Canederli con lo speck: la tradizione rivive a tavola

Mangiamo bene spendendo poco con i canederli con lo speck

Nei canederli con lo speck c’è tutto il buono della cucina tradizionale e antica che riscopriamo in questa ricetta, il cui successo è garantito. L’idea che sta all’origine della creazione di questo piatto è quella di utilizzare il pane raffermo perché nulla in cucina si butta via, ma si riutilizza. Se a questo importante valore aggiungiamo la ricchezza e la genuinità degli ingredienti possiamo davvero dire di avere tratto il meglio della cucina tirolese.

Gli amanti del brodo potranno assaporare queste morbide palline con ripieno di speck in una versione senza lattosio, realizzata nel rispetto delle intolleranze alimentari, quindi, per chi soffrisse di intolleranza al glutine, con l’uso di pane consentito. A questo aggiungiamo tutto il buono di verdure ricchissime di vitamine A e C, di sali minerali quali il ferro, il fosforo, il magnesio, il potassio e il sodio. Con questi pochi ingredienti e pochi passaggi abbiamo realizzato anche i canederli con cavolini di Bruxelles.

Qualche alternativa di grande successo

Tra gli ingredienti utilizzati per la realizzazione di questo piatto saporito e antico vi è anche il Parmigiano Reggiano, notoriamente ricco di calcio e di proteine dall’alto valore. Ma anche di ortaggi quali erba cipollina e scalogno che conferiscono ai nostri canederli con lo speck. Quel tocco in più di sapore e profumo che sono vitali in una ricetta così semplice ma al tempo stesso così ricca dal punto di vista organolettico.

Chi voglia presentare a tavola un piatto misto o in ogni caso che presenti alternative più comuni e conosciute a tavola, potrà preferire quello che, sotto tutti gli aspetti, è da considerare come il piatto a base di cane più amato anche dai piccini e tipico della tradizione domenicale italiana. Abbinato in questo caso ad un contorno ricchissimo di sali minerali utili al corretto funzionamento del nostro organismo in tutte le stagioni: stiamo parlando delle polpette e funghi.

canederli crudi ver cl 683x1024 Canederli con lo speck: la tradizione rivive a tavola

Fonio: l’ ingrediente magico e segreto dei canederli con lo speck

I canederli piccoli in genere si servono in brodo di carne, quelli più grandi vengono in genere accompagnati da un contorno. Quindi, in base alla ricetta che preferiamo seguire, dovremo, nella fase successiva all’impasto, conferire la forma che desideriamo, piccola per i canederli in brodo, o più grande per quelli con contorno. Tenendo invece conto delle preferenze degli invitati, potremmo poi spaziare con gli ingredienti, rimettendoci alla fantasia.

I canederli con lo speck mettono insieme tanti ingredienti, ma uno dei più originali e tipici di una cucina leggera, sana e genuina è il fonio. Un cereale questo ricco di sali minerali quali zinco, calcio, magnesio, e manganese e al tempo stesso. Creato per la gioia di chi segue un regime alimentare rigido o a cuore la propria forma fisica, povero di grassi tanto da essere usato anche per lo svezzamento dei neonati e per l’alimentazione dei bambini e degli anziani.

Ed ecco la ricetta dei canederli con lo speck

Ingredienti:

Ingredienti per 4 persone
  • 250 gr. di pane raffermo consentito
  • 150 gr. di Speck
  • 2 uova
  • 1/4 di latte Accadi
  • 1 scalogno
  • 30 gr. di burro chiarificato
  • 1 cucchiaio di erba cipollina tritata
  • 30 gr. di parmigiano reggiano
  • 2 cucchiai di farina di fonio
  • 1 grattatina di noce moscata
  • q.b sale
Preparazione

Eliminate la crosta al pane, tagliatelo a cubetti emettetelo in una terrina. Versatevi sopra il latte e fatelo ammorbidire per due ore circa; il pane dovrà risultare gonfio ma abbastanza asciutto, eventualmente tenetelo premuto mettendovi sopra un piatto.

Tagliate lo speck a dadini piccoli. Sbucciate lo scalogno e affettate finemente

Rosolate nel burro lo scalogno e aggiungete lo speck. Lasciate cuocere per circa 7/8 minuti. Intiepidite il latte.

Sbattete le uova in una terrina prima di aggiungere lo speck, il pane, il parmigiano reggiano, la noce moscata e l’erba cipollina. Aggiustate di sale e mescolate con cura. Lasciate riposare per mezz’oretta. L’impasto non deve essere né asciutto né molle. Se risultasse molle aggiungete altro parmigiano reggiano o pangrattato.

Con le mani formate delle polpette di circa 5 cm infarinateli leggermente e sono pronti da cuocere.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette siano adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine. Verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: E’ stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml

printfriendly pdf button nobg md Canederli con lo speck: la tradizione rivive a tavola

Condividi!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *