Latte di farro, una bevanda che garantisce un’ottimo apporto di calcio

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Ancora nessun voto)
Loading...Loading...
  • Porzioni per
    1 litro
  • Tempo Totale
    1 Ora
latte di farro ridotta

Il latte di farro è uno dei latti vegetali più ricchi di calcio

Oggi in commercio esistono una marea di tipi di latti vegetali che consentono di soddisfare qualsiasi palato e qualsiasi intolleranza. Molti di questi prodotti sono indicati anche per i bambini. Fra questi anche il latte di farro

Se pur poco diffuso, il latte di farro, è utilizzato, in Italia più che in altri Paesi, da chi, per qualsiasi ragione, etica o di salute, non può consumare prodotti di origine animale. Anche le aziende che lo producono sono prevalentemente italiane, perciò, lo troverete abbastanza facilmente, se non nella grande distribuzione, sicuramente nei negozi specializzati.

Un giretto tra i social network, mi conferma che il latte di farro rimane un alimento un po’ di nicchia, consumato principalmente da chi segue una dieta vegana o utilizzato in cucina da qualche chef alternativo. Questo è un peccato perché il latte di farro, oltre ad avere un sapore molto buono e naturalmente dolce, fa molto bene alla salute, dovrebbe quindi essere usato anche da chi non soffre d’intolleranza al lattosio. È perfetto, ad esempio, per chi fa un’attività sportiva intensa perché è un ottimo integratore naturale.

Non dimentichiamo, poi, che consumare latte di farro, come qualsiasi altro latte di origine vegetale, è molto più rispettoso dell’ambiente e degli animali, rispetto al latte vaccino.Il latte di farro si caratterizza, prima di tutto, per l’elevata presenza di calcio; questo lo rende il miglior sostituto al latte di mucca per quanto riguarda la prevenzione delle malattie delle ossa.

Non solo, nel latte di farro si trovano anche numerose vitamine (A, B, C, E) e molti Sali minerali (calcio, potassio, magnesio e fosforo). Inoltre, poiché il farro è un cereale, il latte che si ottiene da esso, è ricco di fibre insolubili, utili per regolare il transito intestinale. È anche ricco di grassi polinsaturi, in quantità maggiori al latte di mucca.

I valori calorici sono simili a quelli del latte di origine animale, mentre la presenza di proteine, è leggermente inferiore, ma, i valori di questi ultimi, dipendono molto dalla scelta della marca.

Sono due le categorie di soggetti che dovrebbero evitare il latte di farro: i celiaci, gli intolleranti al glutine e chi soffre di problemi intestinali o digestivi. I celiaci dovrebbero fare a meno di consumarlo perché nel farro, e quindi anche nel latte, è presente il glutine, come nel grano tenero. L’alto contenuto di fibre, invece, lo rende, controindicato per chi ha problemi di stomaco-intestino.

Se proprio non lo trovate nel vostro supermercato di fiducia di seguito la ricetta per poterlo preparare in casa

Ingredienti per 1 litro

Ingredienti

  • 100 gr. semi di farro decorticato
  • 1 lt acqua
  • 1 pizzico sale

Procedimento

Preparazione

  1. Lavate bene il farro decorticato sotto l'acqua corrente e fatelo cuocere per circa 50 minuti in 1 lt di acqua a cui avrete aggiunto un pizzico di sale.

    Frullate fino a quando è ridotto a poltiglia Fate bollire a fiamma bassa per circa 50 minuti mescolando frequentemente con un cucchiaio in legno.

    Lasciate intiepidire e passate con un colino a maglia fine e versate in una bottiglia di vetro con tappo ermetico e e conservate in frigorifero per un massimo di 2 giorni

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *