bg header

Linguine alla siciliana, ricche di gusto e colore

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Linguine alla siciliana

Linguine alla siciliana, il simbolo di una preziosa tradizione gastronomica

Le linguine alla siciliana, proprio come suggerisce il nome, sono un primo piatto della tradizione siciliana. Anzi, sono uno splendido esponente di questa nobile cultura gastronomica, frutto dell’incontro tra più tradizioni e quindi tra più visioni della cucina. A dimostrarlo, la presenza delle acciughe, che è una costante di molte preparazione di origine siciliane, specie quando sono accostate al pangrattato. Si tratta comunque di un primo gustoso, colorato e anche molto semplice da preparare. Gli ingredienti, che tra l’altro si contano sulle dita di una mano, sono anche facilmente reperibili.

E’ essenziale che questo primo sia preparato con le linguine. Queste sono un tipo di pasta particolare, che ad un occhio distratto potrebbero ricordare gli spaghetti. Certo, stiamo parlando di un tipo di pasta lunga, ma rispetto agli spaghetti non sono cilindrici, ma schiacciati, come se fossero delle listarelle molto fini. Ad ogni modo, si sposano perfettamente sia con i sughi, sia con i condimenti a base di pesce, come in questo caso. Vi consiglio di cuocerle al dente, un’accortezza necessaria, dal momento che la pietanza richiede un lungo passaggio in padella, in modo che la pasta si amalgami bene con il sughetto delle acciughe.

Le acciughe sott’olio e il loro apporto di acidi grassi omega tre

E’ bene ribadirlo, le linguine alla siciliana sono deliziose, ma anche piuttosto semplici da realizzare. E’ una ricetta a portata di tutti, anche perché il condimento è praticamente formato da due ingredienti: il pangrattato e le acciughe sott’olio. Quando si parla di acciughe sott’olio, emerge spesso un dubbio: fanno male? Questa domanda, tra l’altro, riguarda qualsiasi tipo di pesce conservato sott’olio. Certo, le acciughe sott’olio sono grasse, ma una parte dei grassi deriva dall’olio, quindi basta scolarle per bene per ridurre al minimo gli effetti.

Linguine alla siciliana

Tuttavia, una parte consistente dei grassi è “buona”, ovvero reca benefici all’organismo. Il riferimento è in particolare agli acidi grassi omega tre, che giovano all’apparato cardiocircolatorio, alla funzione visiva e alla funzione cognitiva. Le acciughe sott’olio, come le acciughe fresche del resto, contengono ben 11 grammi di acidi grassi omega tre (ogni 100), praticamente un record per i prodotti di origine animale.

Delle acciughe si apprezza anche il contenuto proteico, che si attesta sul 26%, più di qualsiasi carne rossa o bianca. Eccellono anche per quanto riguarda i sali minerali, poiché contengono calcio e fosforo. Contengono inoltre la vitamina D, che fa bene al sistema immunitario più di quanto non faccia la celebre vitamina C (associata anch’essa alle funzionalità immunitarie). Per quanto riguarda l’apporto calorico, le acciughe contengono molti grassi: 100 grammi di prodotto apportano nello specifico 210 kcal. Tuttavia, le calorie possono diminuire se le acciughe vengono opportunamente scolate.

I capperi e la loro capacità di valorizzare le pietanze

I capperi fanno parte del condimento delle linguine alla siciliana, insieme alle alici e al pangrattato. Sono un alimento di contorno, ma che comunque esercita un certo impatto sul gusto. D’altronde, i capperi sono apprezzati anche per questo. Hanno un sapore forte, a tratti pungente e caratteristico, inoltre si prestano alle preparazioni a base di acciughe, un accostamento che riguarda anche alcuni tipi di pizza (marcatamente siciliane). I capperi non sono solo buoni e capaci di valorizzare la pietanza da questo punto di vista, ma eccellono anche per le proprietà nutrizionali.

Per esempio, contengono tanta vitamina C, che fa bene al sistema immunitario. Inoltre, sono davvero ricchi di sali minerali, in primis il potassio. Il tutto con un apporto calorico davvero basso, che si aggira sulle 22 kcal per 100 grammi. L’unica controindicazione dei capperi è data dal sodio, presente in qualità elevate visto che sono conservati con il sale. Ad ogni modo è sufficiente sciacquarli abbondantemente per evitare il problema.

Ecco la ricetta delle linguine alla siciliana:

Ingredienti per 4 persone:

  • 320 gr. di linguine consentite;
  • 4 cucchiai di pane grattugiato consentito;
  • 8 filetti di acciughe sott’olio;
  • 1 spicchio d’aglio;
  • 2 cucchiai di capperi;
  • 2 peperoncini;
  • 4 cucchiai di olio extravergine di oliva;
  • q. b. di pepe nero;
  • q. b. di origano.

Preparazione:

Per la preparazione delle linguine alla siciliana iniziate eliminando dai filetti di acciughe la maggiore quantità possibile di olio. Per farlo, scolateli e poneteli per un po’ su della carta assorbente. Dopodiché, occupatevi anche degli altri ingredienti. Riscaldate un po’ di olio d’oliva in un tegame e tostate leggermente il pangrattato senza farlo bruciare. Ora cuocete la pasta in abbondante acqua poco salata e sminuzzate le acciughe ricavandone un trito.

Successivamente, ponete in un tegame un po’ d’olio, riscaldatelo e rosolateci l’aglio. A questo punto aggiungete le acciughe, poi anche i capperi e proseguite la rosolatura per pochi istanti, aggiustando di pepe e integrando con un po’ di origano. Infine versate il pangrattato tostato, date una bella mescolata e fate saltare le linguine (cotte al dente in modo che non scuociano durante il passaggio in padella). Decorate con un po’ di peperoncino tritato e di pepe. Servite il piatto caldo.

5/5 (455 Recensioni)
Riproduzione riservata
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Caserecce con pesto di kale

Caserecce con pesto di kale, un primo rustico...

Cosa sapere sul cavolo riccio Il protagonista di queste caserecce è il pesto di kale, o di cavolo riccio. E’ un pesto particolare e un po’ meno aromatico rispetto al pesto con foglie di...

Zuppa di asparagi

Zuppa di asparagi, un primo colorato e gustoso

Un focus sugli asparagi I protagonisti di questa zuppa sono ovviamente gli asparagi. Gli asparagi esprimono una bella tonalità di verde, d’altronde si utilizza un mazzo intero, che equivale a...

Pici con le briciole

Pici con le briciole, il primo rustico della...

I differenti tipi di pici I pici con le briciole sono il simbolo della genuinità e dell’autenticità della cucina toscana, sono realizzati con farina, acqua e sale. L’impasto viene poi tirato a...

logo_print