Ricetta dei totani in umido: piatto leggero e sfizioso

totani in umido
Commenti: 0 - Stampa

Ricetta dei totani in umido: un piatto leggero e sfizioso. Il freddo non è ancora arrivato e lasciarsi alle spalle l’estate non è mai una cosa semplice. In questo periodo dell’anno, chi non ha ancora voglia di una cena leggera ma diversa dal solito? Sana ed equilibrata ma gustosa e appagante? E quindi perché non provare i totani in umido? Un classico della cucina tradizionale italiana, ma allo stesso tempo un piatto semplice da preparare, veloce da realizzare e buonissimo da mangiare. Questa ricetta, parente non troppo alla lontana dei classici totani ripieni, ha il vantaggio di essere poco calorica e molto gustosa. Un’altra peculiarità di questo piatto è che può essere realizzato senza utilizzare derivati del latte e senza ingredienti che contengono glutine, per questo risulta facilmente godibile anche da persone che soffrono di intolleranze alimentari.

l totani, molluschi pieni di risorse

Non tutti lo sanno, ma rispetto al calamaro, il totano offre una carne morbida e deliziosa, delicata ma povera di grassi, quindi ideale per realizzare piatti gustosi ma che hanno un ridotto contenuto di calorie. Meno pregiato del calamaro, il totano è però protagonista di tantissime ricette: dalle fritture, ai risotti a saporite zuppe di mare. Tutto questo perché, rispetto al calamaro è anche molto meno costoso: si trova facilmente fresco nei mercati del pesce e lo si può acquistare anche congelato nel reparto frigo del supermercato, senza comprometterne troppo il gusto e le sostanze nutritive.
totani
Già, perché i totani sono anche particolarmente ricchi di acidi grassi omega 3, un tipo di grassi polinsaturi considerati fondamentali perché decisivi per la funzionalità dell’apparato cardiocircolatorio e un vero e proprio toccasana per persone diabetiche o con particolari patologie infiammatorie. Sono inoltre una fonte importante delle cosiddette “proteine nobili”, cioè quelle proteine che contengono gli amminoacidi essenziali che generalmente possono essere assunti solo attraverso l’alimentazione, perché non possono essere sintetizzati in quantità sufficiente dall’organismo. Ma non finisce qui, i totani forniscono inoltre una buona dose di vitamine, come la vitamina A e quelle del gruppo B, e sali minerali come il potassio, importante per la salute cardiovascolare, il calcio, il fosforo e il magnesio, essenziali per la salute di ossa e denti.

Una ricetta da preparare al volo

La ricetta che vi proponiamo è semplice e soprattutto molto veloce da realizzare: prevede pochi, semplici ingredienti e una cottura molto leggera che rispetta la consistenza e il sapore delicato ma gustoso del mollusco. Ed è proprio nei tempi che sta il segreto della cottura dei totani: si cuociono solamente per 4-5 minuti per evitare che diventino gommosi e mantengano la loro texture. Qualora dovessero indurirsi però, basterà semplicemente cucinarli a lungo affinché tornino morbidi, con un buon brodo di pesce o, come in questo caso, con della passata di pomodoro.
L’aspetto migliore di questa ricetta, però, è la sua versatilità: risulta perfetta anche come secondo leggero e gustoso, in poche mosse può essere inoltre trasformata in un sugo prelibato per un piatto di pasta o di riso, da “rigenerare” anche il giorno seguente… sempre che avanzi qualcosa!

Ecco la ricetta dei totani in umido

Ingredienti per 4/6 persone:

  • 1 kg. di totani freschi,
  • un lt. di passata di pomodoro,
  • una cipolla bianca o rossa,
  • 1 bicchiere di vino bianco,
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva ,
  • q.b. sale e pepe,
  • peperoncino q.b.

Preparazione

Per preparare i totani in umido, è essenziale iniziare dalla pulizia dei molluschi. Pulite e eviscerate i totani, togliendo tutto ciò che è all’interno, ma conservando i tentacoli. Sciacquate i molluschi sotto l’acqua corrente e tamponateli con carta assorbente da cucina. Tagliate la sacca dei totani ad anelli e tenete da parte.

Passate poi alla preparazione della salsa: sbucciate e pulite la cipolla, tagliatela a striscioline sottili e fatela soffriggere con un po’ d’olio di oliva in una casseruola capiente, lasciandola rosolare per qualche minuto a fuoco basso. Tuffate poi i totani a pezzi nella casseruola con la cipolla, sfumate con mezzo bicchiere di vino bianco e lasciate evaporare l’alcol del vino a fiamma alta per un paio di minuti. Abbassate la fiamma, unite la passata di pomodoro e condite con sale e pepe.

Infine, mescolate con cura: coprite con un coperchio e lasciate cuocere per circa 25 minuti.
Trascorso il tempo di cottura, i vostri totani dovrebbero essere di nuovo morbidi e non più gommosi (se così non fosse, proseguite la cottura per altri 5 minuti). Spegnete il fuoco e lasciate intiepidire prima di servire.
Se avete gradito questa ricetta, provate anche quella degli anelli di totano su crema di zucchine: perfetta per le ultime giornate estive!

5/5 (1 Recensione)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pollo con funghi porcini

Pollo con funghi porcini, un secondo leggero e...

Pollo con funghi porcini, un secondo classico Il pollo con funghi porcini è un secondo piatto classico che rende molto con il minimo impegno. Gli ingredienti, infatti, si contano sulle dita di una...

Testina di vitello con ceci

Testina di vitello con ceci, un secondo speziato

Testina di vitello con ceci e rosmarino, un piatto per valorizzare un taglio di carne poco diffuso La testina di vitello con ceci e rosmarino è un secondo piatto dai sapori forti, che si fregia di...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...

Millefoglie di trota e radicchio

Millefoglie di trota e radicchio, un secondo dolce

Millefoglie di trota e radicchio, un’idea gourmet La millefoglie di trota e radicchio è un secondo dall’aspetto elegante, che gioca su una distribuzione ben pensata di sapori e colori. E' un...

Filetto di rombo con pistacchi

Filetto di rombo con crema di pistacchi, gustoso

Filetto di rombo con crema di pistacchi, un secondo da leccarsi i baffi Il filetto di rombo con crema di pistacchi è un secondo piatto di pesce dal carattere gourmet. In primis perché il rombo...

Tramezzino con barbabietola

Sandwich con barbabietola, un pasto veloce e squisito

Sandwich con barbabietola, un meraviglioso incontro tra sapori Il sandwich con barbabietola può essere considerato uno spuntino delizioso, facile da preparare, nutriente e sano. E’ perfetto per i...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


21-09-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti