Pollo disossato ripieno: ecco come si fa!

Pollo disossato ripieno
Commenti: 6 - Stampa

Il pollo disossato ripieno è una delle ricette che più adoro. Ma, per farlo venire a regola d’arte, c’è bisogno di sapere alcune “dritte”.

Per disossare il pollo lo dobbiamo sistemare su un tagliere con la pelle rivolta verso il basso. È necessario tenere il petto dalle estremità, e successivamente tirare per staccare petto e clavicola.

La forcella va tolta con la punta di un coltello per disossare. Sempre con la punta del coltello si incide e si taglia la carne ai lati dello sterno, per poi rimuoverlo, e la carne vicina alle costole, che vanno tolte insieme alla cartilagine.

Pollo disossato ripieno : più facile di quanto pensi

La carne di pollo ha il vantaggio di essere più facilmente masticabile e digeribile, soprattutto se cucinata in modo semplice (arrosto, ai ferri, lessata). La tenerezza del pollo è dovuta alla struttura delle fibre muscolari.Le carni bianche risultano più agevolmente masticabili e digeribili anche perché hanno una minor presenza di tessuto connettivo, un consiglio è quello di non esagerare nei condimenti e nei sughi.

La carne di pollo è con tutta probabilità quella più consumata in assoluto. Oltre alla reperibilità, di gran lunga superiore a quella del manzo e del suino, a incidere è il sapore, che è equilibrato e alla “portata” di tutti i palati, Inoltre, la carne di pollo è caratterizzata da una sostanziale morbidezza e da una digeribilità spiccata. Senza contare il valore nutrizionale, che è davvero elevato. Il riferimento è soprattutto alle proteine, che rappresentano il 20% del totale e spiccano per qualità e digeribilità. L’assenza dei grassi, se si esclude la pelle, è un’altro elemento a favore rispetto alle carni rosse. Inoltre, la carne di pollo è ricca di vitamine, sali minerali e contiene discrete dosi di vitamina B5, che aiuta ad alleviare lo stress e supporta le funzioni della ghiandola surrenale.

Il pollo apporta quantità più che discrete di vitamine B2 e B5, che esercitano un impatto positivo sulla salute della cute e sul metabolismo cellulare. Sono, inoltre, alti i livelli di fosforo (quasi al pari del pesce), che agiscono sulle funzionalità cognitive, ma anche su quelle del fegato e dei reni. Discorso simile per il magnesio e il potassio, che tra le altre cose ricoprono una funzione energizzante. A completare il tutto vi è un apporto calorico molto basso, inferiore a quasi tutte le carni attualmente a disposizione, pari a 110 kcal per 100 grammi (pelle esclusa). La carne di pollo si configura, quindi, un alimento da dieta. Anzi, è la carne ideale per chi vuole dimagrire e sostiene regimi alimenti ipocalorici. Da questo punto di vista va preferita alla carne di manzo e di suino. Non sostituisce il pesce, ovviamente, ma coesiste in una prospettiva di dieta equilibrata.

Una raccomandazione per chi ha intolleranza o allergia al Nichel di acquistare i salumi di altissima qualità senza conservanti. Per un piatto cosi’ si puo’ spendere qualche soldino in più e garantirsi la qualità. Esistono alcune marche di nicchia che oltre a non avere conservanti sono anche  senza glutine e lattosio.

Pollo disossato ripieno

Farina di quinoa: un concentrato di salute

Cosa rende questo pollo disossato ripieno perfetto per i celiaci? La presenza del pane di quinoa, una soluzione sana perfetta per chi soffre di mal assorbimento del glutine. Quali sono le sue principali proprietà? Tra le più importanti è senza dubbio possibile considerare la presenza di flavonoidi, sostanze che si distinguono per la loro efficacia antiossidante.

Ricco di fibre, il pane di quinoa aiuta a contrastare la stitichezza e a tenere sotto controllo la velocità di rilascio degli zuccheri nel sangue.

Sono davvero tanti i benefici della pietanza che vi propongo oggi! Piatto semplice da preparare, può avere un ottimo impatto sugli ospiti! Non vi resta che correre in cucina e iniziare a prepararlo. Sarà un vero successo!

Ed ecco la ricetta del Pollo disossato ripieno

Ingredienti per 6 persone

  • 1 pollo di circa 1,800 kg pulito
  • 300 gr fra salsiccia , carne di vitello macinata e mortadella
  • 60 gr di parmigiano reggiano 48 mesi grattugiato
  • 50 gr di mollica di pane consentito
  • 1 spicchio d’aglio
  • qualche foglia di salvia
  • 1/2 bicchiere di brandy
  • 1 bicchiere di latte intero consentito
  • 1 uovo
  • 4 cucchiai olio extravergine d’oliva
  • q.b. sale

Preparazione

Pulite accuratamente il pollo. Lavate ed asciugate con della carta assorbente da cucina. . Incidete la pelle sul dorso e per tutta la sua lunghezza.

Sollevate delicatamente la pelle e con un coltello affilato, togliete tutte le ossa. Sbucciate e tritate grossolanamente la cipolla. Sbucciate lo spicchio d’aglio e schiacciatelo leggermente.

In una terrina, mettete a bagno nel latte per circa 10 minuti la mollica del pane. Tritate finemente la mortadella Spellate la salsiccia e sbriciolatela con le mani.

Versate in una terrina la salsiccia, la carne macinata, la mortadella tritata e la mollica del pane ben strizzata, il parmigiano grattugiato,  l’uovo, sale e pepe. Amalgamate bene tutti gli ingredienti, fino ad ottenere un composto omogeneo.

Preriscaldate il forno a 170°. Appoggiate il pollo su di un tagliere e farcite con il ripieno preparato. Con lo spago da cucina, chiudete bene il pollo lasciando i punti un po’ lenti.

Adagiate il pollo in una teglìa da forno, unite la salvia, la cipolla e l’aglio. Irrorate il pollo con l’olio, e salate.

Infornate la teglia e, dopo circa 15 minuti, sfumate con il brandy. Lasciate cuocere ancora per circa l ora, girando il pollo di tanto in tanto e bagnandolo con il sugo di cottura.

Togliete la teglia dal forno, lasciate riposare per circa lO minuti poi tagliate il pollo a fette.

Disponete le fette di pollo sul piatto da portata e servite in tavola caldo oppure freddo, a vostro piacere.

5/5 (1 Recensione)
CONDIVIDI SU

6 commenti su “Pollo disossato ripieno: ecco come si fa!

  • Sab 29 Dic 2018 | Enzo ha detto:

    Molto brava, linguaggio semplice e comprensibile.

    • Dom 30 Dic 2018 | Tiziana Colombo ha detto:

      Grazie e se prova a fare la ricetta mi dica che ne pensa! Auguri

  • Mer 28 Ago 2019 | Gipsy Miele ha detto:

    Nella lista degli ingredienti c’è la mortadella, ma nella spiegazione c’è il prosciutto. Quale dei due salumi consigliate?

    • Gio 29 Ago 2019 | Tiziana Colombo ha detto:

      Salve è stato un errore di trascrizione, come si vede anche nel video deve utilizzare la mortadella. Grazie

  • Lun 23 Dic 2019 | Adriana ha detto:

    Buongiorno signora, ho trascritto la ricetta. Desideravo chiederle se fosse possibile aggiungere passolina e pinoli e non utilizzare la mortadella perché, temo, possa risultare pesante il suo grasso . Grazie dei consigli che vorrà darmi.

    • Lun 23 Dic 2019 | Tiziana Colombo ha detto:

      Salve certo che puo’! Lo puoi personalizzare come meglio crede

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Carpaccio di eglefino e anguria

Carpaccio di eglefino e anguria, un piatto elegante

Carpaccio di eglefino e anguria, un secondo speciale Il carpaccio di eglefino e anguria è un secondo molto particolare. Presenta ovviamente alcune caratteristiche dei carpacci classici, ma allo...

Pesce spada con melanzane

Pesce spada con melanzane, un secondo corposo

Pesce spada con melanzane, un piatto semplice e squisito Il pesce spada con melanzane è un secondo semplice da realizzare, capace di proporre sentori genuini e apportare i nutrienti più vari. Il...

Capesante con gamberi e zucchine

Capesante con gamberi e zucchine, una vera delizia

Capesante con gamberi e zucchine,  piatto raffinato dal sapore rustico Le capesante con gamberi e zucchine gratinate riuniscono eccellenti ingredienti di mare e di terra. Nello specifico, le...

Pesce spada con verdure

Pesce spada con verdure, un piatto semplice e...

Pesce spada con verdure, un’idea davvero sfiziosa Il pesce spada con verdure è una ricetta semplice in grado di valorizzare appieno gli ingredienti. Lo fa grazie a degli abbinamenti suggestivi,...

Frittelle con fiori di sambuco

Frittelle con fiori di sambuco, una variante aromatica

Frittelle con fiori di sambuco, buone e facili da preparare Le frittelle con fiori di sambuco rappresentano una deliziosa alternativa alle classiche frittelle. Per certi versi, almeno per quanto...

Carpaccio di salmone

Carpaccio di salmone, un secondo dal gusto delicato

Carpaccio di salmone, un secondo gourmet pieno di gusto e colore Il carpaccio di salmone è un secondo dal sapore delicato, raffinato e adatto a tutti i palati. E’ anche piuttosto complesso, non...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


16-07-2011
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti