bg header
logo_print

Pollo al lime e elicriso, un secondo raffinato e leggero

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Pollo al lime e elicriso
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (1 Recensione)

Pollo al lime e elicriso, un secondo gourmet ma semplice

Il pollo è uno delle carni più semplici da cucinare, allo stesso tempo viene considerata da alcuni ordinaria. In realtà può dare vita a piatti gourmet, che combinano eleganza e semplicità di preparazione. Un esempio è proprio il pollo al lime e elicriso. Si tratta di un secondo leggero e gustoso, nonché capace di fare bella mostra di sé nei menù più chic.

Tutto ruota attorno alla marinatura, che viene realizzata con il succo di lime e l’elicriso, ponendosi un gradino sopra le classiche marinature realizzate con succo di arancia e olio d’oliva. Per quanto concerne la cottura vera e propria, si procede prima con una breve rosolatura e poi con una finitura a base di brodo di pollo e liquido della marinatura.

Vi consiglio dunque di preparare il pollo al lime e elicriso nelle occasioni speciali, quando volete regalare ai vostri ospiti un’esperienza degna dei migliori ristoranti.

Ricetta pollo al lime

Preparazione pollo al lime

  • Per preparare il pollo al lime e elicriso seguite questi passaggi. In una grande ciotola versate il succo e la scorza grattugiata del lime, l’elicriso, gli spicchi d’aglio tritati finemente e l’olio extravergine di oliva. Poi salate e pepate come meglio credete.
  • Date una bella mescolata e immergete i petti di pollo nella soluzione. Coprite la ciotola con la pellicola trasparente e fate marinare in frigo per due ore o più.
  • In una grande padella versate un po’ di olio extravergine di oliva, riscaldatelo a fiamma medio alta e rosolate il pollo ben scolato dal liquido della marinatura. Dovrebbero bastare un paio di minuti per lato.
  • Unite il brodo di pollo e, al primo bollore, integrate il liquido della marinatura.
  • Lasciate cuocere a fiamma bassa per qualche altro minuto. Il pollo deve essere ben cotto e il liquido deve essersi ridotto.
  • Infine guarnite con un po’ di scorza di lime grattugiata e accompagnate il tutto con delle patate novelle cotte al forno.

Ingredienti pollo al lime

  • 4 petti di pollo
  • 2 lime (succo e scorza)
  • 3 rametti di elicriso italiano
  • 2 spicchi d’aglio tritati
  • 4 cucchiai di olio d’oliva extravergine
  • q. b. di sale e pepe
  • 250 ml. di brodo di pollo
  • q. b. di patate novelle per accompagnare

Come cuocere il petto di pollo in modo perfetto?

Cuocere il petto di pollo al lime è semplice, ma se volete ottenere un risultato perfetto dovrete prendere alcuni accorgimenti. Il primo riguarda il taglio, che deve produrre delle fette molto sottili. In tal modo la cottura richiederà pochi minuti e non rischierà di seccare la carne, un rischio tutt’altro che raro quando si parla di carni bianche.

Un altro consiglio, valido nel caso in cui abbiate comprato i petti di pollo già tagliati, è quello di battere la carne. In questo modo produrrete delle fette molto sottili, più tenere e facili da cucinare. La carne di pollo è abbastanza delicata, dunque dovrete servirvi di un vero e proprio batticarne, da applicare attraverso un foglio di carta forno.

Per quanto concerne la cottura vera e propria il consiglio è di utilizzare la fiamma medio-bassa e di coprire, almeno per i primi minuti, la padella con un coperchio. In tal modo, prima ancora di girare le fette, queste risulteranno parzialmente cotte.

Il ruolo dell’elicriso nel petto di pollo al lime

L’elemento più interessante del petto di pollo al lime, nonché l’ingrediente che la eleva a piatto gourmet, è l’elicriso. Con questo termine si intende una pianta della famiglia delle Asteraceae, particolarmente apprezzata per le foglie brillanti e per i fiori gialli. L’elicriso è tecnicamente una pianta ornamentale ma viene utilizzata anche in cucina. L’aroma delle sue foglie, una volta essiccate e macinate, spicca per intensità e ricorda le note del curry, della liquirizia e dell’anice.

L’elicriso è perfetto per insaporire le carni, alle quali conferisce una profondità organolettica eccezionale, che nulla ha a che fare con quella garantita dalle erbe aromatiche classiche: rosmarino, origano, prezzemolo e timo. Spesso e volentieri l’elicriso viene inserito all’interno di emulsioni a base di succo di limone e olio extravergine di oliva. In questo caso funge da ingrediente della marinatura, dunque vanta un doppio ruolo: fattore insaporente e strumento di precottura della carne.

Pollo al lime e elicriso

Le ottime proprietà del lime

La marinatura del pollo vanta anche il contributo del lime, di cui si utilizza il succo e la scorza grattugiata. Il lime viene da alcuni considerato come un limone acerbo di piccole dimensioni, in realtà si tratta di un frutto a sé stante.

Ad ogni modo il lime vanta un sapore aspro e rinfrescante allo stesso tempo, più gradevole rispetto a quello del limone in quanto è anche meno acido.

Il lime spicca anche per le proprietà nutrizionali. Come tutti gli agrumi contiene elevate quantità di vitamina C, che favorisce il sistema immunitario e la produzione di collagene. Altri nutrienti presenti includono vitamina A, B6, calcio, potassio, e antiossidanti come i flavonoidi.

Il lime si fa apprezzare anche per la sua versatilità, infatti è ampiamente utilizzato per aromatizzare le bevande e per decorare i cocktail. Nondimeno è un ingrediente chiave in molte ricette di cucina asiatica, messicana e caraibica, dove il suo succo e la sua scorza aggiungono un tocco di freschezza ai piatti. Viene spesso utilizzato per marinare carne e pesce, conferendo un sapore unico e rendendo le carni più tenere e pronte alla cottura.

Un contorno classico per il pollo al lime e elicriso

Il pollo al lime e elicriso merita un buon accompagnamento, a tal proposito vi consiglio di rimanere sul semplice, in modo da creare una concordanza con i principi base del piatto. Potrebbe andare bene anche un contorno a base di patate al forno. In questo caso propongo le patate novelle, che spiccano per il sapore delicato e per l’aspetto minuto.

Potete cuocere le patate novelle direttamente nel forno, magari dopo averle sbucciate e spennellate con un po’ di olio. Se le gradite morbide potete sbollentarle per qualche istante prima di procedere con la cottura vera e propria. Vanno bene così come sono, ma potete arricchirle anche con alcune erbe aromatiche tipiche, come l’origano e il rosmarino. Anche il classico pepe rappresenta una buona scelta, sebbene possa sembrare scontata.

FAQ sul pollo al lime e elicriso

A cosa fa bene il petto di pollo?

Il petto di pollo è ricco di proteine, sostanze essenziali per la costruzione e il mantenimento della massa muscolare. Contiene pochi grassi e calorie, rendendolo ideale per chi vuole perdere peso o mantenere una dieta equilibrata. Inoltre è una buona fonte di vitamine del gruppo B e minerali come il fosforo e il selenio.

Come tagliare il petto di pollo?

Per tagliare il petto di pollo è bene utilizzare un coltello affilato. Si rimuovono eventuali parti di grasso e pelle, poi si taglia lungo la lunghezza del petto per ottenere fette sottili. Per ricavare invece delle strisce o degli straccetti, è necessario incidere dei tagli trasversali alle fibre muscolari.

Come cuocere rapidamente il petto di pollo?

Per cuocere rapidamente il petto di pollo bisogna batterlo fino a quando raggiunge uno spessore uniforme di circa un centimetro. In questo modo la cottura può durare anche 4 minuti per lato. Se si procede con la marinatura il tempo di cottura è inferiore.

Quante volte a settimana mangiare il pollo?

Il consumo di pollo può variare in base alle esigenze individuali. Generalmente si consiglia di mangiarlo 2-3 volte a settimana come parte di una dieta equilibrata. Ciò aiuta a garantire un apporto adeguato di proteine senza eccedere con le stesse fonti alimentari, ponendo le basi per una maggiore varietà nutrizionale.

Ricette di pollo ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Risotto alla malva

Risotto alla malva, un primo piatto aromatico e...

Quale riso scegliere? Per quanto concerne il risotto alla malva vi consiglio di andare sul sicuro utilizzando il riso Carnaroli. E’ la varietà più comunemente usata per il risotto, in quanto è...

Burro al fiordaliso

Burro al fiordaliso, una profumata alternativa al burro

Le peculiarità del sale rosa dell’Himalaya Tra gli ingredienti più particolari della ricetta del burro al fiordaliso spicca il sale. Non stiamo parlando di un sale normale, bensì del sale rosa...

Insalata di ceci ed elicriso

Insalata di ceci ed elicriso, un piatto raffinato...

I ceci, dei legumi perfetti Vale la pena parlare dei ceci, che insieme all’elicriso sono i protagonisti di questa deliziosa insalata. Potremmo definire i ceci come dei legumi perfetti, infatti...