piatti stranieri più apprezzati al mondo

Perché un focus sui piatti stranieri? I migliori piatti stranieri fanno parte delle abitudini alimentari degli italiani. E’ una verità scontata, ma che dimostra come la cucina italiana non sia...

I migliori piatti italiani

I migliori piatti italiani, apprezzati in tutto il...

Alla riscoperta della cucina italiana Quali sono i migliori piatti italiani più famosi e apprezzati in patria e all’estero? Sembra una domanda superflua, se posta da un italiano. Eppure può...

colazione per i bambini

La colazione per i bambini che rientrano a...

Il rientro a scuola dalle vacanze, un momento stressante Il rientro a scuola dopo le vacanze estive prevede una sana colazione adeguata per i bambini, soprattutto dopo un periodo di vacanze molto...

verbena

La verbena, una pianta officinale dalle mille proprietà

Le principali caratteristiche della verbena La verbena è una pianta perenne appartenente alla categoria delle verbenacee, che si trova spesso allo stato selvatico ed ha dimensioni contenute (in...

carne di coniglio

La carne di coniglio, un’alternativa a pollo e...

Un approfondimento sulla carne di coniglio La carne di coniglio fa da sempre parte della tradizione culinaria italiana. Se ben trattata, è un' ottima carne squisita, morbida e adatta alle...

colazione per gli studenti

La colazione per gli studenti, alcune idee nutrienti

La colazione per gli studenti, il pasto più importante della giornata La colazione per gli studenti (e non) è il primo e il più importante pasto della giornata, secondo gli esperti. In Italia si...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


10-08-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti