bg header
logo_print

Lumache fritte, un finger food per stupire

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Lumache fritte
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (1 Recensione)

Lumache fritte, il finger food gourmet

Vi presento le lumache fritte, una ricetta gourmet che stupisce per la capacità di reinterpretare il concetto di “impanato e fritto”, valorizzando un alimento fuori dal comune: la lumache per l’appunto.

Per l’occasione le lumache vengono pulite, passate nella farina, nell’uovo sbattuto e nel pangrattato. Vengono poi fritte in olio bollente e infilate negli spiedini per dare vita a un finger food, ossia ad un pezzo di rosticceria fuori dall’ordinario, che sfocia senza mezzi termini nella cucina gourmet.

Molti non hanno mai mangiato le lumache, eppure vi consiglio di dare loro una chance, magari partendo da questa ricetta. Se vi state chiedendo che sapore abbiano, sappiate che è difficile da descrivere. Alcuni, però, lo reputano un mix di carne bianca, pesce e crostacei.

Un’altra peculiarità delle lumache è il processo di pulizia, che è molto specifico. Si elimina il guscio, si rimuove l’intestino (che è posto proprio al di sotto del guscio) e si elimina il dente. Quest’ultimo passaggio può risultare difficoltoso, anche perché il dente è davvero piccolo, per farlo uscire basta schiacciare la testa della lumaca tra due dita.

Ricetta lumache fritte

Preparazione lumache fritte

  • Per preparare le lumache fritte seguite questi passaggi. In una ciotola versate la farina di mais, il sale e il pepe.
  • In una ciotola a parte aprite le uova e sbattetele con un po’ di sale e di pepe. In un’altra ciotola versate il pangrattato.
  • Passate le lumache nella farina di mais, poi nell’uovo sbattuto e infine nella ciotola con il pangrattato.
  • Portate l’olio di semi di arachide a temperatura in una padella profonda o, meglio ancora, in una friggitrice.
  • Immergete le lumache nell’olio (poche per volta) e friggetele per 5 minuti, poi scolatele sulla carta da cucina.
  • Infilate le lumache negli spiedini. Ogni spiedino dovrà contenere 2 o 3 lumache.
  • Servite gli spiedini di lumache fritte accompagnandole con una salsa a vostra scelta.

Ingredienti lumache fritte

  • 500 gr. di lumache di terra pulite
  • q. b. di olio di semi di arachide per friggere
  • 200 gr. di farina di mais 200
  • 2 uova
  • q. b. di sale
  • q. b. di pepe
  • 200 gr. di pangrattato

Una panatura semplice ma efficace

E’ proprio la panatura a qualificare come facile questa ricetta con lumache fritte. La impanatura è formata da farina, uova sbattute con sale e pepe, pangrattato. La farina può essere di qualsiasi tipo, ma consiglio la farina di mais in quanto è più saporita e persino più rustica rispetto a quella di grano; inoltre, è perfetta per i celiaci in quanto priva di glutine.

Ovviamente si può pensare a una panatura più complessa. In questo caso si agisce direttamente sul pangrattato, “condendolo” al meglio. Una soluzione consiste nell’aggiunta del Parmigiano grattugiato, del peperoncino e del prezzemolo tritato. Questo tipo di panatura ricorre spesso nella cucina siciliana, come dimostra – tra le altre cose – la ricetta delle cotolette alla palermitana. E’ possibile, per esempio, aggiungere un po’ di aglio crudo tritato per trasmettere alla panatura una nota piccante.

Per quanto concerne la presenza del Parmigiano non temete, infatti è assolutamente compatibile con le esigenze degli intolleranti al lattosio. Questo formaggio è naturalmente privo di lattosio in virtù del lungo periodo di stagionatura. Certo, provoca un aumento dell’apporto calorico, ma è un compromesso sostenibile da pagare. A maggior ragione se si considera il suo potere nutrizionale, dimostrato dal ricco contenuto di proteine, calcio, fosforo e vitamina D.

Lumache fritte

Come accompagnare le lumache fritte?

Le lumache fritte possono essere considerate alla stregua di un pezzo di rosticceria gourmet o di un finger food sofisticato. Proprio per questo meritano un accompagnamento dignitoso, che vada oltre i soliti ketchup e maionese.

Per l’occasione potete preparare una deliziosa salsa tzatziki, che fonde i sentori pungenti dei cetrioli sotto aceto con la morbidezza e l’acidità dello yogurt. Potete chiamare in causa anche una buona salsa verde, che si prepara mescolando tra di loro il prezzemolo, le acciughe e l’aglio. A tal proposito potete esaltare i sentori dell’aglio con la salsa aioli, che tra le altre cose è una delle più antiche salse della cucina europea, con un gusto intenso, forte e gourmet allo stesso tempo.

Una soluzione esotica, che si sposa benissimo con le lumache fritte, è data dalla salsa tahina. Questa salsa valorizza i semi di sesamo bianchi, conferendo agli alimenti note aromatiche e corpose. Si preparara con l’olio dei semi di sesamo, ma se non riuscite a reperirlo potete utilizzare l’olio di vinaccioli, o un normale olio extravergine di oliva.

Un’idea sfiziosa, infine, è data dalla salsa sweet chili, che unisce agrodolce e piccante. E’ realizzata con peperoncino, aglio, aceto di riso e zucchero. Si presenta con una consistenza piuttosto liquida, una texture gradevolmente irregolare e un bel colore rosso acceso.

Le lumache, un mondo da scoprire

La carne di lumaca non è tra gli ingredienti più consumati, anzi è considerata come un elemento esclusivo, da sfoderare nelle ricette d’alta cucina. Non è un caso che alcune cucine prestigiose, come la cucina francese, le riservino un posto d’onore.

Eppure le lumache non sono difficili da cucinare e si prestano alle ricette più rustiche. Di norma si preparano in umido, insieme al brodo vegetale o all’acqua calda, valorizzate da un classico soffritto e da un po’ di salsa di pomodoro. In questa ricetta, invece, è bene precuocere le lumache rosolandole un po’, oppure sbollentandole prima di versarle in padella. Insomma, la carne di lumaca è alquanto particolare e richiede qualche accorgimento in più, ma regala molte soddisfazioni.

FAQ sulle lumache fritte

Di cosa sanno le lumache?

Le lumache hanno un sapore particolare, che ricorda un po’ la carne bianca, un po’ il pesce e un po’ i crostacei. Trasmettono comunque note molto specifiche e ben riconoscibili al primo assaggio.

Come si fanno le lumache fritte?

Per preparare le lumache fritte occorre sbollentare le lumache, passarle nella farina, poi nell’uovo sbattuto ed infine nel pangrattato. Si procede poi con una frittura classica. Le lumache fritte sono ora pronte per essere consumate o infilate negli spiedini.

Quante calorie hanno le lumache fritte?

Di per sé le lumache sono poco caloriche, tuttavia la panatura e la frittura determinano un aumento dell’apporto calorico. Si può ipotizzare un apporto calorico medio di 80 kcal per lumaca.

Ricette con le lumache ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Hamburger di quinoa e melanzane

Hamburger di quinoa e melanzane, una delizia 100%...

Uno sguardo alla quinoa La quinoa è la vera protagonista di questa sfiziosa ricetta. Occupa un posto d’onore negli hamburger di melanzane, adatti anche ai celiaci o a chi manifesta una marcata...

Hamburger di manzo con friggitelli

Hamburger di manzo con friggitelli, un secondo delizioso

Cosa sono i friggitelli? Gli hamburger di manzo e friggitelli sono di norma una ricetta semplice, in quanto a variare non è il procedimento bensì gli ingredienti. Per l’occasione ho deciso di...

Cosce di anatra al curry

Cosce di anatra al curry, un secondo speziato...

Cosa sapere sulla carne d’anatra Vale la pena spendere qualche parola sulle cosce di anatra, che sono le protagoniste di questa ricetta. La carne d'anatra è molto comune in altri paesi, un po’...