Zuppa di trippa e cavolfiore, primo sostanzioso

Zuppa di trippa e cavolfiore
Commenti: 0 - Stampa

I valori nutritivi della zuppa di trippa, cavolfiore e crosta di grana

La zuppa di trippa è un primo piatto completo e abbondante, da servire caldo e gustare con la consapevolezza di rendere onore, in questo modo, alle migliori cucine regionali italiane. Anche perché la ricetta richiama alcune delle “trippe” più famose della tradizione nostrana, e in particolare quella romana e milanese. La zuppa di trippa, cavolfiore e grana è l’ideale durante l’inverno, ma niente vieta di consumarla anche d’estate.

A dispetto di quanto si possa pensare non si tratta di un piatto molto calorico. In primis, perché a essere meno calorica del previsto è la trippa; supera di poco, infatti, le 100 calorie per 100 grammi, ponendosi da questo punto di vista sulla scia delle carni più dietetiche. Gli altri alimenti sono tutti vegetali (se si esclude il grana), dunque per definizioni poveri di grassi. Il piatto, comunque, abbonda di sostanze nutritive “nobili”, e in particolare proteine e sali minerali.

Il cavolfiore, un ingrediente essenziale nella zuppa di trippa

Come suggerisce il nome della nostra ricetta, uno degli ingredienti principali della zuppa di trippa è proprio il cavolfiore. Un alimento da sempre presente nella tradizione culinaria italiana, visto il suo facile reperimento e la sua resilienza; si sviluppa anche in terreni problematici, ma è considerato come poco nobile e adatto a una cucina particolarmente povera.

Zuppa di trippa e cavolfiore

In realtà il cavolfiore è un alimento sottovalutato. Se cucinato a dovere, può dare molto dal punto di vista organolettico. Inoltre, eccelle dal punto di vista nutritivo. A fronte di un apporto calorico minimo, fornisce l’organismo di vitamina A, vitamina C e persino di una quantità non trascurabile di proteine (ben 5 grammi ogni 100).

Come si ottiene il grana soffiato

Il tocco finale di questa zuppa di trippa è rappresentato dalle croste di grana. Un ingrediente speciale, che non si vede molto facilmente nelle tavole italiane, anche perché semplicemente sono viste come degli scarti, il cui consumo è vietato. In realtà se si rimuove la parte superficiale, le croste sono edibili, a patto di trattarle termicamente. Diversamente, sarebbero troppo dure!

In questo caso, il processo è quanto mai semplice: si tagliano le croste e a dadini e si passano per pochissimi minuti al microonde! L’azione delle microonde infatti le renderà allo stesso tempo più soffici e croccanti, dunque pronte per valorizzare preparazioni liquide come le zuppe. Ovviamente, vanno inserite nella parte finale della ricetta, durante la fase di impiattamento.

Ecco la ricetta della zuppa, cavolfiore e crosta di grana

Ingredienti per 4 persone:

  • 500 gr. di trippa foiolo
  • 200 gr. di sedano carote e cipolle
  • 1 foglia di alloro
  • 20 gr. di concentrato di pomodoro
  • 1 chiodo di garofano
  • 2 l di brodo di carne
  • 200 gr. di cavolfiori colorati misti
  • 200 gr. di pomodori ciliegini
  • 1 mazzetto di timo
  • 100 gr. di croste di Grana Padano
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • q. b. di sale

Preparazione:

Per la preparazione della zuppa di trippa sbucciate, lavate e asciugate la carota, poi fate lo stesso con la costa del sedano e la cipolla. Tagliate le verdure a cubetti piccolissimi e rosolatele in una casseruola contenente 4 cucchiai di olio già caldo. Tagliate la trippa sottilmente, a julienne. Una volta rosolate le verdure, inserite nella casseruola la trippa, il concentrato di pomodoro, l’alloro e i chiodi di garofano. Poi versate il brodo fino a coprire tutto. Cuocete a fuoco molto lento per due ore, sistemando il coperchio sulla casseruola.

Nel frattempo scottate in acqua bollente i cavolfiori ben puliti e divisi in rosette, poi raffreddateli in acqua e ghiaccio. Tagliate i pomodorini in due, adagiateli su una teglia piatta e conditeli con il timo tritato, il sale e l’olio, poi appassiteli a forno a 90 gradi per un’oretta. Estraete le croste dal formaggio, riducetele in cubetti piccoli e passateli al forno a microonde fino a quando non diventano gonfie e croccanti. Versate i cavolfiori nella trippa, mescolate e aggiustate di sale. Servite la zuppa aggiungendo in ultimo i pomodorini e le croste soffiate.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

cock a leekie

Cock a leekie, la zuppa di pollo della...

Cock a leekie, un pasto completo e squisito Il cock a leekie è un piatto tipico della cucina scozzese. Si tratta di una cucina che è capace di regalare degli spunti interessanti, diversi da quelli...

Vellutata di finocchi e gamberi

Vellutata di finocchi e gamberi, una crema insolita

Vellutata di finocchi e gamberi, un abbinamento davvero unico La vellutata di finocchi e gamberi è un primo piatto tra il raffinato e il rustico. Si caratterizza non solo per una texture...

fagottini ripieni con carne di gallina

Insoliti fagottini ripieni con carne di gallina e...

Fagottini ripieni, un primo antispreco. I fagottini ripieni con carne di gallina e Grana Padano sono un primo piatto molto particolare. A prima vista, e anche al primo assaggio, appaiono come una...

Zuppa messicana con tortillas

Zuppa messicana con tortillas, una meraviglia piccante

Zuppa messicana con tortillas, un piatto Tex-Mex La zuppa messicana con tortillas è una zuppa molto diversa da quelle della tradizione mediterranea. In primis sono diversi gli ingredienti, infatti...

Gnocchetti tricolore con stracchino

Sfiziosi Gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante

Gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante, una meravigliosa sinfonia di sapori Gli gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante sono un primo piatto molto particolare. In primis perché...

Maccheroncini di Campofilone al ragu

Maccheroncini di Campofilone al ragù, un primo gustoso

Maccheroncini di Campofilone al ragù, quando la semplicità incontra il gusto I maccheroncini di Campofilone al ragù sono un classico della cucina marchigiana e, per la precisione, del comune di...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


19-01-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti